Pubblicato nella 'Società' Categoria

La cura per il mondo è nell’educazione integrale

Il numero di persone nel mondo che soffrono di depressione sta aumentando. Rifiuto, non comprendere il significato della nostra esistenza, uso di stupefacenti, terrorismo, sono tutti indicatori di un disagio esistenziale.

Dobbiamo arrivare al punto in cui potremo portare il mondo ad uno stato razionale ed equilibrato. Adesso, quando molte persone si trovano disoccupate e senza avere niente da fare, è un fattore sociale molto pericoloso e i governi ne sono spaventati. Che cosa si può fare allora?

È impossibile distruggere milioni e perfino miliardi del supposto superfluo nel mondo semplicemente con le guerre. Ci potrebbe essere una guerra dopo la quale non rimane niente. Non c’è una soluzione ragionevole, perfino se abbiamo un approccio al problema secondo Malthus: “Purifichiamo semplicemente l’umanità da tutti gli elementi ridondanti e tagliamola a metà” – non funzionerebbe!

Abbiamo visto come il collasso del dieci per cento di una pianta nucleare in Giappone abbia avuto degli effetti terribili in tutto il mondo, molti dei quali non conosciamo, come su Chernobyl, perché l’informazione rimane classificata.

Ma anche questi “piccoli” problemi sono sufficienti per fermare la costruzione di nuove piante nucleari nel mondo. É stato capito che sono una minaccia e perciò la costruzione di nuove piante è stata bloccata. Ma da questa semplice azione vediamo che non c’è problema e non c’è soluzione. Il problema si trova tutto insieme da un’altra parte: Come possiamo portare miliardi di persone a uno stato equilibrato?

Allora potremmo vedere il licenziamento di molte persone dai loro posti di lavoro come la transizione dell’uomo a un altro tipo di lavoro, a un lavoro sociale produttivo, in modo di poter costituire veramente una società umana molto più vantaggiosa per tutti quanti.

Questo può essere implementato unicamente con l’educazione integrale per tutti. In questo modo solleviamo la persona al livello della comprensione integrale, del controllo globale della natura, e allora lei tratta se stessa, il mondo, e tutto in maniera diversa.

Prima di tutto comprende che il problema non riguarda unicamente ricchi e poveri, ma anche buoni e cattivi governanti, o miliardari che prendono tutto per loro stessi, ma comprende anche che c’è qui una chiara direzione, ed è cosi che la natura ci sviluppa. E questo significa che dovremmo prendere una forma che si adatti alla natura perché non possiamo fare niente contro di essa. L’unica cosa che possiamo fare è comprendere le leggi della natura. Se noi ci adattiamo alle leggi della natura, porteremo noi stessi allo stato più confortevole.
[74343]

(Tratto dal programma di Kab.TV “ Fondamenti della Società Integrale”, 26.02.2012)

Materiale correlato:

Educazione Integrale, Conversazione 1
La via verso la Garanzia Reciproca
Garanzia mutua– A tutto il mondo

La natura è a favore del corretto allineamento

Domanda: Nel processo dell’educazione integrale, possiamo organizzare alcune attività comuni per gli uomini e le donne come le vacanze, per esempio?

Risposta: Penso che una società che aspira verso integrazione dovrà scoprire una grande separazione tra i sessi. Vediamo che la natura non è d’accordo con qualsiasi tipo di mescolanza.

In natura, esiste una precisa subordinazione, una gerarchia, una separazione in conformità con le funzioni e i modi in cui uomini e donne realizzano se stessi. È esattamente il corretto allineamento di questi due opposti che crea e da vita ad una nuova società armoniosa.
[88438]

(Un discorso sull’educazione integrale, 04.03.2012)

Materiale correlato:

Il ruolo dei gruppi delle donne
La navigazione felice del veliero della famiglia

Evitare il destino fatale

Domanda: Penso che una persona contemporanea abbia bisogno di avere una comprensione chiara di ciò che sta succedendo nel mondo. Egli sta assorbendo un flusso di informazioni dei disastri naturali, di eventi tragici e problemi sociali, però non ha ancora un’immagine chiara di cosa stia succedendo.

Risposta: Naturalmente dobbiamo vedere il sistema completo in generale. Però una persona contemporanea non avverte ancora la paura universale per il futuro. Per questo, deve trovarsi su un livello completamente diverso, avere una visione del mondo più ampia e avere la capacita di vedere orizzonti lontani. A mio parere, questa paura apparirà nelle persone semplici quando la natura comincerà a risvegliarci tramite catastrofi gravi che scuoteranno la persona: qualcosa senza precedenti si sta avvicinando e non si riesce ad evitarlo.

In qualche modo è possibile ammorbidire, celare, fuggire o nascondersi da ciò che succede in una società. La persona non si sente ancora come un coniglio messo alle strette che vede avvicinarsi un boa. In questo stato, non possiamo fare nulla perché la natura stessa ci scuota in modo da portarci alla consapevolezza che tutto questo è fatale, il destino spietato. È auspicabile che la persona realizzi questa immagine non al momento dell’azione stessa, quando il disastro è già inevitabile, ma in anticipo, in modo da descriverlo e capire come evitarlo.

Dobbiamo dimostrare tutto questo nel manuale di Educazione Integrale, parlando della natura dell’egoismo stesso e di come non possiamo risolverlo con nessun mezzo nel nostro mondo perché non possediamo gli strumenti. Siamo spinti dal desiderio di riempire, di saziare noi stessi, anche a spese degli altri. O semplicemente vogliamo umiliare gli altri ma quando ci eleviamo sopra di loro, ci sentiamo più comodi. Questa è l’immensa forza egoistica che lavora in tutte le direzioni.

L’ego è l’unica forza della natura. Tutte le leggi fisiche, chimiche, biologiche, e genetiche derivano dall’ego. L’intero nostro mondo è un grande ego. Questo è il desiderio di ricevere, di essere riempito, il desiderio di assorbire, di essere rafforzato, per raggiungere la soddisfazione massima, e così via. In aggiunta, sento costatamene e misuro il mio stato rispetto all’ambiente. Se ho un bastone in mano e la mia vicina ne ha due, mi sento già male.

Segue da questo che non c’è potere nel mondo che in qualche modo può frenare l’ego. Allora dov’è la seconda forza che sarà pronta ad equilibrarlo? Questo è specificamente ciò che ora dobbiamo trovare.

Uno può trovare questa forza soltanto in una società organizzata nel modo giusto. Quando tale società sta guardando lo tsunami avvicinarsi, comincia ad unirsi in modo che entro la giusta connessione fra loro scopriranno l’attributo generale altruistico, per cui tutti saranno inclusi negli altri diventando un collettivo integrale. E questa forza si opporrà e si innalzerà sia l’ego individuale che collettivo. Quando teniamo nelle nostre mani le due forze e possiamo usarle correttamente, otterremo il sistema equilibrato, il giusto rapporto per quanto riguarda noi stessi, la società, la natura, e il mondo.
[122968]

(Da un programma TV “Un Mondo Integrale” del 24.10.2013)

Materiale correlato:

Una società piacevole
Invece dei Dollari

Una società piacevole

Nelle notizie ( dalla Biblioteca dell’Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE) ): “Ogni persona aspira ad una vita buona. Ma cosa significa ‘un bene o di una vita migliore’? La seconda edizione del giornale “Com’è la vita?” fornisce un aggiornamento sugli aspetti più importanti che formano la vita delle persone e il loro benessere: il reddito, il lavoro, la casa, la salute, l’equilibrio vita-lavoro, l’istruzione, le connessioni sociali, l’impegno civico e la governance, l’ambiente, la sicurezza personale e il benessere soggettivo. Così si dipinge un quadro completo del benessere nei paesi OCSE e nelle altre principali economie, guardando alle condizioni materiali di vita delle persone e alla qualità della vita di tutta la popolazione.

“Gli esseri umani sono creature sociali. La frequenza del nostro contatto con gli altri e la qualità dei nostri rapporti personali sono quindi determinanti e cruciali per il nostro benessere. Aiutare gli altri può altrettanto farvi felici. Le persone che fanno volontariato tendono ad essere più soddisfatte della loro vita rispetto a quelle che non lo fanno. Il tempo dedicato al volontariato contribuisce anche alla sanificazione della società civile”. Source: OCSE Australia.

Il mio commento: Tutto il tempo le persone determinato il loro stato in relazione al loro ambiente. Ma e stato sempre diverso per ciascuno di noi e non c’è mai stata la piena soddisfazione.

La ragione di questo è la sensazione di realizzazione: Se si verifica nel desiderio egoistico per se stessi, allora non c’è limite in questo, e se c’è nel desiderio di riempire l’altro, l’amore per l’altro, allora la soddisfazione si ottiene sentendo la propria azione, la reciprocità, e non dipende dalla misura del riempimento. Solo nella società corretta una persona sarà in grado di sentirsi sicura e soddisfatta.
[121999]

Il segreto della felicità

Opinione (Robert Cummins, Professore alla Deakin University, Melbourne Australia): “Un partner d’amore, fino a 100.000 dollari di reddito per famiglia e un attività sociale che offre un senso e uno scopo è il nuovo ‘triangolo d’oro della felicità’, secondo il professore di psicologia Robert Cummins da Deakin University.[...]

“‘Più importante del denaro è avere un buon rapporto intimo,” ha detto.

“‘Hai solo bisogno di una persona per condividere la tua vita e avere quella persona è incredibilmente importante. Le persone che non hanno avuto qualcuno con cui condividere la loro vita in modo intimo – con cui sia possibile condividere i suoi problemi – sono molto vulnerabili alle cose brutte che accadono loro. Questo è estremamente coerente in tutti i nostri sondaggi ‘.

“‘Il numero magico è di $ 100.000 di reddito lordo per le famiglie. Non è che più soldi hai meglio stai, è che c’è bisogno di avere una certa quantità,’ ha detto. [...]

“‘Avere qualcosa di interessante da fare è il terzo elemento. Le persone sono più felici se sono attivi, in un club calcistico, in un circolo di cucito, qualunque cosa ‘, ha detto.

“‘Se è possibile combinare questa attività con il contatto sociale e il senso di uno scopo poi è ancor meglio.

“‘Le persone che fanno volontariato combinano entrambi molto bene. Più sono attivi e socialmente connessi, meglio stanno. [...]

“Il culmine dei 29 sondaggi sulla felicità degli australiani sopra i 12 anni dalla Deakin University di Melbourne, hanno rivelato che non importa dove vivi, se il vostro colletto è bianco o blu, se avete dei bambini o no – se vivete all’interno del triangolo d’oro avete più di probabilità di avere un sorriso permanente sul tuo viso. “

Il mio commento: Lo scopo della creazione è quello di deliziare gli esseri creati. Nel corso del suo sviluppo, l’umanità sta prendendo coscienza del fatto che la felicità sta nel collegamento corretto con l’ambiente. Noi siamo in questo stadio di sviluppo – nella transizione dall’individuale al collettivo. E dopo, considerando che siamo insieme, invece di io, avremo la sensazione del valore “nella dissoluzione” nel collettivo, noi stacchiamo da noi il riempimento con il quale questo “noi” sarà pieno, significa che noi sentiamo il Creatore, la sorgente, noi ed io.
[112588]

Materiale correlato:

Vuoi essere felice – sii felice!
In cosa consiste la felicità?

“Studio: Le persone con tanto auto-controllo sono le più felici”

Nelle notizie (da The Atlantic): “‘Abbastanza Improbabile, ma le persone che sono maggiormente in grado di resistere agli impulsi riferiscono di essere più soddisfatti della loro vita.

“Fra le risorse più preziose dell’umanità c’è l’auto-controllo, secondo Wilhelm Hofmann e il suo team di ricercatori presso l’Università di Chicago. Loro lo definiscono come ‘la possibilità di annullare o modificare le risposte interiori di una persona’ e di non agire in base ai propri impulsi. [...]

“Maggior autocontrollo le persone riferivano di aver avuto, più soddisfatti segnalavano di essere della loro vita. E contrariamente a quanto i ricercatori si aspettavano, le persone con più auto-controllo avevano anche maggiori probabilità di essere felici nel breve termine. Infatti, quando hanno ulteriormente analizzato i dati, hanno scoperto che la maggiore felicità di queste persone è in gran parte rappresentata dall’aumento della soddisfazione di vita.

“Quando svolgono i loro compiti quotidiani, le persone con un grande autocontrollo sembrano essere generalmente superiori spiritualmente, e a lungo andare, sono più felici con le loro vite. Per spiegare perché questo dovrebbe essere così, i ricercatori hanno condotto un sondaggio on-line. Quello che hanno scoperto è che invece negando continuamente se stesse, le persone con un alto autocontrollo hanno semplicemente meno probabilità di trovarsi in situazioni in cui c’è un problema. Non perdono tempo a combattere battaglie interiori sul fatto di mangiare o meno un secondo pezzo di torta. Loro sono al di sopra di tali tentazioni minute. “

Il mio commento: Precisamente, la restrizione (Tzimzum Aleph) e ricevere solo dopo un certo calcolo e con una specifica intenzione (lo schermo e la luce che ritorna) rende la ricezione acuta (la Luce di NRNHY), fino al punto che una persona può sentire la sua fonte, il Creatore, in ogni piacere! Questo è il modo in cui la saggezza della Kabbalah ci insegna a rivelare il Creatore, attraverso la ricezione del piacere da lui.
[112051]

Materiale correlato:

Educazione Integrale, Conversazione 5
Gruppi di fusione

Come convincere una persona a cambiare

Nelle notizie (da bakadesuyo.com): “Il cambiamento del comportamento non è facile. Ma c’è un grande TED, discorso che mostra un modo semplice per influenzare le persone a fare la cosa giusta. E si sfrutta un principio che tutti noi possiamo utilizzare nella nostra vita quotidiana.

“Alex Laskey ha parlato di come possiamo usare la psicologia del cambiamento di comportamento per convincere la gente a ridurre il loro consumo di energia.

“Gli studenti del Grad hanno appeso dei cartelli sulle maniglie delle porte a delle persone, chiedendo loro di spegnere l’aria condizionata e di accendere i ventilatori. Il messaggio dei segni utilizzato era molto svariato.

“Quale messaggio pensi che sia stato più efficace?

‘Salvare il denaro

‘Salvare il pianeta’

‘Essere un buon cittadino.’

In realtà, nessuno di questi ha funzionato.

Nessuno prestò attenzione. Nessuno ha spento i condizionatori d’aria.

“Ma il quarto messaggio ha funzionato:

‘I tuoi vicini stanno facendo meglio.’

“Quando gli è stato fatto notare che: il 77% dei vostri vicini di casa hanno detto che hanno spento i loro condizionatori d’aria e hanno acceso i ventilatori. Siete pregati di unirvi a loro.

“Questo dimostra che la società funziona. Robert Cialdini, autore del classico libro L’influenza, ha spiegato nel mio colloquio con lui: ‘La gente sarà in grado di dire di sì ad una richiesta se si dà loro la prova che anche altre persone come loro hanno detto di sì a questo.’

“Non ci piace pensare che siamo influenzati dal comportamento di altre persone, ma lo siamo tutti. Ed uno dei modi migliori per provocare il cambiamento di comportamento è di attingere a questo”.

Il mio commento: La Kabbalah utilizza questa grande proprietà dell’influenza dell’ambiente sulla gente per la loro correzione. Sotto l’influenza dell’ambiente, una persona è pronta a fare anche azioni altruistiche. Ecco perché, quando si trova in un ambiente analogo, egli sarà pronto a sottomettersi ad esso senza previo consenso. Quindi, invece di cercare di influenzare una persona, abbiamo bisogno di creare il giusto ambiente che lo circondi.
[111041]

Materiale correlato:

Che cosa determina lo statuto del gruppo?
L’interconnessione influenza la felicità

I Brasiliani vogliono pane invece di giochi

Nelle notizie (da BBC News): “Più di 200.000 persone hanno marciato per le strade delle grandi città del Brasile, protestando contro l’aumento dei costi di trasporto pubblico e la spesa eccessiva per la messa in scena della Coppa del Mondo 2014.

“‘Per molti anni, il governo ha alimentato la corruzione, le persone stanno manifestando contro il sistema,’ ha detto Graciela Cacador all’agenzia di stampa Reuters.

“Altri lamentavano le ingenti somme di denaro spesi per ospitare i Mondiali del 2014 e le Olimpiadi del 2016, invece di essere investiti in sanità e istruzione.

“Questo grido comune sta dicendo: ‘Noi non siamo soddisfatti,’ ha detto Maria Claudia Cardoso all’agenzia di stampa Associated Press.

“‘Noi non abbiamo scuole valide per i nostri bambini. I nostri ospedali sono in uno stato terribile. La corruzione è diffusa. Queste proteste faranno storia e sveglieranno i nostri politici fino al punto di non prenderne più nulla,’ ha detto.

“‘Abbiamo bisogno di una migliore istruzione, ospedali e sicurezza, non di miliardi spesi per la Coppa del Mondo,’ ha detto una madre che ha partecipato alla marcia di San Paolo con la figlia.”

Il mio commento: “Senza pane non c’è la Torà.” Quando il livello di reddito delle famiglie è al di sotto del costo minimo della vita, la “luce rossa” lampeggia nelle loro teste, e vogliono sopravvivere, non divertirsi. Ma la struttura dello stato moderno non sarà in grado di creare il sistema di distribuzione che garantisce il costo minimo per la vita. Senza educazione integrale, nessuno è pronto: né i funzionari, donatori, né i cittadini, destinatari.
[110515]

Materiale correlato:

Le proteste crescono attorno al Globo
La tensione sociale

Invece dei Dollari

Domanda: Quando parliamo di apprendimento globale, abbiamo l’impressione che ci sia qualcuno che già capisce questo metodo; è come se questo qualcuno controllasse la persona normale e l’aiutasse a passare al livello successivo. Chi organizza tutto questo per noi?

Risposta: Nel nostro mondo, ci sono abbastanza persone che ancora non sono unite ma che già capiscono cosa deve essere fatto per l’umanità. Già 90 anni fa, il professor Vernadsky iniziò a parlare della necessità di una unificazione integrale della società. Nel suo tempo, questa gigantesca “testa” ebbe una straordinaria rivelazione; egli vide la futura forma dello sviluppo umano dal suo inizio. Dopo di che molti dei suoi seguaci si fecero conoscere sia in Russia che in altri posti. Oggi, questi concetti si stanno imparando dappertutto.

Domanda: Tutti gli attivisti governativi e religiosi sanno che il cambiamento della consapevolezza della maggior parte degli esseri umani cambierebbe la società stessa e la cooperazione tra i suoi membri e che, in conseguenza a ciò, i principi di gestione dei governi cambierebbero. Cosa succederà ai governi? Infatti, il concetto di integrazione cambierà e darà nuova forma al sistema.

Risposta: Da una parte, il concetto di integralità darà nuova forma al sistema, ma non credo che questo farà cadere le persone che sono al potere. Coloro che sono ai vertici dei governi, delle leadership, dell’economia, sono persone che sanno come muoversi e sono abili. Forse non hanno ancora compreso il sistema futuro, ma comprendono quello egoistico. Essi possono organizzare il processo nel modo giusto anche se in questo modo si cambierebbe l’intera società egoistica. Vale a dire, non sono persone comuni. Essi possono aiutare la nuova organizzazione e prendervi parte.

Una persona non si gode i dollari depositati in una cassaforte, invece si gode l’appagamento, la sensazione di importanza, la sua superiorità, il fatto di sentirsi più potente, più forte, e più importante degli altri. Le banconote dei dollari non danno appagamento di per sé, invece è l’equivalente spirituale in valore di questa carta che dà sicurezza per oggi e per domani. Perciò, tutti gli elementi attualmente percepiti non arriveranno da nessuna parte. Il potere del denaro verrà eliminato gradualmente, ed al suo posto ci sarà un sistema di governo del tutto diverso, un governo di reciproca cooperazione integrale: più investiremo nell’unità e nella connessione, e più appagamento otterremo.
[108440]

(Da Kab.TV “Attraverso il Tempo” 17.03.2013)

Materiale correlato:

Rieducare i Leader
Il denaro non può comperare la felicità

I più forti non sono i più duri ma sono i più flessibili

Opinione (Alain de Benoist, accademico francese, filosofo): “La Terra è uno spazio finito (esauribile). In fin dei conti, non ci può essere crescita materiale infinita nello spazio finito. Pertanto, dobbiamo abbandonare l’idea della crescita quantitativa. Tutti gli economisti classici sostengono che la crescita è un fenomeno naturale, considerando che le risorse naturali sono infinite.

“Nel nostro tempo, uno stato è potente se è in grado di rispondere alla sfida del tempo. Se la crescita porta al disastro, allora i paesi che hanno implementato una politica di razionale recessione economica saranno meno esposti ad esso.”

Il mio commento: Non c’è bisogno di indurre una recessione artificiale, abbiamo bisogno di cambiare la società gradualmente e dolcemente con l’introduzione dell’educazione integrale in cui i cambiamenti individuali e sociali, porteranno cambiamenti in tutte le strutture (politica, economica, ecc) in un naturale (ottimale) modo.
[109658]

Materiale correlato:

La crisi forza il cambio di abitudini
Gli analisti delle Nazioni Unite credono in una recessione