Pubblicato nella 'Globalizzazione' Categoria

Le lezioni sull’Olocausto

Viviamo un tempo unico, un tempo in cui ci viene data la possibilità di avere successo. Ma non vi è alcuna garanzia che ci riusciremo. Questa volta però siamo stati “programmati” per guadagnare forza e capire dove siamo e cosa dobbiamo fare.

Baal HaSulam definisce questo “Il tempo delle opportunità aperte per la liberazione”.
Ci è stata data questa possibilità, e tutto il nostro lavoro consiste nel cercare di metterla in pratica e di portare in vita tutto ciò che è scritto nei libri kabbalistici. Nessuno sa come questo risulterà alla fine. Baal HaSulam scrisse a proposito dell’esistenza del pericolo che questa possibilità rimanga irrealizzata e che lo Stato di Israele cadrà a pezzi. Dopotutto, ci sono forze molto potenti contro di noi.

Il Creatore ha organizzato questi nemici per noi, nemici che possiedono pazienza, potenza, grande quantità e qualità. Dobbiamo capire che abbiamo bisogno del potere del Creatore per combattere contro di loro. Se capiamo questo, vinceremo. Ma se non lo facciamo, allora lo Stato di Israele non ha futuro.

Questo perché l’unica condizione per l’esistenza dello Stato di Israele è la nostra unione. Pertanto, né una potenza militare né l’America con Trump ci aiuteranno: nessun altro potere, se non il potere della nostra unione.

L’unica questione è se la nazione di Israele è pronta a sentire questo e quando lo sentirà. Finora, è solo cresciuta più forte nel suo orgoglio e sempre più lontana dalla verità, le persone sono sempre più distanti le une dalle altre, e sono sempre più odiate da tutti gli altri.

Gli ebrei sono molto orgogliosi del loro successo materiale, che non ha alcun collegamento con la loro missione innata. Gli ebrei israeliani, europei e americani, hanno ciascuno i loro particolari sintomi della malattia, ma sono tutti ancora uniti da una cosa: l’odio per le nazioni che li circondano. Speriamo che questa strada non ci porti ad un Olocausto simile a quello che è già avvenuto in passato.

Il tempo stringe, ne abbiamo sprecato la gran parte e la nazione di Israele non è ancora cambiata internamente per il meglio; anzi al contrario, è peggiorata. Non c’è nessuno che dipenda da altro se non da noi stessi e dal Creatore. È un problema terribile quando c’è la possibilità di correggere e completare la nostra missione, ma la gente non lo sente. Sono passati solo 70 anni dall’Olocausto e le sue lezioni sono apparentemente già state dimenticate.

Ci è stata data l’opportunità di unirci, di lasciare i paesi dove siamo stati odiati e di iniziare insieme a scoprire l’essenza interiore della nazione di Israele conosciuta da tutti, sia religiosi che secolari, di cui è scritto: “L’amore copre tutti i crimini.” Ma nessuno vuole accettare questa legge; al contrario: la separazione ed il conflitto interpersonale continuano a rafforzarsi. Vediamo che la storia non ci insegna nulla.

Solo attraverso la diffusione della saggezza della Kabbalah e attraendo la Luce che riforma, le cose possono migliorare. Il mondo intero soffre e continuerà a soffrire ancora di più.

Stiamo tutti scivolando su un piano inclinato. Speriamo che con la nostra partecipazione alla correzione, la pressione del mondo su di noi sarà relativamente morbida, ma ciò nonostante ci obbligherà ad unirci.

Se non risvegliamo noi stessi, i nostri egiziani interiori, se non sentiamo che essi si nascondono dentro di noi, ostacolando la nostra connessione, allora forse il mondo ci aiuterà in questo e richiederà la metodologia della connessione.

Un tempo non era così evidente, ma oggi tutti capiscono che l’unione creata negli ultimi 30-40 anni sta distruggendo il mondo. Inizialmente, tutti erano elettrizzati dal fatto che la società fosse diventata globale e integrata, pensando che questo ci avrebbe portato prosperità. Ma ora è già chiaro che non è così. Oggi stanno già iniziando vere guerre: Cina, Stati Uniti, ecc.

Questo è un segno evidente che l’unione non è possibile finché l’egoismo non viene corretto. E finché ciò non accadrà, l’unione sarà sempre dannosa, come è scritto: “L’unione dei peccatori porterà danni a loro e al mondo.” Alla fine, porterà guerre tremende.

Oggi, a poche settimane dalla Giornata della Memoria dell’Olocausto, il mondo ha davvero bisogno di chiarimenti (e dell’antidoto).

[224648]

Dalla terza parte della Lezione quotidiana di Kabbalah dell’8/04/2018, Shamati articolo n.190, “Ogni azione lascia un’impronta”

Materiale corelato:
Non permettere un’altra catastrofe su scala universale, Parte 1
Non permettere un’altra catastrofe su scala universale, Parte 2
Essere un modello per le nazioni

La Terra e i suoi ultimi anni di vita

Commento: Gli scienziati americani e quelli britannici hanno presentato un rapporto ufficiale alla National Academy of Sciences degli Stati Uniti secondo cui la Terra diverrà inadatta per ospitare la vita tra il 2200 e il 2400, indipendentemente dal calo demografico stimato per la crescita entro il 2100.

Gli esperti puntano il dito contro il pericolo del cambiamento climatico, che sarà inevitabile a causa dell’aumento del consumo di energia e che continuerà ad aumentare anche con la riduzione delle emissioni di gas serra nell’atmosfera. Inoltre, ci sono altri rischi globali (Kathmandu Tribune). Sulla stessa linea di pensiero, Stephen Hawking aveva recentemente suggerito di trovare una nuova casa nello spazio per l’umanità (NBC News).

Il mio commento: Il problema è che tali progetti non sono realistici. Le persone sono inestricabilmente legate a questo pianeta da un invisibile “cordone ombelicale”. Siamo un tutt’uno, siamo intrecciati ad esso con un numero infinito di fili e non possiamo esistere senza di esso.

Ma diciamo, ad esempio, che ci siamo trasferiti su Marte. Che cosa accadrà dopo? Inquineremo o spremeremo tutte le sue risorse, proprio come abbiamo fatto con la Terra. E inoltre, dovremo affrontare problemi personali e sociali perché anche cambiando il luogo di residenza, non avremo cambiato la nostra natura. Quindi, cosa faremo? Vagheremo da un pianeta all’altro sfuggendo a noi stessi? Non ci sarà di alcun aiuto.

Portiamo la morte intorno a noi perché questa è la nostra natura. “La morte” è l’egoismo che vuole divorare tutto. Gode a distruggere tutto ciò che lo circonda. Non sopravviveremo su nessun pianeta. Dopotutto, non sappiamo come prendere in considerazione la natura globale e le sue leggi fondamentali.

Prendiamo in considerazione solo ciò che è vantaggioso e conveniente per noi. Questo atteggiamento è distruttivo per la Terra perché avvelena il sistema planetario comune.

La carica negativa dell’egoismo è ciò che realmente scuote la noosfera. Gli squilibri crescenti nella società, tra le persone, minano l’equilibrio in tutto. Qual è il futuro che ci aspetta? Nella peggiore delle ipotesi, dopo aver attraversato una dura sofferenza, fino all’inverno nucleare e ad altre “delizie” distopistiche, ci renderemo finalmente conto della necessità di liberarci dell’egoismo.

Allora le persone finalmente supereranno la loro natura egoistica e correggeranno questa Terra, smettendo di inquinarla e di rovinarla in tutti i modi. Dopotutto, la Terra ha un grande potenziale rigenerativo. Può guarire se la gente smette di nuocerle e se accetta le leggi della natura che stabiliscono interazioni, armonia e omeostasi.

In altre parole, se ci eleveremo al di sopra dell’egoismo, saremo come su un altro pianeta, che guarisce le ferite e si relaziona con noi in modo benevolo. Quindi non dovremmo andare da nessuna parte. Scopriremo che se rinunciamo all’amore per noi stessi, allora tutto servirà alla nostra prosperità. Rimane solo una domanda: perché non farlo adesso?

[223433]

Dalla trasmissione di KabTV “Le Notizie con Michael Laitman”, 23/01/2018

Materiale correlato:
“Io non credo a Hawking”
La terra come un sistema stabile
L’effetto farfalla

Verso buone relazioni

Domanda: In pratica, l’umanità, per che cosa si deve disperare?

Risposta: Per il fatto che vuole creare una vita felice attraverso atteggiamenti egoistici. E questo è impossibile. E’ per questo che l’umanità si deve disperare e deve quindi scegliere una strada completamente diversa.

Domanda: Il Creatore non vuole che viviamo bene?

Risposta: Il Creatore vuole che viviamo bene al livello più elevato, eterno e perfetto.

Domanda: Per fare questo, dobbiamo raggiungere il livello più basso? Dopo tutto, in passato l’umanità è progredita in qualche maniera, con l’egoismo.

Risposta: L’umanità è progredita sviluppando l’ego; pertanto sentiva che stava crescendo e si sviluppava. Adesso, l’ego si è sviluppato ed ha raggiunto il suo stato finale. Baal HaSulam aveva capito che questa è l’ultima generazione e oggi stiamo attraversando un processo di annientamento dell’egoismo. È solo questione di tempo.

Spero che nel 2018 scopriremo la totale inadeguatezza dell’egoismo e la necessità di superarlo, scegliendo una fonte di esistenza completamente nuova: la dazione.

Domanda: Si tratta di consapevolezza interiore?

Risposta: Il mondo, come lo vediamo coi nostri occhi, non cambierà affatto. Questo si diceva anche ai tempi di Maimonide. Cambieranno soltanto le nostre relazioni.

Domanda: Significa che potremo vivere per 200 anni e le tecnologie continueranno a svilupparsi?

Risposta: Sotto questo punto di vista cambierà invece tutto, ma solo in seguito all’instaurazione di relazioni positive fra noi, che sostituiranno quelle egoistiche di oggi. E’ allora che vedremo un mondo completamente nuovo. Direzioniamo i nostri pensieri in questo senso e vediamo che succede nell’anno a venire!

[220491]

Dalla lezione di Kabbalah in lingua russa del 24/12/2017

Materiale correlato:
2017: Un bilancio di fine anno
Il mondo ad un bivio – 1’ Parte
Una felice unione con le festività della Natura

La mucca di Bill Gates

Nelle News (da Business Insider): “Bill Gates ha finanziato la ricerca genetica per la creazione della mucca perfetta. Una mucca che produrrà più latte rispetto alle mucche in Europa, ma che sarà capace di resistere alle alte temperature africane”.

Il mio commento: Io penso che il problema non sia quanto latte viene prodotto ma piuttosto come viene distribuito e commercializzato. Per esempio, Israele è il primo paese al mondo per la produzione di latte, ma qui il latte non è per niente economico, perché il mercato è completamente regolamentato.

Ci sono molti ostacoli nella commercializzazione del latte, fra i quali l’eliminazione del latte in eccesso, le tasse, i bolli, i monopoli di stato e così via. Questi minano qualsiasi sforzo da parte dei “benefattori”. A causa delle relazioni reciproche corrotte, l’umanità è incapace di prendersi cura di qualsiasi cosa veramente utile ed efficace in favore dei bisognosi.

Sono stati fatti dei tentativi in proposito, ma l’interesse personale rovina ogni cosa e si attacca a tutto. Questo avviene perché, persino se in un determinato momento delle super mucche produrranno 4 volte più latte, questo non arriverà agli aventi diritto in Africa e Asia. Come ultima spiaggia, verrà buttato in modo tale da non far precipitare i prezzi del mercato.

Prima di investire in questo tipo di progetti, dobbiamo investire nella connessione dell’umanità. Senza di essa, le nostre buone intenzioni sono inefficaci.

Non è necessario inventare qualcosa di nuovo se non vengono prima create le condizioni appropriate per il suo utilizzo. Semplicemente evitando la distruzione della produzione in eccesso, che va nelle discariche, potremmo provvedere alle esigenze di un grosso numero di persone che muoiono di fame. Tuttavia, con le nostre attuali relazioni economiche e sociali, questo non è possibile.

Perciò il problema non sta nella produzione ma nelle persone. Più specificatamente nella loro dissociazione e mancanza di considerazione reciproca. Unendoci, vedremo come utilizzare le risorse in maniera appropriata; risorse che al momento abbiamo in abbondanza. Se l’umanità diventerà un’unica famiglia, troverà vie concrete per distribuire il prodotto ed allora sarà possibile pensare pure ad aumentare la produzione. Fino ad allora, il latte, come qualsiasi altra cosa, sparirà nell’abisso senza fondo del nostro egoismo.

[222321]

Dalla trasmissione di KabTV “Le Notizie con Michael Laitman”, 30/01/2018

Materiale correlato:
L’attuale produzione alimentare minaccia di causare carenze di cibo in futuro
Cibo senza pensiero
Il 2013 – La Crisi alimentare

L’umanità e le droghe

Domanda: L’umanità ha inventato vari diversivi per sfuggire agli stati negativi….facendo uso di droghe per esempio; come andrà nel 2018 con l’uso delle droghe?

Risposta: Il consumo di droghe sicuramente aumenterà ed una grande quantità di oppiacei, che addormenteranno l’umanità, si diffonderà in tutto il pianeta.

Ma cosa si può fare? La gente perderà il posto di lavoro, non ne troverà un altro e non vedrà altra via d’uscita. Ma, facendo uso di droghe per anestetizzare il disagio, pian piano arriverà alla morte.

Oggi vediamo già che essenzialmente la popolazione globale non sta aumentando. Se non fosse per le popolazioni dell’Africa e di una certa parte dell’Australia, l’umanità avrebbe arrestato la sua crescita da molto tempo.

Però la diffusione del consumo di droghe non è una soluzione. Come Baal HaSulam scrisse, il pianeta è in grado di dare sostentamento a dozzine di migliaia di persone ancora…..addirittura potremmo arrivare a cento miliardi di esseri umani, perché sulla Terra c’è abbastanza spazio per tutti. Tutto dipende solo dal nostro atteggiamento nei confronti degli altri.

Nota: Lei ha detto più di una volta che un potere superiore non lascerà che l’umanità si spenga con le droghe. È’ impossibile arrestare il processo di correzione. In una maniera o nell’altra, la correzione avverrà.

Il mio commento: Certamente, il programma continuerà a migliorare. Il problema sta nel ‘come’ questo avverrà; attraverso quali torture dovrà passare l’umanità per accorgersi che non può farlo da sola?

Oggi un gran numero di persone fa uso di droghe.

Immagina quanto difficile sarà per loro smettere di usarle, per abbandonare gradualmente la cattiva dipendenza da queste sostanze, e cominciare ad abbracciare il metodo dell’interazione globale. La gente ha bisogno di cominciare ad accorgersi del fatto che tutti dipendiamo veramente gli uni dagli altri e che non possiamo evitarlo.

Non devo essere indulgente con il mio stupido egoismo, che continua a pressarmi incessantemente: fa questo, non fare quello, non prendere gli altri in considerazione. Devo abituarmi ad essere considerato come uno di loro, come parte dello stesso meccanismo all’interno del quale lavoro e dal quale dipendo completamente. È un sistema molto complesso di interazione fra di noi. Pertanto, la persona non deve essere semplicemente istruita, ma deve anche familiarizzare con questa metodologia.

[219034]

Dalla lezione di Kabbalah in lingua russa del 24/12/2017

Materiale correlato:
Una vittoria per la marijuana è una perdita per tutti
La “super eroina”
Le droghe legali stanno guadagnando popolarità

2017: Un bilancio di fine anno

Domanda: Il 2017 è finito da un po’ ormai. Il 2018 è cominciato. Potrebbe dirci cosa ci porterà questo nuovo anno?

Risposta: Penso che, rispetto all’anno precedente, nella fase iniziale abbiamo fatto un grande balzo in avanti. Abbiamo raggiunto l’inizio del primo stadio spirituale generale chiamato “concepimento” nel mondo spirituale. Questo è un livello molto alto, difficile e pesante, come qualsiasi altra nuova cosa.

Sono molto felice che siamo passati a questo grado ed abbiamo cominciato a guardare il nostro sviluppo attraverso il gruppo, mediante concetti spirituali in una forma completamente nuova, effettiva, profonda nella comprensione spirituale.

Questa è la cosa più importante che ha avuto luogo nel mondo. Tutto il resto è solo un “giocare a fare i bambini”.

Durante quest’anno c’è qualcosa di difficile che attende il mondo. I prezzi del petrolio crolleranno, Google e Facebook diverranno meno popolari, perché dietro a tutti i mezzi che internet mette a nostra disposizione gratuitamente e che sono stati creati per favorire la connessione fra le persone, si cela il più totale egoismo, perché sono manipolati dalla gente, dai governi, dalle nazioni e dalle società.

Adesso ci troviamo in un periodo nel quale tutto questo sarà gradualmente rivelato. Pertanto, penso che l’umanità comincerà ad accorgersi di quanto dannosi siano tutti i sistemi destinati a questo.

Non ci si aspetta nulla di buono neppure sul fronte internazionale: l’umanità non recupererà la propria coscienza e le cose non miglioreranno; però noi, che siamo quelli che hanno una leggera comprensione di dove ci porterà tutto questo, abbiamo bisogno di spiegare agli altri che tutto dipende solo dalla formazione e dall’educazione delle persone, affinché capiscano che la legge spirituale della natura è la connessione globale universale fra noi, e non solo nel nostro mondo ma tra tutti i mondi.

Quanto più violiamo questa connessione, peggio ci sentiremo in futuro. Fermiamo il nostro egoismo e non permettiamogli di spingerci a prendere parte ad una distruzione più grande, alla separazione e all’avversione degli uni contro gli altri.

[218920]

Dalla lezione di Kabbalah in lingua russa del 24/12/2017

Materiale correlato:
Chi ha scritto il copione del film sul nostro destino?
Hai l’opportunità per scegliere il tuo destino – 1° Parte
Hai l’opportunità per scegliere il tuo destino – 2° Parte

Sebbene i ricchi stiano diventando sempre più ricchi, non sono loro il problema

Nel mondo si sta accentuando la differenziazione sociale. I ricchi continuano a diventare sempre più ricchi e i poveri diventano sempre più poveri, e tutto accade molto rapidamente.

Secondo dati recenti, l’anno scorso, l’1% della popolazione mondiale ha accumulato circa un terzo della ricchezza mondiale. È un male? Nell’ambito dell’egoismo umano, questo è normale e naturale. Non è una questione di miliardari. Come tutti noi, anche loro non possono sacrificare la propria natura (The Guardian).

Il nostro egoismo è senza fine e nulla è mai abbastanza per lui. È positivo che oggi siamo ancora in grado di tenerlo sotto controllo e di spremere qualche risorsa per gli altri. Nondimeno, la tendenza generale porta a un vicolo cieco.

Dopotutto, una persona ricca non stima il suo successo con i miliardi, ma con le sensazioni. Non sente di essere ricca perché altri sono più ricchi di lei oppure perché ancora non possiede tutto e tutti.

Paradossalmente, con cinquanta miliardi, si sente più povera di prima. Non c’è limite. Dona somme enormi per cause benefiche proprio perché il denaro stesso non la soddisfa. A tal proposito, tutti noi saremmo esattamente uguali al posto suo.

D’altro canto, nemmeno le massicce donazioni al Terzo Mondo sono state d’aiuto per cambiare radicalmente la situazione. Ancora muoiono di fame in centinaia di milioni e la maggior parte delle persone non è in grado di soddisfare le proprie necessità primarie.

Cosa deve essere fatto?

Per cominciare dobbiamo capire l’essenza del problema, la sua radice. Il male non è nella concentrazione della ricchezza del mondo, ma nel sistema stesso, dove le persone sono incapaci di cambiare perché non vogliono sentire che devono cambiare se stesse.

Siamo di fronte alla sfida della storia: il bisogno di rinnovare radicalmente la natura umana e coltivare una nuova qualità di dazione verso i nostri simili. Soltanto questo ci renderà uguali, veramente, onestamente, in modo affidabile e incruento. Questa non è una soluzione universale, piuttosto, permette a tutti di realizzarsi arrecando nient’altro che beneficio agli altri.

Solo in questo troveremo la nostra vocazione e la nostra felicità.

[221110]

Materiale correlato:
La rivoluzione del 21° secolo: Ricchi e poveri
“La piramide della ricchezza globale”
La lotta di classe forma un Nuovo Mondo

La legge contro l’odio

Nelle news (VOA News): “L’approvazione di una nuova legge in Venezuela che prevede sino a 20 anni di prigione per chi inneggia all’odio, sta generando preoccupazioni su una crescente repressione del dissenso.”

“La potente Assemblea Costituente che sostiene l’attuale Governo ha approvato queste misure”.

“Delcy Rodriguez, leader dell’assemblea, ha dichiarato che questa proposta rappresenta ‘una legge costruttiva per la coesistenza pacifica’ ed un antidoto ‘alle intolleranze e all’odio che la destra venezuelana ha fatto emergere.’”

“Il Presidente Nicolas Maduro ha proposto questa misura durante le proteste antigovernative che hanno avuto luogo nelle strade della capitale, e in altre città venezuelane, da Aprile fino a Luglio. Più di 120 persone sono morte, durante i tumulti quotidiani, scatenati dalla profonda crisi economica e politica. Gli attivisti spesso usano i social media per organizzare le dimostrazioni”.

Domanda: Lei pensa che questa legge fermerà le persone?

Risposta: In parte sì. Dopotutto l’uomo ha paura della punizione. E’ sotto gli occhi di tutti come le persone cerchino sempre di evitarla, provando a creare zone libere da queste posizioni dove è possibile promuovere le proprie idee.

Tuttavia, in qualche modo funziona, ma fino ad un certo punto. Dopotutto, non si può reprimere una persona solo con la paura. Sappiamo questo ormai da molto tempo. Il nostro sviluppo nel corso di migliaia di anni si presenta con un esito molto chiaro.

Per questo non credo che aiuterà molto. Ad ogni modo, troveremo presto lo stesso Venezuela immerso in una sorta di “aria malsana”, o altre perversioni, che sono state imposte nel passato assieme a queste proibizioni e punizioni. Non c’è niente di buono in questo.

Domanda: Pensa che l’umanità capirà ad un certo punto cosa c’è alla base dell’odio? Comincerà ad averci a che fare?

Risposta: Questo è impossibile da fare perché l’egoismo è la base della nostra natura. Quindi le cose cambieranno solo se cominciamo a correggerlo. Ma l’umanità non sa come correggerlo. Solo i kabbalisti lo sanno.

Per questo i kabbalisti non hanno scelta se non quella di fare appello all’umanità dicendo: “Che grande opportunità che abbiamo! Correggiamo la nostra natura!”

Eppure l’umanità non vuole ascoltare. Ad ogni modo, qui non si tratta dell’umanità, il problema è che il popolo ebraico stesso non vuole saperne nulla, e sono loro quelli che devono prima correggere se stessi e dare l’esempio al resto del mondo.

Domanda: Allora il Venezuela se ne renderà conto?

Risposta: Allora tutti lo vedranno. Se solo gli ebrei lo volessero, se fossero capaci di ascoltare e conoscere questo…

[218977]

Dalla trasmissione di KabTV “Le Notizie con Michael Laitman”, 9/11/2017

Materiale correlato:
L’odio è l’inizio dell’Amore
L’amore vince sempre sull’odio
La linea di mezzo è al di sopra dell’amore e dell’odio

Un mondo di tangenti

Nelle News (Notizie in Primo Piano): Secondo una notizia riportata dal servizio stampa delle Nazioni Unite, il volume annuale mondiale delle tangenti è stimato in mille miliardi di dollari.

“Il volume annuale mondiale delle tangenti è stimato in mille miliardi di dollari. Ma l’economia mondiale perde 2.600 miliardi di dollari a causa della corruzione. Secondo il Programma di Sviluppo delle Nazioni Unite (UNDP), nei paesi in via di sviluppo le perdite dovute alla corruzione superano l’ammontare dei fondi ufficiali stanziati di ben dieci volte”.

Domanda: Ma in che mondo viviamo?

Risposta: Viviamo in un mondo egoista e davvero non potrebbe essere altrimenti.

Se una persona è guidata dall’egoismo e non conosce un altro tipo di educazione, pensa solo a come trarre il miglior profitto da ogni incarico e da ogni lavoro. Questo è il desiderio naturale del nostro egoismo.

Siamo stati creati così, è la nostra natura. Come possiamo limitarci senza prendere, rubare, sfruttare le opportunità al lavoro? Siamo costretti ad agire così.

Di fatto, l’efficienza della società umana è pari a zero. Tutto viene assolutamente rubato.

Domanda: Questo dimostra che nel mondo quasi tutti prendono tangenti?

Risposta: Naturalmente. Produciamo davvero tutto quello di cui la società ha bisogno? E se avremo tolto alla società anche un minimo di energia, un po’ di forza, di conoscenza, o qualunque altra cosa, questo è già furto. Non possiamo fare nulla contro tutto questo senza educare la gente.

Domanda: In quali circostanze una persona non prende tangenti e non ruba?

Risposta: Nel momento in cui persegue una ricompensa più alta. Allora comincerà a dare tutto agli altri per ricevere la connessione con il Creatore come ricompensa.

Se una persona tratta gli altri come tratta se stessa, allora in questa relazione con gli altri troverà una “porta segreta”, l’ingresso al Giardino dell’Eden, al mondo spirituale.

Tutto lì è organizzato secondo altre leggi, secondo la legge della dazione e dell’amore. Questo è il progetto al quale dobbiamo lavorare. Oggi ci troviamo proprio di fronte a questa opportunità, e tutto quanto scopriremo in questo mondo è quanto esso sia insopportabile. E così ci avvicineremo sempre più a questa possibilità.

[219867]

Materiale correlato:
I Brasiliani vogliono pane invece di giochi
“Quale Comunità Internazionale?”
Il mondo è stanco dalla democrazia

Quali professioni scompariranno?

Domanda: Lei sa quali professioni scompariranno in futuro?

Risposta: Molte, praticamente tutte.

Domanda: I giornalisti scrivono che ci saranno taxi senza conduttori, che gli hotel si prenoteranno solo on line e che anche gli editori e gli scrittori scompariranno, perché un robot informatico ha già vinto un concorso letterario.

È stato stabilito che la precisione di un avvocato informatico è del 90% mentre quella dell’essere umano, del 70%; il dispositivo IBM Watson diagnostica il cancro quattro volte meglio di qualunque medico. Nel futuro l’energia solare sarà talmente economica e così ampiamente utilizzata che tutta l’industria del carbone scomparirà, ecc …

Lo scrittore israeliano Yuval Noah Harari, nel suo popolare libro “Homo Deus: Breve storia del domani”, avverte che, un domani, l’umanità potrebbe dividersi in due sottospecie: la prima che verrebbe chiamata dei pagani, la padrona dell’intelligenza artificiale e quella dei super specialisti, la seconda, comprenderà tutto il resto; ed il resto può significare paesi e continenti interi. Lei pensa veramente che l’umanità si dividerà in queste due sottospecie?

Risposta: Nel processo per arrivare a questo livello, entrambi i gruppi, certamente, saranno molto differenti l’uno dall’altro: uno si dedicherà a programmare ed inventare tutte queste macchine e l’altro consumerà passivamente perché non ne avrà davvero bisogno.

Sarà solo una massa di proteine che si alimenterà anche con sostanze speciali che diminuiranno il suo desiderio di riprodursi e tutti i suoi desideri in generale. Diventeranno “vegetali”, non persone. E coloro che creeranno le tecnologie li governeranno; ma questa non è la fine del problema, non è come un film di Hollywood, perché esistono anche il governo superiore e lo scopo.

L’umanità non esiste di per sé, e non è neppure isolata da tutto. Lo vediamo nella natura ed in tutte le sue parti: lo scopo finale è già determinato e governa tutte le fasi ed i passi dello sviluppo. Pertanto, niente si fermerà come lo ha concepito quest’uomo intelligente.

Tutto sarà differente. La gente sperimenterà importanti cambiamenti interiori; capirà che si sta uccidendo in questo modo. E non è la stessa cosa che se ci uccidiamo in questo mondo, volendo disfarcene il più rapidamente possibile.

Di fatto, gradualmente, la gente scoprirà la forma più elevata dell’esistenza alla quale può passare assolutamente senza problemi direttamente da questa vita terrena. Ascenderà semplicemente al successivo livello, che è eterno, perfetto ed infinito. Questo si rivelerà gradualmente alla gente che così farà i cambiamenti necessari per adattarsi al nuovo livello dell’esistenza.

Domanda: A chi crede che sarà rivelato per primo: ai capi o al resto della gente?

Risposta: Credo che i capi non lo riveleranno perché di fatto, sono persone di mente molto stretta. Loro conoscono la tecnologia. Sono solo interessati a creare macchine subordinate a loro.

La gente, che dipende da loro, è quella che soffre e comincerà a sentire tutto. È impossibile schiacciare questo sentimento! È naturale! E non importa quanta droga le daranno, né che usino altri mezzi per calmarli o addormentarli, non sarà di nessun aiuto!

Pian piano, prenderà vita una rivoluzione interna molto interessante nella gente che, da questo punto, passerà al livello successivo.

[218748]

Dalla trasmissione di KabTV “Le Notizie con Michael Laitman”, 9/11/2017

Materiale correlato:
I robot toglieranno il lavoro alle persone
I robot ci portano via il nostro lavoro?”
La metà dei lavori sparirà nel 2030