Non credete a me, scopritelo voi stessi

Dr. Michael LaitmanDomanda: Perchè dovrei crederle?

Risposta: Lei non deve credere a me, poiché non può percepirmi veramente e non può capire se le cose che dico sono vere oppure no. Se l’uomo comprende la saggezza della Kabbalah, sa di cosa sto parlando e se non comprende, come può esprimere il suo disaccordo dalla prospettiva del non comprendere?

La saggezza della Kabbalah non è un sistema di informazioni che viene offerto ed insegnato all’uomo, ma è un sistema di guida ed una serie di istruzioni che conducono alla rivelazione del mondo superiore. Allora l’uomo può studiare e comprendere indipendentemente, e questo è il motivo per cui non te ne posso parlare.

L’uomo non ha i giusti strumenti o vasi, ovvero, i sensi e gli attributi giusti per percepire il mondo superiore, perché questo viene conseguito solo quando egli assomiglia e si eguaglia ad esso. Anche quando legge i libri di Kabbalah e non comprende nulla.

Io posso solo spiegare il metodo per raggiungere la sensazione del mondo superiore e come possiamo avanzare verso esso, come entrarvi tramite la connessione tra gli amici, attirando la Luce Circostante su di noi, ecc. L’uomo comincerà a percepire e a raggiungere questo quando diventerà un kabbalista.

Domanda: Possiamo chiamarla la parte nascosta della Torah? Quello che i libri di Kabbalah descrivono è la parte rivelata e quello che è conseguito la parte nascosta?

Risposta: Al contrario, la parte nascosta è la parte che i libri descrivono, i livelli, le ascese, le rivelazioni, ecc., perché quando l’uomo legge non capisce ciò che legge, ma quando consegue percepisce il mondo superiore, gli viene rivelato, mentre rimane nascosto a tutti gli altri.
[189319]

Dalla lezione di Kabbalah in russo 20/03/16

Materiale correlato:
L’effetto dei libri kabbalistici
Leggere un testo Kabbalistico
Imparare dai Saggi

Il Postulato Assoluto

Dr. Michael LaitmanDomanda: Perché le religioni non uniscono ma invece ognuna spinge per soffocare le altre?

Risposta: Accade perché tutte le fedi e le religioni sono completamente egoiste. Le guerre religiose e gli attacchi sono proseguiti per centinaia di anni, e ad oggi non cessano, specialmente nell’Ebraismo, nel quale sono apparse molte fazioni e denominazioni religiose che si sono messe in competizione una contro l’altra.

Le religioni sono un prodotto dell’egoismo umano, quindi non esiste una ragione per cui aspettarsi qualcosa di buono da loro. Sono davvero “l’oppio dei popoli”.

I religiosi non applicano la regola generale “Ama il prossimo tuo come te stesso” (Levitico 19:18). In generale, dove e come esse sostengono questa Mitzvah (precetto)?

La Saggezza della Kabbalah non ha alcuna connessione con le religioni, e questa è anche l’essenza del problema. Abbiamo un grande scontro con le diverse organizzazioni religiose, le quali credono che, attraverso l’esecuzione di azioni meccaniche, l’uomo si assicuri il mondo a venire.

La Kabbalah afferma che con la realizzazione meccanica, l’uomo non avrà il mondo a venire ma rimarrà un egoista. Se non c’è un’ascesa al di sopra della propria natura egoista, che tipo di mondo spirituale potrà esserci per lui?Il mondo a venire è un mondo di altruismo che l’uomo costruisce mentre si trova in questo mondo, tramite la realizzazione del princìpio “Ama il prossimo tuo come te stesso”. Ne consegue che le religioni comprano semplicemente le persone e nient’altro.

Commento: È interessante che nulla vieta alle persone che studiano la saggezza della Kabbalah di rimanere nella propria religione.

Risposta: Ogni uomo che lo desidera, può essere coinvolta nella saggezza della Kabbalah, nonostante la sua religione. Baal HaSulam scrive su questo nel suo libro L’ultima generazione”.

L’appartenenza ad una religione o ad un’altra non preoccupa l’uomo che può mantenere tranquillamente le sue abitudini. Ma internamente, egli deve cambiare in altruismo, elevandosi al di sopra della sua natura egoista. Questo è ciò che differenzia la saggezza della Kabbalah dalla religione. Tutto il resto è una tradizione che può essere mantenuta o meno, ma è un problema personale. Tuttavia, elevarsi al di sopra del proprio egoismo tramite la saggezza della Kabbalah è un postulato assoluto.
[189540]

Dalla lezione di Kabbalah in russo 20/03/16

Materiale correlato:
Le contraddizioni tra la religione moderna e la Saggezza della Kabbalah
La Saggezza della Kabbalah non è una religione
I tre parametri della fede

Gli esperimenti dei kabbalisti

Dr. Michael LaitmanDomanda: Nelle scienze naturali, gli esperimenti si praticano per comprendere la natura. Anche i kabbalisti praticano degli esperimenti nella natura superiore?

Risposta: I kabbalisti hanno solo questi esperimenti, ma avvengono ogni secondo, perché un kabbalista è in comunicazione costante con lo sforzo degli amici nel così detto gruppo kabbalistico.

Quando l’uomo interagisce con persone di idee affini, essi hanno la possibilità di variare insieme i propri desideri e rafforzare certe combinazioni. Come risultato hanno un numero infinito di combinazioni mutue e quindi influiscono la Luce Superiore.

Tutto questo succede mentre si studia dalle fonti kabbalistiche fondamentali, quando sono in contatto con la Luce Superiore che influisce su di loro mentre loro stessi influiscono la Luce Superiore stessa. Uno ad uno tutti sono influenzati da questo.

Così esiste una grande affluenza di informazioni. Ma non è difficile, dato che esse arrivano ai kabbalisti non in quantità ma sotto forma di sentimenti. Il kabbalista fluttua in questo come nella musica. Tutto è assolutamente armonioso, l’uomo capta l’essenza dell’armonia e per questo motivo non si stanca. Al contrario, l’uomo si sviluppa solo a partire da questo, riempiendosi di pace suprema.
[182902]

Dalla lezione di Kabbalah in russo 28/02/16

Materiale correlato:
Lavorare con la Luce
Lascia entrare la Luce!
L’elettrone è inesauribile!

Creare un mondo nuovo

Dr. Michael LaitmanDalla Torah (Deuteronomio 4:15-19): “Prendetevi cura delle vostre anime, poiché loro non videro nessuna immagine il giorno che il Signore parlò loro in Jorev (Sinai), in mezzo al fuoco. Evitate di corrompervi, non fate immagini scolpite di alcun simbolo, con forma di uomo o di donna. Né con forma di qualsiasi animale che esiste sulla terra , né con forma di creature con ali che volano nel cielo, né con la forma di qualsiasi specie inferiore di animali che si trascinano sul suolo. Né con forma di creatura acquatica, o meglio quelle nell’acqua sotto il livello della superficie terrestre. Quando alzi i tuoi occhi al cielo e vedi il sole, la luna o le stelle, con tutti i corpi celesti, non ti prosternare loro ne idolatrali. Il Signore tuo Dio li consegnò a tutte le nazioni sotto il cielo tutto”.

Domanda: Come possiamo evitare di vedere le immagini e le statue che ci circondano?

Risposta: Non esiste il Creatore e non esiste il mondo superiore. Abbiamo bisogno di crearlo da noi stessi, dentro di noi. È molto difficile da comprendere, ma la saggezza della Kabbalah ci spiega come percepiamo la realtà esistente, come la rappresentiamo nelle nostre qualità e come ci assicuriamo di questo, di fatto io non esisto né il mio corpo e neanche l’ambiente.

Esiste solo un desiderio dentro il quale percepiamo tutto.

Tutte le cose ed eventi sono immagini tracciate nel mio desiderio! Non esiste altro! Tuttavia mi sembra che esistano nella realtà, perché queste sono le mie qualità.

Ora ho bisogno di capire il motivo per cui percepisco questo mondo così, come posso elevarmi al di sopra di esso e creare un mondo nuovo dentro di me a partire dalle mie nuove qualità. Lo formo cambiando le mie qualità e cominciando ad esistere in tutti e due i mondi, nel mondo superiore e in questo mondo, nel grado più basso delle mie qualità dove ho idoli che adoro.

La materia del nostro mondo ci è data sotto forma di sensazioni, e poi? Apparentemente esiste un’altra classe di materia che può arrivare alle mie sensazioni e sarò in grado di controllarle.

Così io creo nuovi mondi con cinque gradi in ognuno di esso, i cinque gradi del mondo di Assya , poi i mondi di Yetzira, Beria, Atzilut e Adam Kadmon.

Salgo 125 gradi fino al mondo dell’infinito che include in sé tutti i mondi e ogni cosa che esiste, poiché rivelo totalmente il mio desiderio nel quale prima sentivo qualcosa in forma molto limitata, e l’ho chiamato il mondo, la parola “mondo” (Olam) viene dalla parola ebraica Alama, “occulto”.

Ora mi dirigo verso il mondo dell’infinito dove tutto è rivelato completamente, perché tutti i mondi precedenti sono inclusi in esso e si dissolvono lì.

Lì percepisco solo una luce bianca, chiamata il Creatore, e insieme a Lui io sono nel livello dell’assoluta conoscenza e della sensazione di eternità.

Questo è lo stato che dobbiamo raggiungere.
[188081]

Dalla trasmissione di KabTV “I Segreti del Libro Eterno” 17/02/16

Materiale correlato:
Il lavoro in concerto con la Luce
Il sistema dell’universo
L’universo è un ologramma?

L’anno 6.000 è la fine della storia

Dr. Michael LaitmanQuando studiamo la Kabbalah iniziamo a comprendere che nel mondo spirituale il tempo non esiste, ma esiste uno stato chiamato “6.000 gradi” che dobbiamo passare, e unire 6000 anime in una sola.

Tutto questo esiste nel mondo di Atzilut dentro il Partzuf Zeir Anpin (il Creatore).

Tuttavia, quando esso arriva negli stati spirituali, questi non cambiano.

Se diciamo “6.000 anni” intendiamo 6000 gradi; se diciamo “600.000 anime”, vuol dire 600.000 così dette Reshimot (registri delle informazioni) che dobbiamo realizzare tra noi stessi. Nel mondo spirituale tutto è distribuito molto chiaramente, e definito da formule e grafici.

E tutto ciò che è relativo agli anni fisici ed al riflesso degli stati spirituali nella nostra vita accadono in maniera diversa. Dopo tutto, nel livello materiale possiamo ridurre gli anni, e se, diciamo, in questo anno 5777 facessimo una completa correzione, allora il nostro anno si chiamerebbe 6.000 anni. Faremmo un salto nel tempo, ad esempio, porteremmo la Luce della correzione così vicina a noi da farci fare un salto negli anni con la sua velocità.

È abbastanza difficile spiegare esattamente l’incontro tra le strutture spirituali, fisiche, geografiche, storiche ed altre ancora, perché queste assi temporali e spaziali non sono adatte ad una persona normale.

Questo è il problema che anche Einstein, Hugh Everett ed altri scienziati molto conosciuti hanno trovato difficile da spiegare. Tuttavia, nessuno nel mondo lo comprende, ma sono d’accordo, perché nel nostro stato animato solito (materiale) non abbiamo la capacità di percepire e sentire l’accelerazione del tempo.

Io spero che vivremo per vedere il tempo in cui parteciperemo assieme alla correzione finale e saremo onorati di partecipare al “banchetto” in onore della fine della correzione al quale il Creatore, come lo sposo, inviterà la creazione intera, come sposa.

Per incontrare lo sposo, la sposa ha bisogno di correggersi, di vestirsi con l’abito bianco e di essere bellissima. La bellezza è la qualità della dazione.

Questo è un evento molto serio che sarà percepito come un qualcosa di veramente grande: 6.000 anni è la fine della storia.
[188464]

Dalla trasmissione di KabTV “I segreti del Libro Eterno” 03/02/16

Materiale correlato:
Uno sguardo al Settimo Millennio
La luce dell’anima rompe il recinto dell’Ego
Il mondo intero è come una piramide

I Livelli nello Studio della Kabbalah

Dr. Michael LaitmanDomanda: Qual è la differenza tra il modo in cui lei insegna la saggezza della Kabbalah e tutti gli altri modi di studiarla?

Risposta: La differenza è lo scopo per il quale una persona studia la saggezza della Kabbalah. Nella nostra organizzazione la studiamo per unirci e dare contentezza al Creatore, attraverso l’unione tra noi diamo piacere a Lui. Si tratta di un desiderio altruistico.

Alcuni studiano la saggezza della Kabbalah non per deliziare il Creatore, ma per rivelarLo. Questo è un livello intermedio di sviluppo tra l’intenzione egoistica e quella altruistica.

Gran parte dello studio della saggezza della Kabbalah è realizzato come metodo di unione per vivere una vita migliore, scappare dalle sofferenze, o ottenere una vita dopo la morte, ecc. Queste sono puramente intenzioni egoistiche, ma può essere lodevole poiché è diretto a chiedere al Creatore.

Tutte le altre sono aspirazioni inferiori che non hanno nulla a che fare con il Creatore.
[188202]

Materiale correlato:
Porre fine ai vecchi miti della saggezza della Kabbalah
Il dovere di imparare da un kabbalista autentico e saggio
Dissipare i miti sulla Kabbalah, parte 2

La correzione alla fine dei giorni

Dr. Michael LaitmanDalla Torah (Deuteronomio 4:29-30):E da lì tu cercherai il Signore tuo Dio e Lo troverai, se Lo cercherai con tutto il tuo cuore e tutta la tua anima. Nella tua angoscia, quando tutte queste cose ti saranno accadute, alla fine dei giorni, farai ritorno al Signore tuo Dio e obbedirai a Lui”.

Oggi siamo solo all’inizio del nostro percorso verso il Creatore. Davanti a noi ci sono molte correzioni.

Domanda: Cosa significa “con tutto il tuo cuore e con tutta la tua anima”?

Risposta: “Con tutto il tuo cuore” significa con tutti i tuoi desideri non corretti. Una volta corretti, insieme ai pensieri ed alle intenzioni, essi saranno chiamati “con tutta la tua anima”. L’anima è il desiderio completamente corretto di una persona, quando ella rivela la percezione del Creatore.

Alla fine dei giorni significa alla fine dell’esistenza dell’egoismo, quando salirai in cima alla scala spirituale attraverso 125 livelli, correggendo l’egoismo e gestendolo in modo appropriato. Allora ti fonderai col Creatore, conseguirai tutti i mondi insieme ed inizierai ad esistere in perfezione ed eternità.

Oggi ci troviamo nello stato chiamato “alla fine dei giorni” che può durare molti anni. Siamo nell’anno 5777, in base al calendario ebraico; restano 223 anni fino alla fine dei 6000 anni.

Comunque noi possiamo accelerare il nostro sviluppo spirituale se attivamente attraiamo più Luce Superiore. A partire dalla nostra generazione in poi, ciò sarà possibile e preferibile per noi ed agli occhi del Creatore.

Il sistema superiore, chiamato Creatore, è progettato in modo tale che noi lo possiamo influenzare per accelerare il nostro sviluppo e la nostra correzione. Per questo motivo ci è stata data la Kabbalah.

Tutto quello che hanno fatto i kabbalisti nel corso della storia dell’umanità, è stato necessario per condurci alla realizzazione del metodo spirituale e così abbreviare il tempo dello sviluppo spirituale.

Quindi è detto “Chi è chiamato Israele? Chiunque abbrevi il tempo del suo sviluppo spirituale”.

Domanda: È possibile superare i 223 anni in un anno?

Risposta: Anche in meno tempo. È scritto ne Il Libro dello Zohar ed in altre fonti kabbalistiche che non vi sono restrizioni in questo senso. Possiamo farlo molto rapidamente. Ci è stato dato tutto: la Kabbalah, il metodo spirituale, il sistema e le istruzioni per la sua realizzazione. Il resto dipende totalmente da noi.
[188460]

Dalla trasmissione di Kab TV “I Segreti del Libro Eterno” 03/02/15

Materiale correlato:
Saliamo senza discese
La fine della schiavitù egiziana
L’invidia e la dignità alzano il pigro dal divano

Senza desiderio non c’è preghiera

Dr. Michael LaitmanDomanda: È possibile elevare una preghiera e attrarre la Luce se non sento affatto disperazione e sofferenza?

Risposta: Com’è possibile pregare se non senti alcuna sofferenza? Come puoi chiedere se non hai necessità? La preghiera è la rivelazione del desiderio. Se non hai desiderio allora non c’è nemmeno la preghiera.

Domanda: Io posso pregare solo a partire dal mio proprio desiderio (Chissaron). Come posso pregare dalla mia decina?

Risposta: Non c’è un modo, naturalmente puoi farfugliare qualcosa, ma non ha alcuna influenza. Non puoi annullarti se non esisti in una decina. Non puoi in nessun modo diventare simile al Creatore.

Non puoi pregare dalla decina senza un desiderio comune. Puoi creare l’intenzione comune chiamata preghiera solo insieme agli amici, quando vi unite in un unico insieme.
[188575]

Congresso di Mosca, Lezione 3, 02/05/16

Materiale correlato:
Da cosa inizia la preghiera?
Uno strumento per la rilevazione del Creatore
L’intero gruppo delle “decine”
 

Lezione quotidiana di Kabbalah – 20.07.2016

Lezione sul tema “La preparazione per il Congresso”, lezione № 4
Audio
Video

Estratti su 17 di Tammuz, lezione № 2
Audio
Video

Nuova vita 488, La speranza cura

New Life 488
Nuova vita 488, La speranza cura
Il Dott. Michael Laitman in una conversazione con Oren Levy e Nitzah Mazoz

Abramo ha segnato un limite chiaro tra la verità, la natura e la mente umana, la quale esplora la nostra capacità di avanzare al livello umano e separa l’uomo dall’animale e, dall’altro lato, diversi misticismi e credenze che non sono neppure una religione, dove tutto è strettamente organizzato, però sono superstizioni oscure.

Riassunto

Esiste la saggezza della Kabbalah rivelata da Abramo la quale insegna sul Creatore ed esiste la religione, nella quale la persona funziona entro confini rigidi, conformemente a delle regole precise.

La religione è un ambito sociale che vincola la persona e non le permette di agire secondo i desideri del suo cuore. Si tratta di un certo tipo di pressione con la promessa di una ricompensa o di un castigo in questo e nel mondo a venire: paradiso o inferno.

Però esiste una zona grigia tra queste due correnti principali, la saggezza della Kabbalah (la saggezza della forza superiore) e la religione. Questa zona si è creata perché la gente non è più soddisfatta degli ambiti religiosi e cerca di scoprire qualcosa su se stessa: quale sarà il mio futuro? Cosa mi succederà? Come posso aver successo nella vita e tenere fuori i problemi?

Essi hanno domande pratiche. Non chiedono del mondo a venire che la religione promette loro, ma della vita quotidiana. Si preoccupano di avere successo nella vita e cercano i modi per riuscirci: benedizioni, amuleti di protezione per loro ed i loro figli, simboli semplici che diano loro la sensazione di sicurezza e speranza per il futuro.

La gente infatti compra gli amuleti della fortuna, lega i fili rossi attorno ai suoi polsi o usa cianfrusaglie simboliche con la speranza di circostanze migliori che le diano forza e appoggio psicologico. La gente è disposta a pagare molti soldi per sentirsi protetta, tranquilla, fiduciosa e felice.

In realtà questo aiuta. È risaputo che la fiducia in se stessi aiuta elevando le risorse nascoste del corpo che possono supportare e curare. Pertanto non possiamo semplicemente rifiutare questi metodi e dire che non funzionano. Sì funzionano ma in senso razionale e non c’è misticismo, pur provenendo da una fonte irrazionale.

Per questa ragione tra la saggezza della Kabbalah e la religione esiste una zona grigia. In Inghilterra ad esempio, la gente ha degli esperti che purificano le case nuove dagli spiriti maligni prima di viverci. Tutte queste superstizioni devono essere prese seriamente perché danno fiducia alla gente.

Ci sono pochissime persone che bramano la rivelazione del Creatore e per le quali è importante la saggezza della Kabbalah. Esiste molta gente che appartiene ad una determinata religione, in un modo o nell’altro, però ogni persona è in qualche modo connessa a questa zona grigia. Tutti credono in alcuni segni e simboli che nella vita li supportano e li sostengono.
[151277]

Dalla trasmissione di KabTV “Nuova vita 488 – La speranza cura 01/01/15