Pubblicato nella 'Uomo e donna' Categoria

Il futuro appartiene a leaders femminili?

Commento: Secondo la classifica sulla resistenza al Covid di Bloomberg, Finlandia, Svezia, Danimarca, Norvegia e Bangladesh sono tra i paesi più resistenti alla pandemia. Tutti questi paesi hanno in comune il fatto che i loro primi ministri sono donne.

Alcuni suggeriscono che le donne leader abbiano qualità che danno loro dei vantaggi soprattutto in situazioni di crisi, come sapere ascoltare, capacità di mediazione, genuino pragmatismo, resistenza ai conflitti, oltre a saper essere parsimoniose. Si suggerisce inoltre che le donne leader lavorino meglio in situazioni di crisi rispetto alle loro controparti maschili e, in questa crisi,  hanno dato la priorità all’assistenza sanitaria rispetto all’economia. Ultimamente hai parlato sempre di più del fatto che una donna può guidare il progresso dell’umanità.

La mia risposta: Sì, lei può guidare il progresso.

Anche Dio è maschile; ha paura delle donne, come tutti gli uomini.

Domanda:“È meglio non scherzare con loro”. È questo che sta dicendo?

Risposta: Sì.

Domanda: Le donne hanno davvero delle qualità così speciali?

Risposta: Sono capaci. Sono in conflitto tutta la vita con le persone che le circondano, con le altre donne, con i bambini, con i mariti. Devono gestire tutto: la casa, il lavoro…

Un uomo lascia tutto alla donna e va da qualche parte in politica, verso qualche lavoro che non serve a nessuno. Questi lavori stanno decadendo e sono in crisi. Per una donna, invece, tutto rimane com’era – lavoro, casa, figli – oltre a questo, lei dà la vita e nutre.

Quindi una donna è davvero capace di far nascere un nuovo mondo. Questo non è un lavoro da uomini.

Domanda: Quindi possiamo dire che il futuro appartiene alle donne? Se comprendiamo questo, avanzeremo?

Risposta: Sì. E’ scritto nella Torah che Dio disse ad Abramo:” Ascolta ciò che ti dice Sarah.”
Questo è perché Egli ha creato tutto in questo modo. Ascolta l’egoismo corretto.

Commento: Questo è già un concetto cabalistico.

La mia risposta: Questo è molto serio. Non ascoltare te stesso ma il corretto egoismo.

In linea di principio, nel nostro livello quotidiano una donna è molto più pratica, molto più sobria e molto più equilibrata degli uomini.

 

[293391]

Da KabTV’s “ Notizie con il Dr.Michael Laitman” 20/12/21

Materiale correlato:
Possiamo contare soltanto sulle donne
Il ruolo delle donne nella correzione della natura
Particolari caratteristiche della Natura di una Donna

Ci sono solo due innamorati

Gli innamorati sono due. Il mondo intero intorno è lo scenario (Antoine de Saint-Exupéry).

Risposta: Questo è naturale perché non vedi nient’altro, se ami, ami solo una cosa o una persona e nient’altro. L’amore non può essere a 360 gradi. Può essere solo strettamente focalizzato. Non abbiamo altra scelta, nessun’ altra opzione. Prendi anche una madre che ama così tanto i suoi figli. Tuttavia, se abbiamo compreso appieno la sua condizione, allora probabilmente, tratta il più piccolo con più grande amore.

Domanda: Ma tutto il resto, per così dire, aiuta questo amore ed esiste solo per esso?

Risposta: Solo così, sì.

Domanda: E’ questo è il modo di amare?

Risposta: Amore spirituale implica un tale stato di una persona quando vede tutta l’umanità come un tutto unico, come una persona unita, e lo ama.

Perché scopre che con un tale atteggiamento a questa immagine comune, e unificata veda il Creatore in lui. Costruisce con Lui un tale sistema di comunicazione che inizia a sentire in questo tutta la natura, tutta l’umanità, tutto il presente e il futuro. Altre idee su il Creatore sono insostenibili.
[291451]

Da Kab TV “Notizie con Michael Laitman” 18/11/2021

Materiale correlato:
Dove dobbiamo iniziare ad imparare ad amare?
Dovremmo amare il nostro prossimo
La metamorfosi dell’amore

Possiamo contare soltanto sulle donne

Domanda: Tatiana ti scrive: “Ho capito correttamente  che tutto deriva dalla donna.  Che la donna causò un peccato, e la donna deve portare il mondo alla correzione?

Risposta: Corretto.  Conto molto sulle donne poiché credo che la donna possa obbligare l’uomo a fare ciò che è necessario in famiglia, nella società, e nel mondo.

Spero che l’era della donna stia gradualmente iniziando. Le donne devono esigere un nuovo mondo.

Credo che la prossima fase sarà quando le donne smetteranno totalmente di partorire e smetteranno di fare i lavori di casa.  Ha già tutto ciò che le serve, allora tutto il mondo inizierà gradualmente ad affondare .

Domanda: Una minaccia tale al mondo dovrebbe arrivare da loro?

Risposta: Non si tratta di una minaccia per il mondo, ma una minaccia al nostro stato, alla nostra civiltà pazza e selvaggia.

Domanda: Perché? metti tutte le tue speranze nella donna solo perché partorisce?

Risposta: Credo che sia una grande forza nel nostro mondo, che è ancora dormiente.  Quando le donne capiranno che il mondo sta veramente andando nel senso sbagliato e non c’è altra forza se non la loro, esse potranno iniziare a relazionarsi al mondo diversamente, e nessuno potrà fermarle.

Domanda: E qual è la loro proprietà principale?

Risposta: Si basa sul fatto che esse sentano che il mondo non ha futuro.  E non lo possono accettare.

 

[290439]

From KabTV’s “News with Dr. Michael Laitman” 11/4/21

Materiale correlato:
Il ruolo delle donne nella correzione della natura
Uomini e donne: responsabilità e possibilità
Uomini e donne: lavorare secondo necessità

Il circolo vizioso della violenza domestica

La violenza domestica è una specie di allarme sociale globale; è diffusa e apparentemente inarrestabile. L’attenzione dei media statunitensi sulla scomparsa e l’uccisione di una giovane donna, Gabby Petito, nel Wyoming,il cui   compagno è stato indicato come persona di interesse, ha messo di nuovo sotto i riflettori la questione delle relazioni violente. Purtroppo, questo è solo uno dei tanti casi segnalati ogni giorno in tutto il mondo tra i troppi che non vengono segnalati.

In base ad un nuovo studio pubblicato dal The New England Journal of Medicine, in America, una donna su quattro, nel corso della propria vita, subirà violenza dal proprio partner. Secondo le statistiche dell’ONU, a livello globale circa una donna su tre, una cifra sbalorditiva di 736 milioni, nella sua vita è stata vittima di violenza commessa dal proprio partner.

L’umiliazione, la derisione, il bullismo, le minacce e le insulti, sono forme comuni di abuso verbale all’interno della famiglia. Anche la violenza emotiva assume forme pacate: disconnessione, silenzi assordanti e lunghi periodi di disinteresse. Ci sono molte sfumature ed espressioni di violenza comunicativa tra le coppie e quando in casa queste diventano situazioni ricorrenti, di solito hanno conseguenze disastrose. Come si può affrontare questo fenomeno?

Cominciano dalle scuole. La maggior parte delle istituzioni è orientata ad impartire conoscenza ed educazione, ma questo è ben lontano dal preparare un giovane alla vita. La lezione più importante da imparare è come comportarsi nelle relazioni, sul lavoro, ovunque. Questo è valido specialmente ora che così tante strutture sociali sono crollate ed i giovani crescono senza buoni esempi con cui relazionarsi e confrontarsi.

Come risultato della mancanza di intenzioni ed obiettivi su come costruire relazioni valide, molte famiglie vivono un’atmosfera ostile e violenta. I bambini che crescono in questo genere di ambiente soffrono di alti livelli di insicurezza. Quando crescono e si creano una loro propria famiglia, a volte vogliono costruire un ambiente completamente diverso. Tuttavia, spesso finiscono per ricreare gli stessi schemi violenti, a loro così familiari  perché derivanti dal loro passato. Si rendono conto di ripetere gli stessi errori, ma scoprono di non avere la forza di cambiare.

Gli schemi dei comportamenti che osserviamo durante l’infanzia ci accompagnano per tutta la vita, per cui è naturale che li replichiamo. Pertanto, è fondamentale che la società fornisca ad ogni persona corsi e sistemi educativi che le permettano  di creare i giusti modelli di relazione. Tali schemi devono essere fissati profondamente all’interno di una persona per fermare gli scoppi e le eruzioni di rabbia prima che venga fatto del male.

Il principio più importante da insegnare nella costruzione delle relazioni è quello dell’uguaglianza. Questo principio si contrappone alla volontà interna che è alla base di ogni comunicazione violenta, la volontà di una persona di controllare gli altri.

Al fine di illustrare cosa si intenda per principio di equità, diciamo che voglio costruire delle buone relazioni tra me e il mio partner, con la reciproca comunicazione, una profonda connessione e grande amore. Da questo momento in poi, entrambi dobbiamo impegnarci con tutte le nostre forze di essere uguali. Come esercizio pratico conveniamo che qualsiasi cosa io faccia al mio partner, lui o lei farà lo stesso a me, nel bene e nel male. Concordiamo di specchiarci uno nell’altro.

Dal modo in cui parliamo, guardiamo, reagiamo tra noi in ogni questione e interazione, cercheremo di imparare da questo esercizio come il nostro partner sta cercando di trattarci bene. E anche se va contro il nostro egoismo e ci costa un grande sforzo, vale la pena mostrare che ci sforziamo di trascendere il nostro istinto egoista per formare un buon legame reciproco, perché ciò obbligherà anche il nostro partner a fare lo stesso.

Come parte della formazione di coppia sull’applicazione del principio di uguaglianza, funzioneremo l’uno verso l’altro come uno specchio. Se ognuno di noi cerca immediatamente di copiare i comportamenti dei nostri partner e di rifletterli come uno specchio, così facendo ci aiutiamo a sentire come il nostro atteggiamento ha influito sull’altro, individuiamo cos’altro dobbiamo correggere e migliorare. È un meccanismo di riscontro, una risposta che esiste sia nei sistemi tecnologici che in quelli naturali con lo scopo di mantenere l’equilibrio e la completezza.

Se imparassimo a costruire questo tipo di meccanismo nelle nostre relazioni e fossimo entrambi d’accordo di funzionare come specchi uno per l’altro, allora anche se un individuo ne trattasse male un altro, una risposta di riflesso arriverebbe immediatamente dal partner e porterebbe lui o lei ad un aggiustamento della direzione. Gradualmente cominceremmo a percepire che il buon trattamento che vogliamo ricevere dai nostri partner dobbiamo prima dimostrarlo a loro.

Questo è il modo in cui ci costruiamo l’un l’altro e creiamo una relazione egualitaria. Man mano che avanziamo in questo lavoro, invece degli impulsi egoistici che sorgono in noi e che guidano le nostre relazioni in una direzione violenta, coercitiva e distruttiva, saremo in grado di modellare l’ambiente che ci circonda e costruire una casa dove solo i buoni modelli saranno instillati nella nostra prole e in tutta la società.

 

Il crollo dell’istituzione del matrimonio

Domanda: Sempre più persone non vogliono entrare nella formalità del matrimonio. Oggigiorno, e in molti posti, il matrimonio di diritto comune è considerato di fatto una relazione matrimoniale. La cosa interessante è che secondo le statistiche riportate in uno studio che ho letto, circa il 70% degli uomini che vivono in un matrimonio di diritto comune, si considera single, e il 90% delle donne nella stessa situazione si considera sposata.  Come si spiega un atteggiamento così opposto a questa situazione?

Risposta: Vogliono pensare in questo modo perché educhiamo sia gli uomini che le donne nella maniera scorretta. L’uomo non si sente responsabile. Gli è più comodo così è più semplice vivere in diritto comune perché non lo obbliga in nessun modo.

Ma siamo a conoscenza anche di altre statistiche: le persone vivono insieme per tanto tempo, si sposano, e dopo un po’ divorziano.  Perdipiù questo avviene nella maggioranza dei casi.  Se non si fossero sposati avrebbero continuato a convivere.

Il fatto è  che l’uomo non è stato creato come una macchina: vivo con qualcuno, mi obbliga o meno, lo si racchiude in una struttura che lo mette sotto pressione esterna e lo comanda? Se questo fatto lo stravolge, cercherà di fuggire.

L’uomo è stato creato per battersi per la libertà. Se, dal sistema che lo opprime e lo obbliga, non riceve una ricompensa interna, che dovrebbe arrivargli dall’educazione, allora scapperà, divorzierà, e non penserà che sia necessario fare parte di questa struttura. Quindi, l’istituzione del matrimonio oggigiorno si è praticamente esaurita.

 

[279843]

Dalla trasmissione di KabTV “Close-Up” 8/11/09

Materiale correlato:
Da cosa dipende un matrimonio felice?
La famiglia del futuro
Uomo e donna, l’unione degli opposti

Ricerca kabbalistica

Domanda: Su che ricerca si basa la Kabbalah quando parla della relazione tra un uomo e una donna?

Risposta: Credo che non una sola scienza, eccetto  la Kabbalah, abbia le basi per parlare riguardo a uomo e donna, la loro relazione, la loro natura, da dove provengono, il motivo per cui furono creati in questo modo ed esistono in questa relazione.

Tutto ciò deriva dal fatto che la Kabbalah si apre a noi nel mondo superiore, nelle nostre radici. Basandoci su di esse possiamo già parlare di qualcosa.

Perché la Torah dice:  all’inizio fu creato un uomo e poi fu diviso in due? Perchè ci sono due generi e non una creatura che si riproduce o non si riproduce affatto? Tutto ciò è rivelato dalla scienza della Kabbalah.

Essa esplora le nostre radici spirituali, cioè le forze da cui gradualmente si svilupparono i mondi spirituali. Nel processo del loro sviluppo queste  forze discesero e poi una piccolissima scintilla, l’energia del mondo spirituale, scoppiò nel volume dell’allora universo vuoto e iniziò a crearvi la materia: stelle, galassie, nebulose, pianeti, finché alla fine creò la Terra. Così la vita iniziò a svilupparsi sul nostro pianeta.

Questi processi vengono studiati nella Kabbalah. E se noi stiamo parlando della fine della creazione, che procede dall’alto verso il basso, allora un uomo e una donna, il loro sviluppo storico, la loro relazione reciproca e ciò a cui sono arrivati oggi, tutto ciò deriva dalle medesime radici spirituali. Pertanto ponendo una domanda sulla relazione tra un uomo e una donna sul piano terreno, non possiamo comprenderne la risposta.

E sebbene io abbia grande rispetto per psicologi, sociologi, sessuologi ed altri scienziati, posso dire che essi hanno solo una conoscenza ridotta e frammentata dalle osservazioni nel nostro mondo, osservazioni che sono in continuo cambiamento e si contraddicono l’un l’altra. E la Kabbalah risponde a questo da un’unica radice.

Ma il problema è che la Kabbalah è stata nascosta fino ad ora perchè il mondo non aveva ancora condizioni adatte affinché la gente iniziasse a praticarla. Le persone non ne avevano alcuna necessità.

Perciò per lungo tempo la Kabbalah non si sviluppò collegata al nostro mondo. Solo ora sta iniziando ad esservi coinvolta.

[280224]

Dalla trasmissione di KabTV “Close-up” 11/08/2009

Materiale correlato:
L’Uomo E La Donna Nel Lavoro Spirituale
Uomini e donne: responsabilità e possibilità
L’Uomo E La Donna Sono Il Risultato Delle Proprie Radici Spirituali

La mamma e il papà sono incancellabili!

Commento: Una scuola di New York insegna ai ragazzi un nuovo linguaggio, nel quale non ci sono le parole “mamma”, “papà”, “bambino”, “bambina”. Tutti questi termini sono considerati offensivi dall’amministrazione scolastica. Al posto di mamma e papà si raccomanda dire: adulti, parentela, famiglia. Al posto di padre e madre dovrebbero essere usati dei termini di genere neutrale: genitore o tutore; invece di marito e moglie: compagno. Insomma gradualmente nel mondo si fa strada una nuova lingua. Sarà accolta?

Risposta: Non sarà accolta. Quel che è dato dalla natura, è dato dalla natura. Tutto qui. Non c’è altra soluzione. Sostituire mamma e papà?!

Domanda: Praticamente, questi termini: papà, mamma, e in ebaico: “ima”, “aba”, sono stati presi da uno stato di cose naturale? Così le piccole labbra del bambino cominciano a dire: papà, mamma, “ima”, “aba”?

Risposta: Certamente.

Domanda: Questo è inevitabile?

Risposta: Sì. 

Commento: Nemmeno se le persone vorranno modificare questo linguaggio? 

Risposta: Questo va contro i gradini della natura, la quale in tal modo ci ha identificato. All’uomo questi gradini vengono attribuiti per l’eternità. Quelli degli animali invece svaniscono. Dopo due tre anni i cuccioli si separano dai genitori. Più precisamente dalla madre, in quanto il padre in questo non determina assolutamente niente. 

Commento: E se il cucciolo si incontra sua madre fra tre anni, non la riconosce nemmeno? 

Risposta: Non solo non la riconosce, ma insieme danno inizio a una nuova prole. Voglio dire che si disconnettono totalmente dal passato. La mamma serve soltanto per nutrirlo, istruirlo, diciamo nel corso dei due-tre anni, questo dipende dalla specie, e basta. Di conseguenza non c’è più niente. 

Commento: E all’uomo questo rimane per tutta la vita? 

Risposta: Per tutta la vita, di generazione in generazione. E noi ancora siamo curiosi di sapere chi c’era nelle nostre esistenze passate. Lo troviamo molto interessante. 

Domanda: Allora perché attualmente si mette in atto questa violazione, che un marito e una moglie sono “partner”; una mamma e un papà sono “genitore, tutore”? 

Risposta: Tutto questo va a mutilare il linguaggio, le relazioni tra la gente. Sono tutte deformità egoistiche, le quali affiorano all’esterno e si mostrano sempre più giuste e determinanti. Tutto questo passerà. Non serve neanche combatterlo, tutto questo morirà. Basta lasciar passare un po’ di tempo e tutto scomparirà. 

Domanda: E cosa accadrà? 

Risposta: Non accadrà nulla, la mamma e il papà sono incancellabili.

 

[282569]

Tratto dal programma televisivo “ Le notizie con Michael Laitman” 05.04.2021

Materiale correlato:
Il cuore di una madre
“Maledetto chi maltratta il padre e la madre!”
Il vero amore e la famiglia perfetta

La legge del boomerang

Domanda: Attualmente ci trattiamo a vicenda in maniera egoistica senza nemmeno rendercene conto?

Risposta: Non capiamo che ci stiamo battendo con questo e, purtroppo, stiamo ricevendo molti più danni rispetto al piacere momentaneo che ne stiamo ricevendo.

Domanda: Perché? Qual è la ragione di questo?

Risposta: L’egoismo chiude i nostri occhi. Pertanto, pensiamo che umiliando e sopprimendo gli altri, ci alziamo e stiamo meglio. Ma non è così.

Improvvisamente, ci viene rivelato un sistema generale, una dipendenza comune l’uno dall’altro. Se reprimo, umilio o inganno gli altri, mi danneggio molte volte di più. Questo mi torna indietro con una perdita molto maggiore di quella che presumibilmente ho guadagnato e goduto quando ho fatto qualcosa di male a qualcun altro.

Il sistema di connessione tra di noi è organizzato in modo che questo mi ritorni. Non immediatamente, non esplicitamente a me. Tuttavia, se vedo l’intero sistema, mi comporterò correttamente. Allora non avrò i dubbi se fare o meno un accordo prematrimoniale. Non farò niente di male nemmeno a qualcuno che è lontano, tanto meno a qualcuno con cui vivo.

Vedrò chiaramente il motivo per cui ci siamo incontrati, e non è un caso, come dobbiamo comunicare tra noi e quale livello di accordo dobbiamo raggiungere.

Domanda: Non ci saranno pensieri sull’usarsi l’un l’altro, sul non fidarsi l’uno dell’altro?

Risposta: Come posso fare questo se sento che tornerà immediatamente tutto a me, che mi influenzerà? Dove posso nascondermi? Comincerò a vedere l’altro come una parte di me ancora più importante di me stesso. Dopotutto, passando attraverso di lui, questo segnale mi tornerà amplificato.

Pertanto, lo stesso sistema di sicurezza che esiste in me, non mi permetterà più di pensare o fare qualcosa di male.

Domanda: Oggi questo sistema di sicurezza funziona in una sola direzione. Come posso isolarmi da questo? Quando inizierà tutto a lavorare verso l’esterno, il vettore cambierà e così pure l’atteggiamento?

Risposta: Sì. Ma solo se vedremo che siamo interconnessi.

 

[281722]

Dalla trasmissione di KabTV “Close-up”, 19/08/2009

Materiale correlato:
Il futuro è interconnesso
L’obbiettivo della società del domani
La forma futura della società

Non è livellamento, ma l’essere complementari l’uno all’altro

Domanda: Diverse centinaia di anni fa, le donne non avevano nessun diritto. Questi diritti esistono oggi. Pensa che sia corretto?

Risposta: È responsabilità dello Stato dare a ognuno l’opportunità di realizzare se stesso per il beneficio della società. Questo è ciò che pensa la Kabbalah.

La Natura ci ha creati diversi. Ognuno ha la sua propria funzione, le sue proprie abilità. Non puoi fare nulla al riguardo. L’uguaglianza non è il livellamento ma l’essere complementari l’uno con l’altro. L’armonia della società è raggiunta esattamente con l’essere complementari.

Domanda: Quindi l’uguaglianza non significa ricevere lo stesso salario, indossare gli stessi vestiti, ecc.?

Risposta: No. Dobbiamo estrarre da ogni persona il massimo della realizzazione del potenziale che può dare alla società. Non importa se si tratta di un cuoco o del capo dello Stato. Se ognuna di esse fa ciò che può e lo dona per il bene della società, allora sono uguali. Dal punto di vista della Kabbalah hanno diritto alla stessa cosa.

[278041]

Dalla trasmissione di KabTV “Spiritual States”, 29/04/2019

Materiale correlato:
L’Uomo E La Donna Nel Lavoro Spirituale
L’Uomo E La Donna Sono Il Risultato Delle Proprie Radici Spirituali
Le donne e il management

Come spiegare la solitudine

Domanda: Come si spiega la solitudine, quando una persona non riesce nemmeno a provare simpatia reciproca? Ora ci sono molte persone così. Questo significa che non hanno anime gemelle e sono sole nella vita, per sempre?

Risposta: L’egoismo è in costante sviluppo in noi, dall’inizio della creazione ai nostri giorni, e continuerà a crescere sempre di più.

Man mano che l’egoismo personale si sviluppa, ogni individuo si sentirà sempre più distante dagli altri. Sarà sempre più difficile per lui trovare la sua anima gemella e, in generale, ritrovarsi con gli amici.

Se l’umanità non inizia a correggersi, il suo futuro, ovviamente, è molto sfortunato. Le persone vivranno nelle loro custodie, e questo sarà il loro destino.

Commento: Ma questa è una grande sofferenza.

La mia risposta: Si abitueranno, prenderanno droghe o qualcos’altro. E cosa puoi fare contro l’egoismo? O si modifica o si lascia così com’è e lo si smorza silenziosamente.

[276762]

Dalla trasmissione di KabTV “Ask a Kabbalist”, 20/03/2019

Materiale correlato:
Per quale motivo ci viene data la solitudine?
La società come un singolo individuo
L’umanità e le droghe