Come cambiamo il mondo?

Domanda: Come, prendendoci la responsabilità delle nostre azioni, possiamo aiutare a cambiare il mondo?

Risposta: Dipende dal fatto che percepiamo noi stessi e la società umana come un solo organismo, per diventare in questo modo simili alla natura generale, invece di esserne opposti e riceve costantemente dei colpi da essa.

Vediamo già che stiamo distruggendo il nostro pianeta e non possiamo farci niente. Il nostro egoismo ci porta alla distruzione.

Inoltre dobbiamo pensare a cambiare il nostro comportamento. Malgrado questo, è impossibile, a meno che non cambiamo la nostra natura egoista. Pertanto, la domanda più importante è: come possiamo cambiare? In caso contrario il pianeta non ci sopporterà più. Allora, pensate a quello che dovete fare.
[266988]

Dalla trasmissione di KabTV “Concetti di base della saggezza della Kabbalah”, 17/05/2020

Materiale correlato:
Vedere un mondo perfetto
L’incontro con la natura
New Life n.1 – Verso un mondo nuovo

Il potere dei testi kabbalistici

Tutti gli articoli di Shamati sono molto facili da leggere, sono apparentemente abbastanza chiari e possono essere commentati analiticamente. Non è affatto un problema per una persona razionale.

Noi abbiamo bisogno di comprendere non la presentazione dell’articolo ma il suo significato interno, che significa sentire, vedere, udire, comprendere, intuire le potenze che sono descritte in essi. Questo è ciò che una persona ha bisogno di bramare. Un individuo che indaga in questi articoli si accorge di essere molto lontano da ciò che essi dicono. Questo accade perché egli non sente il materiale come reale, non sperimenta queste qualità e non vede questi poteri attorno a lui dal momento che essi non appartengono alla dimensione in cui esistiamo.

Domanda: Quindi che senso ha leggere questi articoli?

Risposta: Leggendo questi articoli noi iniziamo a realizzare che esiste qualcosa al di sopra di noi e come esso può essere connesso a noi. Il desiderio ardente per raggiungere il significato profondo del testo kabbalistico ci guida e ci spinge verso gli obiettivi spirituali. Esso risveglia in noi le forze spirituali che gradualmente ci cambiano e creano in noi nuove qualità con le quali cominciamo già a sentire di cosa l’articolo ci sta parlando.

[257672]

Dalla trasmissione di KabTV “Concetti di base della saggezza della Kabbalah”, 8/12/2019

Materiale correlato:
Leggere un testo Kabbalistico
L’effetto dei libri kabbalistici
La settimana del libro e il popolo del libro

New Life n.1179 – L’importanza della vita

New Life n.1179 – L’importanza della vita

Il Dott. Michael Laitman in una conversazione con Oren Levi e Yael Leshed-Harel

Secondo la saggezza della Kabbalah, l’importanza della vita consiste nel raggiungimento dello scopo o della fonte della vita, la forza superiore. La forza superiore è un campo dentro il quale esiste la realtà. Possiamo capirlo e sentirlo quando diventiamo come Lui. Costruiamo questa connessione a partire dai dati intrinseci, dall’educazione e dall’impatto ambientale. L’uomo sente che la sua vita è importante quando è importante per la società circostante. Passa da una vita ordinaria ad un livello di vita nobile ed eterno. Tutta la vita diventa un mezzo per raggiungere questo stato.
[256220]

Dalla trasmissione di KabTV “New Life n.1179 – L’importanza della vita”, 21/11/2019

Ricostruiamo

Domanda: Che cosa dipende da coloro che la ascoltano? Cosa può fare una persona in particolare?

Risposta: La scienza della Kabbalah parla della società, di come siamo strutturati e di come possiamo cambiare noi stessi. Il resto dipende da te. Ti è rimasta qualche impressione del tuo passato? Fai in modo di creare uno stato migliore di quello che avevi prima del Coronavirus. Questo è tutto ciò di cui ti sto parlando.

Occasionalmente vengono tenuti discorsi…per un buon clima, per correggere la società, per limitare gli interventi dell’uomo sulla natura. Cerchiamo di farlo veramente.

Adesso possiamo uscire dalle nostre case. Torniamo indietro verso una società migliore e un’atmosfera più sana. Io esorto solo questo, poi deciderai per te stesso. Ti chiedo solo di non dimenticare come abbiamo vissuto durante l’isolamento imposto dalla quarantena: abbiamo ripulito l’atmosfera, lo strato di ozono, l’acqua e tanto altro. E cosa faremo dopo?

Abbiamo bisogno di essere ristrutturati un po’. Io sto parlando solo di questo. Il virus ci colpirà ancora. Subirà un’ulteriore mutazione, non sappiamo quale, ma non ci lascerà.

[266413]

Dalla trasmissione di KabTV “Concetti di base della saggezza della Kabbalah”, 3/05/2020

Materiale correlato:
La migliore cura per il Coronavirus
Cosa ci insegna il Coronavirus
Il virus addolcisce i nostri cuori

Perché la natura ha pianificato una pandemia?

Domanda: La natura ha pianificato una pandemia per ripristinare l’ordine nel mondo?

Risposta: Il fatto che il Coronavirus provenga dalla natura stessa, come tutti gli altri virus, ci è chiaro. Soltanto il fatto che gli permettiamo di manifestarsi è già un nostro problema. Dopo tutto, a causa delle nostre cattive relazioni, noi stessi provochiamo tutti gli squilibri nella natura e i virus, di conseguenza, appaiono.

Non importa come tutto è cominciato. Perché abbiamo bisogno di saperlo? Se fossimo in stati più corretti tra di noi nessuna qualità negativa della natura avrebbe il controllo su di noi.

[266812]

Dalla trasmissione di KabTV “Concetti di base della saggezza della Kabbalah”, 3/05/2020

Materiale correlato:
Apriamo gli occhi!
Calmare o aiutare?
Una medicina per l’umanità

Tramandare il nome?

Domanda: Le scuole di educazione integrale che saranno aperte dai suoi studenti dovrebbero prendere il nome da lei?

Risposta: Perché mai al mondo? Prima di tutto, io non ho inventato niente di nuovo, per cui non sono autorizzato a fare nulla qui. Non attribuite nulla a me.

La nostra organizzazione ha preso il nome dal mio maestro RABASH. Il nostro centro si trova su una strada alla quale è stato dato il suo nome, a Petach Tikva, in Israele.
Non ho bisogno di niente altro.
Insegnerò a un paio di migliaia di persone il metodo kabbalistico e loro proseguiranno. Personalmente, scomparirò in loro. Questa è la mia sensazione.
[266887]

Dalla trasmissione di KabTV “Concetti di base della saggezza della Kabbalah”, 17/05/2020

Materiale correlato:
New Life n.275 – Io e l’ego – Parte 2
Rabash: l’ultimo grande kabbalista
Il desiderio di un insegnante di Kabbalah

Il calcolo perfetto della natura

Domanda: Chi dovrebbe morire di Coronavirus? È tutto predeterminato o si tratta di una casualità?

Risposta: Non esistono le coincidenze. In natura non c’è nulla di accidentale, tutto è assolutamente predeterminato. C’è un calcolo per tutto ciò che è all’interno della natura, che ha inizio dal suo primo atomo e anche prima, e termina con il suo stato finale: un ritorno universale a un sistema singolo e integrale, al quale non siamo ancora arrivati.

Il problema è come possiamo spostarci dallo stato iniziale a quello finale: o sotto l’influenza dei colpi della natura, come il Coronavirus, o sotto l’influenza della nostra aspirazione comune, rapidamente, facilmente, correttamente e consapevolmente. Questa è l’unica differenza. Difatti, lo stato finale è stato determinato all’inizio e in esso non c’è nulla di imprevedibile. Questo è ciò che dice la Kabbalah.
Dobbiamo assicurarci di riconoscere il programma della natura e, in ogni stato, prendere parte attiva in tutti i suoi movimenti.
[266286]

Dalla trasmissione di KabTV “Concetti di base della saggezza della Kabbalah”,  3/05/2020

Materiale correlato:
Esaminando le leggi della natura
Apriamo gli occhi!
Una medicina per l’umanità

New Life n.1237 – Dal pensiero nuovo alle nuove relazioni

New Life n.1237 – Dal pensiero nuovo alle nuove relazioni
Il Dott. Michael Laitman in una conversazione con Oren Levi

Riepilogo:

Dobbiamo capire quello che la natura ci chiede e che tutti i colpi che riceviamo sono il risultato dello squilibrio nelle relazioni tra di noi. Il nostro ego è dentro di noi e con le concessioni possiamo salire al di sopra e costruire, tra di noi, una connessione equilibrata, ad un livello superiore. Possiamo liberarci dell’odio e dei conflitti rinunciando al desiderio di controllare. Dobbiamo aggrapparci ad un pensiero: agire per il bene di tutti. Questa cosa si può fare solo quando c’è l’aiuto reciproco. Dobbiamo agire in maniera cortese verso tutti e augurarci che tutti stiano bene, compreso il nostro partner. Se sappiamo come connetterci con il meccanismo interno della natura, porremo in equilibrio l’umanità e costruiremo il paradiso in terra.

Dalla trasmissione di KabTV “New Life n.1237 – Dal pensiero nuovo alle nuove relazioni”, 02/05/2012

Il mondo non è ancora pronto

Domanda: Il mondo è pronto a riconsiderare sia il ruolo che l’essenza dell’umanità?

Risposta: No, il mondo non è pronto. Questo potrà accadere solo quando ognuno di noi avrà un chiaro e conciso quadro del futuro nel quale saremo in equilibrio con la natura e di conseguenza i virus, lo strato dell’ozono, le infezioni provocate dalle acque inquinate o altre sciagure non ci minacceranno più.

Dobbiamo spiegare alle persone la loro missione: creare il giusto sistema globale al di sopra di tutti i governi. Se l’umanità lo vuole, allora accadrà. Per questo non sono necessarie rivoluzioni o guerre. Non stiamo sollecitando niente di tutto questo.

Stiamo sollecitando le persone a capire che hanno bisogno di essere un solo sistema. Quando realizzeranno che sono in conflitto con la natura poi cambierà tutto. Viene dal Creatore non dai governanti.  Abbiamo solo bisogno di voler cambiare realmente.

Nel suo articolo, “La pace nel mondo” Baal HaSulam scrive: “…tutta la difficoltà sta nel cambiare la nostra natura dal desiderio di ricevere per noi stessi al desiderio di dare agli altri, poiché queste due cose si negano l’un l’altra. A prima vista, il piano sembra immaginario come qualcosa che è al di sopra della natura umana. Ma quando ci addentreremo nella questione, capiremo che tutta la contraddizione dalla ricezione per se stessi, alla dazione verso gli altri non è altro che psicologica, perché in realtà noi diamo agli altri senza beneficiare noi stessi.”

Dobbiamo spargere questa conoscenza più e più così che penetri e permei tutti i livelli della società umana. E poi inizierà pian piano ad agire. Salirà dall’inconsapevolezza alla consapevolezza e diverrà il soggetto della comunicazione e dei piani umani.
[266189]

Dalla trasmissione di KabTV “Concetti di base della saggezza della Kabbalah”, 3/05/2020

Materiale correlato:
I due vettori dell’universo
La migliore cura per il Coronavirus
Chi trae vantaggio dal Coronavirus?

Due tipi di amore

Domanda: Come può il principio “Ama il tuo prossimo come te stesso” essere realizzato se amo il mio prossimo di amore egoistico, mentre dovrei amarlo in maniera altruistica?

Risposta: Infatti, questi sono due tipi diversi di amore. Ma puoi amare un’altra persona più di te stesso, se inizi a realizzare che amare un altro è lo stesso tipo di amore, solo al livello successivo, globale, integrale, eterno, perfetto. E amare te stesso significa che ami solo al livello animale.

Pertanto, è impossibile comparare amore esterno e integrale, con l’amore interno, lineare, egoista. Quando entrambi i tipi di amore sorgono in una stessa persona, questa comincia ad amare l’eternità, la perfezione e il mondo più del suo corpo animale.

[265910]

Dalla trasmissione di KabTV “Concetti di base della saggezza della Kabbalah”, 19/04/2020

Materiale correlato:
L’amore assoluto o come trovare l’anima gemella
“Tutto sarà con amore e amicizia”
L’amicizia kabbalistica