Una peste spirituale

Dott. Michael LaitmanDomanda: Ogni giorno portiamo il nostro desiderio alla lezione del mattino e in particolare durante lo studio de Lo Zohar. Come possiamo raccogliere e elevare la nostra domanda, la nostra richiesta al Creatore, durante la lezione in modo da non concentrarsi sull’immagine descritta ma vedere oltre ad essa?

Risposta: Certo, non dobbiamo concentrarci sulle immagini che sono descritte, ma dobbiamo venire alla lezione con le impressioni che abbiamo accumulato durante il giorno:

  • In che misura sono riuscito a superare il mio attaccamento alla mia percezione rigida pensando che do alle persone che loro concedono a me;
  • In che misura ho provato a sentire il Creatore in tutto quello, e che tutto deriva da Lui;
  • In che misura ho provato a vedere solo il lato positivo di tutto in modo da poter avanzare spiritualmente, nonostante i sentimenti negativi diversi, e la rabbia;
  • In che misura ho provato a dirigere tutto verso l’importanza della connessione con il gruppo in modo da trovare la connessione con il Creatore.

Devo portare tutte le impressioni e le esperienze che accumulo, alla riunione con il gruppo e durante la lezione provare a concentrare tutti i miei sforzi sull’unione con il Creatore tramite gli amici, che significa sentire il corpo spirituale cioè tra noi, fra me e gli amici.

Se non ho accumulato potenziale negativo, non ho niente da portare alla lezione. Ho bisogno di venire alla lezione come se fosse un evento speciale nel quale correggo quello che non potevo fare da solo senza la connessione con gli amici, senza l’apertura del Libro dello Zohar con loro e ricevere attraverso quello la Luce che ci incolla e ci salda insieme.

È perché ho provato a farlo senza la connessione fisica con gli amici, senza leggere Lo Zohar insieme a loro, ma non ci sono riuscito! O avrei potuto riuscirci un po’, ma solo per imparare che manco ancora della loro partecipazione e così devo venire alla lezione. Vengo non perché mi sono forzato e obbligato, ma perché anelo a farlo. Mi sono preparato ad essa.

Forse sembra che parlo di qualche stato ideale, dobbiamo aspirare a ciò. Certo se vengo alla lezione in questo modo, mi aspetto molto da essa; tremo e ho paura di perdere questa opportunità. Questo è quello che dobbiamo raggiungere e possiamo farlo solo nella forma di un virus, infettandoci l’un l’altro con esso. Se questo è lo spirito fra gli amici, una persona vedrà come tutto funziona per lui e come riesce in tutto quello che fa.
[141352]

Dalla conversazione durante un pasto al Congresso di Toronto del 04.08.2014

Materiale correlato:

Il miracolo della Luce e della connessione
Prepariamoci per la Lezione ancora una volta
Difficoltà a percepire la realtà

Lezione quotidiana di Kabbalah – 27.08.2014

Scritti di Baal HaSulam, “Introduzione allo Studio delle Dieci Sefirot”, Punto 40
Audio
Video

Scritti di Baal HaSulam, Articolo “L’Essenza della Religione ed il suo Scopo
Audio
Video

Il Segreto Essenziale degli Ebrei, Parte 19

Dal libro: Il Segreto Essenziale degli Ebrei, M. Brushtein.

“I Principi fondamentali della Teoria Integrale”

Tornando al Socialismo

“Quando il popolo d’Israele era in piedi all’inizio del Monte Sinai, la prontezza (cioè l’abilità) e il potere a divulgare i valori spirituali già erano insiti nelle loro anime,” (Da’at Tevunot, Ramchal)

Non c’era Socialismo

Abbiamo scoperto che le persone sono esseri sociali dalla nascita. Vediamo anche che per tutta la storia, la gente fa solo una cosa – cercare di unirsi l’uno con l’altro. In più, consciamente o inconsciamente, apprezziamo quelli che contribuiscono all’unificazione, anche i conquistatori spietati.

Si pone una domanda ragionevole: “Perché non siamo ancora uniti?”

Ovviamente, c’è un motivo, e il motivo è serio. Forse, per questo motivo tutte le idee “unificanti” falliscono. Prima, era socialismo; oggi, l’Unione Europea è sull’orlo del collasso.

Veramente, perché il socialismo non è avvenuto? Dopo tutto, tante persone, non soltanto i bolscevichi, hanno capito e hanno accettato l’idea socialista.

“Se in Europa ci sono amici della giustizia, essi dovrebbero inchinarsi rispettosamente davanti a questa rivoluzione, la quale per la prima volta nella storia umana ha provato a stabilire il potere della gente. Nato in deprivazione, è aumentato fra la carestia e le guerre, il governo Sovietico non aveva ancora completato il disegno del suo vasto e non ancora compiuto regno di giustizia. Però lei, almeno, ha stabilito le sue fondamenta.” (Anatole France [1844-1924] – poeta Francese, giornalista e romanziere).

Qualunque cosa sia successa dopo la Rivoluzione, e non importa come le persone ad essa correlate, ma anche nel mezzo degli anni 80 dell’ultimo secolo, niente ha suggerito che il socialismo era condannato.

“Il socialismo sviluppato dall’URSS è caratterizzato da forze altamente produttive, fornendo un cambiamento rilevante nell’economia verso una soddisfazione completa delle esigenze materiali e culturali varie delle persone.

“Integrità organica e dinamismo del sistema sociale, il quale si basa sulla trasformazione dell’unione fra la classe operaia e il contadino, in un’unione di tutti gli operai di lavoro fisico e mentale, che stabiliscono una comunità sociale e internazionale nuova – il popolo Sovietico.” (Academic Dictionary)

Si vede che anche una comunità, sconosciuta fino ad allora, si era formata. E all’improvviso, come da un tocco di bacchetta magica, tutto era cambiato. Il dizionario, che recentemente aveva lodato il socialismo come un grande successo, ora lo denunciava con rabbia.

“Esso (il socialismo) era mostruoso anche alla sua nascita nella lotta per trasformare la proprietà privata in pubblica. Con la sua espropriazione di tutte le categorie di detentori di proprietà, artigiani, commercianti, liberi professionisti e lavoratori autonomi – che inclusero la maggioranza della popolazione.

“Dominio organizzato di una classe sopra tutte le altre, centralismo estremo, terrore, lavoro forzato, potere totale dello stato, il partito unico, disciplina di ferro, controllo del dissenso – non è delle liste complete degli strumenti che il socialismo ha adottato per raggiungere i suoi obiettivi.” (Academic Dictionary)

Non voglio dire nulla di filosofico, ma il fatto stesso che queste formulazioni diametralmente opposte ci fanno meraviglia. La domanda è: come possono essere attendibili?

È interessante notare che il socialismo, più che qualsiasi altro sistema, è correlato con gli ebrei. Il più delle volte, essi sono accusati di questo, e non importa che sia per l’istituzione di questo regime o per il suo collasso.

“Gli ebrei erano, sono, e saranno incolpati per tutto. E tutti loro sono da biasimare. Anche coloro che devono ancora nascere.

Gli ebrei sono da biasimare per stabilire il potere sovietico; essi sono anche responsabili per la rovina del regime sovietico. Gli ebrei che stanno lasciando il paese sono colpevoli per la loro partenza, quelli che rimangono – per la loro permanenza…”
[140919]

Materiale correlato:

Il Segreto Essenziale degli Ebrei, Parte 18
Il Segreto Essenziale degli Ebrei, Parte 17
Il Segreto Essenziale degli Ebrei, Parte 16

Che cosa ci sta succedendo?

Dr. Michael LaitmanOggi, la gente ha bisogno di sapere che cosa le sta accadendo, per quale motivo sta accadendo e in che modo possono cambiare la situazione.

Osserviamo giorno dopo giorno l’accelerazione degli eventi che ci avvicinano a nuovi stati più rapidamente. Possiamo solo rilevare questa sequenza in cui un imperativo punire è apparentemente inerente.

Dappertutto nel mondo stiamo osservando un crescente antisemitismo, lo scoppio di odio verso gli ebrei, gli attacchi contro lo Stato di Israele e varie dimostrazioni. I vari media stanno cercando di falsare i fatti, creando notizie e analisi quotidiane in uno spirito anti-Israele.

Vediamo come il mondo intero scopre in questo una forza comune, uno spirito che permea l’atmosfera di odio verso gli ebrei e Israele.

Quando la gente riconosce questa tendenza generale, che in un paio di settimane ha conquistato il mondo, si chiede naturalmente: come sia possibile – subito dappertutto una così potente reazione nei confronti di una così piccola guerra in confronto con le centinaia di migliaia di persone che vengono uccise in Siria, in Iraq, in Ucraina, in Africa , in Afghanistan, ecc?

Qui veramente si nasconde il destino supremo, e solo la saggezza segreta, la saggezza della Kabbalah è in grado di spiegarci che cosa ci sta accadendo e come comportarsi nella maniera giusta in questa situazione [...]
[141845]

Materiale correlato:

Antisemitismo: Di chi è la colpa e cosa si può fare?
Una valvola che blocca l’arteria principale

Lezione quotidiana di Kabbalah – 26.08.2014

Scritti di Baal HaSulam, “Introduzione allo Studio delle Dieci Sefirot”, Punto 35
Audio
Video

Scritti di Baal HaSulam, Articolo “Un Comandamento”
Audio
Video

Il Segreto Essenziale degli Ebrei, Parte 18

Dal libro: Il Segreto Essenziale degli Ebrei, M. Brushtein.

“I Principi Fondamentali della Teoria Integrale”

La società umana non è diventata per caso sempre più “chiusa” e omogenea – questo è un processo naturale programmato. La gente ha perso la capacità di comunicare tra loro. Oggi abbiamo bisogno di una connessione interiore del cuore. L’umanità appare come una sola famiglia, ma questa famiglia è disfunzionale. Dipendiamo gli uni dagli altri perché viviamo sullo stesso pianeta.

È impossibile da realizzare senza capire il sistema globale di connessioni. Gli “Accordi di carta” per la pace e la cooperazione economica non aiutano.
[140849]

Materiale correlato:

Il Segreto Essenziale degli Ebrei, Parte 17
Il Segreto Essenziale degli Ebrei, Parte 16
Il Segreto Essenziale degli Ebrei, Parte 15

Risultati dall’America

Dr. Michael LaitmanDomanda: Come si fa a riassumere i risultati del vostro viaggio nel continente Americano?

Risposta: E’ stato un buon viaggio. Abbiamo incontrato i nostri gruppi, con i nostri buoni e fedeli amici in Colombia, Ecuador, Cile, Messico, Stati Uniti e Canada.

I gruppi sono cresciuti e sono avanzati molto, moltissimo. Sono diventati più fedeli, sensibili, hanno acquisito una maggiore comprensione; studiano insieme con noi e si connettano con noi in tutte le attività, grazie alla connessione virtuale. L’Internet veramente sta connettendo il mondo tremendamente a livello dell’inanimato.

In Messico abbiamo organizzato un congresso grande e importante. Tutti i gruppi locali e gli individui sono venuti e hanno creato un’atmosfera calorosa e amichevole senza precedenti. E’ stato creato un gruppo forte e unito e spero che con il nostro aiuto continueranno a lavorare in quella direzione.

Al congresso negli Stati Uniti c’era anche un inaudito impulso di connessione, unità, un senso di comprensione. Era veramente qualcosa di molto speciale, qualcosa che nemmeno mi aspettavo. Tutti i nostri amici lì sono più vicini l’uno all’altro. Questa era una correzione molto grande e sono pieno di speranza che ora continueranno insieme.

Adesso c’è un congresso a San Pietroburgo davanti a noi, sulla quale via dobbiamo consolidare internamente fra noi la divulgazione in tutto il mondo. Non c’è un congresso dedicato solo a connessione e unificazione fra gli amici e con il Creatore; ogni evento deve integrare la sua intera altezza nel processo nel quale attiviamo tre livelli: l’inferiore, il superiore, e il livello sopra il superiore. E noi che ci siamo trovati nel mezzo dobbiamo lavorare sui nostri rapporti reciproci con il livello adiacente.

Spero vivamente che stiamo accelerando il nostro sviluppo e ce la faremo.
[141366]

Dalla lezione dell’importanza della divulgazione, 12.08.2014

Materiale correlato:

L’America si sta preparando per un Congresso in agosto!
Tutto dipende dalla preparazione corretta

Congresso in Sochi – 24/25.08.2014

Congresso in Sochi, Lezione 1
Audio
Video

Congresso in Sochi, Lezione 2
Audio
Video

Congresso in Sochi, Lezione 3
Audio
Video

Congresso in Sochi, Lezione 4
Audio
Video

Il Segreto Essenziale degli Ebrei, Parte 17

Dal libro: Il Segreto Essenziale degli Ebrei, M. Brushtein.

“I Principi Fondamentali della Teoria Integrale”

Caro Gengis Khan,

Ti sei mai domandato come mai i più grandi conquistatori vengono chiamati grandi e anche i più grandi? Questo è il modo in cui vengono chiamati: Alessandro Magno, Gengis Khan e Stalin. Ma loro hanno catturato, schiavizzato e ucciso. Non è sorprendente che essi siano rispettati, non solo da coloro che li amano, ma anche da coloro a cui non piacciono?

Per chiarire, facciamo riferimento ad alcuni dati:

“Gengis Khan (Temujin – Temujin) (C. 1155-1227) è stato un fondatore e il Gran Khan dell’Impero Mongolo (1206 c.), l’organizzatore delle campagne di conquista contro i popoli dell’Asia e dell’Europa orientale. Le sue crociate sono state accompagnate da devastazione, distruzione di interi popoli, e ha portato alla costituzione del giogo Mongolo-tartaro nei paesi conquistati.”(Dizionario Enciclopedico, 2000)

Questa voce enciclopedica è ben illustrata dalla linea del poema di Lermontov: “I destrieri, gli uomini tutti smontati.” L’attività della stessa persona viene descritta in concetti quasi incompatibili. Da un lato: il fondatore e il grande. Dall’altro: la morte e il giogo.

L’articolo mostra ancora una volta quanto ambiguamente trattiamo la personalità dei conquistatori. Nonostante ciò, la stragrande maggioranza delle persone guarda gli invasori con venerazione.

Ci chiediamo ancora una volta: perché?

La nostra versione è la seguente: paradossalmente, sono valutati e premiati con l’epiteto di “geni”, anche se spesso se “del male”, a causa delle numerose conquiste.

Perché? Ricordiamo che è proprio a causa di grandi conquiste, o – se si vuole – di grandi vittorie (una “vittoria” è un sinonimo della parola “conquista”. Oxford Dictionaries) che clan familiari sparsi si trasformarono in grandi ducati, tribù selvagge in guerra istituirono stati prosperosi, e paesi sviluppati in conflitto e poveri sono stati trasformati in potenti imperi.

Così, il loro merito è che consapevolmente o inconsapevolmente hanno contribuito all’unione umana.

“Il desiderio palese o nascosto di alcuni paesi per l’egemonia mondiale è uno dei costituenti della tendenza verso l’unione dell’umanità.” (Zinoviev, AA, Verso Supersociety)

La domanda sorge spontanea: cosa sta succedendo oggi? Purtroppo, l’umanità ha inventato niente di più efficace di questo metodo di unificazione.

Oggi, le invasioni e le conquiste, anche se non necessariamente di natura militare, si sono impegnate sulla Terra. L’informazione e l’invasione economica sono spesso molto più efficaci.

La tendenza continua. Ogni nuova invasione porta a legami e relazioni non solo tra le singole nazioni vicine, ma tra interi continenti. Grazie alla conquista britannica, il pianeta ha una lingua internazionale di comunicazione, e grazie alla guerra con la Germania nazista, il popolo sovietico comune ha potuto vedere il mondo occidentale.

L’invasione funziona. Essa unisce. Ma è dolorosa e spiacevole. È possibile unirci in un altro modo? Non mutilando e uccidendosi a vicenda? Potrebbe essere possibile, ma non sappiamo ancora come farlo. Il fatto più rumoroso è il fallimento dell’Unione europea.

Secondo i sondaggi di Gallup, ora solo il 30% degli europei ha un atteggiamento positivo verso le istituzioni dell’Unione europea, anche se 20 anni fa il numero dei sostenitori dell’idea europea superava il 70%.

Anche in Germania, che è per tradizione il paese dell’Unione più filo-europea, il numero degli euro-scettici non è molto inferiore agli euro-ottimisti.

Forse, abbiamo preso un approccio sbagliato? Forse, abbiamo bisogno di conquistare non territori e risorse, ma la fiducia e la gentilezza gli uni verso gli altri?

È interessante che fu Abramo, il leader ideologico degli ebrei, a suggerire proprio questo paradigma, come mezzo di unificazione per l’impero babilonese, che stava in piedi sulla soglia del collasso
L’umanità onora e ricorda i risultati di molte persone, tra cui i successi di Abramo. Ma quello che ha fatto, in realtà, è difficile anche da immaginare. Pensate per un minuto! 3800 anni fa, Abramo offrì ai suoi connazionali – gli idolatri – di attuare il principio di “ama il prossimo tuo come te stesso” ????!

Ma non siamo pronti per questo neanche oggi!
[140778]

Materiale correlato:

Il Segreto Essenziale degli Ebrei, Parte 16
Il Segreto Essenziale degli Ebrei, Parte 15
Il Segreto Essenziale degli Ebrei, Parte 14

Yeshivat Haverim Mondiale – 24.08.2014

Yeshivat Haverim Mondiale
Audio
Video