Pubblicato nella 'Economia' Categoria

Necessità e Competitività

Domanda: La rivelazione dell’ ego nella nostra vita quotidiana, soprattutto in economia, è espressa dalla crescente aggressività della gente nei confronti di altra gente e dei paesi nei confronti di altri paesi, perché ognuno cerca di ingoiare il più possibile, costruiscono piramidi in ogni area per cercare di ridurre al minimo il numero di attori. Questo trend continuerà?

Risposta: In generale, è per il bene, perché la gente deve capire cosa sta succedendo.

Raggiungeremo lo stato in cui tutto dipende solo da me in tutto quello che faccio, e interpreto il ruolo di primo piano che elimina il gioco ridondante di competizione. Questo diventa privo di valore in ogni caso, e in effetti, mi mette in una posizione in cui posso capire chiaramente quello che faccio e se è necessario o meno.

Il problema è che, anche se io riesco a dettarle quello che devono sentire come al mercato, i desideri delle persone cambiano. Improvvisamente la necessità di ciò che io offro loro scompare, quindi questo mi costringe ad agire in modo diverso.
[107611]

Da  Kab.TV “La crisi globale”, 19.03.2013

Materiale correlato:
Perché ho bisogno di un medico?
La Terra ha bisogno di una popolazione ridotta

La Banca Mondiale avverte i ministri del lavoro del G20 della “crisi globale del lavoro”

Dr. Michael LaitmanNelle notizie (da International Business Times): “Il mondo sta affrontando una crisi globale del lavoro se continua l’attuale traiettoria di crescita dell’occupazione, secondo un rapporto congiunto della Banca Mondiale, l’Organizzazione internazionale del lavoro e l’Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo.

“Le organizzazioni hanno detto che entro il 2030 ci sarà bisogno di 600 milioni di nuovi posti di lavoro creati in tutto il mondo per far fronte a popolazioni in espansione, e non ci saranno sufficienti lavori di qualità.

“‘Non c’è dubbio, c’è una crisi globale di posti di lavoro” ha detto Nigel Twose, dirigente senior della Banca Mondiale per il lavoro.

“La debole performance del mercato del lavoro sta anche minacciando la ripresa economica perché sta vincolando sia i consumi che gli investimenti, con più di 100 milioni di persone ancora disoccupate nelle economie del G20 e 447 milioni di ‘lavoratori poveri’ che vivono con meno di $2 al giorno nelle economie del G20 emergente.”

Il mio commento: La soluzione non è quella di creare posti di lavoro. La disoccupazione continuerà a crescere con lo sviluppo di nuove tecnologie. Lavorare “invano” significa esaurire le risorse solo per occupare le persone. A lungo termine, non più del 2-3% della popolazione sarà impegnato in un lavoro al fine di fornire alla popolazione mondiale tutto il necessario.

La soluzione è di includere tutti nell’ educazione integrale, e poi, nella misura della sua assimilazione, modificare la struttura sociale in una società di consumo razionale.
[143277]

Materiale correlato:

Gli esperti: La disoccupazione salirà in Zona Euro
La disoccupazione distrugge la salute psichica

Marx aveva ragione?

Dr. Michael LaitmanOpinione  (Umair Haque, consulente e autore londinese, direttore di Havas Media Labs):

  • “L’impoverimento. Marx sosteneva che il capitalismo rende i lavoratori poveri: voleva dire che il loro lavoro sarebbe stato ‘sfruttato’ – non solo in senso puramente etico, ma in uno più stretto economico: perché i salari reali sarebbero stati ridotti e le condizioni di lavoro peggiorate. Come ha fatto Marx a pronosticare questo? Direi facendo una media: i salari in molte economie avanzate – particolarmente nel capitalismo più puro, hanno un senso finanziarizzato – e hanno fallito nel tenere il passo con la produttività; non per anni, ma per decenni. (Il salario medio americano è stato stagnante per circa 40 anni.) In termini macro, la quota del reddito dei lavoratori è crollata, mentre la parte del leone di crescita è maturata per quelli in cima.
  • La crisi. Siccome i lavoratori sarebbero stati pagati sempre meno, il capitalismo sarebbe stato incline a croniche, perpetue crisi di sovrapproduzione – e loro non avrebbero avuto i mezzi per acquistare o investire in beni sufficienti soldi per mantenere l’economia ronzio. Quindi Marx aveva previsto, si sarebbe arrivato a una specie di ‘povertà in mezzo all’abbondanza.’ [...]
  • “La stagnazione. Ecco la più controversa – e più curiosa – previsione di Marx. Come tutte le economie di stagnazione, i tassi reali di profitto scenderanno. Come fare per tirarli su? Al primo sguardo, sembrano essere stati completamente screditati: i profitti aziendali stanno sfondato il tetto fino a livelli stratosferici. Ma pensateci di nuovo, in termini economici: la previsione di Marx interessa il ‘profitto reale,’ non solo numeri di misteriosa carne servita dai contatori di fagioli, e masticata con gusto da ‘analisti’. [...]
  • “L’alienazione. Se i lavoratori vengono separati dal risultato del loro lavoro, sostiene Marx, il loro senso di autodeterminazione diminuisce, alienandoli dal senso del suo significato, scopo e riempimento. Cosa sta facendo Marx a questo punto? Direi abbastanza bene: la maggior parte dei luoghi di lavoro moderni umani, anche se autoproclamati per tutte le loro comodità, sono bastioni di noia spaccaossa e succhiatori mediocri di anime, pieni di squallidi incontri, attività lugubri, e obiettivi inutili che sono un bel po’ ‘alienanti. [...]
  • “Feticismo dei prodotti. Un oggetto feticcio è più che un simbolo: si crede di avere in realtà il potere del simbolo rappresentativo (come un idolo, o un totem con proprietà magiche). Marx sosteneva che in base alle regole dell’epoca industriale del capitalismo, le materie prime saranno diventate talismani venerati, adorati attraverso scambi transazionali, intrise di poteri mistici che danno loro valore intrinseco – e oscurando il loro valore reale e delle stesse persone che hanno lavorato su di loro, in primo luogo. E’ uno dei concetti e sfumature più sottili di Marx. Ha retto? Ancora una volta, io posso solo indicare una società in furiosa ricerca per il di più, il più grande, più veloce, più economico, più perverso, ora, che si tratti di templi al dettaglio di mega-centri commerciali dell’America, o rivoltosi di Londra che vanno a rubare, non il pane, ma i videogiochi. “

Il mio commento: Marx aveva ragione nel fatto che egli credeva che solo l’educazione umana e l’istruzione possono portare una persona alla trasformazione del sistema capitalistico in un vero socialista, e se succede violentemente, da pressioni esterne (una rivoluzione), e non dal libero arbitrio delle persone corrette, ci sarà un altro nazismo tedesco oppure in stile sovietico.
[139494]

Materiale correlato:

La rivincita di Marx
Riguardo alla Kabbalah, Marx, ed alla grande bugia

La globalizzazione si sta sgretolando

Dr. Michael LaitmanOpinione (Michael Khazin, economista): “Ho analizzato l’andamento delle tendenze globali ed è accaduto il tutto al contrario. Dal 1990 al 2005, c’è stato un trend globale di crescente globalizzazione, ma i processi di integrazione regionale sono andati contro, ed è stato molto difficile e costoso mantenerli.

“Sin dal 2008, il meccanismo di stimolare la domanda attraverso l’emissione del dollaro ha smesso di funzionare, e ci restano ora due problemi: sopportare la caduta del tenore di vita, o modificare il meccanismo continuando il mantenimento della domanda con l’emissione del dollaro nei centri regionali di emissione.

“La fine del capitalismo è d’avanti a noi, ma l’Europa e gli Stati Uniti non sono disposti ad ammetterlo. L’integrazione regionale è diventata la nuova tendenza globale. La globalizzazione si sta sgretolando. Tutto sarà deciso nel quadro dei processi di integrazione regionale”.

Il mio commento: Tutto sarà risolto solo attraverso la connessione nei circoli. Chiamiamola integrazione regionale. A poco a poco, i suoi confini si espanderanno a ricopriranno il mondo intero.
[139359]

Materiale correlato:

Globalizzazione
“Che cosa andrà a sostituire il modello della globalizzazione?”

La scienza della felicità

Dr. Michael LaitmanOpinione (Karlheinz Ruckriegel, ricercatore sulla felicità presso la Georg-Simon-Ohm Hochschule, Università di Arti Applicate di Norimberga): “Laddove le persone passano attraverso la lotta quotidiana per sopravvivenza, è improbabile che siano pienamente soddisfatte della loro vita. Esse hanno una relazione diretta tra reddito e soddisfazione. Dicono che la felicità non è nel denaro, ma nella sua quantità.

“Tuttavia, a partire dal PIL pro capite di 10 mila dollari l’anno, questa dipendenza si indebolisce e dopo i 20.000 si perde completamente. In precedenza, i lavoratori semplicemente lavoravano duramente dall’inizio alla fine della loro vita, per essere pagati e non chiedevano nient’altro.

“Oggi, ciò che è importante è la realizzazione di sé, di essere impegnati in questioni interessanti. Nel lavoro, le persone cercano il successo, l’amicizia, il riconoscimento, progetti sul futuro e opportunità per rivelare il loro talento. In generale, il prodotto interno lordo non è un indicatore di soddisfazione del pubblico.

“Maggiore è la disuguaglianza sociale, meno felici sono i cittadini. Ciò è particolarmente evidente quando già dalla nascita, le persone hanno possibilità non eque, e durante tutto il corso della vita, non possono cambiare questa situazione. Questo riguarda entrambi gli indicatori oggettivi, quali l’aspettativa di vita e la salute.

“Il livello di benessere viene determinato mediante i contatti sociali, la partecipazione attiva alla vita pubblica, al lavoro che porta soddisfazione, la beneficienza, la salute e la libertà interiore.

“Le tesi sulla scienza della felicità non sono più controverse, ma scientificamente provate.”

Il mio commento: Il nostro egoismo è in crescita e quindi richiede maggiore soddisfazione qualitativa. Così oggi più che mai, le persone stanno studiando molto seriamente le fonti della felicità.
[138633]

Materiale correlato:

L’indice della felicità
Gli anni d’oro dell’umanità

Gli scienziati esortano ad abbandonare il PIL

Dr. Michael LaitmanNelle notizie (da ABC Net): “In un pezzo commento di questa settimana di Nature, il dottor Robert Costanza, presidente della Public Policy presso l’ANU, e i suoi colleghi sostengono che il PIL dovrebbe essere sostituito con un sistema di misurazione più sofisticato che rappresenta un resoconto più completo del benessere economico di una nazione. [...]

“Qualunque cosa si pensi che renda la vita degna di essere vissuta, come sottolineò Robert F. Kennedy nel 1968, è quasi scontato che sicuramente che non è misurato dal Prodotto Interno Lordo, o PIL.

Il PIL misura semplicemente l’attività economica di una nazione in termini di produzione e di consumo. Non fa alcun riferimento al fattore di impoverimento delle risorse naturali o del degrado dell’ambiente. Non si preoccupa per la disuguaglianza di reddito e di tutti i mali che vengono da esso. Non pretende di discriminare tra attività benefica economica (nuove infrastrutture, investimenti in istruzione, prevenzione delle malattie, ecc) e l’attività negativa (il costo del crimine, inquinamento, ecc.) e ignora completamente interi settori di attività proficua, come i lavori domestici o di volontariato nella comunità.

“Un segno di come l’indigente PIL, considerato il sistema metrico del benessere, è il modo in cui tende a salire dopo un disastro naturale. La ricostruzione e la bonifica sprona a un intensa attività che viene registrata dal PIL, mentre la distruzione, la perdita di vite umane, le sofferenze e i disagi per le famiglie e le comunità sulla scia di un diluvio, ciclone o incendio boschivo vengono ignorati.

“Uno degli apripista per la sostituzione del PIL è l’indicatore del Progresso Autentico (GPI, Genuine Progress Indicator). E ‘stato proposto nel 1989 ed è stato sviluppato da quel momento per misurare con precisione non solo un’attività economica, ma anche l’impatto di questa attività e il benessere degli individui che vivono in tale economia, e quanto l’attività è svolta in modo sostenibile.

“Esso utilizza efficacemente il PIL come suo fondamento, ma poi scruta l’attività economica più in dettaglio, rendendo delle sottrazioni per l’attività negativa e aggiungendo alle attività benefiche che sovrastano il PIL. [...]

“Considera anche i fattori dell’ambiente, in termini di costo dell’inquinamento, della perdita di zone umide e terreni agricoli, l’esaurimento delle risorse naturali e l’emissione di anidride carbonica. Si tiene anche conto del costo della criminalità, non solo in termini di impatto diretto, ma anche il costo della polizia, delle carceri e anche la quantità di denaro speso per serrature e allarmi.

“Il GPI non è l’unica alternativa al PIL, ma è uno dei più rispettati dagli economisti ed esperti di politica pubblica di tutto il mondo. La domanda ora è: che cosa ci impedisce di adottarlo?

“‘Dobbiamo trovare qualche terapia per fare una transizione verso un’economia sostenibile, un’economia che non si basa sulla crescita del PIL, ma sul miglioramento del benessere’, ha detto Costanza.

“Mentre le ricerche sfrenate per la crescita del PIL non hanno fatto molto per aumentare il nostro benessere negli ultimi decenni, è stato un trionfo per le grandi imprese e il settore finanziario, vale a dire coloro che beneficiano in modo sproporzionato dalle attività economiche a crudo. Non sorprende che, come risultato di questa manna, questi settori – e i politici che li servono – sono in grado di resistere a qualsiasi mossa per un più completo misuratore del benessere nazionale economico.”

Il mio commento: Non importa ciò che viene misurato o quanto sia importante il principio, lo scopo dello sviluppo, per cosa? E’ necessario frenare gli appetiti, prendere dalla natura solo ciò che è necessario, e utilizzare il nostro tempo libero per rieducare l’umanità. Altrimenti, stiamo andando verso un confronto incombente con la natura, che si rifletterà in tutti gli aspetti della nostra vita.

Di solito la gente capisce la natura del mondo che li circonda ai livelli dell’ inanimato, vegetale, ed animato, ed escludono noi stessi da questa definizione. Questo è il nostro errore; dopo tutto, siamo ancora sotto il controllo della natura e sotto le sue leggi. Usiamo queste leggi erroneamente, danneggiando noi stessi, e usiamo l’intelligenza che ci è stata data contro noi stessi. La Kabbalah ci avverte del castigo imminente per il nostro disprezzo della natura.
[138155]

Materiale correlato:

L’indice della felicità
Vuoi essere felice – sii felice!

L’inverso rapporto di denaro e felicità

Dr. Michael LaitmanNelle Notizie (da VOX): “Il legame tra maggiore reddito nazionale e maggiore soddisfazione della vita nazionale è fondamentale per il rapporto nelle politiche economiche. C’è un rapporto chiaro e positivo nelle nazioni e regioni più povere, ma si abbassa a circa $ 30.000 – $ 35.000, e poi diventa negativo. “

Il mio commento: Al giorno d’ oggi sono stati condotti molti studi analoghi e tutti sono arrivati alla stessa conclusione. La Kabbalah dice le stesse cose: Una persona ha bisogno di soddisfazione razionale delle sue necessità corporee (il suo livello animale), e di ogni altra soddisfazione (dell’anima) che egli dovrebbe ricevere solo dalla rivelazione del Creatore.
[138449]

Materiale correlato:

In cosa consiste la felicità?
Il denaro non può comperare la felicità

Il potere distruttivo di Babilonia in Europa

Dr. Michael LaitmanDomanda: Perché il potere della connessione a volte ha molto successo ed a volte no? Ad esempio negli Stati Uniti l’unione di più nazioni ha portato alla creazione di una nazione molto forte, mentre l’unione in Europa non ha avuto un buon esito.

Risposta: In Europa agisce il potere distruttivo di Babilonia, la confusione ed il miscuglio di varie lingue.

Domanda: Come possiamo essere certi che il potere della connessione che stiamo creando non peggiori le cose?

Risposta: Dipende dal periodo in cui ci troviamo, se è un periodo in cui è possibile divulgare liberamente la saggezza della Kabbalah e la scienza della correzione del mondo. Abbiamo raggiunto questo momento o no? Per noi questa domanda non esiste perché ne ha scritto un grande kabbalista.

Domanda: Il mondo nella sua interezza, in tutti i suoi livelli, in tutte le sue forme, è maturo per recepire questo metodo e realizzarlo efficacemente?

Risposta: Il mondo è pronto tanto quanto riesce a percepire la crisi: che sia nel campo dell’educazione dei bambini, nelle famiglie, nella realtà della disoccupazione o al lavoro, nei rapporti sociali o a livello della crisi economica in generale.

Domanda: La crisi in Europa è già stata sentita e stanno cercando di porvi rimedio. I tentativi proseguono da alcuni anni ma invano.

Risposta: Non saranno mai in grado di farcela da soli. In qualche modo alle persone sembra che se attendono, allora saranno in grado di saperne di più tramite l’esperienza e ad un certo momento saranno più sagge, riceveranno il desiderio e capiranno da sole. Ma questo non accadrà mai. Le persone non capiranno nulla da sole.

Le persone non diventeranno migliori o più sagge ricevendo qualche colpo in più; al contrario saranno più ostinate e se la passeranno peggio. Solo tramite le nostre attività con loro e tramite il nostro metodo sarà possibile correggere la situazione.
[136880]

Materiale correlato:

Il mondo è pronto per sentire
Venite a vedere!

La guerra finanziaria

Dr. Michael LaitmanNelle notizie (da postScriptum): “Nel corso dell’ultimo decennio, la cella d’élite del Tesoro americano ha affinato gli strumenti di guerra economica, con i quali è possibile portare in ginocchio quasi ogni paese del mondo – senza sparare un colpo.

“La strategia è basata sull’egemonia del sistema bancario globale, supportata da una rete di alleati. Questo è un nuovo tipo di guerra, che mira a fermare i flussi finanziari del nemico.

“Al momento, quando una banca cade sotto la loro azione, quando viene accusata di lavare denaro sporco o di terrorismo finanziario, viene intrappolata in una stretta mortale. Questa è come una pena di morte, anche se l’istituto finanziario non funziona sul territorio degli Stati Uniti. Le banche europee non hanno il coraggio di discutere con le autorità di regolamentazione degli Stati Uniti. Loro dovrebbero recidere tutti i rapporti con la vittima.

“Nauru, Birmania, Nord Cipro, la Lettonia e la Bielorussia sono stati costretti a obbedire alle richieste americane. La Corea del Nord é stata paralizzata. Ma oggi il mondo è troppo interconnesso, e le sanzioni possono generare una reazione a catena “.

Il mio commento: Oggi, gli Stati Uniti dominano il mondo, ed è per questo che la Cina, l’Unione Europea e la Russia vogliono così tanto aumentare le loro valute al livello mondiale. Ma gli Stati Uniti non permetteranno che questo accada, con qualsiasi mezzo. Una grande guerra finanziaria è in atto. Questa ci porterà alla consapevolezza della globalità, la globalità negativa, dalla quale dovremo passare alla globalità positiva, perché non possiamo cambiare la globalità stessa. Non si può tornare indietro nella storia e nell’evoluzione.
[137147]

Materiale correlato:

“L’egemonia del dollaro nell’ Impero dei dannati”
La crisi dell’UE ha molte sfaccettature

Troppi litigi

Dr. Michael LaitmanL’opinione (Michael Khazin, economista): “La società moderna è caratterizzata da un’estrema contraddizione: il suo sistema di controllo si basa sul principio feudale (rigido e verticale), mentre l’elite è costituita da linee tribali. Un uomo può entrare nell’elite tribale solamente con il sangue, cioè, attraverso il matrimonio.

“Di conseguenza, vari problemi si presentano. Solitamente vengono risolti aumentando il numero delle persone ricche – l’elite finanziaria. Grazie allo stimolo dei prestiti, il numero delle persone ricche è aumentato di dieci volte, rispetto alla quantità che l’economia può sostenere.

“Questo ha calmato gli uomini dotati e vivaci. Il loro vero ruolo è di servire l’elite. La loro manifestazione è stato il meccanismo per ridurre le tensioni sociali e di guida.

“Questa situazione è finita. Ma cosa si può fare con la parte attiva che non è ancora ricca? Infatti, se nell’ultima decade la parte delle entrate totali, con il settore finanziario ridistribuito in suo favore, è cresciuto di cinque volte, e durante lo sviluppo della crisi, le economie dei paesi sviluppati si sono ridotti della età, il settore finanziario si ridurrà di dieci volte.

“Essi possono indebolire lo stato moderno e la sua elite, almeno sotto il pretesto che l’elite ha permesso la crisi, rispetto alla quale essi non sanno cosa fare.

“I servi che sono stati nutriti dall’elite sono diventati i suoi peggiori nemici.

“Il conflitto tra l’elite e coloro che ne sono stati nutriti diventerà la base per la distruzione della società occidentale e dell’ideologia liberale. La società tradizionale può diventare un’alternativa ai nuovi ricchi”.

Il mio commento: Non può esserci alcuna alternativa; non c’è spazio per le congetture; c’è solamente una soluzione; ricostruire la società stessa sui valori veramente liberali, attraverso il metodo dell’educazione integrale e della saggezza della connessione.
[135596]

Materiale correlato:

La società occidentale è in stallo
Il crollo è inevitabile