Pubblicato nella 'Significato della vita' Categoria

La vita secondo una nuova sceneggiatura – 2′ Parte

La vita è una sceneggiatura che posso riscrivere di nuovo e iniziare così a controllare la mia vita. Alla fine, una persona si stanca del film di cui qualcuno l’ha costretta a diventare il personaggio principale. Questa è la vita di qualcun altro e voglio vivere la mia vita.

Mi rendo quindi conto che tutto ciò che mi circonda non è mio, che sono sotto l’influenza di migliaia di forze provenienti da diverse fonti, ed esse giocano con me come con una palla, calciandomi e lanciandomi da un posto all’altro.

La domanda è: Come posso interrompere questo film? Ho bisogno di una forza che sia al di sopra degli attori che giocano con me nella mia vita. Voglio elevarmi al di sopra della mia esistenza, al di sopra del lavoro, della famiglia, della casa e pianificare la mia vita da solo. Dopotutto, non sappiamo come la sceneggiatura proseguirà nell’attimo successivo e quali nuovi personaggi appariranno in essa.

Non conosco la sceneggiatura della mia vita. Per conoscerla, ho bisogno di salire al di sopra di me stesso e conoscere il piano superiore. Quindi capirò come giocarci, a cosa serve e qual è lo scopo di questo film.

Tutti vogliono ricevere buone sensazioni dalla vita; altrimenti, perché ne abbiamo bisogno, la sua fine è chiara… Eppure, mentre la vita non è ancora finita, voglio viverla in base ad una buona sceneggiatura. Per fare questo, ho bisogno di connettermi con le forze che controllano la mia vita e la saggezza della Kabbalah mi insegnerà come farlo.

Non importa quante volte riscrivo la sceneggiatura secondo la mia volontà perché scoprirò che mi fa male. Se voglio davvero scrivere un programma per il mio futuro, devo studiare e imparare ciò che è meglio per me e come cambiare la sceneggiatura cattiva in una buona. Quando capirò davvero ciò che è buono, scoprirò che ho l’opportunità di girare questo film e di esserne il personaggio principale e il regista.

Dopotutto, una persona di solito non capisce cosa è buono per lei. Vediamo che le forze che controllano la nostra vita ci coinvolgono in film così terribili che non vogliamo guardare. Ma possiamo cambiare questo film in un altro se sappiamo cosa vogliamo veramente. Ricevendo questa conoscenza, avremo la possibilità di apportare modifiche.

L’intero sviluppo di una persona in questa vita è progettato per guidarci alla comprensione di ciò che è veramente buono per noi. Non appena capiamo questo, possiamo immediatamente iniziare a viverci. Questo perché il buon film è già pronto! Semplicemente non lo vogliamo, lo rifiutiamo a causa della nostra miopia.
[254738]

Dalla trasmissione di KabTV “New Life n.1167”, 22/10/2019

Materiale correlato:

Chi è il protagonista nel film della vita?
Lo scopo del gioco chiamato “vita”
La vita secondo una nuova sceneggiatura – 1′ Parte

La vita secondo una nuova sceneggiatura – 1′ Parte

La natura ci dà la possibilità di uscire da noi stessi e di immedesimarci nella trama di un libro o di un film. Le serie TV senza fine e le maratone dei film sono la dipendenza principale dei nostri tempi, e coinvolgono sia le generazioni più anziane che quelle più giovani.

Il sogno di noi tutti è quello di tornare a casa, sederci in poltrona, abbassare le luci, accendere la TV e perderci in una nuova serie televisiva.

Netflix, che consente di guardare film su qualsiasi dispositivo dotato di schermo (TV, telefono e computer), ha 140 milioni di abbonati. Le persone trascorrono ore ed ore sedute davanti a uno schermo a guardare una serie dopo l’altra.

Questo le proietta in una realtà diversa, perché esse desiderano prendere le distanze dalla vita di tutti i giorni per iniziare a vivere in un film. Vogliono cambiare il film in cui la vita le costringe a diventare “il protagonista”, con un altro nel quale possono solo essere figuranti, seduti tranquillamente su comode sedie. Come sarebbe bello vivere la vita come in un film.

Un giorno, a qualcuno verrà l’idea di sbarazzarsi completamente degli schermi attaccando un filo direttamente alle nostre teste, trasmettendoci poi il film delle nostre vite. In quel caso potremmo persino diventare il personaggio principale del film, perché lì potremmo immaginarci in diverse situazioni. Ma noi ora siamo in un film, senza saperlo. E come possiamo sapere che questo è un film o no? In realtà, questo non ha importanza per noi; l’importante è sentirci bene, o almeno non soffrire.

La natura ha sviluppato in noi la capacità di uscire dalla nostra vita e di entrare in empatia con la trama di un film o di un libro, con i suoi personaggi, in modo da sapere che viviamo in un film. Tutta la nostra vita viene interpretata come un film, che possiamo cambiare.

Possiamo elevarci al di sopra della persona fisica che sta guardando il film, sino al livello delle forze che lo proiettano; possiamo intervenire in loro e cambiare il nostro film, cioè la nostra vita. Possiamo diventare il protagonista di qualsiasi film vogliamo, cambiando i nostri stati, inclusi la vita e la morte.

La capacità di entrare in empatia con i film ci è data in modo che possiamo creare un nuovo film per noi stessi dove noi saremo “il regista”. Dopotutto, quanto rimpiangiamo i film in cui abbiamo vissuto in passato, quanto vorremmo cambiarlo ma pensiamo che sia impossibile. Ma è possibile cambiare il passato, mettere in pausa questo film, riavvolgerlo nel momento giusto e ricominciare in modo diverso.

Diverremo di nuovo bambini spensierati che hanno appena iniziato a vivere la propria vita. Ma cosa ci piacerebbe cambiare nella nostra vita? Questa è la domanda. Non ci sarà permesso di cambiare nulla fino a quando non saremo in grado di scrivere una nuova sceneggiatura più corretta di quella precedente. Quindi saremo anche in grado di migliorarla.

Dopo aver vissuto il film con l’esperienza accumulata, vedremo di nuovo il modo in cui possiamo migliorarlo e ricominceremo a un livello più maturo e serio, cercando di realizzare noi stessi in modo da non avere rimpianti alla fine del film, prima di morire. Quindi capiremo che il film non finisce e anche come potremmo farlo continuare per sempre.

La saggezza della Kabbalah consente ad ognuno di noi di sviluppare la capacità di trasmettere la sceneggiatura della propria vita, tenendo tutto sotto controllo. Impareremo ad accettare la nostra vita nella forma corretta, non ci pentiremo di nessun momento e non vorremo tornare e correggerlo.

La vita che vivremo sarà corretta, cordiale, piena di significato e non ne rimpiangeremo un solo momento. Quindi, dopo tutti questi calcoli, scopriremo che non siamo stati noi a fare tutto questo, ma la forza che proietta questo film, e tutti i problemi che abbiamo dovuto affrontare erano destinati a portarci in uno stato perfetto. Non c’era altro modo! Pertanto, siamo d’accordo, il film finisce e inizia la vita reale.

Poi vedremo che tutta la nostra vita precedente era solo un sogno dal quale ci stiamo risvegliando ora a una nuova vita e iniziamo un nuovo giorno. Questa vita è eterna e perfetta. Sono nella relazione corretta con colui che stava trasmettendo questo film e solo insieme stiamo costruendo il nostro ulteriore progresso creando un nuovo film.

Conosciamo e comprendiamo come tutto è organizzato e come si sviluppa diventando noi stessi gli sceneggiatori, i cameraman e i registi, cioè i produttori di un film con migliaia di attori. Noi stessi, invece della forza superiore, organizziamo la nostra vita, perché ogni persona ha la propria vita e il proprio mondo con tutti gli attori.
[254531]

Dalla trasmissione di KabTV “New Life n.1167”, 22/10/2019

Materiale correlato:
125 Gradi di attrazione della Luce
Nel riflesso della Luce Superiore
La Kabbalah è la saggezza della realtà superiore

Come possiamo trasformare in pregi i nostri difetti?

Domanda: Molte persone soffrono a causa dei propri difetti. Come possiamo lavorare con loro?

Risposta: È molto semplice: dovreste amare quelle persone in modo che al di là dei loro difetti esteriori (fisici e psicologici) potreste vedere il loro valore interiore. Allora tutti i loro difetti esteriori enfatizzeranno il loro valore interiore.

Domanda: Come si può vedere positivamente un difetto?

Risposta: Di me stesso vedo tutto in maniera positiva. Noi tutti siamo strutturati in questo modo. Anche se talvolta, nei momenti veramente difficili della vita, maledico e critico me stesso, ho bisogno di pensare: “Chi sto realmente criticando?”

La Natura, o puoi anche chiamarla “Creatore”, che è la stessa cosa, ti ha creato in questo modo. Perché allora ti stai maledicendo? Cosa ne sai? Magari hai bisogno di tutti questi difetti proprio per raggiungere il livello del Creatore elevandoti al di sopra di essi. Dopo tutto, questo è il nostro destino.

Domanda: Come possiamo usare correttamente i nostri difetti per raggiungere il successivo livello del nostro sviluppo?

Risposta: Attraverso l’amore. Amandoli per il fatto che proprio al di sopra di essi, trasformandoli in meriti, noi raggiungiamo il più alto livello dello sviluppo. Sarebbe impossibile evolvere senza questo.

Domanda: Qual è l’ambiente corretto che permetterà ad una persona di vedere che tutte le difficoltà con le quali ha a che fare possono essere usate efficacemente?

Risposta: Dovrebbe studiare la saggezza della Kabbalah. In questo modo riceverà da questa saggezza gli esempi e la forza corretti, quelli con i quali può provare a cambiare se stessa, a domandare, a supplicare, ed infine a cambiare.

Domanda: Quali delle sue qualità o capacità che a lei sembravano cattive, ha usato per il suo sviluppo, per l’ascesa ai livelli superiori?

Risposta: Sono molto geloso. Sono molto invidioso e desidero essere sempre più avido. L’unica cosa per cui ho grande passione è scoprire il senso della vita. Questa grande passione si basa su un grande egoismo: “Perché esisto? Non posso permettermi di non riuscire a scoprirlo, non voglio questo. Devo capire perché esisto ed in che modo posso utilizzare correttamente ogni momento della mia vita”. Questo avviene a causa della mia grande avidità e del mio grande egoismo!

Sebbene questa mia qualità sia pessima, in generale è buona. Grazie a lei evolvo.
Tutt’ora sono molto avido, avido di conoscere, di capire e di raggiungere la saggezza. Se vedo tutto questo in altre persone, perché non posso farlo io? Non per qualche scopo materialistico ma per uno scopo spirituale, scientifico, ecc.

Sono molto invidioso. Vedo altri suonare il violino o il piano, dirigere un’orchestra o cantare, e io non so fare nulla di tutto ciò.

Domanda: Per cui come esprime questa invidia?

Risposta: Voglio tutto!

Domanda: E cosa fa?

Risposta: Nulla. Non posso scoppiare, continuo a lavorare nel mio campo. Ho deciso che questo è il solo e più grande tesoro che ho e devo realizzarlo.

Se io avessi miniere di rame, zinco, stagno, ferro e diamanti quale di queste svilupperei? I diamanti. Non ci si può fare nulla poiché sono i più preziosi.

Qui è la stessa cosa. Ho scelto per me stesso che la cosa più importate nella vita è raggiungere la radice del mio sviluppo, il prossimo livello di esistenza e questo è il mio unico scopo.

Domanda: Significa che avere uno scopo è la cosa più importante nella vita?

Risposta: Sì. La cosa più importante è “Vivere in un lampo”. “Brilla mia stella, brilla!”
[246150]

Dalla trasmissione di KabTV “Le notizie con Michael Laitman”, 27/01/2019

Materiale correlato:

New Life n.31 – L’amore al di sopra dell’egoismo
Il senso della vita sta nell’impararne il significato
Perché l’umanità non ha nessuna conoscenza dello scopo della creazione?

Da che cosa dipende il desiderio di studiare la saggezza della Kabbalah?

Domanda: Da che cosa dipende il desiderio di studiare la saggezza della Kabbalah?

Risposta: L’aspirazione al Creatore dipende dalla Reshimo (il registro informativo spirituale) che viene rivelato in una persona. Queste non sono solo domande sul significato della vita e sulla sua inutilità perché le loro risposte possono essere puramente corporee.

In una persona sorge una domanda pressante sull’essenza dell’esistenza al di sopra del solo riempimento di se stessa. Non mi importa come vivo, in che modo mi soddisfo, cosa ho e quando finirà la mia vita. Per me è importante capire il suo significato interiore! Da dove viene e perché mi è stata data? Cos’è questo fenomeno della vita? Cosa rappresenta?

Quando questa domanda sorge in una persona, allora essa ha davvero bisogno di scoprire lo scopo della creazione. Cioè, il Creatore stesso non è chiaro. Tuttavia, se il progetto, il pensiero con cui tutto è stato creato: “Con quale scopo? Perché? Per cosa? Come? Da chi?”, attira una persona, essa arriva allo studio della Kabbalah e vi rimane.

Ma, se è stata accidentalmente attratta dalla saggezza della Kabbalah tramite altre domande che sono meno focalizzate sul significato interiore della vita, se ne andrà. Pertanto, è scritto che mille entrano in una stanza buia e solo una rimane e va alla luce.

[246066]

Dalla lezione di Kabbalah in lingua russa, 4/04/2019

Materiale correlato:
La magica influenza dell’ambiente
Come si consegue l’Anima
Giudica te stesso

La paura della reincarnazione

Domanda: Non ho paura di morire, ma ho paura di rinascere. Qual è l’intenzione del Creatore nel farci rinascere?

Risposta: Tu hai paura di rinascere un’ altra volta perché sai già a cosa andrai di nuovo incontro: nascita, asilo nido, scuola dell’infanzia, scuola di primo e secondo grado…malattie, vaccinazioni, problemi, insulti, ecc.

Si dice che gli uomini saggi si siano seduti e abbiano pensato: “Chi è più felice: una persona che è nata, oppure una che non è mai nata?”, e hanno deciso che quella che non è nata è più felice. Ma se tu, ora che sei nato, completi la tua missione, allora non dovrai rinascere ancora.
[239030]

Dalla lezione di Kabbalah in lingua russa, 02/09/2018

Materiale correlato:

L’intenzione del Creatore
Per non tornare più in questo mondo
Molte reincarnazioni in un solo corpo

Oltrepassare la linea tra la vita e la morte

Domanda: Il suicidio è uno dei principali problemi che sta attanagliando l’umanità. Ogni 40 secondi, qualcuno nel mondo si suicida (per un totale di 800.000 persone all’anno). Negli Stati Uniti, il tasso di suicidi è aumentato del 30% dal 1999. Fra le celebrità che si sono recentemente suicidate ci sono Anthony Bourdain, famoso chef e conduttore televisivo della CNN, e la sorella minore della Regina dell’Olanda. Puoi spiegarci che cosa induce queste persone a porre fine alle loro vite?

Risposta: Posso spiegarlo come un grande senso di vuoto. È un vuoto che ti schiaccia, che ti fa piangere per ore e non ti lascia più dormire. Persino le droghe sono inutili per alleviare il problema, perché le persone che arrivano a compiere l’estremo gesto si sentono come se non avessero altre opzioni. Abbiamo bisogno di guardare alla vita correttamente e iniziare ad educare noi stessi.

Domanda: Su cosa dovrebbero interrogarsi le persone?

Risposta: Sul significato della vita. Si può capire il senso della vita solo quando si attraversa il confine tra la vita e la morte. Solo quando la tua vita non ha più alcun valore, puoi valutare correttamente per cosa puoi vivere e superare il tuo egoismo e la tua vita egoistica.

Domanda: È quando non mi aggrappo più ad essa? Quando non mi aggrappo ad ogni desiderio?

Risposta: Non solo non ti aggrappi più alla vita e ai desideri, ma vivi per il fatto che ogni minuto rinunci al tuo egoismo e ti elevi al di sopra di esso. Ogni minuto ti trovi al di sopra della morte, come se la stessi vivendo. Questo rappresenta il distacco dal nostro mondo e l’ingresso nel mondo superiore.

Nota: Questo è molto difficile.

Risposta: No, non è difficile, è una felice opportunità per tutti noi.

Domanda: Quindi non dovrei valutare la mia vita come egoistica?

Risposta: Una persona che vuole comprendere la vera esistenza deve disprezzare questa vita e apprezzarla solo perché è una base su cui costruire una vita superiore. E la vita è più alta della morte, e quando muori nella tua forma animale, ogni minuto cresci spiritualmente.

Crescere nella forma spirituale rappresenta la vita non per se stessi, ma per qualcosa al di fuori di se stessi, ovvero per il bene del Creatore, per il bene del sistema, per il bene dell’umanità; non importa per che cosa lo facciamo, la cosa fondamentale è uscire dal nostro “io”.

[230621]

Dalla trasmissione di KabTV “Le notizie con Michael Laitman”, 12/06/2018

Materiale correlato:
Depressione: La malattia del secolo
Medium: “Il quadro ideale per un’esistenza felice”
Forze superiori oppure come possiamo cambiare il nostro destino

Lo studio della Kabbalah non ha limiti

Domanda: A chi è rivolto lo studio della saggezza della Kabbalah?

Risposta: A tutti senza eccezioni, perché tutti coloro che sono nati su questa terra possono raggiungere il proprio stato eterno e rimanerci sfruttando l’opportunità data loro in questa vita materiale.

Domanda: Quale necessità possono avere le persone di studiare questa saggezza elevata?

Risposta: Quella di capire il significato della propria vita e di arrivarci, elevandosi al livello successivo dell’esistenza in questo mondo, ancor prima della morte.

[230085]

Dalla lezione di Kabbalah in lingua russa del 18/03/2018

Materiale correlato:
Tutti possono studiare kabbalah
Le Fasi della Realizzazione della Kabbalah
Il workshop in cerchio e la Kabbalah pratica – 1’ Parte

Consigli sulla Kabbalah

Domanda: Se la donna ha un modo tutto suo di vedere il mondo, anche il significato della vita per lei è leggermente diverso?

Risposta: La donna desidera avere una famiglia, riuscire ad organizzare alla perfezione la sua vita e quella dei propri figli; è così che si sente realizzata.

Domanda: Nella saggezza della Kabbalah c’è una differenza tra significato della vita e scopo della vita?

Risposta: Il significato della vita è raggiungere l’adesione con il Creatore, mentre lo scopo della vita è portare a questo tutta l’umanità.

Domanda: Perché ci sono contraddizioni che non sono ancora state risolte nel nostro mondo materiale? Questi sono ostacoli che il Creatore ha posto ad ogni livello nel mondo?

Risposta: Certamente. È impossibile risolvere i problemi al loro stesso livello, nel nostro mondo. Per risolvere i problemi, è necessario salire al livello successivo, perché è da lì che provengono. Pertanto, nel nostro mondo possiamo solo rivelare i nostri problemi, ma non risolverli.

Domanda: Perché il Creatore ha dato alla gente la possibilità di sentirsi e aiutarsi reciprocamente se non c’è un significato superiore in questo?

Risposta: Si che c’è un significato superiore in questo! Attraverso questi problemi: la mancanza di comprensione, i conflitti, e sempre maggiore dipendenza reciproca nel nostro mondo globale, noi stiamo gradualmente raggiungendo la necessità di connetterci insieme in una sola unità. Quindi, all’interno di questo singolo insieme scopriremo l’unica forza superiore che ci ha creati come sistema unico, come una singola persona.

Domanda: C’era più sofferenza qualche migliaio di anni fa, oppure le persone erano meno sensibili?

Risposta: Può anche essere che le masse fossero più soggette alla sofferenza, ma la sentivano di meno.

Domanda: Gli uomini primitivi erano più felici?

Risposta: Sì, ogni cosa che avevano proveniva dalla natura ed era considerata un bene per loro.

Domanda: Il processo per cogliere il significato della vita dipende dal conoscere le leggi secondo le quali il mondo è stato creato dal Creatore?

Risposta: Certamente. In linea di principio impariamo tutte queste leggi attraverso l’unione tra noi. Quindi, non ci serve desiderare una conoscenza unica. Tutto ciò che ci serve è vedere ed imparare attraverso l’esperienza.

Domanda: La vita di ognuno è sempre accompagnata dalla sofferenza. Questo significa che il senso della vita può essere riassunto come adesione al Creatore, è questa la liberazione dalla sofferenza?

Risposta: La liberazione dalla sofferenza è inclusa nel senso della vita, anche se questo non è il suo significato. Questo perché il conseguimento del Creatore è accompagnato da enorme felicità e gioia, è una sensazione di eternità e completezza. Ma queste sono tutte sensazioni secondarie.

[227904]

Dalla lezione di Kabbalah in lingua russa del 28/01/2018

Materiale correlato:
Consigli sulla Kabbalah
Consigli sulla Kabbalah
Consigli sulla Kabbalah

Dove va l‘anima dopo la morte?

Domanda da Facebook: Quando una persona muore, dove va la sua anima?

Risposta: L’ anima non va da nessuna parte, dato che, in primo luogo, non esiste al livello materiale.

L’anima è considerata l’uguaglianza con il Creatore. O, per meglio dire, i desideri che esprimiamo in maniera simile al Creatore, sono chiamati “un’anima”. E’ la proprietà della dazione e dell’amore verso tutto ciò che non ci appartiene.

In altre parole, quando evadiamo dai confini dell’ego verso l’amore e la dazione, curandoci di coloro con i quali non abbiamo alcun legame egoistico, allora tutte le nostre proprietà concentrate in quell’esatto momento (poiché si modificano continuamente) possono essere definite un’anima.

Osservazione: Le persone che ritengono di avere un’anima ed un approccio come questo nei confronti degli altri, saranno molto dispiaciute nel sentire questi concetti.

Risposta: Le persone comuni non hanno un’anima. Una persona è semplicemente un animale. I suoi elementi vitali periscono naturalmente insieme alle sue cellule animali.

Ma l’anima si può “raggiungere” durante la vita terrena. Ci è stata donata la vita ed i suoi diversi stadi, cioè le vite future, per permetterci di ottenere la nostra anima.

Domanda: E’ questo lo scopo della nostra vita?

Risposta: Lo scopo della nostra vita è quello di trasformare i nostri desideri egoistici in altruistici, e questo è quello che verrà poi chiamato “anima”.

[228903]

Dalla trasmissione di KabTV “Le notizie con Michael Laitman”, 17/04/2018

Materiale correlato:
Cosa succede all’anima dopo la morte?
Cosa succede quando il corpo muore?
La vita eterna è possibile!

Trova il senso della tua vita

Domanda: Il senso della nostra vita è imparare a vivere in eterno, nel corpo fisico creato dal Creatore?

Risposta: No. Il corpo eterno nella saggezza della Kabbalah significa un desiderio che lavora per la dazione. Pertanto, il significato della vita non è nella struttura del nostro mondo, ma nel raggiungimento di questo corpo eterno, cioè il desiderio di donare, quando una persona diventa come il Creatore, crea un contatto con Lui, e quindi c’è reciproca adesione.

[227724]

Dalla lezione di Kabbalah in lingua russa del 28/01/2017

Materiale correlato:
Il percorso verso la dazione
La vera dazione è quando noi usciamo da noi stessi (avanzati)
L’amore trasforma la ricezione in dazione