New Life n.1177 – Problemi digestivi

New Life n.1177 – Problemi digestivi
Il Dott. Michael Laitman in una conversazione con Oren Levi e Nitzah Mazoz

Riepilogo:

Affinché il sistema digestivo funzioni correttamente deve assorbire i buoni pensieri su se stesso e sugli altri. Il pensiero è il più elevato di tutti i poteri e le forze occulte della natura. Imparando ad “amare il tuo prossimo come te stesso” potrai connetterti agli altri e trovare le soluzioni ad ogni problema, incluso il buon funzionamento del corpo umano.
[256214]
Dalla trasmissione di KabTV “New Life n.1177 – Problemi digestivi”, 19/11/2019

Altri virus sono in coda

Domanda: Come vede il futuro immediato del mondo? Per esempio, questo autunno?

Risposta: Non credo che il virus sarà sparito. Muterà e cambierà. La natura inizierà a tormentarci e a costringerci a riflettere su come dovremmo essere per non ammalarci e per non subire questi colpi. Spero che impareremo correttamente dalla natura e ci comporteremo di conseguenza.

E il fatto che ora stiamo contando quante persone si sono ammalate non ha alcuna importanza. Dobbiamo sentire chiaramente che tutti i nostri problemi derivano solo da rapporti reciproci sbagliati tra di noi.

Pertanto, non importa se è estate o autunno. Certo, le stagioni sono importanti ma non essenziali. Tutti questi virus sono in fila in un numero enorme per apparire in noi.

[267270]

Dalla trasmissione di KabTV “Concetti di base della saggezza della Kabbalah”, 17/05/2020

Materiale correlato:
Il virus ha individuato il problema all’interno delle famiglie
Il Coronavirus sta facendo il giro del mondo
Perché la natura ha pianificato una pandemia?

Aggrapparsi all’insegnante

Domanda: Cosa significa aggrapparsi all’insegnante e sentirlo, e cosa significa ricevere la luce attraverso l’insegnante?

Risposta: Aggrapparsi all’insegnante e sentire l’insegnante sono due cose diverse. Tenere stretto l’insegnante significa provare a fare tutto ciò che ti consiglia di fare, imparare tutto ciò che ti insegna. Puoi aggrapparti al maestro solo se soddisfi tutte le sue esigenze e lo aiuti, anche forse nella sua vita quotidiana, ma principalmente nel processo di studio e divulgazione.

Dedicati a servire non la persona, ma ciò che rappresenta, e poi scoprirai che è così che inizi a raggiungere il mondo superiore.

[239711]

Dalla trasmissione di KabTV “Concetti di base della saggezza della Kabbalah”, 16/09/2018

Materiale correlato:
Il legame fra insegnante e studente
Come può l’insegnante soddisfare i desideri di ogni studente?
Il desiderio di un insegnante di Kabbalah

Come ci liberiamo del dolore?

Domanda: Come posso determinare la causa della mia malattia?

Risposta: Naturalmente, non c’è nulla che esiste in noi senza una ragione precisa. Quindi cerca un motivo. È quasi sempre nel tuo cattivo rapporto con gli altri. Correggilo e vedrai quanto diventa più facile, quanto sarai guarito.

Domanda: Quindi è possibile uscire dallo stato di dolore?

Risposta: Sì. Mettiti in contatto con gli altri e smetti di provare il tuo dolore. Fai questo esercizio e vedi che è possibile.

Domanda: Quanto è importante rendersi conto e sentire la causa e la più alta fonte del dolore?

Risposta: Tanto quanto è importante che tu venga corretto. È naturale. Ma per una persona che sta andando avanti correttamente, tutto va in modo ottimale. La Kabbalah ci insegna come utilizzare in modo ottimale tutte le forze della natura.
[267538]

Dalla trasmissione di KabTV “Concetti di base della saggezza della Kabbalah”, 10/05/2020

Materiale correlato:

Nuovi modi per comunicare
Ricompensa e punizione sono entrambe a mio favore
New Life n.1112 – Evitare la sofferenza e il dolore

L’unico valore nella vita

Domanda: Quali sono i veri valori nella vita? E chi verifica la loro validità?

Risposta: L’unico valore che esiste nella nostra vita è la fusione con la natura eterna e perfetta, e possiamo acquisirlo. Non è necessario nient’altro.

Tu guadagni l’eternità, la perfezione, nell’unirti con la natura eterna e perfetta. Tutto qui!
Ti auguro di iniziare a conseguire e sentire questo. Tutti raggiungeremo ad ogni modo questo livello, ma perché starsene tranquilli se puoi farlo prima? Ti auguro buona fortuna in questo!
[267646]

Dalla trasmissione di KabTV “Concetti di base della Saggezza della Kabbalah”, 17/05/2020

Materiale correlato:
La suprema delizia dell’anima
Come possiamo sentire la perfezione?
Vieni e vedi quanto è bello il mondo superiore

Realizza te stesso ovunque tu sia

Domanda: Studio la Saggezza della Kabbalah. Ho un gruppo con il quale posso condividere uno scopo comune, ma sento che nessuno nel gruppo mi capisce e che i miei amici non sono abbastanza forti per me. Cosa posso fare?

Risposta: In ogni caso vale la pena restare nel gruppo. E’ meglio stare in un gruppo debole che lavorare da soli.

Domanda: Ma la libertà può aiutarmi a scegliere un ambiente diverso? Dipende tutto da me?

Risposta: No, l’individuo non può fare nulla. Deve comunque scegliere un ambiente. Se pensi che l’ambiente sia molto debole per te, cercane un altro, ma non penso che sia la scelta giusta. Accetta l’ambiente nel quale sei e vedrai che quello che ti è stato dato, è quello giusto.
[256987]

Dalla trasmissione di KabTV “Concetti di base della saggezza della Kabbalah”, 17/11/2019

Materiale correlato:
Puoi avanzare solo in un gruppo
Il gruppo è un mini-modello dell’umanità
I desideri sono determinati dall’ambiente

La società delle professioni inutili

Domanda: Cosa dovrebbe realizzare una persona nell’era del Coronavirus?

Risposta: La persona deve rendersi conto di essere sopravvissuta solo al primo colpo della natura. Sono necessari molti più colpi per correggere la società e seguiranno. Di conseguenza, la società non rimarrà la stessa. Ciò riguarderà principalmente l’occupazione delle persone.

Il fatto è che abbiamo creato una società di professioni completamente inutili. Nel nostro mondo post-industriale è apparso un numero enorme di persone superflue e quindi sono nate molte occupazioni, professioni e imprese completamente inutili. Dobbiamo capire che siamo nella sfera integrale della natura, che si sforza per l’ottimizzazione, e ci metterà sotto pressione affinché tutte le professioni non necessarie scompaiano.

Guardando, ad esempio, alla natura animale, sappiamo che un certo numero di animali deve morire, gli altri devono svilupparsi, a seconda delle condizioni che compaiono o scompaiono in natura. Lo stesso vale per noi. Facciamo parte della natura, quindi essa gioca con noi, stabilisce alcuni nuovi parametri per noi, riducendo o aumentando la popolazione, l’occupazione e così via.

Ora, sotto l’influenza del Coronavirus, c’è una grande accelerazione nello sviluppo della società umana. Molte persone non lavorano e, in linea di principio, non hanno bisogno di tornare al lavoro.

Le imprese veramente necessarie hanno agito, stanno operando e continueranno a operare. Ed è necessario solo il 5% del settore dei servizi che abbiamo creato negli ultimi settant’anni.

Pertanto, non ce ne sarà bisogno e non tornerà più alla sua attività precedente. La maggior parte della popolazione impiegata nel settore dei servizi sarà semplicemente lasciata senza lavoro. E qui dobbiamo pensare a cosa fare con le persone con professioni non necessarie.
[268842]

Dalla trasmissione di KabTV “L’era del post Coronavirus”, 14/05/2020

Materiale correlato:
Dal livello animato alla società umana
Quali professioni scompariranno?
Le professioni del futuro

Il mio ambiente di oggi rappresenta ciò che sarò io domani

Domanda: Si dice che il mio ambiente di oggi è il mio io di domani. Lei è d’accordo con questo?

Risposta: Naturalmente. Noi vediamo come l’ambiente ci influenza.

L’uomo è nato completamente indifeso, come un piccolo animale selvaggio. Gradualmente, sotto l’influenza dei genitori e, poi, di una cerchia più ampia, egli passa attraverso le istituzioni educative, la scuola, la strada, il vicinato e così via.

Egli guarda un sacco di programmi alla televisione, sul computer e alla fine diventa ciò che vediamo in società. Se egli non ricevesse questa influenza dall’ambiente, non sarebbe affatto in grado di vivere nel nostro mondo.
[268641]

Dalla trasmissione di KabTV “L’era del post Coronavirus”, 5/07/2020

Materiale correlato:
I desideri sono determinati dall’ambiente
La soluzione si trova nell’ambiente corretto
Non danneggiare la società

Conseguire la forza superiore

Domanda: La domanda sul significato della vita è individuale o comune a tutti?

Risposta: La necessità di comprendere la radice della vita è comune a tutti, ma ognuno ci arriva individualmente.

Tu inizi a percepire che il vero universo è eterno, infinito e che anche tu esisti in questo eterno, infinito movimento. Non c’è nessuna morte oltre quella che sembra a noi perché avviene solo sul nostro stato animale. Lo stato più alto non è condizionato dalla morte del corpo animale.

Tu vedi che la conoscenza della vita è il conseguimento della forza che governa tutta la natura. Noi lo chiamiamo “Creatore” perché ci ha creati, ma questo non è ciò che è implicato nelle religioni. Questa forza è conseguita nelle proprietà che acquisiamo con assoluta chiarezza in modo sperimentale. Inizi a sentire come tutto esiste attorno a te e allo stesso tempo tu ti alzi a quel livello.
Ti diventa chiaro cosa significa il livello umano, come è diverso dal mondo inanimato, vegetale e animale. Dopotutto, esistono tutti dentro la cornice di un piccolo egoismo terreno, inclusi noi stessi.

E se tu sali al di sopra del tuo egoismo animale, inizi così a conseguire lo stato eterno e perfetto in questo mondo, in questa vita e la nostra esistenza materiale non ci limita in nessun modo.
[267167]

Dalla trasmissione di KabTV “Concetti di base della saggezza della Kabbalah”, 24/05/2020

Materiale correlato:
Possiamo sottrarci al controllo dell’egoismo
Le tappe della realizzazione spirituale
Come l’umanità può sviluppare una nuova caratteristica

New Life n.1175 – Consapevolezza della morte

New Life n.1175 – Consapevolezza della morte
Il Dott. Michael Laitman in una conversazione con Oren Levi e Yael Leshed-Harel

Riepilogo:

L’essere umano vive nel proprio desiderio e pensa solo a ciò che è bene per lui, invece che a ciò che è cattivo e spaventoso. Non pensa alla morte, fino all’ultimo istante della propria vita. E’ così perché veniamo da una forza superiore, eterna. L’uomo può pensare all’essenza della vita e a cosa fare con essa. Presto però ci renderemo conto che la nostra vita è artificiale e cercheremo la vita vera.

Dalla trasmissione di KabTV “New Life n.1175 – Consapevolezza della morte”, 14/11/2019