Pubblicato nella 'Lezione quotidiana di Kabbalah' Categoria

Lezione quotidiana di Kabbalah – 20.07.2016

Lezione sul tema “La preparazione per il Congresso”, lezione № 4
Audio
Video

Estratti su 17 di Tammuz, lezione № 2
Audio
Video

Lezione quotidiana di Kabbalah – 19.07.2016

Preparazione alla Lezione
Audio
Video

Lezione sul tema “La preparazione per il Congresso”, lezione № 3
Audio
Video

Estratti su 17 di Tammuz, lezione № 1
Audio
Video

Lezione quotidiana di Kabbalah – 18.07.2016

Preparazione al Congresso, Lezione 2
Audio
Video

Scritti di Baal HaSulam, TES, volume 6 parte 16, item 110
Audio
Video

Scritti di Baal HaSulam, articolo: “La Pace nel Mondo”
Audio
Video

Lezione quotidiana di Kabbalah – 15.07.2016

Scritti di Rabash, I gradini della scala, articolo “Più li affliggevano”
Audio
Video

Scritti di Baal HaSulam, “Prefazione alla Saggezza della Kabbalah”
Audio
Video

Scritti di Baal HaSulam, Articolo “L’essenza della religione ed il suo scopo”
Audio
Video

Lezione quotidiana di Kabbalah – 14.07.2016

Preparazione alla Lezione
Audio
Video

Scritti di Rabash, “I gradini della scala“, articolo 4 (1989)
Audio
Video

Scritti di Baal HaSulam, TES, Volume 6, parte 16, voce 110
Audio
Video

Scritti di Baal HaSulam, Articolo “L’essenza della religione ed il suo scopo”
Audio
Video

Lezione quotidiana di Kabbalah – 13.07.2016

Preparazione alla Lezione
Audio
Video

Scritti di Rabash, “I gradini della scala“, articolo 4 (1991)
Audio
Video

Scritti di Baal HaSulam, TES, Volume 6, parte 16, voce 110
Audio
Video

Scritti di Baal HaSulam, Articolo “L’essenza della religione ed il suo scopo”
Audio
Video

Lezione quotidiana di Kabbalah – 12.07.2016

Preparazione alla Lezione
Audio
Video

Scritti di Rabash, “I gradini della scala“, articolo 15 (1991)
Audio
Video

Scritti di Baal HaSulam, TES, Volume 6, parte 16, voce 110
Audio
Video

Scritti di Baal HaSulam, Articolo “L’essenza della religione ed il suo scopo”
Audio
Video

Lezione quotidiana di Kabbalah – 11.07.2016

Scritti di Rabash, articoli “I gradini della Scala”, articolo 35 (1988)
Audio
Video

Scritti di Baal HaSulam, TES, Volume 6, parte 16, punto 95
Audio
Video

Scritti di Baal HaSulam, Articolo “L’essenza della religione ed il suo scopo”
Audio
Video

La Nazione Divisa

Dr. Michael LaitmanDomanda: I miei soci in affari sanno molto bene come essere subdoli e truffare i propri clienti. Mentre io, al contrario, cerco di essere onesto e faccio quindi affidamento sull’onestà degli altri. E alla fine vengo lasciato da parte senza nulla, e inizio ad invidiare gli altri: “Perché io non riesco a realizzarmi nei miei affari come gli altri?”, si tratta di una Klipa, di un difetto?

Risposta: La Klipa è il lavoro contro la santità, contro il Creatore, un lavoro molto sofisticato in effetti.

Per quanto riguarda il tuo esempio, posso dirti che l’uomo che inganna la gente, alla fine, inganna il Creatore, e allunga le distanze che lo separano da Lui. Su questo non ci sono dubbi.

Se prendo quello che non merito dalla gente o dalla natura, ovvero il Creatore, allora questo è già l’inizio di una Klipa. E cosa merito? Io merito qualcosa se lavoro al fine di dare, se io esisto per raggiungere la dazione. In questo caso, anche le necessità che ho, sono solo per esistere e per essere in dazione, al fine di essere simile al Creatore e fare il lavoro di Dio. Non posso prendere per me tutto il resto che si trova al di fuori delle mie necessità vitali. Tutto il resto mi serve solo per dare agli altri. Questo deve essere il calcolo che fa l’uomo, e lo determina per sé: “Questo è ciò di cui ho bisogno per esistere al fine di portare soddisfazione al Creatore”. Tutto inizia con questa decisione, e continuando nella stessa direzione si arriva alla Kedusha (Santità).

Nella Klipa mi trovo nella situazione opposta perché prendo dagli altri, anche se non lo merito e forse non l’ho nemmeno guadagnato. Questo vale anche per quella parte del popolo d’Israele che non lavora ed è immersa completamente nello studio della Torah.

In generale, a causa dell’errore di calcolo in questo senso, stiamo tutti annegando nel mare dell’egoismo e dell’allontanamento dalla forza superiore. Anno dopo anno questo errore colpisce tutti in maniera sempre più forte e in questa fase stiamo iniziando a cadere in uno stato che abbiamo già sperimentato nel secolo scorso.

Ma ciò non significa che ognuno di noi deve andare al lavoro, o al contrario, che dobbiamo tutti vivere alla giornata. Una parte della popolazione ha davvero bisogno di studiare, così come un’altra parte ha bisogno di lavorare. Forse ci dovrebbe essere una certa rotazione. Perché non organizzarsi in modo tale che tutti abbiano la possibilità di lavorare e studiare?

Naturalmente, nel periodo del Tempio, molti nel paese si dedicarono allo studio. E non si trattò quindi di una questione di quantità, ma di discernimento. Questo è il nostro lavoro.

Inoltre, l’epoca che si prospetta davanti a noi non richiederà lo stesso numero di lavoratori com’è accaduto in passato. Quindi abbiamo solo bisogno di organizzare tutto in forma corretta.

Il problema è che le due metà della nazione, il sacro e il profano, non sanno come comunicare fra loro, non si capiscono a vicenda. Questo è l’unico ostacolo. Dopo tutto, se fossimo stati in grado di trovare un terreno comune e posizioni corrispondenti, credo che tutti avrebbero capito: chi studia deve continuare nel proprio studio. Ma non c’è alcun contatto tra le due parti della nazione, non ci sono buoni rapporti, non esiste un dialogo costruttivo e reale; esiste solo un odio reciproco, e quindi ci manca la corretta analisi della situazione.

In realtà il paese non ha bisogno di decine di migliaia di lavoratori e soldati. La dimensione del mercato del lavoro si contrarrà nel corso degli anni, e l’esercito moderno ha bisogno di più tecnologia che di persone.

Pertanto, l’attuale conflitto in Israele è causato dai giochi politici. I poteri che stanno dietro le quinte, stanno deliberatamente alimentando il fuoco.

E d’altra parte il grave problema dei religiosi è che non possono creare un corretto contatto con la parte laica della nazione per spiegare la propria posizione. La parte religiosa non apre una finestra di dialogo per paura di essere influenzata dalla cultura esterna. Ma la mancanza di dialogo fomenta la guerra fra fratelli.

Da Notare: Questo anche se i muri si stanno sgretolando e le influenze esterne sono penetrate all’interno.

Risposta: Ma questo non porta al contatto, alla comprensione reciproca. I muri si stanno sgretolando, non secondo la nostra volontà, ma per volere del tempo.

Le parti devono mettersi in contatto ed iniziare un chiarimento reciproco. Il nostro problema deriva dall’avere un unico “paniere”. Negli Stati Uniti non vi è alcuna collisione tra il popolo laico e quello religioso; essi “non mangiano dallo stesso piatto”, non hanno lo stesso esercito, non ci sono punti di contatto, non c’è alcun conflitto che qualcuno vive per conto di qualcun altro, e non c’è mancanza di comprensione fra loro.

In Israele la nazione è divisa, spaccata, e quindi continuiamo la distruzione del Tempio. In realtà le due parti partecipano a questo processo, compresi quelli che studiano la Torah. Essi chiamano la parte laica “il bambino viziato”. Ma se è un bambino, allora ha bisogno di un atteggiamento particolarmente paziente, e va da sé che richieda più attenzioni. Non è questo quello che dice la Torah? Dov’è il cuore grande, l’approccio simpatico e attento, dove non ci sono litigi e conflitti.
Alla fine tutto questo ci indebolisce e ci porta al collasso.

Domanda: Cosa diresti alla parte religiosa della nazione?

Risposta: Ai loro occhi io non sono nessuno, perciò non ho niente da dire o nessuno con cui parlare.
[127860]

Dalla 4° parte della lezione quotidiana di Kabbalah del 20/02/14, Gli Scritti di Baal HaSulam, “Introduzione al Libro dello Zohar”, Articolo 55

Lezione quotidiana di Kabbalah – 30.06.2016

Preparazione alla Lezione
Audio
Video

Scritti di Rabash “I gradini della Scala” Articolo 12 (1987)
Audio
Video

Scritti di Baal HaSulam, TES, volume 6, parte 16, tabella di risposte, punto 284
Audio
Video

Scritti di Baal HaSulam, Articolo “La Libertà”, titolo: “Il desiderio di ricevere – esistenza dall’assenza”
Audio
Video