Pubblicato nella 'male' Categoria

Il nostro mondo integrale è un cerchio senza inizio né fine

upperHo ricevuto una domanda: come può, una persona odiare il suo egoismo senza odiare gli altri allo stesso tempo?

La mia risposta: il problema nel mondo di oggi, è che tutti danno la colpa agli altri. Però se stiamo parlando di un sistema chiuso, integrale, tutti al suo interno sono colpevoli; nessuno ha ragione o torto. Se il male persiste è il risultato di ognuno di noi.

Se tutte le ruote dentate sono ingranate tra loro, non c’è una ruota che possa salvarsi dalla ricompensa o dal castigo; tutte sono connesse. Non si può dire che qualcuna debba girare o forzare le altre a girare a causa loro, tutte girano simultaneamente. Di conseguenza, la nostra connessione è reciproca. Questo significa che tutti dobbiamo decidere simultaneamente, “smettiamo di girare ognuna dal proprio lato e cominciamo a girare nella stessa direzione, ognuna per il bene dell’altra”.

Tutti siamo colpevoli di ciò che sta accadendo nel mondo. Non esistono criminali o vittime. Tutti siamo ugualmente responsabili per il bene ed il male. Questo, perché viviamo in un mondo integrale e la rappresentazione di un mondo integrale, è un “cerchio” che non ha né principio né fine. Così, non c’è nessuno a cui dare la colpa, tutti contribuiscono a tutto ciò che capita nella società umana.

Dobbiamo comprendere la natura di un sistema integrale completo e cominciare a trattare tutti in maniera diversa. Se io acquisisco il riconoscimento del male, mi accorgerò che sono l’unico criminale al mondo.

Materiale correlato:

Laitman blog:siamo tutti colpevoli della crisi globale
Laitman blog:l’ umanità è un sistema chiuso
Tutto meno che la sopravvivenza

C’è uno scopo per tutta l’irrequietezza nelle nostre vite.

is-the-bermuda-triangle-myth-or-reality1Oggi giorno ci troviamo di fronte ad una manifestazione unica : la Natura ci mostra che siamo separati, che ci odiamo e che il nostro egoismo è distruttivo. Tuttavia, ci mostra anche che dipendiamo da tutti a livello globale e siamo connessi contro la nostra volontà.

Non sappiamo dove sfuggire gli uni dagli altri. Ci si sta obbligando ad obbedire alla legge della Natura, ed è questa che ci sta forzando, e non le condizioni artificiali create dall’uomo. Se non seguiamo questa legge, ci troveremo in conflitti ancora maggiori con la Natura, esponendoci a colpi ogni volta più forti, alla sofferenza ed anche all’estinzione, e tutto questo accadrà a causa del nostro egoismo.

Ci troviamo in uno stato di esilio dalla Natura. Esiste qualcosa che ci liberi da questo stato? Si, c’è. La nostra salvezza consiste nel creare una connessione corretta tra noi e con la Natura che ci circonda. Questa, ci darà l’opportunità di diventare una parte integrante ed armoniosa della Natura.

È imperativo che ognuno di noi senta e comprenda che la nostra sopravvivenza, ovvero gli alimenti, il clima, la salute, la condizione psicologica e spirituale e tutto il resto, dipendono esclusivamente dalla nostra armonia con la Natura. Di fatti, questo è il proposito della turbolenza nelle nostre vite. Tutte le situazioni, gli incidenti e gli stati che attraversiamo, hanno lo scopo di aiutarci a rivelare la forza interiore dinamica: il Creatore. I problemi e le pressioni sono ciò che ci permettono di imparare a sentirlo e a cominciare a vedere che Lui è la ragione di tutto.

Per questo le crisi arrivano ad ondate. Il loro proposito è rivelare che l’odio tra noi è la ragione di tutto il male che accade nel mondo. Allora vedremo che questo odio è equivalente ad una cacciata dalla perfezione e che elevarci al di sopra dell’odio ci libererà dall’esilio.

materiale correlato:

laitman blog:non possiamo unicrci ma dobbiamo farlo
laitman blog:c’ è una vita perfetta in serbo per noi

Perchè c’ è cosi tanta Gente nel Mondo ?

profit1
La domanda che ho ricevuto: Perché la popolazione della Terra ha dovuto raggiungere i sette miliardi di persone? E’ per preparare l’umanità a fare il salto nel nuovo stato?

La mia risposta: L’intero percorso dell’umanità ha attraversato ciò che era necessario per una cosa soltanto: per portare le persone al riconoscimento del male. Questo è il punto dal quale comincia la correzione.

La crescita della popolazione è avvenuta in relazione alla costante crescita del nostro “desiderio di ricevere”, o desiderio di sentire piacere. Questo desiderio doveva essere diviso tra miliardi di persone poiché altrimenti sarebbe stato troppo per una persona sola e quindi impossibile da correggere. Quando è diviso su un grande numero di persone, diventa possibile per ogni persona correggere il proprio piccolo e personale egoismo. Quindi, è il livello dell’egoismo che determina il livello della popolazione del mondo.

Ogni cosa è programmata. Quando c’è la possibilità che un minore numero di persone realizzi una correzione più intensa, questo fatto provoca una guerra. In periodi di grande sofferenza, le persone diventano più sensibili verso gli altri e sono più disponibili a fare delle concessioni. La correzione può allora essere raggiunta da un numero inferiore di persone, e perciò una grossa parte della popolazione muore.

Ogni cosa è determinata dal livello del desiderio di ricevere e dal bisogno di correggerlo. Questa cosa non è decisa al livello del nostro mondo, ma è determinata dal Dominio Superiore.

materiale correlato:

raggiungere la correzione con meno spargimento di sangue
cosa è il desiderio di ricevere
sette miliardi

Riconosciamo il Bene in quello che ci sembra Malvagio

beneUna persona pensa sempre che è giusta. Spera che gli succedano solo cose buone e mai cose sgradevoli. Oggi giorno, tutta l’umanità percepisce la vita in questo modo. Il mondo sta soffrendo di una crisi dietro l’altra, ci affliggono, ogni volta, problemi più grandi, però nessuno si ferma a considerare che forse c’è un proposito. Tutti pensano che gli avvenimenti sono accidentali.

In altre parole non stiamo imparando dalla nostra esperienza. Non stiamo prendendo coscienza, che siamo la stessa ragione di tutto ciò che succede.

Nel nostro stato attuale questo problema si rivela ogni volta più vivamente: a partire da questo punto, l’unica strada per progredire, è unirci come un tutt’uno.

Ciò è possibile solamente attraendo la Forza Superiore, il Creatore. Per questo è così importante divulgare la conoscenza, che permetta di utilizzare questa forza superiore della Natura. Solamente allora, ogni persona potrà riconoscere il bene in ciò che sembra essere male.

materiale correlato:

invece di cambiare il sistema dovremmo attirare su di noi la luce che corregge
laitman blog:l’ umanità è un sistema chiuso
laitman blog:perchè la kabbalah è l’ unico rimedio alla sofferenza
laitman blog:come far entrare la luce dentro di noi

la sofferenza globale puo’ essere evitata:

Il Creatore è felice quando noi lo siamo

otrkrovennyi_smech_100Ho ricevuto delle domande sulla relazione con il Creatore:

Domanda: Se il Creatore ha creato l’universo, come può l’uomo divenire uguale a Lui? Non si tratta di un’illusione di grandezza?

La mia risposta: Il Creatore ha creato l’indole negativa dal Bene, e l’uomo corregge il male per trasformalo in Bene. L’uomo lo fa per mezzo del suo desiderio, con l’aiuto del Creatore.

Domanda: Nella Kabbalah, cosa significa adorare il Creatore?

La mia risposta: Significa rispettare la qualità della dazione e dell’amore per tutti.

Domanda: Noi siamo in debito con il Creatore a causa del fatto che Lui ci ha creati?

La mia risposta: No

Domanda: Il Creatore prova felicità quando noi siamo felici?

La mia risposta:

Domanda: Provare a rendere qualcuno felice con il nostro amore per il Creatore ci fa avvicinare all’obbiettivo?

La mia risposta: Sì, molto più vicino!

Domanda: Continuo a leggere che il Creatore non ha alcun desiderio di “ricevere”, nonostante questo sento sempre espressioni come “ allietare il Creatore”, “dare contentezza al Creatore”, “per il bene del Creatore”, “il Creatore è felice nel vedere che le sue creature godono, “ e così via. Come può Egli sentire piacere senza ricevere? Puoi chiarirmi questo punto?

La mia risposta: L’unica qualità del Creatore è la dazione. Perciò, il Creatore è felice di dare. Ma quando le creature non ricevono da Lui, Egli soffre.

materiale correlato:

laitman blog: Percepiamo tutto all’interno dei Nostri Desideri
Amore decifrato
La legge dell’amore
Dall’Introduzione al Libro dello Zohar: La legge dell’equivalenza della forma

Una spiegazione di alcuni concetti kabbalistici (avanzata)

russia4Ho ricevuto delle domande su vari concetti e definizioni Kabbaistiche:

Domanda: Lo schermo è uno strumento che ci riporta nello stato in cui eravamo prima della conoscenza del bene e del male?

La mia risposta: E’ una strumento per riconoscere, realizzare e ascendere al di sopra della conoscenza del bene e del male, che ci porta ad una equivalenza della forma con il Creatore.

Domanda: Qual è il significato spirituale dello Sabbath ( il sabato)?

La mia risposta: E’ un simbolo della Correzione Completa.

Domanda: Stavo leggendo il Libro dello Zohar e nella sezione, La Lista delle Abbreviazioni e delle Spiegazioni, dice: “AA – Arich Anpin – Partzuf di Hochma, il centrale, iniziale Partzuf nel mondo di Atzilut, dal quale tutti gli altri Partzufim originano”. E’ corretto? Per quanto la mia conoscenza sia limitata, Keter è centrale e gli altri Partzufim originano da esso.

La mia risposta: Arich Anpin è Keter del mondo di Atzilut, perché Atik è nascosto dal Partzufim inferiore.

Domanda: Potresti gentilmente spiegare che cos’è la tecnica di insegnamento “bocca a bocca”? E’ una forma di studio usata oggi?

La mia risposta: Questo tipo di studio avviene tra lo schermo comune di un insegnante e del suo studente. Lo schermo è posizionato nella bocca (Peh) delle anime (Partzuf).

Domanda: Qual è la differenza tra desiderio e sforzo?

La mia risposta: Lo sforzo può essere praticato solo in misura del desiderio.

Domanda: Se non c’è alcun desiderio, come può un uomo creare la richiesta di uno sforzo?

La mia risposta: Sotto l’influenza dell’ambiente che lo circonda.

materiale correlato:

corsi virtuali di kabbalah
laitman blog:su cosa si basa la scienza della kabbalah

la struttura della relatà:

i 5 partzuf di Adam Kadmon:

l’ evoluzione del desiderio e dell’ umanità:

Può il G-20 stabilire il giusto potere di bilanciamento ?

power-balanceLa domanda che ho ricevuto: Che tipo di potere in equilibrio dovrebbe essere stabilito per il mondo? I leaders del G-20 vogliono creare un miglior potere che sia in equilibrio tra i diversi paesi, per essere sicuri che nessun paese sarà in grado di controllare gli altri. Come vedi questo progetto di potere equilibrato, se fatto in modo corretto?

La mia risposta: Non la vedo come qualcosa di buono. Ogni azione che sia basata sull’ego umano ignora i cambiamenti interiori necessari nelle reciproche relazioni tra le persone. Perciò, anche se qualcosa viene fatto per il bene dell’equilibrio, ciò porterà al riconoscimento del male e si manifesterà in una forma negativa. In realtà, le persone non riconoscerebbero in altro modo il male che è dentro di loro. Se realizzeremo la correzione nelle relazioni interpersonali, allora non vale la pena creare alcun nuovo regolatore. Non servirà e ci porterà solo in stato ancora più corrotto.

Il nostro mondo è ricco: ha delle risorse naturali, industrie sviluppate, macchine, tecnologia, economia, un sistema bancario, e l’agricoltura. Ogni cosa è ben armonizzata al 100%: Ci manca solo una connessione tra di noi. Questa connessione non può essere raggiunta per mezzo di un regolatore, che i leaders del G-20 sperano di impiegare per risolvere i nostri problemi a livello corporale. Essi pensano “Creiamo un computer speciale che farà tutti i calcoli giusti”

Ma il fatto è che i calcoli che devono essere fatto sono dentro di noi, e devono essere fatti per il bene del nostro prossimo! Cosa dice Baal HaSulam nel giornale “La Nazione”? Egli scrive, “ Ci deve essere un’equa distribuzione tra tutti! Petrolio, gas, metalli, ed ogni cosa sulla terra appartiene all’umanità intera in egual misura. Tu non puoi avere qualcosa se un altro non può, perché essa appartiene a tutti in modo eguale!”

Tutte le persone devono lavorare per il reciproco beneficio, e devono farlo volontariamente, piuttosto che a causa di qualche regolatore. Usare un regolatore sarebbe come quando è stato usato il KGB in Russia. Deve avvenire a causa del nostro desiderio!

Quindi qual è il punto di riferimento dal quale dovremmo partire adesso? E’ l’educazione- imparare da dove arrivano i problemi. Non c’è bisogno di fare nulla nel mondo eccetto la correzione interiore dell’uomo! Anche il clima cambierà a causa di questo! Non abbiamo altra via d’uscita da questa situazione. E lo scopo della nostra divulgazione è di rendere noto questo fatto.

I leaders del G-20 sono come dei bambini che si riuniranno al loro summit e faranno la loro parte, come se avessero la soluzione nelle loro mani. Cominceranno allora a diffonderla nel mondo, ed essa fallirà come tutte le altre precedenti sono fallite. Falliranno tutte.

Ci sono molti programmi come questo oggi. Per esempio, il governo giapponese ha cominciato a distribuire del denaro alla sua popolazione. Ma la popolazione non lo spenderà, lo risparmierà per i giorni di bisogno. Tuttavia il governo presume che la popolazione correrà immediatamente ai negozi per spenderlo. Come posso spendere, i soldi se non so cosa mi succederà domani?

Il mondo intero è in uno stato di “congelamento”. Ogni cosa è arrivata ad una battuta d’arresto. E la sola ragione per cui sta accadendo è perché le nostre intenzioni non sono dirette a procurarci dei benefici reciproci. Quindi speriamo di essere ascoltati.

(Dalla lezione sull’articolo di Baal HaSulam, “The Freedom-La Libertà,” del 13 marzo 2009)

Perchè Facebook è stato colpito dagli Hackers

img_5652_100La domanda che ho ricevuto: Tu dici che la natura ci richiede di raggiungere il giusto tipo di connessione tra di noi. Questa settimana gli Hackers hanno attaccato e quasi distrutto il sito internet di Facebook. Se la natura, il sistema generale della creazione, desidera stabilire una connessione tra le persona, perché non sostiene questo sito, che rivela una connessione tra la gente?

La mia risposta: Forse Facebook ha esaurito da sè la sua attuale formula. Invece di provare a proteggere Facebook dagli hackers, dobbiamo cambiarlo. Credo che ci sia un momento, un posto e uno scopo per ogni cosa. Se delle forze di opposizione stanno emergendo, significa che il fenomeno deve cambiare o scomparire. Queste sono solo delle forze che influenzano, e non c’è nulla di artificiale nel mondo. Dobbiamo accettare che questo è il modo in cui avvengono il cambiamento e lo sviluppo. Non dovremmo reagire negativamente a niente, ma piuttosto trattare ogni cosa come la rivelazione del male.

Quando dei nuovi stati smettono di emergere, è il segno che hai raggiunto la Correzione Finale. Tuttavia, prima di questo, anche il peggior stato che sia rivelato non è cattivo di per sé, ma piuttosto, ti rivela solamente il male.

Così è come dovremmo vedere ogni cosa. I nostri più grandi nemici rivelano il male in noi, e non sono il male di per se stessi. Ancora, per adesso devi eliminarli al fine di avere un’opportunità di realizzare la correzione nel nostro mondo il più velocemente possibile. Devi eliminarli perché essi non ti permettono di correggerti, e non perché li odi. Dovresti odiarli perché non ti permettono di realizzare la correzione. Quindi le loro azioni sono giustificate.
( Da una lezione sull’articolo di Baal HaSulam, “One Precept,” del 5 marzo 2009 )

materiale correlato:

facebook, come mai tutto questo interesse

Se il male non può essere corretto, deve essere distrutto

why-is-the-financial-crisis-bringing-more-people-to-religionUna domanda che ho ricevuto: Perché ha parteggiato per la “destra” nel conflitto fra Gaza e Israele dicendo, “Se qualcuno viene per ucciderti, previenilo e uccidilo per primo”?

La mia risposta: Ciò è scritto nella Bibbia. É evidente che se il male nel nostro mondo non può essere corretto, in questo caso la sua fonte – la persona che commette il male – dovrebbe essere distrutta, e ciò sarà la sua correzione. Una persona deve proteggere la propria vita, anche nel caso in cui debba uccidere qualcuno che desidera ucciderla. Ma allo stesso tempo, se una persona è posta di fronte al fatto di dover scegliere fra, “Uccidi qualcuno o noi ti uccideremo,” in questo caso essa dovrà sacrificare la propria vita, dato che in caso contrario essa diventerebbe un assassino.

Io non sono a favore o contrario a nessuno, e se a volte vi sembra che io abbia dei pregiudizi, chiedetemi un chiarimento e cercherò di dare spiegazione del mio punto di vista e del mio comportamento.

materiale correlato:
La pace nel mondo

Il male e l’odio sono un riflesso del nostro Stato Interiore

israel-is-all-the-people-who-aspire-toward-the-creatorDue domande che ho ricevuto a proposito dell’odio e del male:

Domanda: I membri di HAMAS fanno parte anche loro del mio Kli interiore? Quindi, in caso affermativo, perché stanno lottando contro di me?

La mia risposta: una persona è il desiderio che può percepire solo quello che si trova al suo interno. Il desiderio è complesso, ed è costituito da molte parti, che illustrano l’immagine che uno ha di questo mondo. Dato che i nostri desideri non sono stati corretti, ci sentiamo in completa opposizione al Creatore, invece di percepirLo per quello che Lui è veramente. E’ questo il motivo per cui percepiamo le guerre e la sofferenza. Tutti i nemici di una persona vivono all’interno di essa; essi sono un riflesso del suo stato interiore.  Anche se sembra che essi esistano al nostro esterno, nel mondo che ci circonda, il fatto è che il mondo è un riflesso del tuo stato interiore, come se fosse un film che riflette i tuoi desideri.

Domanda: Quando mi sarò corretto arrivando all’ultimo gradino, ottenendo così la Correzione Finale, smetterò di vedere il male nel mondo?

La mia risposta: se ci saranno ancora delle persone al mondo che non si sono ancora corrette, in questo caso vedrai il male nel mondo, perché queste persone sono parte del tuo desiderio.

materiale correlato:

esodo: dal fisico allo spirituale

la percezione della realtà
la nostra realtà immaginaria è frutto di due meccanismi
cambiando le nostre intenzioni , cambiamo tutta la nostra realtà

percezione della realtà: