Pubblicato nella 'Società' Categoria

Uguaglianza condizionale

Domanda: L’uguaglianza è uno dei principi fondamentali della comunicazione?

Risposta: In generale, sì. Ma questa è l’uguaglianza condizionale perché non esiste una persona uguale a un’altra. Altrimenti, saremmo diventati uno.
Il principio della corretta comunicazione è che ognuno possa esprimersi nel modo più completo possibile in un’azione collettiva.

Domanda: Nel corso della storia, il significato di uguaglianza sociale è cambiato costantemente. Nell’antichità, l’uguaglianza è stata osservata all’interno delle proprietà, mentre non c’era uguaglianza tra le proprietà.
Nella filosofia cristiana medievale, si credeva che tutti fossero uguali davanti a Dio, sebbene tutti capissero ciò che Dio è a modo loro.
Nell’età dell’Illuminismo, il concetto di uguaglianza sociale era basato sulle qualità personali, sull’individualismo: tutti dovrebbero avere gli stessi diritti e uguaglianza davanti alla legge. Ma non hanno tenuto conto del fatto che tutte le persone sono diverse per natura, e quindi si è comunque rivelata una disuguaglianza.
Gli insegnamenti socialisti hanno portato le persone all’equalizzazione.
Come risultato del costante desiderio di uguaglianza, la società è giunta al trionfo del liberalismo e del permissivismo. Come vede la prossima fase di sviluppo?

Risposta: L’uguaglianza significa che tutti dovrebbero sforzarsi di rendere la società parte integrante del meglio delle proprie capacità. In questa integralità diventeremo condizionatamente uguali.
Ognuno riceverà e darà quanto può, quanto ha bisogno e dovrebbe. Non possiamo valutare ogni persona e dire quanto deve e quanto no. È il giusto rapporto tra le persone che dovrebbe condurle non all’uguaglianza statistica, ma condizionale.

Domanda: Se tutti ottenessero tutto ciò che vogliono e tutti fossero soddisfatti dei loro bisogni, sarebbe possibile dire che siamo uguali in questo?

Risposta: No. Anche se immagini un futuro così fantastico, non darà nulla.
Non è sufficiente che la nostra natura riceva solo. Dobbiamo anche dare perché siamo elementi sociali che esistono a scapito l’uno dell’altro. Quindi qui devi inserire un altro parametro: quanto ricevo e quanto do. Uno non può esistere senza l’altro.
[273887]

Dalla trasmissione di KabTV “Communication Skills”,  11/09/2020
Materiale correlato:
Come raggiungiamo l’uguaglianza?
New Life n.1040 – L’uguaglianza nelle relazioni
La legge fondamentale del mondo spirituale

L’essenza delle relazioni umane

L’essenza delle relazioni umane sta nell’emergere di uno stato generale comune. Ma anche prima che appaia, tutti i tipi di impressioni, comprensioni e relazioni positive e negative iniziano ad emergere in ciascuna delle due persone che stanno comunicando. E dal loro incontro nasce qualcosa di nuovo che prima non c’era.

Tutto dipende da quanto siamo stati preparati per l’interconnessione gli uni con gli altri dall’educazione ricevuta sinora. Questo è il motivo per cui dobbiamo preoccuparci non delle interazioni in sé, ma di come prepariamo le persone per esse. Come una madre che manda il suo figlioletto all’asilo o a scuola, o anche a visitare un amico, gli insegna come comportarsi, come percepire gli altri, ecc.

In ognuno di noi in questo modo si forma una sensazione completamente nuova, la sensazione di percepire un altro. Dalla nostra percezione reciproca, queste sensazioni si trasformano in qualcosa di comune. Pertanto, l’obiettivo dell’istruzione è quale tipo di piattaforma comune vogliamo vedere tra di noi.

 

[271584]

Dalla trasmissione di KabTV “Communication Skills”, 30/07/2020

Materiale correlato:
Come vi sentite durante questi giorni difficili?
La connessione è fonte di decisioni corrette
Perché proviamo a cambiare tutto ciò che ci circonda ma non noi stessi?

Nel mondo del futuro

Domanda: I futurologi fanno previsioni su come sarà il mondo nel 2030. Alcuni dicono che si lavorerà meno di 20 ore a settimana e più di 800 milioni di posti di lavoro andranno ai robot. Cinquantasette professioni spariranno completamente ma 180 nuove professioni le rimpiazzeranno, e così via.
Lei come pensa che sarà il mondo del futuro tra appena 10 anni?

Risposta: Nel mondo del futuro le persone svolgeranno i lavori più utili per la loro esistenza, il resto del tempo inizieranno a dedicarlo alla crescita spirituale.
[271437]

Dalla trasmissione di KabTV “Kabbalah Express”, 1/09/2020

Materiale correlato:
Le professioni del futuro
Quali professioni scompariranno?
La società delle professioni inutili

Trova te stesso

Domanda: Recenti ricerche condotte dalle agenzie interinali, indicano che quelle di camerieri, cuochi, guardie di sicurezza e personale delle pulizie, sono state le figure professionali più inutilizzate durante la pandemia.

Tanta gente, letteralmente centinaia di milioni di persone, hanno provato la sensazione di perdere il proprio lavoro da un giorno all’altro.

Ieri avevano una professione e un lavoro, ma non oggi. Cosa si sente di suggerire a queste persone? Quale professione dovrebbe scegliere una persona oggi?

Risposta: Io penso che una persona ha bisogno di trovare se stessa.

Trovare se stessi significa creare costantemente una immagine più corretta di sé, di cosa una persona è realmente. E le professioni necessarie, se non del tutto, solo per una piccola parte dell’umanità.

Noi arriveremo a uno stato nel quale le persone lavoreranno poche ore al giorno, e per il resto del tempo si impegneranno nell’educazione personale.

Prenderanno parte ad ogni genere di programma di educazione e cambieranno se stesse e la società. Questo è il vero lavoro di una persona.
[271304]

Dalla trasmissione di KabTV “Kabbalah Express”,1/09/2020

Materiale correlato:
Come sarà il mondo dopo l’epidemia?
New Life n.1087- L’educazione per il cambiamento nella natura umana
La società delle professioni inutili

Il povero e il ricco

Domanda: Dopo aver letto i suoi libri, mi sono reso conto che lei non è socialista e che non si approprierà delle proprietà dei ricchi. Ma perché i ricchi dovrebbero iniziare a pagare borse di studio per l’80% della popolazione per i propri studi?

Risposta: Naturalmente, un simile gesto da parte dei ricchi all’inizio non può essere volontario. Ma, come durante la rivoluzione, queste cose sono dettate dalla necessità. Una persona non può avere un miliardo mentre un’altra non ha abbastanza soldi fino alla fine della settimana per sfamare la propria famiglia. Questo è un chiaro squilibrio. Pertanto, sarà necessario bilanciare queste relazioni.

All’inizio, è necessario forzare la nostra relazione con una struttura completamente diversa dalla consueta: “denaro – merce – denaro”.

Di conseguenza, deve essere promulgata una legge secondo la quale ognuno riceverà una certa quantità di fondi necessari per lui, sufficienti per un’esistenza dignitosa. Ciò sarà accompagnato da un impegno a lavorare per la comunità in conformità con le capacità dell’individuo e allo stesso tempo ricevere la formazione ad una corretta genitorialità.

[270514]

Dalla trasmissione di KabTV “The Post-Coronavirus Era”, 4/06/2020

Materiale correlato:
Sebbene i ricchi stiano diventando sempre più ricchi, non sono loro il problema
Un equilibrio ragionevole
La soluzione alla crisi è la ridistribuzione della ricchezza?

Lavoro corporeo e lavoro spirituale

Domanda: Fatica e lavoro sono due concetti diversi. Attraverso la fatica le persone costruiscono relazioni fra loro. Il lavoro è un concetto fisico. Può essere svolto da esseri umani, macchine, e animali. Lei è d’accordo con questa dichiarazione?

Risposta: Nei miei studi di Kabbalah, io separo la mia fatica, il lavoro, in corporeo e spirituale. Noi dobbiamo dedicare gli sforzi necessari al lavoro corporeo in modo che la nostra parte animale possa esistere.
E per far sì che la nostra parte spirituale esista, dobbiamo capire la nostra missione speciale, il lavoro speciale dell’uomo nel mondo. Esso è lavoro sull’unificazione, ad esempio nell’annullare l’ego, sullo sviluppo di una persona altruista che è connessa a ognuno e che rivela completamente una nuova vita in questa connessione.

Appunto: Lo scopo della fatica è il risultato finale dell’attività creativa di un uomo.

Il mio commento: Questo è vero per entrambi…sia lavoro corporeo che spirituale.

Domanda: Durante le sue lezioni, lei dice che creare relazioni tra le persone è difficile. Quale sarà il prodotto di tale fatica?

Risposta: Un’appropriata società organizzata. Questo è il prodotto più importante.

Noi saremo legati dal consenso comune che la nostra unificazione è più importante nella vita. Dalla nostra connessione noi inizieremo a comprendere le forze superiori della natura. Allo stesso tempo, l’evoluzione sarà diretta verso lo sviluppo psicologico di una persona.
[270826]

Dalla trasmissione di KabTV “The Post-coronavirus Era”, 4/06/2020

Materiale correlato:
Comprendere le forze nascoste della Natura
Su quali forze lavora la Kabbalah?
L’obbiettivo della società del domani

La realizzazione nella società del futuro

Domanda: In cosa troveranno soddisfazione le persone nella società del futuro?

Risposta: Le persone, nella società del futuro, troveranno soddisfazione solo per merito di una maggiore comprensione della straordinaria connessione di tutte le proprietà e forze della natura, di tutta la sua immagine integrale, che è chiamata il bagliore della Shechina. La comprensione di questo atto unico e armonioso sarà il massimo piacere per le persone.

Domanda: Esse riceveranno piacere dal processo dello stabilire connessioni con gli altri?

Risposta: Sì. Nella connessione con le altre persone, inizieranno a rivelare l’unico potere della natura, e questo le riempirà ed esalterà.

Domanda: Questo può essere chiamato amore?

Risposta: Chiamalo amore. È solo che secondo noi l’amore è qualcosa di completamente opposto, il piacere egoistico.

[266809]

Dalla trasmissione di KabTV “L’era del post Coronavirus”, 16/04/2020

Materiale correlato:
Kabbalah: la guida per la società del futuro
Comprendere i bisogni della società
L’obbiettivo della società del domani

Le professioni del futuro

Domanda: Quale sarebbe la struttura occupazionale ottimale? Cosa può essere consigliato ai giovani e a coloro che possono ancora essere riqualificati? A cosa dovrebbero prepararsi e per quali professioni?

Risposta: Assolutamente tutti saranno impegnati in lavori spirituali, sociali e culturali. Mentre solo una piccola parte della popolazione, o anche l’intera popolazione ma in misura molto limitata, lavorerà nelle fabbriche o nell’agricoltura in modo da poterci nutrire, vestire, avere delle scarpe, creare l’attrezzatura necessaria per queste attività, ecc.

Tutta l’umanità capirà che deve comprimere il proprio egoismo e non produrre nulla di superfluo. E questo dovrebbe essere l’unico criterio con cui ci avviciniamo allo stato post-virale.

Domanda: L’umanità può contare su un qualche tipo di supporto da parte della natura per percepire questo come una reazione favorevole alle nostre azioni corrette?

Risposta: Ne sono sicuro. Non appena inizieremo una relazione reciprocamente corretta con la natura, sentiremo immediatamente il suo aiuto, il suo sostegno e potremo sentirci felici, armoniosi e svilupparci in modo integrale con essa.

E tutti i mari, gli oceani, le foreste, l’aria, l’intera flora e fauna si rallegreranno della nostra presenza e non scapperanno non appena ci vedono. Vi auguro buona fortuna!
[265651]

Dal programma TV “Disoccupazione nel mondo del post Coronavirus”, 5/05/2020

Materiale correlato:
Quali professioni scompariranno?
Come possiamo liberarci dai problemi economici?
Il pericolo di disordini sociali dopo il Coronavirus

La forma futura della società

Domanda: Possiamo introdurre ora la prossima fase nella nostra società? Oppure questo modello si rivelerà via via che ci svilupperemo, cresceremo e cominceremo a integrarci in esso? Questo processo è intermittente o graduale?

Risposta: Penso che dobbiamo cominciare a sviluppare questo processo, dal momento che è già stato spiegato negli scritti di grandi personaggi e non c’è motivo di rifiutare ciò che essi hanno realizzato. Dobbiamo utilizzare le loro conclusioni e i loro risultati costruendo su questa base un sistema di istruzione ed educazione per tutta l’umanità.

Domanda: Come si svilupperà l’intera società? Alcuni prevedono una dittatura, altri vedono uno sviluppo della democrazia e ci sono anche posizioni rispetto al nazismo e al fascismo. Alcuni vedono misure piuttosto dure, altri misure più morbide. Ma, fino ad ora, non è stato proposto un vero e proprio modello di relazioni economiche, sociali o politiche.

Quella parte della vita della società, che riguarda il mondo materiale e gli interessi delle persone, si manifesterà gradualmente o potrà essere modellata adesso, mentre ci muoviamo verso la realizzazione di un piano che comprendiamo?

Risposta: Dobbiamo affrontare un dibattito sociale per stabilire di cosa abbiamo veramente bisogno e di cosa possiamo fare a meno. Dalla condizione in cui si trova la società moderna si può capire questo concetto; quanto sono necessarie certe professioni e certi beni di consumo? Sappiamo come inquiniamo la Terra e come tutti gli oceani sono contaminati, ecc. Dobbiamo fermarci e fare un esame molto serio dei nostri errori.

Solo così possiamo limitare le nostre interferenze sul mondo che ci circonda e creare un sistema che funzioni solo per fornire all’umanità beni materiali essenziali e il massimo contenuto spirituale.
[265524]

Dal programma TV “Disoccupazione nel mondo del post Coronavirus”, 5/05/2020

Materiale correlato:
Kabbalah: la guida per la società del futuro
L’integrazione a livello dell’amore
Lo scopo della Natura

L’integrazione a livello dell’amore

Baal HaSulam, Costruendo la Società del Futuro, Capitolo 3, Articolo 9: “In altre parole: fatta eccezione per la questione di ‘Ama il tuo amico come te stesso’, ogni nazione può seguire la propria religione e tradizione, e non si deve interferire con un’altra.”

Se nella società del futuro le persone avranno qualche tipo di interesse religioso o filosofico, possono facilmente impegnarsi in esse.

La cosa principale è amare il nostro prossimo come noi stessi. Questa legge è di diversi livelli al di sopra di tutte le altre leggi, di tutti i tipi di condizioni e di trucchi artificiali.

Il fatto che le persone si impegnano nella meditazione, immaginano lo spirituale e il futuro sotto forma di culti sociali, non importa. La cosa principale è che esiste una connessione tra tutti al livello dell’amore. Per il resto, fai quello che vuoi.

[257409]

Dalla trasmissione di KabTV “Concetti di base della saggezza della Kabbalah”, 07/02/2019

Materiale correlato:
Il principio dell’esistenza dell’umanità
Kabbalah: la guida per la società del futuro
Comprendere i bisogni della società