Pubblicato nella 'sviluppo' Categoria

Gli obiettivi nello sviluppo della Latvia – 2Parte

laitman_2009-05-xx_ny_6168Ho ricevuto una lettera: grazie per la sua risposta alla mia domanda e per la sua proposta di aiutare lo sviluppo degli obbiettivi di Latvia. Mi piacerebbe ricevere il suo aiuto rispetto a ciò.
Le proposte devono essere presentate prima del 18 Novembre 2009. Abbiamo tempo per sviluppare gli obbiettivi ed un progetto. Credo che un “piano diretto al benessere”, riceverebbe l’appoggio di tutte le persone.
Come crede che possiamo procedere in questo?

La mia risposta: ho ricevuto molte richieste di consigli provenienti da persone di tutto il mondo, su come uscire dalla crisi. Ho anche discusso questo tema con noti politici, economisti, scienziati e capi culturali. Durante le ultime settimane, ho sostenuto un gran numero di riunioni negli Stati Uniti su questo tema ed ho pianificato altre riunioni nel prossimo futuro.
Noi di Bnei Baruch stiamo lavorando attualmente ad una breve dichiarazione che delineerà le nostre raccomandazioni sullo sviluppo di una società armoniosa, che sia in linea con lo sviluppo delle leggi della Natura, e con la risoluzione dei problemi che nascono dalla crisi, le quali saranno concordi con queste direttive.
Per il momento, le raccomando di visionare i materiali della seguente lista ………………………………..

materiale correlato:

litman blog:la crisi potrebbe portare presto intere nazioni alla banca rotta
laitman blog:Cosa serve per far capire alla gente che abbiamo bisogno di un modello economico alternativo?
laitman blog:insieme possiamo salvare il mondo dalla crisi
creare una nuova civiltà

A dire il vero la Crisi Economica è la mancanza di Luce Superiore

israelQuando un uomo si sente schiavizzato dal suo ego, questa sensazione è chiamata “esilio”. L’esilio si ha quando un uomo sente una pressione nella sua vita, quasi come una contrazione di fatica, che succede per andare da questa vita alla Vita Superiore.

Oggi, mentre vediamo tutti i guai che stanno capitando all’umanità, dovremmo capire che questa sensazione di esilio universale si diffonderà presto in tutto il mondo e si esprimerà dentro ogni persona. Questa cosa succederà gradualmente, perché capiterà ad un’enorme quantità di persone, ognuno al suo personale livello di sviluppo e in base alla sua mentalità. Gli uomini potrebbero possedere ogni cosa che volessero avere, ma quando il desiderio egoistico di ricevere piacere cresce in ogni uomo, tutti cominceranno a sperimentare un’orribile depressione, il buio, e l’insoddisfazione nella vita. Nel frattempo, i colpi che ci arriveranno diventeranno sempre più qualitativi.

Tuttavia, questi colpi non ci lasceranno senza lavoro o senza cibo. Al contrario, si presenteranno a livello mentale. Un uomo non avrà mezzi per rianimarsi, e si sentirà continuamente scontento, al limite della disperazione.

Forse ci sembra che tutti i problemi che ci stanno capitando oggi stiano avvenendo a livello materiale. Ma in seguito riveleremo che, in verità, sono dei problemi spirituali. Dopo tutto, lo scopo della Creazione è che tutti avanzino fino ad assomigliare al Creatore.

Se il “punto nel cuore”- il desiderio per la spiritualità ( la dazione, da non confondersi con altre definizioni di “spiritualità”) non si è ancora risvegliato in un uomo, egli comprende ogni cosa che gli succede solo attraverso l’esistenza del suo corpo fisico: cibo, famiglia, lo stato della società, e così via. Dunque, egli non è in grado di riconoscere che questi sono dei problemi spirituali.

Anche se il piacere che manca ad un uomo è spirituale, egli è incapace di comprendere che questo è ciò gli manca. E’ solo quando gli succede qualcosa di brutto nella vita corporale che egli comincia a capire che si sente male perché gli manca la spiritualità. Questo è il modo in cui l’egoismo si sviluppa in noi lungo quattro fasi, in cui la fase animata dà il via a quella spirituale.

Questa è la ragione per cui il mondo intero si trova in uno stato di crisi economica. Perché la crisi è in particolare economica? Perché tutti noi dobbiamo avere a che fare con l’economia? Il fatto è che questo è precisamente il linguaggio che tutti noi comprendiamo. Ma in realtà, è una mancanza di Luce.

materiale correlato:

laitmn blog:la crisi finanziaria – un analisi
laitman blog:è giunto il momento di eseguire un aggiornamento su di noi
laitman blog:la crisi continuerà finchè non grideremo: ” Basta con l’ Egoismo! “

Non puoi diventare Umano da solo

the-condition-of-entering-the-upper-world-is-mutual-guarantee
La domanda che ho ricevuto: La scienza della Kabbalah ci insegna la struttura dei mondi spirituali, e la sensazione che l’uomo ottiene quando raggiunge il livello di “umano”. Tuttavia, quando l’uomo arriva a questo livello, egli conosce tutte le cose che i Kabbalisti hanno rivelato. Altrimenti, essi non sarebbero stati in grado di scrivere tutti i loro libri. Quindi perché studiare la scienza della Kabbalah, se un uomo può raggiungere questo stato da solo?

La mia risposta: Noi studiamo la scienza della Kabbalah per raggiungere tutto questo più velocemente. Altrimenti, saremmo come un bambino di questo mondo che deve incominciare la sua vita come un essere preistorico, dovendo riscoprire le stesse leggi e attraversare lo stesso sviluppo ancora tutto daccapo. Noi stiamo preparando il mondo e stiamo creando un sistema di educazione per i nostri figli, così che potranno essere pronti per il mondo spirituale.

materiale correlato:

perchè studiare kabbalah
la saggezza della kabbalah non si impara attraverso il senso comune
introduzione al talmud delle 10 sefirot
come vivremo nell’ ultima generazione
laitman blog:il mondo intero deve imparare le regole del mondo globale

Lo Scopo della Nostra Dipendenza e Alienazione

changing-the-world-starts-with-changing-our-intentions1A causa del fatto che i nostri desideri egoistici si sviluppano costantemente, percepiamo come se anche il mondo si stesse sviluppando, poiché questa è la nostra percezione interiore, soggettiva.

In conformità alla crescita del nostro desiderio, sentiamo che ci stiamo sviluppando, tuttavia, ci sentiamo anche più vuoti. Nella misura in cui ogni desiderio egoista individuale ( ogni persona ) si sviluppa, comincia a sentire la sua dipendenza dagli altri desideri egoistici ( le altre persone ). Allo stesso tempo, li percepisce come estranei a sé stesso. Questo tipo di percezione è stata creata dentro di noi appositamente, affinché potessimo riunire tutti gli altri desideri e farli propri.

È con lo scopo di obbligarci a questo, che le circostanze ci forzeranno a sentire la nostra dipendenza dall’ambiente, che sia dalla nostra nazione o dal nostro villaggio, dai nostri parenti, dal mondo, o da tutta l’umanità. Scopriremo, più in avanti, che la nostra connessione con il mondo non è soltanto necessaria per la nostra esistenza in questa vita, ma per creare il Mondo Superiore e la nostra esistenza futura.

È questa la ragione per la quale una nuova legge ci viene rivelata in questo mondo: la legge della partecipazione comune, o legge della garanzia reciproca, l’altruismo e l’unità.

materiale correlato:

l’ arvut , la garnzia spirituale
laitman blog:è giunto il momento di eseguire un aggiornamento su di noi
laitman blog: la crisi continuerà finche non grideremo basta con l’ egoismo
matan toràh : il dono della toràh
laitman blog:nel nuovo mondo che si sta formando dovremo soprattutto donare agli altri

Nella Kabbalah, Vedere è Credere

seeingHo ricevuto una domanda: come può provare che il suo metodo sia l’unico che può permettere di raggiungere la meta della creazione?

La mia risposta:

1. Non voglio provare niente. La kabbalah è nascosta, invece di attrarre le persone per unirsi nelle sue fila. Solamente la persona che davvero lo desidera, scoprirà e studierà questa saggezza. Non c’è nessuna coercizione che spinga qualcuno ad avvicinarsi o ritirarsi, come non ci sono limitazioni o requisiti per studiare la kabbalah.

2. Ciò che lei chiede è che il futuro si riveli, per avere un’evidenza chiara che lo studio della kabbalah sia autentico. Tuttavia, questo potrebbe essere possibile solo se lo studio si limitasse al livello di questo mondo, però lo studio della kabbalah eleva la persona al di sopra di esso. Nella kabbalah, “vedere” qualcosa vuol dire sentirlo realmente con i sensi. Se un individuo può vedere e sentire il risultato finale, il futuro, senza cambiare la percezione, allora il metodo che ha utilizzato non lo ha trasformato. Di conseguenza, questo metodo non renderebbe la persona simile al Creatore.

3. “Una persona dovrebbe sempre studiare dove vuole il suo cuore”. “Non c’è coercizione nella spiritualità”. “ Insegna ad uno studente in accordo alla sua attitudine”. Questo ed altri simili proverbi di saggi cabalisti ci dicono che è proibito persuadere, convincere e provare qualcosa a qualcuno. Si può solo mostrare alla persona come svilupparsi, affinché percepisca il mondo spirituale da sé, in funzione del suo livello di sviluppo.
Questo è il modo in cui la kabbalah si occupa dello sviluppo di una persona: non c’è coercizione, solo esempi. Qualunque altro metodo è considerato coercitivo e causa solo danni alla persona e al mondo.

materiale correlato:

un gentile può studiare la kabbalah
perchè studiare la kabbalah
cos’è la kabbalah

Una definizione della nuova generazione

profitLa domanda che ho ricevuto: Cosa intendi quando dici “la nuova generazione”?

La mia risposta: La nuova generazione è il prossimo livello di sviluppo dell’umanità. Si avrà quando l’umanità uscirà dal livello animato, egoistico o istintivo, dove tentiamo di controllare i nostri desideri istintivi, animati ed egoistici per non scannarci tra di noi (a proposito… questo è ciò che chiamiamo società umana, o la nostra civiltà!). Passeremo da questa a una civiltà in cui ogni cosa sarà regolata dall’amore per il proprio prossimo.

materiale correlato:

laitman blog: Nel Nuovo Mondo che si sta formando dovremo soprattutto Donare Agli Altri
laitman blog: Come Inizierà la Società del Futuro
laitman blog: Dobbiamo svelare la mappa della nostra connessione
Articoli: Gli scritti dell’ultima generazione (Una raccolta)
Kabbalah blog: Siamo stati scelti per essere l’ultima generazione?
Kabbalah blog: Come vivremo nell’ultima generazione?

Nel Nuovo Mondo che si sta formando dovremo soprattutto Donare Agli Altri

rise

La domanda che ho ricevuto: Se cambiassimo il nostro modello egoistico di condotta e lo trasformassimo in un modello di amicizia e considerazione reciproca, questo fatto non fermerebbe lo sviluppo che la competizione provoca?

La mia risposta: La competizione non scomparirebbe. Ecco il perché oggi l’uomo vuole massimizzare il suo profitto, ma sta scoprendo che il suo successo dipende dal mondo intero. Mentre osserva la crescente connessione tra sé e il mondo, sentirà come il dare agli altri alla fine gli farà avere il successo. Non comincerà a muoversi meglio perché improvvisamente il mondo è diventato più ricco e lui può prendersi una parte dei profitti, ma perché gradualmente comincerà a sentire che facendo delle azioni di dare al mondo, si connette a qualcosa di più elevato- una soddisfazione e un appagamento che sono più elevati. E questo appagamento più elevato è ciò che comincerà a dargli la capacità di capire il significato in ogni cosa che accade- otterrà la sensazione del Creatore.

Materiale correlato:

io gli altri e l’ amore
amore e’ fornire agli altri il mezzo per riempire il loro punto nel cuore
in natura tutto si muove verso l’ unità

La morte

dieRav Michael laitman, phd è intervistato dal popolare conduttore della televisione russa lev novozhenov.

“ La morte” uno dei temi dell’intervista

L. Novozhenov: Lei ha detto che una persona, che si trova in equilibrio con la legge della natura non si ammala. Questa persona non muore neanche? Questo significa che non ci si ammala e non si muore?

M. Laitman: La morte non è conseguenza di una malattia:
La morte è un periodo di tempo naturale con finalità di limitare la realizzazione della missione dell’uomo, in una determinata tappa del suo sviluppo egoistico. Ci sono differenti periodi e tipi di morte.Qualche volta possiamo parlare di questi stati con più dettagli. Però questi periodi non dipendono dalle malattie. Si può star bene in salute, però poco a poco l’egoismo “animale”si va consumando. Perché una persona muore? Perché consuma il suo egoismo. L’uomo non desidera mantenere questa condotta.

L.Novozhenov: Se vuole avere una lunga vita – è un egoista!

M. Laitman: diciamo che è così. La vecchiaia arriva quando si consuma l’egoismo, i desideri vengono meno. Però perché? E’ un errore pensare che, con la fine della vita , è necessario aver accumulato un gran egoismo. L’uomo deluso è depresso perché non può soddisfarsi naturalmente in forma egoistica. I desideri egoistici non possono soddisfarsi attraverso i mezzi naturali. Una persona compra una macchina un appartamento, non importa cosa- al fine, una settimana dopo il piacere delle cose che ha acquistato sparisce, tutto torna al quotidiano. O una persona affamata, che finalmente arriva ad ottenere il cibo, inghiotte varie porzioni, finchè il suo piacere sparirà, l’uomo deve passare ad un’altra cosa.

Quando il piacere riempie un desiderio egoista, lo annulla, e il piacere si lascia percepire come tale. L’egoismo si uccide da solo. Questo è il segreto e la causa della nostra morte. Se avviene in maniera, senza avvicinarsi alla morte, si starà percependo l’immortalità.

Che significa immortalità? Noi non percepiamo la morte del nostro corpo come la morte del nostro “io”. L’uomo avrebbe la sensazione dell’eterna circolazione delle informazioni materiali come il suo proprio “io”. Perfino davanti alla morte del corpo, ci lasciamo relazionare con lui. Però l’io non è un organismo biologico. L’io è una cosa spirituale distinta. Si possono sostituire la totalità degli organi del corpo, però il mio “io” continuerà ad essere il mio “io”. Un corpo non è altro che una macchina.

Anticamente si pensava che l’io era il cuore della persona. Ora pensiamo che chissà è la mente, la coscienza. A breve saremmo in grado di sostituire le teste delle persone, e sarà lo stesso non avremo scoperto niente di nuovo. L’io della persona continuerà ad essere quello che è.

Quando il desiderio si trasforma in altruismo non sparisce sotto l’influenza della soddisfazione di colui che lo sta ricevendo, e l’uomo sarà capace di percepire l’immortalità. Chi studia la kabbalah raggiunge questo stadio, e si innalza al livello dell’eterna circolazione dell’informazione, relazionando il suo “io” a questa eterna corrente. E la morte del corpo è come un cambio di camicia.

Materiale correlato:

laitman blog:che cos’e’ l’ anima
laitman blog:a proposito della vita e della morte e dell’ anima

La Dazione può soddisfarci molto più di qualsiasi altra cosa

hopeHo ricevuto una domanda: Non capisco cosa succederà alla società durante il periodo della transizione dal desiderio di ricevere alla volontà di dare. La gente non troverà soddisfazione nel denaro o nel potere, però ancora non sapranno cos’è la dazione. Cosa motiverà le persone a realizzare atti di dazione? Come potranno le persone volerlo senza ricevere alcun piacere da questa idea?

La mia risposta: La gente sentirà soddisfazione perché la società li incoraggerà a dare. La società ricompenserà e rispetterà la persona per la sua dazione e questo la farà sentire soddisfatta. L’obbiettivo del nostro sviluppo è raggiungere una connessione interpersonale tra noi e la sensazione di questa connessione ci rifornirà di combustibile per dare ed amare.
In fin dei conti, ciò che una persona desidera veramente non sono solo soldi in banca, successo o potere, bensì una pienezza interiore, oppure una certa risposta della società per lui. Tutti i piaceri che si trovano al di sopra e aldilà delle nostre necessità fisiche vitali, le percepiamo come soddisfazioni intangibili e virtuali.
Inoltre, esiste qualcosa che consideriamo più prezioso della soddisfazione che ci dà il denaro e mi riferisco alla pienezza che sentiamo quando riceviamo il rispetto e l’apprezzamento della società. Questo è ciò che desiderano anche i ricchi e i potenti, però non lo possono ottenere, perché quando riescono ad ottenerlo è falso, un prodotto della corruzione.
La cosa peggiore che può sperimentare una persona è la critica, l’ umiliazione e il disprezzo della società verso di lui ed i suoi figli. Questo è peggio della morte stessa. L’opposto di questo, sono le qualità di rispetto, riconoscimento e apprezzamento. Queste ci forniscono una maggiore pienezza nella vita.
Il nostro lavoro è fomentare un’opinione pubblica che spinga ogni persona a cambiare, a passare dal ricevere dalla società al dare alla società. Tutti sentiranno, in questo modo, la ricompensa che si ottiene nel dare alla società.

Materiale correlato:

Laitman blog: Non avremo bisogno del superfluo nella Società futura
Laitman blog: Dove finiranno tutti i soldi dopo la crisi?

Il Gioco della Vita ha Nuove Regole

remindsOggi sia i banchieri che gli industriali dicono che manchiamo dell’adeguata connessione tra di noi. Abbiamo delle risorse naturali e delle industrie, abbiamo stampato sufficiente denaro, abbiamo il desiderio- abbiamo tutto! Ci manca solo una cosa: la capacità di costituire un collegamento che funzioni tra tutte queste cose.

Improvvisamente ogni cosa ha smesso di funzionare, anche se c’è molto di tutto nel mondo: aerei, macchine, industrie, banche, cibo, e continuate da voi con la lista. Allora, perché il sistema non funziona? Non funziona perché non sappiamo come collegare tutti i componenti! Ma prima eravamo capaci di farlo?

Sì, lo eravamo, ma adesso è come se qualcuno dal “di fuori” avesse schiacciato un bottone, e la connessione che c’era prima ha smesso di funzionare. Adesso serve una nuova connessione. E’ come nel gioco del Monopoli, dove le regole del gioco sono cambiate, e noi dobbiamo imparare le nuove regole. E’ un nuovo programma, che si sta rivelando oggi nella forma di una connessione universale.

Tutta l’umanità si sentirà presto come insensibile, intorpidita, e il senso di immobilità continuerà a crescere finché l’ultimo soffio d’aria non sarà uscito dalla canna e l’intera macchina non avrà smesso di funzionare. Questa cosa continuerà finché non troveremo la giusta connessione.

La giusta connessione significa che dovremo comportarci come una società globale, un “piccolo villaggio” in cui ognuno si prende cura degli altri e viceversa. E questo è possibile solo attraverso l’amore per il proprio prossimo. Quindi, finché non seguiremo il programma di “ama il prossimo tuo come te stesso”, non potremo mettere in funzione il sistema. Possiamo farci la guerra tra di noi o fare ogni altra cosa- niente servirà. Il problema è che la connessione tra di noi è rotta, e non c’è altro che possiamo fare se non unirci sollevandoci al di sopra del nostro egoismo. Questa è la sola cosa che ci potrà aiutare.

materiale correlato:

laitman blog: perchè nonostante abbiamo tutto, non abbiamo mai nulla
laitman blog: paura e sospetti svaniranno se nel mondo tutti si uniranno
lezioni sulla crisi : di Rav Michael Laitman
la pace nel mondo
come arrivare alla connessione