Pubblicato nella 'Globalizzazione' Categoria

Perché è necessario essere prima un brutto anatroccolo?

Domanda: Spesso accade che più il risultato è alto, più non promette nulla di buono durante le fasi di crescita.

Il frutto più aspro diventa il più delizioso, e tu già pensavi di tagliare l’albero. Il genio andava male a scuola; volevano cacciarlo da scuola, e lui è diventato Einstein.

Il bellissimo cigno una volta era un brutto anatroccolo. Conosciamo questa storia. La domanda è: perché è così? Perché è necessario essere prima un brutto anatroccolo?

Risposta: Perché il percorso di sviluppo degli opposti è tale che nulla può svilupparsi in modo rettilineo, ma solo, come è scritto, “attraverso il suo opposto”. Ovvero, c’è un fenomeno diretto, ma le sue conseguenze opposte si verificano prima di esso.

Dobbiamo rispettare un uomo in ogni suo stato, perché tutti non significano nulla. Quanti esempi abbiamo avuto nella storia, quando bambini completamente incapaci e inutili sono diventati dei geni e viceversa.

Domanda: Allora la domanda è: come riconoscerli?

Risposta: Non c’è modo! Non è possibile riconoscerli in alcun modo. Dobbiamo solo dare a tutti l’opportunità di svilupparsi.

Domanda: Da dove può prendere la pazienza un individuo? Vede che non ne uscirà nulla. Non crescerà nulla da questa erbaccia. Dove si può trovare la pazienza?

Risposta: Come fa a sapere che non ne uscirà nulla?

Commento: Ma lei stesso dice che non possiamo saperlo.

Risposta: È per questo che deve fermarsi. Perché nulla viene creato invano e ogni oggetto nel nostro mondo ha un suo scopo. Non spetta a voi decidere quale debba essere ora e quale debba essere in futuro. Perciò, fermatevi e basta.

Domanda: Cosa succede se diamo questa opportunità? Diciamo che ci tratteniamo e lasciamo che tutto si sviluppi.

Risposta: Date a tutti l’opportunità di svilupparsi correttamente. Lasciate che sviluppi in lui tutte le qualità che il Creatore ha incorporato in lui, e vedrete.

Domanda: Così si scopre che io sto cambiando – colui che vuole distruggere tutto questo. È questa la mia ascesa al di sopra della mia natura?

Risposta: Assolutamente sì.

Domanda: È questa la cosa più importante in assoluto?

Risposta: Sì.

Domanda: Ora la domanda è: il nostro mondo oggi è come un brutto anatroccolo? Anche molte persone hanno questo stato. Internet è pieno di queste frasi: “Che bruci! Sì, vorrei che questo mondo non esistesse! Sì, dobbiamo tutti ricominciare da capo!”. E così via. Questo brutto anatroccolo in cosa si sta sviluppando?

Risposta: Nel fatto che riconosciamo il male, il nostro male, quello a cui abbiamo portato il mondo, e gli diamo l’opportunità di svilupparsi correttamente con il nostro nuovo atteggiamento nei suoi confronti.

Domanda: È per questo che vediamo questo mondo così corrotto?

Risposta: Sì.

Domanda: Quindi sta dicendo che sono io ad essere corrotto?

Risposta: Certo.

Domanda: Tutti devono arrivare a questo?

Risposta: Non so se tutti. Ma fondamentalmente un tale pensiero e un tale atteggiamento dovrebbero essere dominanti.

Commento: Ma vedo che non ci arrivano. Al contrario.

Risposta: Ci arriveranno.

Commento: Lei è un ottimista e dice che ci arriveremo.

Risposta: Il fatto che ci arriveremo è certo. Ma la domanda è attraverso quale tipo di colpi.

Penso che dobbiamo capire che il mondo è pronto per lo stato migliore. Dobbiamo riflettere sul perché non lasciamo che sia così.

Il fatto che oggi lo vediamo così aspro e cattivo è il risultato del nostro atteggiamento verso il mondo.

 

[320348]

Da “Notizie con il Dr. Michael Laitman” di KabTV del 21.09.2013

Materiale correlato:
Come si fa a spiegare il bisogno di unità a qualcuno che è attaccato a una visione del mondo conflittuale e che cerca costantemente di giustificare una parte e di accusare l’altra?
Esiste qualche evidenza del bisogno di connessione umana?
Riguardo al MIT che prevede il crollo della società nel 2040

Contenuti scritti ed editati da studenti, basati sulle loro conversazioni con il Rav dr. M. Laitman.

Il più grande mercato di consumo

Domanda: Nonostante la costante produzione di farmaci di ogni tipo, perché compaiono sempre nuove malattie? C’è una soluzione?

Risposta: La situazione non si risolverà fino a quando l’intera umanità non si correggerà.

Dopotutto, ogni cosa si basa sul guadagnare di più. Per quale motivo? Questa domanda non viene posta. È un obiettivo della società che non viene affatto giudicato. Guadagnare di più! In questo modo sarò più in alto degli altri, più importante degli altri, più forte degli altri. Per quale motivo, perché, per quale scopo? Tutto questo non è più importante. La cosa principale è che la ricchezza è rispettata dalla società e quindi l’uomo la insegue.

A questo scopo vengono prodotti milioni di farmaci. Inoltre, questo è probabilmente il più grande mercato di consumo al mondo. C’è un intero esercito di medici, produttori e pubblicitari che cercano costantemente di riempirci di ogni tipo di medicina. In generale, ci avveleniamo continuamente.

Non riesco a immaginare una soluzione rapida a questo problema, a meno che non ci dedichiamo davvero a correggere l’uomo. Arriveremo allora al punto di voler correggere tutto il resto. La nostra correzione avrà un effetto tale sulla natura circostante che saremo in grado di coltivare verdure, frutta, produrre carne e tutto ciò di cui abbiamo bisogno in forma naturale. Non marciranno; ce ne sarà abbastanza per tutti. Ma ciò accadrà solo quando ci prenderemo cura di noi stessi invece che delle sostanze chimiche.

Commento: Ma allo stesso tempo è scritto che “Al medico è dato il diritto di guarire”.

La mia risposta: Oggi non esistono veri medici! In pratica, si tratta di uomini infelici che pensano di aiutarci.

Ma in realtà hanno a che fare con individui completamente avvelenati, con i quali non è più possibile fare nulla. Cercano di vendergli qualche altro tipo di veleno che faccia loro qualcosa e li tenga insieme in qualche modo. Questo è il modo in cui viviamo. Certo, si può obiettare che 500 anni fa la gente viveva 30-40 anni, mentre oggi ne vive 60, 70, 80 e anche di più. Questo è vero. Ma il fatto è che qui ci troviamo di fronte alla domanda: “Perché?”.

 

[318549]

Da “I Got a Call” di KabTV. Trattamento delle allergie” del 28.10.11

Materiale correlato:
Stima della Giornata Mondiale della Salute: il pianeta è malato
Dove è arrivato il mondo?
Decodificare il genoma umano: più sappiamo, meno comprendiamo

Contenuti scritti ed editati da studenti, basati sulle loro conversazioni con il Rav dr. M. Laitman.

Nella nebbia del nostro mondo

Abbiamo dato vita a tutte le istituzioni sociali, economiche, politiche e statali del passato, basate su legami egoistici tra di noi. Abbiamo creato un’economia e un commercio basati sulle qualità egoistiche in cui siamo esistiti dal giorno della nostra origine, dal Big Bang, quando è nato il nostro Universo, fino a oggi.

L’unico modo per comprendere la natura è esplorare quella parte di essa che possiamo egoisticamente comprendere, sentire e misurare. E all’improvviso ci viene rivelata la seconda metà di questa natura – quella altruistica! Si vede che non la conosciamo affatto, che non possiamo esplorarla e che non possiamo trovare noi stessi. Questo mondo comincia a scivolare via dalle nostre sensazioni e a diventare qualcosa di diverso.

Stiamo ancora giocando con i vecchi giocattoli, sembra che interagiamo ancora tra di noi. Ma all’improvviso altre relazioni, schemi e diverse forze extraterrestri interferiscono nella nostra vita e creano interruzioni nelle connessioni tra noi, aziende, banche, scuole, insegnanti e famiglie, e così in tutto.

È come se una specie di nube scendesse su di noi e lavorassimo nella nebbia, non in modo esplicitamente egoistico come prima: “Io a te, tu a me. Facciamolo insieme” e così via, dove tutto è chiaro a tutti. Ma ora, niente è chiaro a nessuno.

Ogni giorno che passa, la nebbia tra noi continua a crescere e si manifesterà sempre di più. Naturalmente, in queste condizioni, l’umanità cercherà un capro espiatorio. E qui, gli ebrei verranno in prima linea, che come al solito sono più avanti dell’intero pianeta.

In generale, questa è la realtà oggettiva. Questa è la crisi dei nostri vecchi concetti, la crisi della nostra incapacità di vedere il nuovo progetto del mondo.

Spero che le persone capiscano che qui sta nascendo qualcosa di nuovo e che è necessario percepirlo correttamente, cercare di adattarsi ad esso il più rapidamente possibile per poter nascere, per così dire, nel prossimo mondo con il minor dolore possibile.

 

[317320]

From KabTV’s “I Got a Call. Internal work” 9/3/11

Materiale correlato:
Cosa possiamo fare per alleviare la nostra ansia per il futuro?
Qual è il futuro dell’umanità?
Il nostro futuro è oggi

Contenuti scritti ed editati da studenti, basati sulle loro conversazioni con il Rav dr. M. Laitman.

La Natura ci obbligherà a cambiare

Cosa possiamo fare per comprendere il nostro mondo? Dobbiamo innalzare le persone al livello successivo. Ma questo non si può fare da lontano, dove siamo ignorati.

È necessario che ascoltino, che partecipino in qualche modo, che vogliano svilupparsi un pò, abbassarsi e inchinare la testa. Dicono che non si può fare tutto soltanto con il potere del denaro, o semplicemente con la forza, dato che c’è ancora qualcosa di incompreso in natura.

Quindi a loro sembra che il mondo stia diventando ingestibile e che se riuscissero a comprenderlo, sarebbero in grado di gestirlo.  Ma è attraverso qualità diverse che raggiungeranno il traguardo.  Dopotutto, a partire dai nostri tempi in poi, non entreranno nel governo della natura se non diventano simili a essa e allo stesso tempo non acquisiscono una forza altruistica opposta a loro.

Ora possiamo già vedere come dai miliardari arrivino strane dichiarazioni del tipo “Siamo pronti a condividere un po’ con voi. Vi verremo incontro” e così via.

Non è mai successo prima. Una volta erano disposti a rubarti l’ultimo centesimo solo per aggiungere un altro zero al conto in banca.  Ma ora no. Sembra che qualcosa si irradi dall’esterno, attraverso le masse, da qualche parte in natura.  All’improvviso inizieranno a sentire che c’è un altro movimento e cominceranno ad avvicinarsi a esso.

Il mondo è diventato tale da obbligarci a cambiare.  Guardo questo mondo con grande speranza. Per me è una nascita! – un evento doloroso, ma allo stesso tempo gioioso, come l’attesa di un bambino che sta per nascere.

 

[317286]

From KabTV’s “I Got a Call. Attraction … Rejection …” 9/3/11

Materiale correlato:

Cosa cerco quando osservo la Natura?
I disastri naturali aiutano le persone a unirsi?
Ti piace la Natura? Perché?

Contenuti scritti ed editati da studenti, basati sulle loro conversazioni con il Rav dr. M. Laitman.

La natura ci chiede armonia

Quando diventiamo adulti, entriamo in contatto gli uni con gli altri, non in un senso familiare, ma in un serio contatto sociale. Ciò che ci lega è la necessità della nostra esistenza terrena.

Se non fossimo connessi, non saremmo in grado di provvedere a noi stessi, perché oggi, soprattutto oggi, per provvedere a noi stessi, è necessario essere in contatto con il mondo intero. Assolutamente con tutto!

Se prendete un qualsiasi oggetto del nostro mondo, per esempio quello che vi circonda in questo momento nel vostro appartamento, scoprirete che praticamente tutto il mondo partecipa alla sistemazione della vostra casa.

Ora la domanda è: cosa viene dopo? E poi, dobbiamo partecipare gli uni con gli altri non in un’alleanza egoistica per nutrirci e organizzare le nostre vite, ma anche per raggiungere l’armonia con la natura.

La natura ci obbliga a essere armoniosamente connessi gli uni con gli altri. Nella misura in cui è interconnessa nei suoi livelli – inanimato, vegetativo e animato – ci obbliga a essere interconnessi al livello di una società umana con sostegno reciproco, coniugazione completa, unità completa e inclusione reciproca completa in un quadro unitario. Dobbiamo assolutamente farlo.

 

[318148]

From KabTV’s “I Got a Call. How not to Lose Money?” 10/31/11

Materiale correlato:
Che cos’è la mancanza di equilibrio per raggiungere l’armonia?
La forza che è l’armonia
L’armonia è un equilibrio fra contraddizioni

Contenuti scritti ed editati da studenti, basati sulle loro conversazioni con il Rav dr. M. Laitman.

Ascoltaci, popolo!

Commento: Nel corso dell’intera storia dell’umanità si sono verificate una serie di crisi in cui sembrava che tutto stesse per crollare.

La mia risposta: Si trattava di vere e proprie crisi? Si trattava della solita sporca lotta politica e nulla più!

Ma ora, la natura ci sta forzando a cambiare. La natura! Dove puoi andare se è la natura a causare le crisi attuali? Non siamo stati noi a provocarle.

Quando ne parlai molti anni fa, tutti risero. Ho incontrato i premi Nobel per l’economia che sono rimasti sorpresi: “Quale crisi? Tutto va bene. Non ci possono essere crisi, ma solo progressi. Ci sono alti e bassi, c’è una strada pianeggiante che poi diventa po’ accidentata, perché è così che si sviluppa l’umanità. Ma va  sempre nella stessa direzione. Tutto andrà bene”.

Allora gli risposi: “Come potete dire questo? Guardate cosa sta succedendo nel mondo!”. “Cosa sta succedendo nel mondo? Sono stati normali. A volte peggiorano, a volte migliorano, proprio come nella vita ordinaria”, e questo è tutto. E questo fino a quando la crisi non è maturata e gli è esplosa in faccia.

Perciò l’umanità si muove solo attraverso i  colpi, spinta verso la felicità con un bastone perché la gente difficilmente ci sente.

 

[317196]

Da KabTV’s “Ho ricevuto una chiamata. La crisi come processo naturale” 3/9/11

Materiale correlato:
“Chi può far fronte ai figli di Anak?”
Israele e le nazioni del mondo
Che differenza c’è tra Dio e Natura?

Contenuti scritti ed editati da studenti, basati sulle loro conversazioni con il Rav dr. M. Laitman.

C’è solo un cancello per una vita felice

Commento: Alexander scrive: “Dici che col tempo tutto il male scomparirà. Allora perché non è scomparso fino ad oggi? Molte generazioni sono cambiate nel corso di migliaia di anni; saremmo dovuti rinascere in persone migliori, ma il male è solo aumentato. In qualche modo la tua soluzione non funziona”.

La mia risposta: Il mio metodo può funzionare solo quando proviamo tutti i risultati possibili, cioè quando ci assicuriamo che nulla funzioni! Niente.

Allora capiremo che non abbiamo altra soluzione se non quella di trattarci l’un l’altro come parenti. Non come i nostri parenti di oggi, perché è anche egoistico quando pensiamo a loro, ma i nostri parenti come noi stessi, “ama il tuo prossimo come te stesso”.

Domanda: Questo significa che con il tempo tutto il male scomparirà?

Risposta: Sì.

Domanda: Dovremo solo provare in tutte le direzioni possibili?

Risposta: Assolutamente!

Domanda: Perché non ci viene data nemmeno qualche piccola apertura attraverso la quale passare

Risposta: Ci imbatteremo nuovamente in una sorta di leninismo.

Domanda: Non succederà nulla finché non percorreremo tutte le strade e tutte le vie e non ci imbatteremo ovunque in un vicolo cieco?

Risposta: In generale, sì. Tale è il nostro egoismo. Deve essere sicuro che non ci sia altra strada che l’amore per l’altro.

Domanda: Si tratta di un lavoro di logorio e lacrime qui?

Risposta: Questo è il significato dell’amore: “ama il tuo prossimo come te stesso”. Quando ho provato tutto e solo questo cancello è aperto.

Domanda: Come posso arrivare a questa soluzione? Lei sta dicendo: “Ama il tuo prossimo come te stesso”, ma diciamo che non riesco a sentirla. Come arrivo alla conclusione che questo è il cancello in cui ho bisogno di  entrare?

Risposta: Vedrai questo cancello davanti al tuo naso e ti renderai conto che non può esistere un’altra entrata! Non c’è nulla oltre a questo cancello, solo il vuoto.

Domanda: È questo che scrivono i grandi cabalisti, che vai e non c’è nessun cancello? Cammini lungo il muro e non c’è nessuna entrata. E a un certo punto, quando si è esausti, si vede improvvisamente il cancello. E si scopre che è sempre stato lì.

Risposta: Sì.

Domanda: E io  non l’ho visto?

Risposta: No.

Domanda: Di cosa avevo bisogno per vederlo? È sempre stato lì, semplicemente c’era!

Risposta: Non c’era abbastanza delusione.

Domanda: Devo essere deluso da tutto?

Risposta: Certamente. In tutto! In modo che rimanga solo una cosa: l’adesione, la fratellanza. Non sappiamo cosa sia. Tutti noi usiamo alcuni tipi di sostituti e surrogati. Ma poi le sentiremo.

Domanda: Può dare almeno un suggerimento? È chiaro che se non sentiamo, non saremo in grado di ascoltarti. Ma cosa intende per fratellanza?

Risposta: La fratellanza è quando siamo tutti nello stesso desiderio, nella stessa intenzione e in completa adesione e connessione, unità di ciascuno con tutti. Torniamo di nuovo al sistema chiamato Adamo come un solo uomo in un solo corpo, in un solo cuore. Questo è il futuro corretto.

Deve essere davanti a noi! Questo è il modo in cui questo futuro deve stare davanti a me come uno stato evidente, realizzabile e necessario.

Commento: Hai appena descritto ciò a cui dobbiamo arrivare dopo tutte le peregrinazioni e le delusioni.

La mia risposta: Per questo sono necessarie, per arrivare a uno stato come questo.

Domanda: Non è idealismo?

Risposta: Non è idealismo, è proprio il sistema dell’autoeducazione.

Domanda: Ma io sono dentro questo sistema?

Risposta: Io sono all’interno di questo sistema, ma devo trovare la mia identificazione con esso, nel senso che devo essere in esso, partecipare a ogni aspetto di esso, e voglio che diventi realtà.

Domanda: In linea di principio, siamo ancora dentro questo sistema rotto, frantumato, disperso, ricercando e soffrendo?

Risposta: Ma dobbiamo essere d’accordo con esso. Dobbiamo volere che si manifesti e non rimanere in questa nebbia, in una forma  negativa, com’è oggi.

Domanda: Allora, siamo tenuti a manifestarlo?

Risposta: Sì.

 

[315352]

Da KabTV’s “ News with Dr. Michael Laitman” 29/6/23

Materiale correlato:
Perché non possiamo semplicemente essere felici?
Cosa impedisce la felicità?
Nell’abbraccio della felicità e della miseria

Contenuti scritti ed editati da studenti, basati sulle loro conversazioni con il Rav dr. M. Laitman.

Prepararsi a una stretta interconnessione

Attualmente la comunicazione tra l’uomo e il mondo e la comunicazione tra uomo e uomo si sta sviluppando. Questa è una preparazione allo stato in cui possiamo essere realmente connessi tra di noi.

Da un lato, i mezzi tecnici di comunicazione si sviluppano rapidamente. Dall’altro lato la gente ha iniziato a chiedersi “perché ne abbiamo bisogno? A cosa serve riuscire a parlare con diverse persone?”

Tutto questo sta già diminuendo. Subentra la sazietà: “con chi dovrei corrispondere? A chi dovrei scrivere? A cosa serve?!”

È così che le persone si spostano nelle varie fasi di sviluppo dell’egoismo. L’ego in loro si esaurisce rapidamente e passa.

Quindi, grazie alle varie tecnologie, il nostro tempo diventa più intenso e più compresso. Le accolgo, le lascio esistere. Le persone diventeranno più connesse e capiranno più velocemente che hanno bisogno di cambiare la qualità della comunicazione umana tra di loro.

 

[313185]

From KabTV’s “I Got a Call. Travel in Time” 10/12/11

Materiale correlato:
Connessione Internet o contatto sensoriale?
Qual è il futuro di internet?
La Kabbalah: il dono della connessione con la forza superiore

Contenuti scritti ed editati da studenti, basati sulle loro conversazioni con il Rav dr. M. Laitman.

In un mondo di bugie

Viviamo in un mondo di bugie dove non esistono media indipendenti e obiettivi. Si prende  un giornale, lo si legge e si cerca di capire, attraverso le notizie pubblicate, cosa stia realmente accadendo. Oggi nessuno è interessato all’opinione degli autori di questi articoli perché è tutto molto parziale.

Grazie a Internet, si visitano diversi siti, si leggono i commenti su qualche evento e si vede come lo spettro oscilli dal meno al più, quanto tutto sia opposto e come per una persona comune non abbia senso leggere nulla.

Leggo perché mi interessa conoscere i punti di vista di persone diverse per poter spiegare il mio punto di vista. Una persona comune, tuttavia, divora queste cosiddette analisi e commenti. È semplicemente terribile ciò che gli danno da mangiare lì. Tutto è a comando. Dipende dal suo partito.

Ricordo che avevo un amico, un membro di uno dei partiti. Ha perseguito attivamente una certa campagna, non ricordo per cosa. Dopo le elezioni, ha iniziato a dire cose completamente opposte. Gli chiesi: “Come mai? Dicevi qualcosa di completamente diverso. Mi ha risposto: “La situazione è cambiata”.

Ovvero, nessun credo, obiettivo o ideale, nulla viene assolutamente preso in considerazione. Solo ciò di cui si ha bisogno specificamente per vincere. Questo è tutto. Il prezzo è irrilevante: se è necessario dire il contrario, diremo il contrario.

 

[312301]

da KabTV’s ”Ho ricevuto una chiamata. Cos’è una bugia e la verità? ”

Materiale correlato:
Il salto evolutivo di cui l’umanità ha bisogno
“Gaslighting”. Parola dell’anno di Merriam-Webster
La grandezza falsa dei grandi

Contenuti scritti ed editati da studenti, basati sulle loro conversazioni con il Rav dr. M. Laitman.

Connessione Internet o contatto sensoriale?

Rimpiazzare una connessione tecnologica con una sensoriale è un processo irreversibile. Nessuno può disconnetterci l’uno dall’altro. Tutti i nostri sistemi si sono sviluppati in un tale stato che se un Paese spegne qualcosa l’intero mondo ne risente.

Sarà anche impossibile da disconnettere; il  sistema generale ci avvolge completamente. Sarà sia cosmico che terrestre, ed aprirà un varco  attraverso mille percorsi diversi.

Improvvisamente scoprirai di essere connesso con tutti gli uomini sulla terra. Ma cosa fai con loro?  Vorresti davvero essere in contatto, ma c’è il vuoto intorno!

Questo è il momento in cui l’umanità inizierà a capire che la connessione tra di noi è necessaria. Inizieremo a rivelare un altro mondo che ci appagherà. L’appagamento verrà dal nostro contatto, e un buon contatto, non solo una connessione in cui io ti mando tutti i tipi di sorrisi e tu me li rimandi, o qualcos’altro. No.

Quando cominceremo  a entrare in contatto con gli altri attraverso  i sentimenti, allora comprenderemo che possiamo trovare in loro la fonte della nostra realizzazione e che senza gli altri non posso essere soddisfatto.  Cercherò gli altri per il loro carattere, per il loro desiderio, uomini che vogliono stare insieme ed essere riempiti da questo. Allora Internet sarà liberato dal controllo di vari uomini d’affari che cercano di guadagnarci sopra. Non ci lasceremo manipolare da loro.

Ci saranno rivoluzioni virtuali su Internet. Ci libereremo del giogo dei grandi magnati dei media che vi governano in modo così subdolo che non sappiamo nemmeno cosa ci stanno facendo. Nel corso del tempo, tutti questi Google, Wikipedia e altre grandi aziende, saranno rifatti.

 

[312421]

From KabTV’s “I Got a Call. What Is Technology?” 2/27/11

Materiale correlato:
Perché abbiamo bisogno del metodo per la connessione?
In unione e connessione
La Kabbalah: il dono della connessione con la forza superiore

Contenuti scritti ed editati da studenti, basati sulle loro conversazioni con il Rav dr. M. Laitman.