Pubblicato nella 'Economia' Categoria

Quali professioni scompariranno?

Domanda: Lei sa quali professioni scompariranno in futuro?

Risposta: Molte, praticamente tutte.

Domanda: I giornalisti scrivono che ci saranno taxi senza conduttori, che gli hotel si prenoteranno solo on line e che anche gli editori e gli scrittori scompariranno, perché un robot informatico ha già vinto un concorso letterario.

È stato stabilito che la precisione di un avvocato informatico è del 90% mentre quella dell’essere umano, del 70%; il dispositivo IBM Watson diagnostica il cancro quattro volte meglio di qualunque medico. Nel futuro l’energia solare sarà talmente economica e così ampiamente utilizzata che tutta l’industria del carbone scomparirà, ecc …

Lo scrittore israeliano Yuval Noah Harari, nel suo popolare libro “Homo Deus: Breve storia del domani”, avverte che, un domani, l’umanità potrebbe dividersi in due sottospecie: la prima che verrebbe chiamata dei pagani, la padrona dell’intelligenza artificiale e quella dei super specialisti, la seconda, comprenderà tutto il resto; ed il resto può significare paesi e continenti interi. Lei pensa veramente che l’umanità si dividerà in queste due sottospecie?

Risposta: Nel processo per arrivare a questo livello, entrambi i gruppi, certamente, saranno molto differenti l’uno dall’altro: uno si dedicherà a programmare ed inventare tutte queste macchine e l’altro consumerà passivamente perché non ne avrà davvero bisogno.

Sarà solo una massa di proteine che si alimenterà anche con sostanze speciali che diminuiranno il suo desiderio di riprodursi e tutti i suoi desideri in generale. Diventeranno “vegetali”, non persone. E coloro che creeranno le tecnologie li governeranno; ma questa non è la fine del problema, non è come un film di Hollywood, perché esistono anche il governo superiore e lo scopo.

L’umanità non esiste di per sé, e non è neppure isolata da tutto. Lo vediamo nella natura ed in tutte le sue parti: lo scopo finale è già determinato e governa tutte le fasi ed i passi dello sviluppo. Pertanto, niente si fermerà come lo ha concepito quest’uomo intelligente.

Tutto sarà differente. La gente sperimenterà importanti cambiamenti interiori; capirà che si sta uccidendo in questo modo. E non è la stessa cosa che se ci uccidiamo in questo mondo, volendo disfarcene il più rapidamente possibile.

Di fatto, gradualmente, la gente scoprirà la forma più elevata dell’esistenza alla quale può passare assolutamente senza problemi direttamente da questa vita terrena. Ascenderà semplicemente al successivo livello, che è eterno, perfetto ed infinito. Questo si rivelerà gradualmente alla gente che così farà i cambiamenti necessari per adattarsi al nuovo livello dell’esistenza.

Domanda: A chi crede che sarà rivelato per primo: ai capi o al resto della gente?

Risposta: Credo che i capi non lo riveleranno perché di fatto, sono persone di mente molto stretta. Loro conoscono la tecnologia. Sono solo interessati a creare macchine subordinate a loro.

La gente, che dipende da loro, è quella che soffre e comincerà a sentire tutto. È impossibile schiacciare questo sentimento! È naturale! E non importa quanta droga le daranno, né che usino altri mezzi per calmarli o addormentarli, non sarà di nessun aiuto!

Pian piano, prenderà vita una rivoluzione interna molto interessante nella gente che, da questo punto, passerà al livello successivo.

[218748]

Dalla trasmissione di KabTV “Le Notizie con Michael Laitman”, 9/11/2017

Materiale correlato:
I robot toglieranno il lavoro alle persone
I robot ci portano via il nostro lavoro?”
La metà dei lavori sparirà nel 2030

“Lamentatevi con Colui che ci ha creati”

Il mondo sta realizzando di aver raggiunto un punto morto. Ne consegue che non ci sono più né democrazia né liberalismo. A che cosa siamo arrivati permettendo ai mass media e all’oligarchia di fare liberamente quel che vogliono?

Fra 10 anni, essi si riuniranno ancora a Davos e proclameranno: “Adesso il 99% del capitale totale è posseduto dall’1% della popolazione mondiale e ben presto l’intero 100% sarà nelle nostre mani. Il resto delle persone può pure morire di fame. Noi ovviamente siamo molto dispiaciuti per loro ma non c’è nulla che possiamo farci. Questo è un percorso di sviluppo egoistico. Se non vi piace, lamentatevi con il Creatore.”

I ricchi stessi diranno: “Voi volete cambiare ma il cambiamento non è nelle vostre mani. Noi non abbiamo alcuna colpa; siamo egoisti come chiunque altro. Voi avreste fatto lo stesso al posto nostro. Tutto il denaro si è accumulato nelle nostre mani perché il desiderio di provare piacere ci ha forzato ad agire in questo modo. Lamentatevi con Colui che ci ha creati.” Forse allora, quegli sfortunati ai quali non è rimasta neppure una briciola di pane, capiranno di aver bisogno di rivolgersi al Creatore.

[221013]

Dalla terza parte della Lezione quotidiana di Kabbalah del 25/01/2018, Gli Scritti del Baal HaSulam, “Introduzione a Il Libro dello Zohar,” Paragrafo 60

Materiale correlato:
La rivoluzione del 21° secolo: Ricchi e poveri
Perché abbiamo bisogno del Denaro?
La chiave di volta per risolvere i problemi

Un Equilibrio Ragionevole

Dr. Michael LaitmanDomanda: La correzione spirituale viene testata attraverso la povertà o il benessere?

Risposta: Qui non c’è nessun test! L’uomo deve vivere la propria vita in modo equilibrato e procurarsi tutto in modo ragionevole, direi anche minimalisticamente, in modo che tutto possa essere semplice. Il resto viene investito spiritualmente. In questo modo progredisce senza sprecare la propria energia in nulla di superfluo e, al tempo stesso, conquistando il mondo spirituale.

Domanda: Supponiamo che l’uomo voglia intraprendere lo sviluppo spirituale nella saggezza della Kabbalah, ma non ha i mezzi, è costantemente impegnato a guadagnare denaro. Come ci si dovrebbe porre davanti ad una simile situazione?

Risposta: Non può essere che l’uomo tutto il tempo abbia bisogno di lavorare per fare denaro se stiamo parlando delle necessità normali, minime e ragionevoli per una persona. Supponi che lui abbia cominciato a studiare Kabbalah, vedi come all’improvviso sarà capace di equilibrare lo studio con le entrate che ha.

Domanda: Ci sono persone che vogliono essere coinvolte nella spiritualità perché tutto il mondo fisico, semplicemente, le ripugna. Non hanno motivazioni per lavorare, guadagnare soldi, fare sport o fare i mestieri di casa.

Risposta: È naturale! Consiglio di non trascurare il lavoro. Rabash insisteva che l’uomo lavorasse e guadagnasse. Anche se non ha bisogno di soldi, deve comunque lavorare un certo numero di ore al giorno.

[192300]

Dalla lezione di Kabbalah in russo, 03/04/16

Materiale correlato:

Perché abbiamo bisogno del denaro?
Come possiamo liberarci dai problemi economici?

Come possiamo liberarci dai problemi economici?

Dr. Michael LaitmanDomanda: Cosa si dovrebbe fare per guadagnare più denaro e non soffrire?

Risposta: La situazione migliore è quando si ha un lavoro stabile, si prende uno stipendio fisso e, nel tempo libero, ci si dedica a cose che non sono legate al guadagnare o allo sprecare denaro.

Allora la mente si libera da pensieri sui problemi economici. Improvvisamente all’uomo diventa chiaro che è possibile cavarsela bene, perché in linea di principio, l’uomo non ha bisogno di molto per vivere: vestiti, cibo, casa e pagare le tasse. E tutto il resto dovrebbe appartenere ad un’area completamente diversa: necessità spirituali, percezioni e così via. L’uomo deve dirigersi proprio in questa direzione perché in futuro le cose non andranno meglio.

Le persone nel mondo non saranno mai in grado di guadagnare molto. In tutto il mondo è finita “L’età dell’oro” con le sue abitudini borghesi.

Abbiamo la capacità di fornire a tutti il necessario per l’esistenza: cibo, vestiti, abitazioni, educazione per i bambini e così via, tutto ciò che è necessario all’uomo per vivere normalmente senza lussi. Lo sviluppo tecnologico moderno rende possibile garantire tutti queste necessità.
[189804]

Dalla lezione di Kabbalah in russo 03/04/16

Materiale correlato:
Che cos’ è il Denaro?
Perché abbiamo bisogno del Denaro?
Un nuovo modo di pensare ai soldi

La soluzione alla crisi è la ridistribuzione della ricchezza?

Dr. Michael LaitmanDalle notizie (inosmi.ru): “Il mondo non era preparato alla crisi economica grazie alla quale molta gente ha perso il lavoro. In queste circostanze è iniziata la crisi dei rifugiati”.

“La crisi attuale non è un confronto tra gli stati. La crisi attuale è giunta nel momento in cui la comunità internazionale non ha potuto rispondere unita a questo pericolo, alle minacce del terrorismo e del cambiamento climatico. Attualmente come risultato del capitalismo globale, durante il quale la gente non ha il controllo sul denaro, sta aumentando la differenza tra ricchi e poveri. Credo che i politici non debbano promuovere la crescita ma la ridistribuzione della ricchezza”.

Il mio commento: La ridistribuzione della ricchezza da sola non risolve la crisi. Di fatto, in base alla piramide delle necessità, quelle più importanti per l’uomo sono : cibo, sesso e famiglia.
Ma è impossibile dare alle persone solo quello che dà loro prosperità, unione e soddisfazione delle proprie necessità.

Il terrore è ideologico e pertanto il denaro non è stato sconfitto. Una ridistribuzione forzata della ricchezza è una rivoluzione, una guerra civile.
I politici sono occupati con la ridistribuzione della ricchezza, però, d’altra parte, risulta che l’1% della popolazione possieda quasi tutta la ricchezza del mondo.

Cosicché non resta altra soluzione che rieducare l’uomo stesso.
Per paradossale che possa sembrare, è necessario cambiare le persone. Non esiste altra soluzione!
Solo così è possibile risolvere i problemi del mondo.

[175272]

Materiale correlato:

Un caleidoscopio di desideri
Diventare globali internamente
La fine della vecchia economia

“Il Combattimento sta diventando stupido”

Dalle notizie (Lenta.ru): “Nella storia dell’umanità per coloro che sono direttamente coinvolti in un conflitto, la guerra è sempre stata molto sfavorevole, un gioco a somma negativa. Quando inizia vuol dire che da qualche parte qualcosa si è seriamente spezzato.

“Una delle parti aveva una fiducia profonda di avere una superiorità schiacciante. Oggi guerre del genere, in generale, sono improbabili, non perché non ci siano imperi e piccoli Stati, ma perché hanno un altro modo di valutare le loro perdite. Adesso un impero avanzato crede che la vita di un centinaio dei suoi soldati sia molto più preziosa della vita di qualche milione di soldati di un paese sottosviluppato.

“Ci sono anche situazioni in cui vi è un fattore esterno che minaccia una perdita così grande che si va in guerra per neutralizzarla e avere una perdita inferiore. …

“Ci sono anche fattori positivi di terze parti quando, in primo luogo, qualcuno ti chiede di avviare un’azione militare e promette di compensare le perdite con gli interessi …

“Naturalmente, una delle principali cause di molte guerre è il conflitto tra enti governativi ,quando alcuni strati o élite all’interno di una società ottengono dei benefici, mentre la società nel suo complesso ci perde. …

“Un classico esempio d’impatto tra enti governativi: la cosiddetta guerra della disperazione, quando un’elite o un gruppo dirigente del paese scatena conflitti per rimanere al potere. …

“Come in qualsiasi gioco, è possibile entrare in una cosiddetta trappola, quando le parti sono attirate in una certa situazione, la cui uscita è più costosa dell’ingresso. Un classico esempio è l’iniezione di odio nella società da una fonte esterna di problemi. Ad un certo punto, la società scivola verso l’orlo di non ritorno, e le autorità non sono più in grado di trattenere la situazione perché le persone esigono la guerra. …

“A mio parere, Il mondo moderno è portato verso le guerre prima di tutto dall’influenza dei beneficiari esterni, le terze parti al di fuori del loro spazio. Quali potrebbero essere le loro motivazioni? Ad esempio, l’indebolimento delle parti muoventi la guerra, se questo arriva da una terza parte che cerca di comprare l’elite per spingerli in conflitto, nella disinformazione, e così via. Lì può esserci un ruolo da giocare e la protezione dei loro interessi. Qui esso può servire un suo scopo e svolgere un ruolo nel proteggere i loro interessi. …

“A volte è estremamente importante nel mondo degli affari aumentare i rischi. Appariranno margini elevati solo in presenza di rischi elevati (per esempio il traffico di droga). …

“Per i produttori è necessaria la presenza di armi da guerra, in termini di aumento della domanda per i loro beni direttamente e indirettamente: più guerre, più rischio, paesi più armati. …

“Inoltre, la guerra può essere condotta nell’interesse di un particolare mercato o per aumentare il prezzo delle merci sul mercato. Mentre è possibile bloccare delle rotte commerciali per peggiorare le condizioni di fare affari per i concorrenti. …

“Durante la guerra, la popolazione perde sempre, così come entrambe le partecipanti attivi del conflitto, gli agenti interni, purtroppo, spesso perdono, ma perdono raramente quelli che sono fuori contatto diretto. Agenti esterni in contatto indiretto invisibili durante la guerra.

“Il principale oppositore della guerra: la crescita del commercio estero. La guerra non parte mai al di sopra di un certo livello di scambi commerciali tra i due paesi, perché tali cifre non possono essere sacrificate. …

“L’aumento del benessere individuale è un altro ostacolo. C’è una formula per cui la probabilità di una guerra tra paesi è inversamente proporzionale al prodotto delle piazze del benessere dei cittadini di questi paesi. Quindi, un buon modo per evitare i conflitti armati: stimolare la crescita del benessere materiale dei cittadini. …

“Un’altra barriera: il cambio frequente dei governi. C’è una chiara relazione tra il numero medio di anni di potere di un gruppo e il numero di guerre in cui il paese partecipa. Più il termine è breve, meno sono i conflitti. …

“Inoltre, un serio ostacolo alla guerra è il blocco di paesi. Gli Stati membri dei blocchi militari molto raramente vanno in guerra, tranne quando hanno un vantaggio schiacciante. Ma i conflitti con un vantaggio schiacciante stanno gradualmente diventando obsoleti, poiché il fronte più forte in questa situazione paga il prezzo maggiore. …

“A poco a poco il prezzo della guerra è in calo. Per il mondo civilizzato l’UAV o un missile di crociera è molto meno prezioso di quelli ordinari. Pertanto, da un lato, vi è la tendenza ad aumentare la probabilità di guerre del primo tipo, perché i tassi cominciano a cadere: si possono semplicemente inviare un sacco di razzi da qualche parte e vedere cosa succede. D’altra parte, si può fare altrettanto anche una guerra di tipo completamente diverso dal conflitto, il cosiddetto scontro non letale o guerra sovversiva, guerre ibride che stiamo vedendo ultimamente. Nel loro corso non ci sono i profili dei fronti, e non è chiaro con chi si è in guerra” .
[178294]

Materiale correlato:
La guerra potrebbe salvare il mondo?
Gli esperti di economia prevedono una guerra mondiale
Peggiora la crisi economica globale

Nuova Vita 616 – La crisi dei rifugiati in Europa

Dr. Michael Laitman
Nuova Vita 616 – La crisi dei rifugiati in Europa
Il Dott. Michael Laitman in una conversazione con Oren Levi e Tal Mandelbaum Ben Moshe

Riassunto

Chi afferma che dobbiamo aiutare i rifugiati è il benvenuto ad aprire loro la propria casa. Le parole qui non aiuteranno. Ad essere in difficoltà non solo è la Grecia, ma anche paesi forti come la Germania e la Francia non sono in grado di gestire la crisi dei rifugiati.

Perché oggi accade questo? Perché il mondo sta assumendo una nuova forma, senza confini; tutto è coinvolto ed è tutto rotondo. Immaginate di incontrare degli estranei nella vostra cucina; o che qualcuno dorma nel vostro letto. È spaventoso! Non c’è posto verso cui scappare. Non c’è posto nel mondo in cui poter essere soli, neanche 10 metri quadrati di tranquillità.

Perché ci sentiamo in questo modo? Questo avviene per farci accettare l’obbligo di cambiare la nostra natura e di rompere i nostri limiti interiori. La Natura ci obbliga a sviluppare noi stessi fino al livello in cui ci sentiremo tutti un solo cuore, un solo corpo e un solo pensiero. Le correzioni che non abbiamo effettuato nelle nostre relazioni vengono ora forzate su di noi dal rullo compressore dello sviluppo.

Si tratta in realtà degli europei individualistiche a cui è stata data una situazione così pressante con i rifugiati. La natura ci costringe a cambiare il nostro atteggiamento verso gli stranieri come se fossero i nostri figli, ad “Amare il tuo amico come te stesso”. Per di più, ci saranno anche dei colpi finanziari e diverse calamità naturali ad insegnarci che ci troviamo nella stessa barca e il gioco è fatto! In seguito il mondo chiederà ad Israele una soluzione, poiché la soluzione si trova nella saggezza della Kabbalah, la saggezza della connessione.

La crisi dei rifugiati in Europa non è un’ondata di passaggio, ma è parte di una serie di colpi intenzionali che costringerà tutti noi a correggerci. La mescolanza delle popolazioni mondiali laverà il mondo: i sudamericani invaderanno il Nord America e i musulmani saranno in ogni parte del mondo.

Gli europei sentiranno di non poter andare avanti in questo modo senza cambiare il loro atteggiamento nei confronti degli altri. Allora saranno degni della correzione della natura umana e sentiranno che il popolo di Israele ha il metodo della correzione. Quando svilupperemo la capacità di percepire di essere tutti una famiglia, la vita nel nostro mondo diventerà un paradiso.
[165661]

Dalla trasmissione di Kab TV “Nuova Vita 616 – La crisi dei rifugiati in Europa“, 27/08/15

La rivoluzione del 21° secolo: Ricchi e poveri

Dr. Michael LaitmanIn Israele il divario economico tra le classi sociali è sempre stato un grosso problema. Tuttavia, negli ultimi dieci anni questo divario è cresciuto. Non c’è da meravigliarsi che l’aggravarsi di tale disuguaglianza sfoci in un nuovo fenomeno: l’odio verso i ricchi.

In generale, la ricchezza e la povertà sono sempre state il leitmotiv della società umana. Oggi però la questione assume aspetti più emotivi.

Fino a poco tempo fa l’élite finanziaria era seguita e ammirata, sia che si trattasse di imprenditori di successo sia che fossero eredi di immense fortune, e molto è stato scritto su di loro.

Tuttavia, recentemente si è formato un nuovo atteggiamento nei loro confronti, accompagnato da severe critiche e talvolta anche da odio e antagonismo. In poche parole, i ricchi oggi sono percepiti come nemici.

Ricordiamo il detto diventato famoso durante la Rivoluzione Francese “Se non hanno più pane, che mangino brioche!” Questa era la frase simbolo dell’alienazione, l’isolamento dell’élite dal popolo.

Oggi, questo divario è diventato molto grande, tale da trasformarsi in ostilità, dello stesso genere che un tempo condusse il popolo alla rivoluzione.

In sostanza, ciò che sta avvenendo, non solo dal punto di vista economico, sta portando Israele ad adottare abitudini sempre più occidentali.

[160141]

Da Kab.TV “Una Vita Nuova” 14.05.2015

Materiale correlato:

La Crisi Finanziaria ha fatto tornare di moda Karl Marx in Europa
Comunismo: Utopia o realtà, Parte 1

Il Medioevo o un futuro luminoso?

Dr. Michael LaitmanNelle notizie (da rg-rb.de): “La differenza di reddito nelle nazioni sviluppate fra i cittadini più ricchi e quelli più poveri ha raggiunto proporzioni preoccupanti e rischia di raggiungere un livello che era tipico del Medioevo e non di economie sociali sviluppate.

“Dagli anni ‘80 la disparità di reddito dei cittadini è stata in costante crescita e ha raggiunto il livello più alto negli ultimi 30 anni. Al fine di ridurre le disparità di reddito, si è raccomandato di creare più posti di lavoro.”

Il mio commento: il mondo però non ha bisogno di lavoratori, ma l’opposto; c’è un eccesso di lavoratori e la società non sa cosa fare con tutti quelli relativi alle indennità di disoccupazione!

Ciò potrebbe portare a guerre attraverso le quali la società si sbarazzerà delle masse che non hanno reddito stipendiato oppure la società passerà a uno stato razionale dell’esistenza, dove produrrà solo ciò che è necessario per le esigenze di tutti, e il tempo libero e l’energia si dirigeranno verso la realizzazione di unità e connessione tra le persone. Non c’è altra soluzione!

[160522]

Materiale correlato:

Studi compulsivi per tutti
Il nuovo paradigma dell’Universo

Studi compulsivi per tutti

Dr. Michael LaitmanNei notiziari (da World Crisis): “Oggi anche gli stipendi minimi che teoricamente dovrebbero bastare per vivere una vita modesta non permettono ad una persona di rompere il cerchio della povertà. I salari minimi di un lavoro a tempo pieno, 40 ore alla settimana, non consentono ad una persona di superare la linea della povertà”.

“I democratici cercano di aumentare i salari minimi… I repubblicani contestano che questo avrebbe un effetto negativo, perché porterebbe ad una riduzione in termini di posti di occupazione e ad un aumento della disoccupazione – il peso è distribuito tra i lavoratori, che non sono stati licenziati.

“Indipendentemente da chi abbia ragione in questa situazione, c’è un fatto inequivocabile: oggi, molte famiglie dipendono dagli aiuti del governo. In altre parole, il salario minimo per un lavoro a tempo pieno non è sufficiente a superare la linea della povertà.

“A dire il vero, un nuovo studio dell’Organizzazione per lo Sviluppo e la Cooperazione Economica dimostra che in 21 stati su 26, che offrono salari minimi, con un lavoro di 40 ore alla settimana, il salario non è adeguato affinché le famiglie possano reperire i mezzi sufficienti alla loro sussistenza. Nei 34 paesi che appartengono al OECD, il salario minimo non permette di far fronte alla povertà. In Spagna, si deve lavorare più di 72 ore alla settimana per evitare la povertà. Ne consegue che questa si è rivelata come essere la norma, non l’eccezione”.

Il mio commento: Il mondo deve abbandonare il vecchio approccio al lavoro, ai salari, alle pensioni, e ai servizi sociali. Dobbiamo iniziare a rapportarci alla società come un’entità complessiva e, in ogni caso, fornire tutte le condizioni necessarie per un’esistenza che sia al di fuori del principio “chi non lavora non mangia”.

E’ necessario collegare la ricetta dei benefici alla partecipazione ad un corso sulla saggezza della connessione. La partecipazione al corso sarà considerata un lavoro obbligatorio per tutti.

Per quanto riguarda le persone che lavorano per provvedere ai bisogni della società, la società sceglierà delle specifiche persone per questi lavori. Dobbiamo scollegare i benefici che si ricevono dal lavoro e legarli alla partecipazione di una persona alla saggezza della connessione.
[159372]

Materiale correlato:

“Come ridurre il tasso della povertà a metà”
La fame in Europa è come durante la seconda guerra mondiale