Tutto si sistemerà nel livello del mondo superiore

Domanda: Se gli altri sono parte di me, allora cambiando gli altri sto cambiando le mie parti esteriori?

Risposta: Certamente. Però, pian piano, perderai la percezione di ciò che ti sta accadendo e non sentirai più chi stai cambiando, se loro oppure te stesso. Comincerai a connetterti con gli altri e poi tutto risulterà essere un insieme comune. Il Creatore connette tutti.

Domanda: Adesso siamo a lezione e ci sono ancora miliardi di persone là fuori nel mondo che fanno cose come lavorare, dormire, litigare, ecc. Ma noi non le sentiamo, allora come possiamo comportarci nei loro confronti?

Risposta: Avete bisogno di abituarvi a questo gradualmente ed allora la questione del tempo, dello spazio su molti livelli, e tutto quello che succede, scomparirà. Vedrete che questo non conta nulla e che tutto si sistemerà su un livello completamente differente.

[239551]

Dalla lezione di Kabbalah in lingua russa, 02/09/2018

Materiale correlato:
Il tempo, lo spazio e “l’io” sono plasmati nella nostra percezione da una Forza
Dove viene rivelato il Mondo Superiore?
La Torah: cambia te stesso per rivelare il Creatore

 

Quando c’è la mancanza per la spiritualità…

Rabash, “L’Agenda dell’Assemblea – 1″, Articolo 17, Parte 2, 1984: ‘E successivamente ognuno deve comportarsi come nelle ultime tre parti della “Preghiera Diciotto”. In altre parole, dopo aver supplicato davanti al Creatore, Lo Zohar dice che nelle ultime tre parti della “Preghiera Diciotto”, l’uomo deve pensare come se il Creatore avesse già esaudito la sua richiesta e se ne fosse andato’.

Domanda: Perché Rabash traccia un’analogia tra la preghiera e l’assemblea della società?

Risposta: La Torah e tutti i testi autentici non sono destinati alle persone religiose, ma al nostro lavoro spirituale pratico.

Domanda: La preghiera è il programma delle azioni della persona nel gruppo?

Risposta: Certo. Per cos’altro credete che sia stata scritta? La preghiera è la crescita del desiderio che rivolgete al Creatore in modo che Egli vi dia tutto ciò che è necessario per il vostro lavoro spirituale. Se una persona non arriva alla preghiera significa che non ha questa necessità (Hissaron), non c’è senso di mancanza, forza per andare avanti, desiderio e fame di spiritualità.

Domanda: Tutto ciò che Rabash scrive sull’ordine dell’assemblea della società si verifica nello stesso luogo e nello stesso tempo?

Risposta: Non contano né la geografia, né il tempo. Tutto può accadere in momenti diversi, tra amici diversi.

Domanda: Si tratta di stati cumulativi?

Risposta: Sì, ma in ognuno di noi si accumulano arbitrariamente, non necessariamente nello stesso luogo e allo stesso tempo. Nella spiritualità questa non è una funzione rigida.

[238656]

Dalla trasmissione di KabTV “L’ultima generazione”, 13/06/2018

Materiale correlato:
I principi del Lavoro Spirituale del 9 Settembre 2011
Che cos’è la necessità spirituale?
Preghiera per la Società

I robot rappresentano il nostro futuro

Dalle News (Reuters): “Nel nuovo stabilimento dell’ABB (ABBN.S) in Cina, i robot costruiranno nuovi robot. Questo nuovo stabilimento che sorgerà a Shangai costerà 150 milioni di dollari e, secondo quanto sostenuto da un gruppo di ingegneri svizzeri, difenderà la posizione di ABB quale più grande produttore di robot industriali nel paese….

…“La Cina sta incrementando la propria forza lavoro robotizzata, visto che i salari delle risorse umane sono in crescita e la Cina sta cercando di competere, attraverso l’automazione, con gli altri paesi che lavorano a basso costo. Secondo le dichiarazioni di ABB, nel 2017 ogni 3 robot venduti, 1 è stato destinato al mercato cinese, che ne ha assorbiti ben 130.000.

La compagnia dichiarato che la nuova fabbrica da 75.000 metri quadrati di ABB userà programmi che permetteranno ai robot e agli umani di lavorare a stretto contatto, aggiungendo che i sui robot Yumi – che sono progettati per lavorare fianco a fianco con gli esseri umani – saranno anche usati per l’assemblaggio dei molti piccoli componenti che sono necessari per la costruzione di un robot ABB.

Domanda: Le persone, i giornalisti e gli scienziati sono preoccupati del fatto che il futuro sarà dominato dai robot! Come sarà il nostro futuro con i robot?

Risposta: Il nostro futuro si sta muovendo verso uno stato in cui le persone avranno come unica occupazione il lavoro spirituale. Ci occuperemo solo delle cose che i robot non possono fare, ossia la giusta connessione interiore e spirituale fra noi.

I robot si occuperanno di tutto il resto. In generale il nostro mondo sta gradualmente raggiungendo un punto nel quale tutti arriveremo alla spiritualità. Solo i robot rimarranno nella materia fisica. E in seguito spariranno anche loro.

All’inizio il nostro mondo si manifesterà gradualmente come un mondo di forze, di spiritualità, ed una rete di forze, non di materia fisica. La materia non esiste davvero. Possiamo già vedere questo nella fisica quantistica.

E quindi non c’è motivo di preoccuparsi per il fatto che i robot ci rimpiazzeranno. Al contrario, ci sforzeremo per assicurarci che tutto quello che facciamo sia trasferito ai robot, e noi faremo quello che loro non possono fare: il lavoro spirituale, unirci assieme e sperimentare il livello successivo dell’esistenza: il mondo spirituale.

[239303]

Dalla trasmissione di KabTV “Le notizie con Michael Laitman”, 28/11/2018

Materiale correlato:
I robot toglieranno il lavoro alle persone
I robot ci portano via il nostro lavoro?”
Il mito del comunismo automatizzato

Segreti e angeli

Domanda: Adam HaRishon scrisse un libro intitolato L’Angelo Segreto. La saggezza della Kabbalah viene definita scienza, ma questo libro parla di segreti e angeli?

Risposta: “Segreto” significa nascosto e niente di più. Ogni cosa che mi viene tenuta nascosta è per me un segreto e diventa realtà solo quando mi viene rivelata.

L’“Angelo” è una forza. Tutte le forze della Natura sono chiamate angeli. Ad esempio la forza di gravità: se qualcosa cade sul pavimento indica che la Terra produce una forza che attrae a sé. Questa forza è chiamata l’angelo dell’attrazione. “Angelo”, in ebraico la parola “Malach“ ha origine dalla parola “Malchut.” Noi chiamiamo angeli tutte le particolari caratteristiche di Malchut.

Domanda: Qual è la forza nascosta che Adam conseguì, e che è diversa dalle onde elettromagnetiche e dalla forza di gravità?

Risposta: Adam rivelò la forza della natura che governa l’intero universo, l’intera creazione, il nostro mondo e il mondo superiore. La chiamò Creatore, “Boreh”, che significa “Creatore”. Ovvero comprese che questa forza crea. Boreh, inoltre, significa “Bo” e “Reh”: vieni, scopri, vedi, rivela. Adam sperimentò tutto questo e lo descrisse nel libro L’Angelo Segreto.

[239027]

Dalla lezione di Kabbalah in lingua russa, 16/09/2018

Materiale correlato:
L’Angelo Raziel
La storia del mondo alla luce della saggezza della Kabbalah – 2’ Parte
Gli Angeli sono forze

Per chi è stato scritto Il libro dello Zohar?

“Saranno dolori per quelle persone che parlano della Torah intesa per raccontare storie letterali, e in parole ignoranti di Esau e Laban. Perché se questo fosse il caso, anche oggi potremmo trasformare parole ignoranti nella Torah, anche parole più belle di quelle usate allora. E se la Torah indicasse argomenti mondani, anche i governanti del mondo avrebbero tra loro cose migliori, quindi seguiamoli e trasformiamoli in una legge allo stesso modo. Tuttavia, tutte le parole della Torah hanno il significato più alto”. Il Libro dello Zohar con il Commentario Sulam, Parashat BeHaalotecha, 58.

È molto difficile spiegare Il Libro dello Zohar ai principianti. Si tratta di un libro completamente chiuso. I suoi testi sembrano essere letterari o storici, spesso spaventosi, mistici.

Quando iniziai a studiare con Rabash, mi venne proposto di studiare l’articolo “Prefazione alla Saggezza della Kabbalah” di Baal HaSulam, che è una delle introduzioni a Il Libro dello Zohar. Ma l’intero metodo, la tecnica del lavoro spirituale, è chiaramente descritto in esso nel linguaggio della saggezza della Kabbalah e non in quello dei sentimenti.

Il Libro dello Zohar non può essere usato come libro di testo, può essere usato solo come materiale per lezioni supplementari per persone che studiano seriamente la saggezza della Kabbalah.

Domanda: Quali segreti vi sono nascosti?

Risposta: È impossibile rivelare questi segreti a chi ha appena iniziato a studiare perché tutto risulterebbe comunque poco chiaro, poiché non ha ancora una mente aperta e capace di mettere insieme cose incomprensibili.

Il fatto è che chi inizia a studiare la saggezza della Kabbalah ha una normale psicologia terrena e deve lavorare su se stesso fino a quando la Luce comincia a cambiarlo un po’, e in accordo a questo percepirà diversamente la materia studiata.

Domanda: Allora perché è stato scritto Il Libro dello Zohar?

Risposta: In modo tale che voi abbiate qualcosa da studiare, in modo che possiate cambiare. E nella misura in cui cambiate, sentite come sta cambiando il mondo, che un tempo sembrava unilaterale, ma che ora vedrete come integrale.

Allora lo percepirete in modo completamente diverso: complementare, intercambiabile, come un tutt’uno comune. Tutta la natura inanimata, vegetale, animata e umana sarà percepita come un unico sistema.

Ma voi vivrete in essa. Non sarete in grado di cambiare qualcosa senza cambiare tutto il resto.

Il Libro dello Zohar è il commento alla Torah. Nella Torah, tutto ciò che riguarda il cammino di una singola persona così come di tutta l’umanità, è registrato dall’inizio alla fine. Solo colui che cambia secondo l’ascesa sui gradini spirituali consegue ciò che vi stato è scritto.

[238844]

Dalla lezione di Kabbalah in lingua russa, 26/08/2018

Materiale correlato:
Leggere correttamente Il Libro dello Zohar
Lo Zohar, il libro cardine nella saggezza della Kabbalah
Il Libro de Lo Zohar: aprilo, leggilo, provaci

Un aiuto nel lavoro spirituale

Domanda: I mezzi virtuali di comunicazione al giorno d’oggi sono molto ben sviluppati. Ci sono stati rivelati in questo particolare momento storico perché l’ego è esploso così intensamente che non saremmo stati in grado di fare a meno di loro?

Risposta: Certamente. Attualmente abbiamo ogni tipo di dispositivi che ci permette di stare in costante comunicazione reciproca. Possiamo scriverci e-mail, inviare immagini, parlare; tutto ciò che vogliamo! Questo cancella le distanze.

Possiamo vedere i nostri amici, la nostra Decina, sul nostro telefono o sullo schermo del computer, e allo stesso tempo parlare con loro come se fossimo in una connessione fisica costante. In realtà, questa connessione è fisica perché la sentiamo come una connessione normale.

Pertanto, ora si presta molta attenzione alla qualità della comunicazione. La distanza non conta, tutto dipende da noi.

Certo, la cosa più importante è la comunicazione interiore, ma è insufficiente. Questa deve essere supportata dalla connessione fisica. Senza questo, non saremo in grado di produrre continuamente sforzi interiori.

Dobbiamo ascoltare, vedere e capire i nostri amici, ammirarli e invidiarli, e sentire tutto questo. Altrimenti, come possiamo accingerci a lavorare?

[239170]

Dalla trasmissione di KabTV “L’ultima generazione”, 27/06/2018

Materiale correlato:
I grandi kabbalisti sono anime speciali
Un’alleanza di anime connesse
New Life n.1070 – La connessione delle menti umane – 1’ Parte

New Life n.1078 – Perché proviamo tanto odio?

 

New Life n.1078 – Perché proviamo tanto odio?

Il Dott. Michael Laitman in una conversazione con Oren Levi e Tal Mandelbaum ben Moshe

Riepilogo
La natura umana è puro desiderio egoistico di ricevere. Amiamo ciò che ci piace e odiamo ciò che ci angoscia. L’ego cresce di giorno in giorno e noi siamo completamente presi dalle esperienze di amore e odio, di piacere e sofferenza. Quando le fonti che pensiamo dovrebbero arrecarci piacere si esauriscono diventando fonti di sofferenza, impariamo ad odiarle. Se una persona diventa fonte di tormento per me, non posso più godermi la vita finché lei esiste. Infliggere sofferenze all’“Io” di una persona la fa impazzire. Tutta la vita è solo un calcolo su quanto siamo disposti a soffrire allo scopo di ricevere qualcosa. L’immaginazione e la conoscenza umana espandono i confini dell’odio e dell’amore laddove le altre creature hanno solo istinti. Solo l’umanità gode del fatto che gli altri soffrano. Dobbiamo imparare a lavorare correttamente con l’odio e l’amore in modo da poterci elevare al di sopra di essi nella linea di mezzo.
[238382]

Dalla trasmissione di KabTV “New Life n.1078 – Perché proviamo tanto odio?”, 13/12/2018

Possiamo sottrarci al controllo dell’egoismo

Siamo fatti di desiderio di ricevere, di egoismo, che si preoccupa solo del proprio benessere. Ma questa forza che esiste in me e si preoccupa solo di se stessa, non sono io, ma si tratta una forza estranea che esiste nel mio corpo. Noi non lo comprendiamo e ci identifichiamo in essa perché siamo nati e cresciuti con lei.

Quindi io non posso nemmeno immaginare che il mio desiderio egoistico non sia realmente mio. Ma posso elevarmi al di sopra di esso, separarmene e percepirlo come un estraneo che esiste al di fuori di me. Questo è chiamato il potere del Faraone sull’uomo. Se io scopro che l’egoismo è fuori di me, significa che rivelo il Faraone.

Se io costruisco l’amore per gli amici nel gruppo e attraverso di esso provo a disegnare la Luce circostante, allora questa Luce mi colpisce e mi divide dal mio desiderio di ricevere. Allora sento che questa forza mi è estranea, non è mia. Ma mi ha dominato per così tanto tempo che ho pensato
fosse mia.

Gradualmente, mi rendo conto che l’egoismo non sono io, ma è stato così astuto e insidioso che mi ha penetrato e ha preso il controllo di ogni mio desiderio e pensiero, del mio cuore e della mia mente. Ha governato tutto, ma ora vedo che pian piano posso liberarmi di lui, scansarlo e rimanerne fuori.

Io voglio trovarmi in un territorio neutrale, non sotto il suo comando. Sento che lui determina cosa penso e cosa voglio. E io non sono d’accordo con questo! Voglio che una forza diversa domini su di me, la forza della dazione, la forza del Creatore.

Queste due forze sono opposte l’una all’altra.

Ma come posso fare questo? Vedo che il desiderio egoistico mi sta portando alla tomba. Guarda cosa sta succedendo nel mondo, dove sta andando. Tutti stanno già cominciando a capire dove la nostra natura egoistica ci sta spingendo.

Pertanto, ho bisogno della luce che riforma, della forza della Torah, che mi separerà dal mio desiderio di ricevere. Comincerò a capire che questo desiderio è malvagio e che posso uscirne. Ho avuto “sette anni grassi” (“sette anni di sazietà”), ho tratto il massimo beneficio dal mio desiderio di ricevere, dal frutto del suo sviluppo in una forma capitalistica ed egoistica e da tutte le benedizioni del progresso.

Tuttavia, oggi riveliamo che il desiderio egoistico non ci porterà al bene. Ne risulta che questo potere è malvagio. Quindi dobbiamo decidere cosa fare. Le persone con un punto nel cuore orientato verso la forza superiore che desiderano rivelare il Creatore, il mondo superiore, l’essenza della vita e il suo significato, hanno uno scopo nella vita e sono pronte a realizzarlo.

Dall’alto esse vengono condotte verso un gruppo, nel luogo della loro corretta realizzazione, e l’obiettivo di una persona è scegliere questo buon destino e risvegliare la Luce che riforma attraverso il gruppo. Solo con l’aiuto della Luce una persona può cominciare a separarsi dal suo egoismo, che la occulta, e cominciare a sentirlo come la forza di qualcun altro, il potere del Faraone, ed arriva ad odiarlo. “Anche se sono cresciuto nella casa del Faraone, alla fine sono scappato via da lui”.

Possiamo fare tutto questo lavoro nella decina, ciascuno aiutando e sostenendo gli altri e mostrando un esempio di dazione reciproca. Nella misura dei nostri sforzi per unirci, attireremo la Luce che riforma, che ci separerà dal desiderio egoistico e ci porterà in un nuovo ambiente, sotto il potere buono del Creatore.

Da una parte c’è il dominio del Faraone, dall’altra parte, il dominio del Creatore, e noi ci troviamo in mezzo. I Faraone, di conseguenza, si trasforma nella linea di sinistra, la Luce che riforma è nella linea di destra, e nel mezzo noi uniamo entrambe queste forze.

Siamo fatti di desiderio di ricevere fin dalla nascita, lo prendiamo in prestito dal Faraone, e questo desiderio di ricevere ci porta a volere sempre di più in termini materiali. Ma al di sopra di esso, costruiamo una restrizione, uno schermo, la Luce riflessa, tutte le correzioni ricevute dalla Luce che riforma, e in questo modo diventiamo liberi.

Pertanto, senza metterla in pratica nel gruppo, non abbiamo assolutamente alcuna possibilità di seguire questa via. Tutto inizia con la frammentazione, il peccato dell’Albero della Conoscenza. Come Adam chiese al Creatore: “Io e il mio asino mangeremo dalla stessa mangiatoia?” – intendendo – sarò un asino a cui piace solo riempire il suo corpo? E dov’è l’uomo in me?”

Il Creatore risponde a questo: “Aspetta, ci sarà la frammentazione, la rivelazione del male, e allora ‘con il sudore della tua faccia mangerai il tuo pane’”, cioè, otterrai saggezza, rivelerai il Creatore e diverrai un uomo.1

Il Faraone mi appare per la prima volta quando sento il mio egoismo che si separa da me, si stacca da me e mi diventa estraneo. Sento che io e lui non siamo più la stessa cosa. L’egoismo è una potenza estranea, posta al di sopra di me dall’alto. Sebbene sia stato tutto stabilito dal Creatore, non sono d’accordo con questo. Allora questa forza si chiama Faraone. Questo è già un progresso significativo.2

Dalla prima parte della Lezione quotidiana di Kabbalah del 13/01/2019, Gli scritti di Rabash, Vol.1, Articolo 2 “Riguardo all’amore per gli amici” (1984)

1 minuto 14:00
2 minuto 38:20

Materiale correlato:
Siamo degli Schiavi?
Non Fuggire dal lavoro ma da te stesso
Soffrire la fame nell’abbondanza

Cosa accadrebbe all’anima comune se l’umanità si estinguesse?

Domanda: Cosa accadrebbe all’anima comune se una catastrofe globale si abbattesse sull’umanità ed essa si estinguesse completamente?

Risposta: Non ti preoccupare, l’umanità non arriverà all’estinzione totale, anche se ad una parte di essa potrebbe accadere. Pertanto, dobbiamo sforzarci per aiutare tutti ad iniziare il processo di correzione prima che accada un problema.

In principio, lo stato di correzione completa esiste già nella forma spirituale. L’unica cosa che dobbiamo fare è rivelarlo rapidamente ed entrare in esso.

[239589]

Dalla lezione di Kabbalah in lingua russa, 16/09/2018

Materiale correlato:
La correzione dell’anima generale
Correggere i rapporti tra di Noi
Tutta la correzione avviene nell’unione

New Life n.1075 – Come scoprire il proprio vero “Io”


New Life n.1075 – Come scoprire il proprio vero “Io”
Il Dott. Michael Laitman in una conversazione con Oren Levi e Yael Leshed-Harel

Riepilogo

La parte più interiore e più vera di una persona viene chiamata anima. Scoprendo il punto interiore che è chiamato “io”, o meglio anima, una persona rivela il potere superiore, fortificante ed eterno chiamato il Creatore. Oggi siamo distanti dall’essenza della vita, dall’anima. Questo è particolarmente evidente con le generazioni più giovani. Siamo inconsapevoli del nostro vero “io” mentre veniamo forgiati dalle caratteristiche innate, dall’educazione e dai fattori ambientali. Continuiamo a svilupparci in questo modo di generazione in generazione, sino a che arriviamo alla domanda: “Ma io chi sono davvero?”, e così ci mettiamo alla ricerca di un potere superiore che può fungere da ancora di salvezza nella vita di ciascuno di noi. Questo è il fine dell’evoluzione umana ed ognuno di noi deve raggiungerlo. Tutti apparteniamo alla stessa radice e tutti siamo connessi l’uno all’altro. Quando una persona è connessa alla propria radice più interiore, sente di essere arrivata ad una casa amorevole, calda e piena di ogni piacere.

[238156]

Dalla trasmissione di KabTV “New Life n.1075 – Come scoprire il proprio vero “Io””, 06/12/2018