Pubblicato nella 'Egoismo' Categoria

Un cambiamento umano per il cambiamento climatico

Una volta pensavamo di avere sotto controllo l’ambiente naturale, ma ora, ogni tanto, arriva una calamità naturale e ci mostra quanto siamo deboli e fragili.  Il caldo estremo, sciami di locuste, tempeste turbolente, venti violenti, alluvioni devastanti, ed epidemie di lunga durata che si manifestano sempre più frequentemente e ferocemente.  C’è un modo per garantire completamente la nostra sicurezza futura? 

È abbastanza chiaro che le azioni che facciamo influenzano il contesto ecologico e portano il sistema naturale fuori equilibrio. Ma non è chiaro quali siano le conseguenze di ogni singolo passo.  Non è ovvio da che parte verrà il prossimo colpo e quale natura avrà poiché il sistema è così complesso che non capiamo la miriade di connessioni al suo interno. 

Il nostro intelletto, la nostra emozione e persino la scienza, non sono attualmente in grado di percepire l’integrità della natura e le sue complessità. Inoltre, gli interessi economici delle classi dirigenti definiscono ciò che accade in ogni momento, e, quindi, diversi sistemi e funzioni servono questi interessi, consapevolmente o inconsapevolmente.

Molte organizzazioni lavorano per ridurre il danno umano alla natura, ma tale attività da sola non risolverà lo squilibrio della natura, che è la causa delle catastrofi ambientali. Ciò che distrugge maggiormente l’equilibrio ecologico è la relazione egoistica di interesse personale tra gli esseri umani.

La natura è un sistema composto da connessioni integrali che operano attraverso una gerarchia. Quello che succede a un certo livello del sistema si ripercuote su tutti gli altri livelli.  L’intensità dell’impatto è in linea con la sua classificazione gerarchica.  La razza umana è il livello più sviluppato, quindi la sua influenza sulla natura è la più forte.

La relazione di una persona con i livelli inanimati, vegetativi e animali della natura avviene a gradi specifici, e il sistema di relazioni tra le persone avviene a un grado superiore. La natura delle relazioni umane è determinata dal livello di egoismo che si è sviluppato nell’individuo.   La gelosia, l’odio, il rispetto, la corruzione,  la dominanza, l’umiliazione, la gioia, qualsiasi sentimento che passa da una persona ad un’altra, sia in azione che in pensiero, sconvolge con la massima intensità l’equilibrio di tutta la rete naturale.

Allo stesso tempo, l’essere umano è anche la creatura più delicata del sistema naturale.  Quando il sistema è influenzato in maniera negativa, le persone soffrono le ferite più dolorose. 

Non appena questa immagine di gerarchia diventerà evidente, inizieremo a far fronte alla radice del problema.   

L’intensificazione dell’egoismo umano, caratterizzato dalla preoccupazione per se stessi e dallo sfruttamento dell’ambiente circostante, in un momento in cui il mondo sta diventando così interconnesso, ci pone in uno stato pericoloso. Ci obbliga urgentemente a migliorare la natura umana. In tutto l’ecosistema c’è integrità e reciprocità; non abbiamo altra scelta che comprendere questo principio. Siamo sulla stessa barca, quindi per sopravvivere nel XXI secolo, ognuno deve cambiare la propria natura umana a partire dal suo male innato, sia nel comportamento che nei pensieri. Dobbiamo cambiare i nostri pensieri, le nostre azioni e i nostri desideri, trasformandoli in desideri benefici per gli altri e per l’ambiente. 

Il metodo pratico per imparare a ottenere questa trasformazione imperativa è la saggezza della Kabbalah. Quando impareremo a trascendere tutte le nostre tendenze egoistiche negative e riconosceremo che siamo tutti parti individuali in un unico meccanismo collegato e completamente interdipendente, comprenderemo anche che fare del bene agli altri è anche un bene per me. Allora avremo la mentalità e lo spirito necessari per costruire una rete di considerazione e di garanzia reciproca. 

In questo stato avanzato il nostro effetto su tutto il sistema della natura sarà positivo.  Riporteremo i livelli inanimati, vegetali e animali della natura all’equilibrio generale.  

Come oggi siamo noi a distruggere tutta la natura, così abbiamo anche il potere di ripararla. Il futuro del pianeta dipende da noi.

Crescita non distruzione

Domanda: Possiamo osservare che ogni generazione che viene in questo mondo è più egoista, più rude delle precedenti. Rinnega inoltre i valori delle generazioni passate. Perché?

Risposta: Non è che le rinnega. Ha solo bisogno di nuovi valori. Ci sembra che la successiva generazione dovrebbe smantellare quella precedente. Nel frattempo, però, non si occupa della distruzione del passato ma piuttosto si prende cura di se stessa e ne costruisce uno nuovo.

Mentre i rivoluzionari qua e là volevano distruggere tutto ciò che era vecchio, questo era un male. Se tutto questo non avviene attraverso una rivoluzione, ma attraverso un’evoluzione fine a se stessa, in questo caso è prevedibile una crescita e non la distruzione.

[282050]

Dal programma di Kab TV “In primo piano la generazione”

Come compensare le contraddizioni tra generazioni
Per le future generazioni
La generazione della correzione

A quel punto non vorremo più distruggere niente

Domanda: L’Unesco ha condotto un sondaggio sui problemi che preoccupano di più gli abitanti del pianeta. Sono state intervistate 15 mila persone in tutto il mondo, il 57% erano giovani al di sotto dei 35 anni.
E’ emerso che il primo problema che affligge l’umanità è il surriscaldamento globale con la conseguente scomparsa di certe specie della fauna e flora terrestri.
Questo è stato dichiarato da circa il 60% degli intervistati.
Il secondo sono i conflitti e la violenza.
Il terzo la discriminazione e la disparità.
Il quarto la mancanza di acqua, cibo e abitazioni.
Secondo il suo parere, qual è il problema principale che l’umanità dovrebbe risolvere?

Risposta: Come coesistere in un’atmosfera affabile, buona, favorevole e rassicurante per noi e i nostri figli.E’ fondamentale capire come possiamo gestire la natura o, perlomeno, noi stessi per avvicinarci di più alla natura.

Domanda: A quel punto io, i miei vicini e i miei cari staremo tutti bene?

Risposta: Certo. La cosa più importante è scoprire la causa degli innumerevoli conflitti che ci sono fra di noi e fra noi e la natura. La causa! E allora diverremo consapevoli di cosa rappresenti per noi il maggiore pericolo e di come comportarci.

Domanda: E qual è la vera causa?

Risposta: L’enorme incongruenza fra noi, il nostro immenso egoismo, che ci divide, ci respinge e ci pone l’uno contro l’altro non permettendoci di unirci e in tal modo di portare noi stessi e tutto il mondo circostante all’equilibrio, ad uno stato buono.

Non esiste nient’altro. L’unica forza che danneggia tutto nel mondo è l’egoismo umano. Cerchiamo di capire in che modo possiamo manovrarlo.

Come potete osservare, quando l’essere umano abbandona un luogo, come ad esempio Chernobyl, tutto immediatamente si calma, non ci sono più problemi, la natura fiorisce.

Ma se riuscissimo a rimuovere l’egoismo dall’uomo, di quest’ultimo non rimarrebbe altro che lo zero assoluto! Quindi non dobbiamo pensare a come eliminarlo, ma a come correggerlo, in modo tale che diventi una forza positiva e non negativa.

Questo è evidente da come la madre si prende cura del suo bambino. Voglio dire che le persone sono capaci di farlo, se provano amore l’una per l’altra, nonostante siano egoiste. Quindi abbiamo solo bisogno di implementare l’amore per il prossimo. Tutto qui.

Non dobbiamo sconfiggere nulla ma, al contrario, dobbiamo aumentare l’amore per il prossimo. Così tutto si aggiusterà. Non avremo nessun desiderio di distruggere nulla.

 

[282752]

Dalla trasmissione di KabTV “News with Michael Laitman”, 12/04/2021

Materiale correlato:
Perché tutto il male del mondo non può essere distrutto?
Poco a poco il Creatore ci correggerà
Il cammino verso la correzione finale

Correggere la propria natura interiore

Domanda: Cosa significa correggere la propria natura interiore?

Risposta: Tutti i nostri problemi si basano sul fatto che ci siamo comportati in modo sbagliato durante tutti i cicli della nostra vita.La nostra evoluzione umana è stata viziosa ed è stata guidata dall’egoismo, dal desiderio di usare il nostro ambiente e la natura per un piacere momentaneo e ignorando qualsiasi restrizione.

Ora cominciamo a riconoscere questo come un male. Gradualmente, vedremo cosa dovremmo veramente essere dal punto di vista della natura. E guardando i nostri errori, inizieremo a correggerci. Di conseguenza, avremo qualcosa da correggere: tutti i nostri errori passati. Abbiamo dovuto percorrere questo sentiero verso la piena realizzazione del male. Pertanto, la scienza della Kabbalah è stata tenuta nascosta per millenni.

Stava aspettando che finalmente ci rendessimo conto che eravamo in una situazione di stallo. Dobbiamo fare qualcosa. Ma non sappiamo come. È allora che essa si schiude e si offre a noi. E ora, correggendo il nostro passato – tutto ciò che l’egoismo ha fatto a noi e alla natura – impareremo l’algoritmo della natura, la sua forza superiore, il Creatore. Conosceremo i Suoi desideri, i Suoi pensieri, ciò che la natura vuole da noi e inizieremo a connetterci con questo livello, a sviluppare l'”Uomo” in noi.

L’uomo è qualcosa che crescerà in noi al di sopra del nostro livello egoistico. In ebraico, l’uomo è chiamato Adamo, dalla parola “Domeh”, come il Creatore. Così, la parte che contrapporremo alla natura e che crescerà dentro di noi, corretta dagli errori del passato, sarà chiamata l’umano in noi. Quanto ad oggi, non siamo ancora umani. Perciò è detto: “Il potere ‘dell’uomo’ dentro di lui è molto debole ed è come tutti gli altri animali.”

Domanda: Perché allora gli animali soffrono?

Risposta: La natura inanimata, vegetale e animata soffre solo a causa dell’uomo.
L’uomo, essendo il livello più complesso e composito della creazione, include tutto il resto. E quando lui cade, tutto cade con lui, e quando lui si rialza, tutti si alzano.

Iniziando a correggerci, vedremo improvvisamente come la natura circostante si ripristina, si ravviva.
Ogni anno scompaiono un gran numero di specie diverse di animali e piante. Nelle profondità del mare accade la stessa cosa. E non perché bruciamo foreste o prosciughiamo i bacini idrici. Tutto questo è solo a causa del nostro stato egoistico interiore. Non appena inizieremo a cambiarlo, il mondo tornerà ad essere armonioso a tutti i livelli.
[281233]

Dalla trasmissione di KabTV “Close-up”, 19/08/2009

Materiale correlato:

Il mio ambiente di oggi rappresenta ciò che sarò io domani
Preparazione dell’egoismo per i cambiamenti futuri
Abbiamo bisogno di un vaccino contro l’egoismo?

 

XXI Secolo: guardare alla radice del problema

Domanda: Il libro di Yuval Noah Harari 21 lezioni per il XXI Secolo parla delle sfide che l’umanità affronterà nei prossimi anni.

L’autore descrive queste sfide come disoccupazione di massa, sfide politiche e ambientali, armi nucleari, un cambio di valori, un’era di sfiducia o un’epoca post-verità, guerre di massa, un cambio dell’istruzione, e costante disorientamento nel futuro.

L’autore ritiene che le precedenti credenze sulle quali il mondo si è basato fino ai tempi recenti, siano già crollate, ma nulla è ancora giunto a sostituirle. Non comprendiamo dove andare, cosa fare, che abilità acquisire. Dove ci condurrà questo?

Risposta: Non considero queste sfide una minaccia diretta all’umanità poiché essa affronta un obiettivo comune, più serio: innalzarsi al di sopra della nostra natura che ci sta continuamente distruggendo.

Nel XX secolo, siamo passati attraverso ogni sorta di rivoluzioni tecniche e tecnologiche e due guerre mondiali, ma questo non ci salva. Abbiamo raggiunto informatizzazione e scoperte tecnologiche, ma persino ciò ci danneggia. Vediamo che il nostro egoismo sta semplicemente uccidendo l’umanità, sviluppando nuove élite, ed esse, come un’idra, divorano tutto intorno a loro.

Perciò dobbiamo guardare alla radice del problema. Possiamo cambiare le tecnologie sociali, politiche, non importa cosa, mille volte, ma dopo una certa speranza in qualche tipo di “panacea” di nuovo ci ritroviamo perdenti perché il nostro egoismo, come un serpente, conquista tutto e ci lascia con niente…

Perciò tutte le tecnologie e i progressi in qualsiasi settore ci porteranno alla delusione nel nostro sviluppo. Ci sembrava di poter rendere felice l’umanità, ricca dei frutti del nostro sviluppo, ma vediamo che, al contrario, essa si sente cadere sempre più in basso, affamata, ingiustamente divisa in paesi, nazioni e classi. Come risultato, ci troviamo di nuovo di fronte a una grande disillusione.

Perciò, dobbiamo cogliere il nostro obiettivo principale, la natura egoistica dell’uomo, e vedere come possiamo correggerla. Senza questo, tutti i principi o le cause delle nostre disgrazie non porteranno a nulla. Dobbiamo guardare esattamente alla radice.

 

[279258]

Dalla conversazione sull’argomento  “Challenges of the XXI century. Introduction”, 24/04/2019

Materiale correlato:
2021 – L’anno del risveglio dell’umanità
La condizione per il mondo futuro
Nel mondo del futuro

Una vita priva di vero piacere

Domanda: Se parliamo della consapevolezza del male della natura egoistica dell’uomo, partiamo dal presupposto che la nostra natura è malvagia?

Il male si riferisce a un certo tipo di standard. Lo standard è il Bore o la forza superiore, la cui qualità è la dazione. Noi, come creatura, siamo l’opposto di questa forza, quindi la nostra natura è malvagia in relazione ad essa. Cosa si può dire a riguardo?

Risposta: Di solito, non è così che ci arriviamo. In linea di principio, non consideriamo la nostra natura né cattiva né buona. Vediamo solo che per tutta la vita, di generazione in generazione, le persone perdono tempo. Cercano di riempirsi di piccoli piaceri, ma né noi, né i nostri figli, né i nostri nipoti provano un vero piacere dalla vita.

La vita è breve. Inoltre, è imperfetta, infelice e vuota. Pertanto, una vita breve e vuota non ha alcun valore.

Di generazione in generazione, comincia a farsi sentire in noi sempre di più non come un dono, ma come una disgrazia, come qualcosa che ci opprime, una sorta di destino malvagio che ci ha imposto questa esistenza.
Non c’è da stupirsi che si dica che i felici sono quelli che non sono nati rispetto a quelli che sono nati.

Ma tutto questo deriva dal fatto che non vediamo il mondo come potremmo effettivamente organizzarlo. Sulla base di ciò, appaiono varie teorie che ci dicono cosa fare di noi stessi e della nostra vita.
[277709]

Dalla trasmissione di KabTV “Spiritual States”, 13/5/2019

Materiale correlato:
Un passo verso la scoperta del significato della vita
C’è un senso della vita, nella vita stessa?
Non dovremmo più uccidere le zanzare?

L’egoismo è la base della materia

Domanda: Ci sono persone il cui egoismo cresce costantemente. Ci sono persone che non hanno bisogno di nulla e si sentono abbastanza soddisfatte standosene sdraiate sul divano a guardare la TV tutto il giorno. Qual è l’egoismo che cresce e dov’è?

Risposta: L’ego è il desiderio di riempirti. L’ego non è solo in ciascuno di noi, ma anche nella materia di cui sono fatti i livelli immobile, vegetale e animato. Se non fosse per l’egoismo, la materia non esisterebbe.

La materia sente se stessa solo nella misura in cui sente il suo egoismo, nella misura in cui sente il desiderio di godere, di sostenersi e di mantenere la propria esistenza.

Dov’è l’egoismo? L’ego è dentro la materia stessa, ed è anche la sua componente spirituale. Se l’ego cambia, cambia anche la materia. L’egoismo è la forza interna che sostiene la materia; la costringe ad esistere e obbliga i suoi elettroni e i suoi atomi a girare.

Abbiamo tutti studiato a scuola le reazioni chimiche e sappiamo qual è la valenza di un elemento, come si combinano fra loro secondo gli elettroni liberi nell’orbita esterna degli atomi. Questi stati sono indicativi del nostro egoismo.
[258846]

Dalla trasmissione di KabTV “Fundamentals of Kabbalah”, 15/12/2019

Materiale correlato:

Elevarsi al di sopra dell’egoismo universale
Lo sviluppo dell’egoismo è una legge della natura
In che cosa l’egoismo della natura è diverso dall’egoismo dell’uomo?

Come finirà tutto?

Domanda: La saggezza della Kabbalah distrugge l’equilibrio della nostra natura egoistica. Sarebbe interessante conoscere l’epilogo della natura umana?

Risposta: Questo potrebbe finire in un modo abbastanza prevedibile, e spero che la soluzione sia vicina.

Tutto finirà con il fatto che l’egoismo, come la parte negativa della natura, sarà bilanciato dall’altruismo, la parte positiva della natura, ed entrambe le parti lavoreranno in armonia tra loro. E noi ci troveremo nel mezzo.

Dovremmo usare sia l’egoismo che l’altruismo. Tutto dovrebbe essere moderato e in equilibrio. E ogni persona avrà entrambe queste forze.

[276992]

Dalla trasmissione di KabTV “Ask a Kabbalist”, 20/03/2019

Materiale correlato:
Cosa determina il futuro di ogni persona?
Come si può prevedere il futuro?
La forma futura della società

Come spiegare la solitudine

Domanda: Come si spiega la solitudine, quando una persona non riesce nemmeno a provare simpatia reciproca? Ora ci sono molte persone così. Questo significa che non hanno anime gemelle e sono sole nella vita, per sempre?

Risposta: L’egoismo è in costante sviluppo in noi, dall’inizio della creazione ai nostri giorni, e continuerà a crescere sempre di più.

Man mano che l’egoismo personale si sviluppa, ogni individuo si sentirà sempre più distante dagli altri. Sarà sempre più difficile per lui trovare la sua anima gemella e, in generale, ritrovarsi con gli amici.

Se l’umanità non inizia a correggersi, il suo futuro, ovviamente, è molto sfortunato. Le persone vivranno nelle loro custodie, e questo sarà il loro destino.

Commento: Ma questa è una grande sofferenza.

La mia risposta: Si abitueranno, prenderanno droghe o qualcos’altro. E cosa puoi fare contro l’egoismo? O si modifica o si lascia così com’è e lo si smorza silenziosamente.

[276762]

Dalla trasmissione di KabTV “Ask a Kabbalist”, 20/03/2019

Materiale correlato:
Per quale motivo ci viene data la solitudine?
La società come un singolo individuo
L’umanità e le droghe

Preparazione dell’egoismo per i cambiamenti futuri

Domanda: Perché l’umanità ha impiegato così tanto tempo per arrivare a condizioni eque e all’uguaglianza di tutti di fronte alla legge? Inoltre, anche se non è uguaglianza spirituale, vede ancora qualche progresso in questo?

Risposta: Sì, vedo degli avanzamenti. C’è voluto così tanto tempo all’umanità per arrivare allo stato attuale perché lavoriamo con l’egoismo. Al più basso livello del suo sviluppo, l’egoismo è davvero impenetrabile. Ci sono voluti migliaia di anni per prepararlo in qualche modo ai cambiamenti futuri.

Non sentiamo ancora questi cambiamenti, ma presto inizieranno a manifestarsi. Vedremo come in diverse fasi dello sviluppo umano e in differenti tappe storiche, ci stavamo preparando a questi cambiamenti.

Il fatto che è stato tutto distribuito in tale modo nel tempo indica solo che la natura sa con chi ha a che fare e organizza tutto secondo la legge del suo sviluppo intrinseco.

È necessario portare gradualmente l’egoismo ad una consapevolezza della necessità di cambiamenti etici, morali e infine spirituali.
[274127]

Dalla trasmissione di KabTV “Communication Skills”, 11/09/2020

Materiale correlato:
L’incontro con la natura
Perché la natura ha pianificato una pandemia?
L’egoismo come distruttore della società