Pubblicato nella 'Creatore' Categoria

Come possiamo rendere felice il Creatore?

Domanda: Come possiamo rendere felice il Creatore se il Creatore è un sistema? E’ come cercare di rendere felice la forza di gravità.

Risposta: Tutto dipende dal nostro atteggiamento verso il Creatore, perché noi portiamo i nostri sentimenti in questo sistema.

Quando lavoriamo sul computer, a volte ci arrabbiamo con lui, lo malediciamo, e abbiamo anche voglia di romperlo. Perché? Questo accade perché noi trasferiamo le nostre emozioni su quegli oggetti che trattano con le forze con cui noi interagiamo. E’ lo stesso con il Creatore. Il Creatore è assoluto! L’assoluto non può essere modificato. Egli non è influenzato dalle nostre richieste e non può interagire con noi perché Lui è assoluto!

Domanda: Quindi, come possiamo rendere felice il Creatore?

Risposta: Noi Lo rendiamo felice nelle nostre sensazioni. E’ per questo che il Creatore è chiamato Bore (vieni e vedi). Io vengo e lo vedo e Lo scopro dentro di me.

Domanda: Questo significa che soltanto noi sentiamo che Lo rendiamo felice?

Risposta: Sì. Il Creatore è un qualcosa che vale per me, che è nei nostri sentimenti corretti. Possiamo dire che esiste qualcosa esternamente a noi e anche che dobbiamo lavorare per il Creatore, perché questo è il modo in cui percepiamo la globalità. Quando Lo raggiungiamo, cominciamo a capire che cosa si nasconde in queste parole, che cosa significa portare gioia al Creatore e se questo sia possibile. Questo è ciò che ci attende in futuro.

Domanda: Se il Creatore è la connessione di tutti verso tutti, come può questa connessione essere felice?

Risposta: Quando ci connettiamo gli uni con altri, viene creata fra di noi una connessione che è al di sopra di noi anche se è stata tessuta dai nostri sentimenti, pensieri, intenzioni e relazioni fra noi. Poiché non è in nessuno di noi, questa connessione viene creata fra di noi, nella distanza fra noi, nella connessione fra due persone. Questa connessione non esiste in una certa persona o in me, ma fra di noi. Il vuoto che si rivela nei rapporti reciproci fra noi è ciò che ci mostra l’immagine del Creatore.
[194572]

Dalla lezione di Kabbalah in lingua russa 19/06/16

Materiale correlato:
Il metodo per connettere il Creatore alla creatura
Alla Scoperta del Creatore
Non deludere il Creatore e la Creazione

A chi chiedere perdono e per cosa? Parte 1

Dr. Michael LaitmanDomanda: Durante questi ultimi giorni dell’anno Ebraico è usanza chiedere perdono ai propri amati e al Creatore per tutto ciò che abbiamo fatto. Da dove proviene questa tradizione?

Risposta: Prima di tutto dobbiamo capire chi è il Creatore. E’ la forza superiore della natura. Non possiamo conseguire questa forza da soli.

Questa forza di manifesta nell’aver creato la creazione, che è il desiderio di gioire e di ricevere appagamento, e la riempie nella misura in cui questo desiderio diventa simile alla forza superiore.

Se la creazione, il desiderio di ricevere, si rende simile al Creatore, dando, allora il Creatore la riempie e, in questa misura, la creazione comincia a rivelare il proprio artefice.

Inizialmente, le persone sono completamente opposte al Creatore; pensano solo al proprio piacere e non vogliono dare nulla a nessuno.

Tuttavia, se sappiamo come cambiare la nostra natura con l’aiuto della saggezza della Kabbalah, cominceremo a rivelare il Creatore, la forza di amore a dazione che ci da appagamento, salute e ci innalza sopra al tempo, al movimento e allo spazio, nel mondo della bontà assoluta.

E tutto questo è solo nella misura della nostra equivalenza con questa forza di dazione e di amore che è chiamata il Creatore. Quindi dov’è il Creatore? E’ nella connessione fra le persone, se ci uniamo fra di noi. Tutti i livelli della natura: inanimato, vegetale, animale e umano sono connessi in un unico sistema. Il livello umano sta sopra tutti gli altri in questa gerarchia e la connessione fra tutte le parti di questo sistema dipende solo da lui.

Nella misura in cui una persona sarà capace di stabilire buone connessioni fra tutti e rendere questo sistema integrale, interconnesso, equilibrato e gentile, basato sull’amore e sull’aiuto reciproco, il Creatore, la forza superiore, sarà rivelata in questo sistema.

Questa rete in cui la creazione esiste, è chiamata il “luogo” che è riempito con la forza superiore. E’ impossibile rivelare questa forza al di fuori di questo luogo, di questo vaso, che è generato dalla nostra relazione reciproca. Questo è l’unico mezzo per percepire il Creatore; non c’è alcun altro modo.

La propria relazione con le altre persone definisce la propria relazione verso il Creatore. Più renderemo gentili le nostre connessioni con gli altri, più riveleremo la forza superiore che si manifesta fra di noi.

Non ha senso chiedere al Creatore perdono sino a che una persona non paga tutti i propri debiti verso le creature, verso le altre persone. Se stabiliamo buone relazioni fra di noi e forniamo al Creatore il luogo per rivelarsi, allora questo sarà il nostro appello a Lui e la nostra preghiera di perdono.

Non ci è richiesto di mettere in atto nessun altro pentimento, davanti al Creatore, se non quello che ci porta a investire nelle corrette relazioni con gli altri. Altrimenti si tratterebbe solamente di ipocrisia.
Perché dovrei chiedere perdono al Creatore se, avendo potuto creare un luogo corretto dove Egli si sarebbe potuto rivelare, non l’ho fatto? Dopo tutto, questo è tutto il mio lavoro e, invece che farlo, piango e mi appello a Lui chiedendo aiuto. Perché Egli dovrebbe avere bisogno di salvarmi se io stesso non ho fatto nulla per questo?

[194281]

Da KabTV’s “Una Nuova Vita” 27/09/16

Materiale correlato:
Sentire la forza che controlla il destino
Nove passi verso la scoperta della spiritualità
La transizione psicologica verso un nuovo stato

Il Creatore è l’Osservatore del Suo Mondo

Dott. Michael LaitmanNelle notizie (pravda.ru): “Un mondo composto da oggetti di grandi dimensioni è prevedibile, affidabile e lento a cambiare. Tuttavia, tutto il mondo è costituito da particelle: i fotoni, che a loro volta sono mobili e sono imprevedibili. Dietro il guscio di oggetti familiari ribolle la vita quantistica. …

“Le fisica classica descrive su larga scala. Descrive il mondo, descrive la gente, descrive la forza gravitazionale, qualcosa che siamo abituati a vedere davanti a noi quotidianamente.

“La fisica quantistica è diversa, poiché descrive il mondo su scala microscopica. Dopo tutto, il quantum è elementare, il fascio di energia più piccolo. Il più famoso dei quanti, il fotone, è una particella di luce. Negli anni recenti è diventato chiaro che il mondo intero è quantico… Si tratta di una conclusione molto profonda che ridefinisce i concetti scientifici moderni che poco tempo fa erano considerati immutabili…

“Il primo paradosso: la luce è sia particella che onda.

“Probabilmente è costruita nella struttura stessa della realtà: è la prima proprietà del mondo quantistico. La seconda proprietà è la non localizzazione, l’aggrovigliamento di particelle. La complessità delle particelle: una particella conosce il comportamento del suo partner, anche se sono alla distanza di un chilometro o persino in qualche luogo della galassia. Questo fatto è rigorosamente e scientificamente provato. E due particelle collegate nel mondo quantistico comunicano sempre una con l’altra. Inoltre, questa interazione si manifesta e si propaga più velocemente della luce.

“La teoria di Einstein non è incompleta. Il fatto della questione è che questo rapporto tra le particelle non è associato alla trasmissione delle informazioni, ovvero, la complessità non permette il passaggio delle informazioni e dell’energia. E qui si trova la complessità del mondo quantistico, la sua unità è completamente indipendente dal concetto classico di spazio, tempo, velocità della luce…

“Noi immaginiamo le particelle come un puntino. Ma la particella, in realtà, non è un oggetto nel senso convenzionale del termine. La particella è come l’eccitazione del campo quantistico che ci circonda …

“Non è che il nostro mondo materiale, un mondo di oggetti di grandi dimensioni, sia illusorio, non esiste. Il fatto è che non è essenziale. E la cosa principale nella struttura della realtà avviene su un livello quantico microscopico…

“Come si rifratta questo mondo quantistico fondamentale in ciò che vediamo? Tavoli, sedie, schermi televisivi e, infine, in noi stessi? Si è scoperto che la cosa più importante in natura è l’atto dell’osservazione. Il mondo dell’aggrovigliamento quantistico si trasforma in un mondo ribollente di oggetti materiali, quando avviene l’osservazione…

“Chi osservava il mondo prima che esistesse il genere umano, quando esisteva solo l’Universo? Era una specie di terza parte super-osservatore, chiamato Creatore, il Creatore: una sorta di puro intelletto.

“Ora, molti fisici, non marginalmente, in generale credono che se ci si allontana dalla foresta che si stava osservando, allora non ci saranno più gli alberi, l’incerta turbolenza quantistica…

“Ne risulta che il concetto di realtà oggettiva, che ci hanno insegnato a scuola, è sbagliato?

“Assolutamente corretto. La fisica quantistica è pesante e difficile da capire, perché è contraria al nostro suono logico, al nostro senso comune. Abbiamo imparato che tutto nel nostro mondo va avanti, il sole sorge al mattino e tramonta, la gravità funziona, non cadiamo nella terra e non voliamo via. Ma il mondo quantistico è completamente diverso.

“Ne risulta che la stessa nascita del mondo, la creazione del nostro universo, può essere considerata un’unica inusuale transizione quantistica. E all’osservatore gli si richiedono sempre transizioni quantistiche. Chi poteva essere l’osservatore, al momento di origine del nostro cosmo? Si può chiamare Dio, il Creatore, l’Artefice, la coscienza pura, e così via.

“Ne risulta che senza l’osservatore, la semplice creazione dell’universo non ha senso, sulla base di un’interpretazione diretta della attuale comprensione della fisica quantistica, è impossibile creare senza l’atto dell’osservazione. Ed è assolutamente chiaro che esiste Dio appena ci rendiamo conto che il mondo è stato l’emergere di un evento quantistico. È un fatto del tutto scientifico.

“Questo [il nostro universo] è organizzato in modo tale da essere confortevole per il soggiorno per le persone intelligenti… La massa dei parametri nello spazio è così favorevole alla nostra vita naturale e ragionevole, che a quanto pare non è casuale. Sorge una domanda spontanea: ‘E se il mondo fosse stato previsto originariamente per la possibilità della nostra esistenza?'”

Il mio commento: In realtà, nulla è stato creato ad eccezione della coscienza. Il mondo materiale non esiste. Tutto viene sentito solo nelle nostre menti. I fisici stanno facendo tutto quanto in loro potere per penetrare l’altro mondo. Loro penetrano i suoi strati limite ma, in seguito, sia la materia che l’energia spariranno ed eluderanno la percezione di diversi strumenti e della mente.

Allora capiranno che la saggezza della Kabbalah sta chiamando le persone a scoprire, esplorare e comprendere il Creatore. Il Libro dello Zohar ci parla di questo (vedere “L’Introduzione al Libro dello Zohar“)

[192154]

Materiale correlato:

La Saggezza della Kabbalah e il lavoro scientifico
L’unione tra la Kabbalah e la fisica quantistica
Il nostro universo è simulato

Risposte alle vostre domande, parte 140

Dr Michael LaitmanDomanda: Il mondo è così complesso che, più cerchi di conoscerlo, più difficile diventa trovare risposte, e a volte non ce n’è nessuna che la mente umana possa afferrare. E’ una meraviglia come tutto sia stato creato in un modo così contraddittorio e nulla esista senza la propria parte opposta. Perché tutti i campi di studio del nostro mondo e gli insegnamenti della saggezza dei grandi saggi e, pure, le grandi guerre, sofferenze e disastri naturali non hanno insegnato al genere umano ad essere buoni? Ma, al contrario, la gente cade dalla spiritualità? A cosa porterà il nostro pianeta l’appagamento della materialità? Cosa vogliono da noi le forze superiori? Le antiche e intelligenti civiltà sono scomparse. Qual è il piano? Tutto è spiegato in modo perfetto nelle sorgenti, ma in pratica tutto avviene in modo molto peggiore. C’è giustizia nel nostro mondo o è tutto il frutto di una immaginazione molto sviluppata? Qualcuno ha bisogno di noi? Questo è un labirinto di riflessioni e pensieri – che carico pesante…

Risposta: E’ tutto molto semplice. Il Creatore ha creato tutto in modo diretto, ma noi avanziamo in modo storto. Ora, pure, dobbiamo semplicemente unirci e richiamare la Luce della correzione su noi stessi, ma noi facciamo tutto eccetto questo…

Domanda: Ogni essere umano ha un proprio gene spirituale?

Risposta: Assolutamente!

Domanda: Se c’è sofferenza nella mia vita, devo ricondurre questa situazione al Creatore (che è per il mio meglio), e poi non sentirò più questa situazione come cattiva? Quando affrontiamo un problema in questo modo, sembra sparire, ma quando soffri è molto difficile ricordare che la sofferenza viene dal Creatore. Come posso rimanere costantemente in questa intenzione che “non c’è nessuno oltre Lui,” poiché scivola via così rapidamente nei momenti difficili e invece sento indifferenza, rabbia, collera, ecc..?

Risposta: Non lasciare mai il pensiero che tutto viene da Lui e resta in esso tutto il tempo! Se non ci riesci, chiedi a Lui di aiutarti.

Domanda: Portiamo gioia al Creatore quanto Lo contattiamo (quando cominciamo a sentirLo)?

Risposta: Indubbiamente, e questo è l’unico modo.

[192809]

Materiale correlato:

49 Cancelli sul percorso per la redenzione
Nuova Vita 508- Tuta la verità sulla Forza Superiore

 

Dove possiamo rivelare il Creatore?

Dr. Michael LaitmanDomanda: La saggezza della Kabbalah ci porta a impegnarci nella rivelazione del Creatore, ma Lui dov’è? Si trova oltre l’universo, cioè al di là dei suoi confini, oppure si trova in un’altra dimensione, cioè all’interno dell’universo ma in uno spazio parallelo?

Risposta: Il Creatore è il campo nel quale esistiamo. Lui evoca in noi sensazioni diverse in modo che possiamo cominciare a percepirLo.

La punizione più grande è quando il Creatore scompare, quando Egli si nasconde a noi. Sentiamo la connessione fra di noi, ma non percepiamo il campo, il Creatore.

La saggezza della Kabbalah è divisa in due parti, una parte è destinata a portare l’uomo a percepire il campo. L’altra parte lo porta a studiare il campo diventando simile ad esso. Quando cambiamo, percepiamo il campo, il Creatore, attraverso i nostri cambiamenti. Il Creatore rimane costante, solo noi cambiamo fino a quando non Lo conseguiamo completamente.
[189559]

Materiale correlato:
Come andare d’ accordo con le leggi della natura?
La Kabbalah è un sistema di leggi della Natura
Non abbiamo altra scelta che obbedire alla legge della Natura

La Rivelazione del Creatore

Dr. Michael LaitmanLa Torah descrive le caratteristiche spirituali, non quelle fisiche dell’uomo. Per esempio, in ognuno esiste la caratteristica di “Mosè”. Persino il Creatore esiste in ognuno di noi. Dopo tutto, l’uomo è un mondo nel quale c’è assolutamente ogni cosa!

Pertanto, la Torah parla di come ognuno può bilanciare il proprio mondo interiore e connetterlo, correggerlo, regolarlo e calibrarlo correttamente.

Solo allora l’uomo lo potrà usare per rivelare il Creatore attraverso la corretta interazione di tutte le sue parti. L’armonia interiore che si è formata dentro l’uomo, gli dà la sensazione dell’esistenza del superiore. Questa è la forza che sistema, bilancia e governa ogni cosa.

Quando tutte le parti si bilanciano e si completano l’una con l’altra dentro di noi, non rimane nulla che possa lavorare in maniera corrotta, così prende forma la caratteristica corretta chiamata il Creatore. Questa è la rivelazione del Creatore.
[181140]

Dalla trasmissione di Kab TV “I Segreti del Libro Eterno” del 12/04/15

Materiale correlato:
Le nozioni descritte nella Torah rappresentano delle azioni spirituali
La perfezione è l’unione della ragione con il cuore
Sul sentiero dorato dell’ascesa spirituale

 

Correggere i rapporti tra di Noi

Dr. Michael LaitmanIl problema del nostro mondo è che non vi è una corretta connessione tra le persone. La corretta connessione è un sistema nel quale tutte le parti si trovano in rapporto di reciprocità tra di loro e sono in armonia, dove tutte si preoccupano del benessere dell’intero sistema e nessuna si preoccupa del proprio. In una situazione del genere il sistema è perfetto.

Quando le persone giungono ad una simile connessione tra di loro, esse iniziano a sentire la natura e non se stesse. La natura che iniziano a percepire è definita “Creatore” poiché scoprono la sua mente, il suo programma ed il suo scopo.

A partire da Abramo, le persone hanno cominciato a conseguire l’armonia della natura nella connessione tra di loro, scoprendo così il Creatore. Gli studenti di Abramo si comportavano in base alle leggi generali del mondo, così scoprirono il Creatore. Questo comportamento giunse ad esprimersi nelle attività quotidiane e nei rapporti con l’ambiente, derivando in modo naturale e diretto dalle loro sensazioni. Le attività, che i membri del gruppo di Abramo facevano, sembravano essere pure azioni meccaniche a coloro che non appartenevano a quel gruppo e non percepivano la natura ed il sistema di connessioni tra le persone.

Una connessione reciproca ed armonica tra le persone è chiamata “amore”, così è detto: “Io ho creato l’inclinazione maligna, Io ho creato la Torah come spezia”. La parola Torah indica la forza del Creatore, ideata per correggere i rapporti tra noi, rapporti di reciproco ed egoistico rifiuto. Essere coinvolti nella correzione della natura egoistica delle persone è definito osservare la Torah, mentre studiare la Torah significa imparare quali sono le modalità di correzione dell’ego.

La Mitzvah (Precetto) generale del Creatore è correggere l’ego fino al livello “E tu amerai il tuo amico come te stesso” (Levitico 19:18). Quando una persona esegue meccanicamente le attività correlate senza correggere se stessa, il suo ego, questo viene definito mantenere le usanze. Sin dai giorni nei quali il popolo di Israele cadde da “E tu amerai il tuo amico come te stesso” al livello di “Odio infondato”, esso si trova nello stato di mantenimento delle usanze.

Nella sua essenza interiore il popolo di Israele è un gruppo di persone che vive in reciproco Arvut (Garanzia) e che anela ad essere “Come un unico uomo con un solo cuore”, pervaso da amore reciproco.
[179543]

Materiale correlato:

Cosa significa studiare ed impegnarsi nella Torah?
Il punto più profondo del nostro essere: l’ “Io”
La Kabbalah è la saggezza della realtà superiore

Quando apriamo il libro dello Zohar

Dr. Michael LaitmanDomanda: Quando iniziamo a leggere Il Libro dello Zohar perché lei spesso chiede: “Avete qualcosa da chiedere al Creatore?”

Risposta: Certo, altrimenti per quale motivo avete Il Libro dello Zohar? In fin dei conti, perché lo aprite? Per scoprire la verità. La verità viene rivelata solo se risvegliate la linea di destra, che è l’amore. Quando voi la risvegliate, dovete capire, percepire e scoprire che di fatto non vi è amore dentro di voi ma solo odio. E per di più si tratta di un odio tale che non siete in grado di sedere vicino ai vostri amici.

Per non rimanere indifferenti gli uni verso gli altri è necessario chiedere che il Creatore ci riveli tutto questo: l’amore, l’odio, la reciproca collaborazione ed i conflitti tra noi. Ci manca il terzo fattore, cioè rivolgerci (al Creatore ndt) e chiedere! Il Creatore è una forza, una condizione ed un sistema che richiede sempre di rivolgersi a Lui. Finché non si manifesta, dovete fare un gran lavoro. Non possiamo ovviare a questo, dato che è impossibile saltare i livelli.

[165890]

Tratto dalla trasmissione di Kab TV “I Segreti del Libro Eterno”, 06/05/2015

Materiale correlato:
Il linguaggio segreto del Creatore
Cosa è possibile chiedere al Misericordioso e Benevolo?
Come catturare la Luce della correzione

 

Preparare il posto per la dazione al regno

Dr. Michael LaitmanDomanda: Perché il Baal HaSulam scrive che l’uomo deve dare contentezza al suo Creatore? Ognuno ha il suo Creatore?

Risposta: A volte diciamo solo “Creatore”, a volte “il tuo Creatore” e altre volte diciamo al plurale “Creatori”. Questo è il modo in cui l’inferiore percepisce il superiore. Ci sono una moltitudine di Partzufim superiori (Israel Saba ve Tvuna, Abba ve Ima), una moltitudine di forze che si prendono cura dei Tachtonim (Inferiori). Tuttavia, tutti loro hanno l’intenzione e lo scopo.

L’uomo non si rivolge ad una forza superiore astratta ma a quel livello al quale è adesso direttamente connesso. In questo modo può chiamare quei livelli superiori con il nome, i Creatori.

Il Creatore non ha un’immagine definita. È proibito in qualsiasi modo o maniera descriverLo come un qualcosa di statico che esiste fuori di noi. Non esiste una cosa del genere, anche se per l’uomo è molto difficile accettare questo fatto. Comunque, questo è un problema che esiste solo nella nostra percezione non corretta.

Sta a noi vederci come una caratteristica di ricezione. Chi sono io? Sono la qualità della ricezione e il Creatore è la qualità della dazione. Non esistono più di queste due caratteristiche, e io voglio diventare come la qualità della dazione.

La caratteristica è un qualcosa di astratto che non ha un’immagine fisica. La caratteristica riceve una forma solo quando è rivestita in qualcosa di concreto. Il modo migliore per proteggere qualcuno dal fare un errore quindi, è il frenarsi dal descrivere la forza superiore come un tipo di forma o immagine permanente. Questo è molto importante per il chiarimento e per il giusto atteggiamento.

Dopo tutto, cos’è l’Elyon (Superiore)? È un qualcosa che si trova in alto e che adesso mi riempie. Il riempimento di ricezione vuole solo ricevere tutto per sentirsi bene, per essere in salute, per conoscere, per capire, per conseguire e per controllare in qualche modo. Tutto questo appartiene alla caratteristica della ricezione che è diretta interamente verso il beneficio per se stessi.

Tuttavia, sopra di me esiste una caratteristica opposta, nel senso che la attribuisco alla spiritualità e la valuto. Si trova sopra di me e voglio conseguirla. Se questa caratteristica superiore mi avesse vestito, smetterei di preoccuparmi di me stesso, agendo solo per il mio beneficio personale. Ma cosa avrei pensato allora? Avrei pensato a qualcosa? Quale tipo di forma avrebbe la mia caratteristica di dazione? In che modo mi riempirebbe invece la caratteristica della ricezione che mi riempie adesso?

Dunque, noi conseguiamo il Kli, la ragione, la preparazione per la caratteristica della dazione, un posto in cui può essere rivestito. Per farlo, dobbiamo preparare l’Arvut (Mutua Garanzia), l’atteggiamento verso il prossimo nel quale è rivestita la dazione.

Questo è molto pratico e sta a noi cercare di portarli nelle nostre sensazioni. Se tutti ci pensassero, se ci fosse un accordo generale, un pensiero generale, se fossimo pronti a prestare attenzione a questo per un lungo periodo, allora saremmo influenzati fortemente l’uno con l’altro nel modo migliore e noi chiariremmo precisamente questo atteggiamento verso il Creatore. Questo è l’unico nostro lavoro: cercare di immaginare più chiaramente la Sua caratteristica e concentrarci sul Creatore.
[128275]

Dalla Lezione quotidiana di Kabbalah del 24/02/2014, Domande e Risposte con il Dott. Laitman

 

Materiale correlato:
Il Comandamento dell’Amore
Un ponte stretto nel dominio del Creatore
Il mondo spirituale-Il mondo delle qualità

Il Creatore precede ogni cosa

Dr. Michael LaitmanPer quale motivo comprendiamo il mondo in cui viviamo? Perché lo percepiamo. Se iniziassimo a sentirlo in un modo diverso allora lo comprenderemmo come qualcos’altro di sentito dentro di noi.

In altre parole, la sensazione deve precedere la comprensione. È impossibile capire una realtà che non percepiamo. Questo non succede. Certe volte è possibile comprendere qualcosa nel nostro mondo in base alla nostra immaginazione poiché abbiamo dei modelli di percezione di oggetti particolari ed è possibile immaginarli in qualche forma. Questo però è un problema.

Siamo pronti, per esempio, ad immaginare il sapore dell’uva con il benzene? Ovvero, sino a che non abbiamo fatto l’esperienza tangibile di qualcosa, i Kelim (Vasi) non si creano dentro di noi, visto che i Kelim sono i desideri, le sensazioni e prima di questo il nostro cervello non ha nulla con cui lavorare.
Il nostro problema con il Creatore allora, è che Egli è l’unica forza e noi abbiamo la possibilità di sentirci in questo mondo separati da Lui, e questa è la cosa più grande che Egli abbia mai fatto. Egli ha creato qualcosa come se esistesse fuori da Lui (Esistenza dall’assenza), e precisamente da questa non esistenza è possibile iniziare a conseguire il Creatore.

Tuttavia, è impossibile comprenderLo con l’intelletto, poiché le Sue caratteristiche, i modi e le attività sono per noi completamente incomprensibili. I livelli di avvicinamento al Creatore sono in base al grado di equivalenza con Lui. Il problema più grande del nostro avvicinarci è che, ad ogni passo verso il Creatore, dobbiamo capire sempre di più, sentire, conoscere ed aggrapparci interiormente al fatto che tutti i nostri movimenti entro i nostri desideri, pensieri, spinte e piani, qualunque essi siano mentre siamo diretti a Lui, e anche tutte le attività opposte quando vogliamo deviare e mentire a noi stessi, in tutto questo il Creatore ci precede.

Non fa differenza come percepiamo noi stessi, in quali desideri, pensieri o azioni, noi Lo scopriamo sempre per primo e, dopo noi stessi. Ed allora io dove sono? Si sta chiarendo che l’“io” di ognuno di noi si trovi proprio nella comprensione che il Creatore è ovunque e che, a questo punto, bisogna aderire a Lui. Allora l’“io” gradualmente, aderirà al Creatore in alcune parti, in alcuni punti, sino a raggiungere la piena equivalenza con Lui. Questa forma è chiamata Adamo (Uomo).

Comunque, per noi è difficile immaginarlo, visto che tutto avviene dentro i nostri desideri, e questo sarà realizzato solo quando inizieremo a spostarci all’interno della nostra analisi interiore verso la scoperta del Creatore in ogni cosa, dentro di noi e intorno a noi, secondo il principio “Non esiste nulla tranne Lui”.

Ciò che sto pensando adesso è il Suo pensiero. La mia reazione a questo pensiero è la mia reazione o la Sua reazione? In che cosa possono essere equivalenti i nostri pensieri? In che cosa posso vedere la differenza tra Lui e me? Se non sono d’accordo con il pensiero che si è acceso dentro di me, significa che questo disaccordo viene da Lui, e qui inizia a chiarirsi il punto in cui la mia forma differisce dalla sua.

Questa è un’analisi molto interessante. All’inizio è faticosa, ma in seguito inizia ad essere interessante. Dopo tutto, è un gioco interiore continuo, infatti aggiunge e apporta un significato interiore alla nostra vita, apporta energia interiore, è una sorgente di movimento. Se l’uomo comincia a cercare il Creatore in tutte le sue pulsioni, sentimenti e pensieri, anche nei movimenti inconsapevoli e nelle reazioni istintive, significa che sta cercando le parti nelle quali è diverso dal Creatore.

Nella natura inanimata, vegetale e animale, il Creatore si manifesta istintivamente. Tutto succede in questi ambiti secondo delle leggi definite. Non ci sono problemi, e tutte le leggi della natura sono seguite in modo preciso.

Allora non possiamo lamentarci contro gli animali, e nemmeno gli animali possono lamentarsi gli uni con gli altri. Tutto è in un equilibrio particolare: chi mangia che cosa, chi esiste alle spese di chi. Ogni cosa è definita dall’inizio. Tutto deve esistere in questo modo. Esiste una trasmissione precisa ed istintiva della Natura. Il Creatore agisce dentro di loro naturalmente e non viene espresso in alcuna forma.

La stessa cosa succede nelle persone nelle quali il Creatore non vuole essere rivelato. Egli lavora istintivamente. Vediamo che tutti i grandi politici, economisti ed in parte anche gli scienziati (ci sono alcuni che sono già consapevoli della loro differenza), senza parlare della gente comune, esistono tutti istintivamente. Il Creatore si è rivelato a loro.

In che modo Egli si è rivelato a noi? Per prima cosa, Egli ci obbliga a cercare la ragione della nostra esistenza, nel senso di iniziare la Sua ricerca, e ci porta a sentire in quali posti e modi stiamo iniziando a crescere sopra il nostro livello animale. Se adesso sono coinvolto in questo, sto cercando di capire in quale posto dentro di me, nei miei pensieri e nei miei sentimenti, posso aggrapparmi al Creatore, dove Egli mi mette costantemente alla prova, mi dirige dall’interno. Questo pensiero è correlato al livello di Adamo. Desidero innalzarmi al di sopra del comportamento istintivo e voglio riconoscere consapevolmente la direzione del Creatore, consapevolmente dal mio punto di vista. Questa è esattamente la direzione verso la quale dobbiamo andare.

Qui iniziamo a staccarci da Lui e a connetterci consapevolmente a Lui, come se precedentemente fossi sotto la direzione istintiva del Creatore. Tutto quello che ho fatto, tutta la mia vita precedente doveva essere esattamente così. Tutto è dovuto a Lui!

Da questo momento in poi, voglio sentire la sua attività in tutti i miei sentimenti e desideri, in tutto quello che mi succede e, dopo questo, decidere se sarò d’accordo con la sua azione, su come posso aderire a Lui consapevolmente.

Devo sentirLo, devo sentire questo è Lui e questo sono io, e che Lui sta facendo qualcosa dentro di me. Sono d’accordo con i Suoi desideri e pensieri con il cuore e con la mente, con quello che sta facendo con me? Se non lo sono, devo connettermi a Lui e aderire a Lui al di sopra dei miei desideri e pensieri. Questo è un lavoro molto grande. Qui inizio a separarmi dal Creatore (questo è chiamato “l’analisi dello stato”) e dopo fare la correzione, connettermi a Lui (e questo è chiamato “Correzione ed adesione”).

La distanza tra Lui e me è determinata dal mio ego, che sto iniziando a scoprire dentro di me, e più lavoro su me stesso, più il mio ego cresce da un meno ad un enorme più, o dal comportamento istintivo alla consapevolezza che Egli è Colui che agisce in questo modo, ma io sono ancora d’accordo con Lui e mi muovo indietro verso di Lui. Questo procede come in un cono, e noi dobbiamo collegare questi due sistemi alla linea di mezzo.

Attraverso la comprensione che senza l’ego non possiamo separarci da Lui, diventare una creatura indipendente, diamo grande soddisfazione al Creatore. Solo allora iniziamo a capire che cosa è l’esistenza dall’assenza, e da lì ci colleghiamo all’”esistenza dall’esistenza”.
[129647]

Dalla Lezione di Kabbalah del 07/02/2014

Materiale correlato:
Assenza precede presenza
Le differenze tra la Luce e il buio
La saggezza che ci indica la Luce