Pubblicato nella 'Scienza' Categoria

La Kabbalah è un sistema di leggi della Natura

Dr. Michael LaitmanDomanda: Secondo la mia comprensione tutti devono raggiungere la saggezza della Kabbalah. Ma se, per esempio, uno segue un’altra corrente nella sua ricerca per la via spirituale, allora Dio lo punisce per questo? E quando una persona entra nella via spirituale, perché gli capitano cose persino peggiori a quelli che gli capitavano prima?

Risposta: Diverse cose succedono alle persone continuamente per spingerle verso il giusto fine. Se uno si comporta correttamente, allora procede secondo le leggi della natura; e le cose gli vanno bene. Altrimenti questo sistema di forze lo influenza negativamente.

La saggezza della Kabbalah ci parla riguardo a come è costruita la Natura e non di un Dio che dovrebbe star seduto a pensare a come punire qualcuno. Esistono solo le leggi della Natura (chiamale Dio, il Creatore, non fa differenza)! Non c’è alcuna ricompensa e non c’è punizione.

La Kabbalah non è una religione; ci parla solo riguardo alla forza che ci sviluppa che dovremmo cercare di sapere e di comprendere. Se la otteniamo, allora ci sviluppiamo rapidamente ed in modo facile e raggiungiamo il goal corretto che era il fine stesso di questa forza.

Ma questo non significa che se apro un libro di Kabbalah oggi allora le cose diventeranno immediatamente migliori per me. Di cosa stai parlando? Sai forse come comportarti correttamente, come usare le leggi della natura in modo corretto?

E’ come nella fisica, come in qualsiasi scienza! Se so come usare le leggi correttamente, allora ne trarrò beneficio. Ma se apro un libro ma non so come usare le leggi che vi sono registrare, allora non posso sostenere che non farò più sbagli. Non c’è nulla di miracoloso quì. C’è un sistema di leggi che stiamo imparando per diventare capaci di usarlo correttamente.

E quindi non si può correlare la saggezza della Kabbalah a qualche religione o alla magia o stregoneria, dove apparentemente ho iniziato ad imparare e nonostante tutto le cose vanno male per me. L’idea è che non sai ancora come usare questa conoscenza. E quando impari, allora secondo il grado con cui hai imparato, le cose ti andranno bene. E’ così come in ogni impresa. Questo è un sapere chiaramente pratico.
[139583]

Dal Campo Estivo Internazionale in Bulgaria “Giorno Due 12.07.2014, Lezione 4

Materiale correlato:

Diventare la versione aggiornata del Creatore
Un amaro cammino incompleto

Ritorno al futuro

Dr. Michael LaitmanDomanda: Gli scienziati ritengono che la nostra realtà è emersa come conseguenza del Big Bang e che continuiamo a sentire i suoi effetti. Come funziona questa percezione del mondo a rete con un nuovo organo di senso?

Risposta: Certo, ci permetterà di vedere tutti i fenomeni che si sono verificati prima di noi e da cui la realtà spirituale è stata creata, e ci rivelerà tutti i suoi strati. Ma la cosa principale per noi è quella di raggiungere le sue radici, perché in questo modo potremo contemporaneamente sforzarci verso il futuro e ritornare al passato. Scopriremo che è la stessa cosa. E’ possibile esplorare la realtà superiore dai nostri sensi come noi ora studiamo la realtà di questo mondo.

Noi acquisiamo un approccio sistemico, perché impariamo come possiamo, con i nostri organi di senso, entrare nei sentimenti degli altri e costruirci l’uno rispetto all’altro. Ci sono stati dati tutti gli strumenti necessari, un programma per imparare e muoverci in una nuova percezione della realtà, percepirla nella sua vera forma.

Ma allo stesso tempo, tutta la realtà è impressa in noi, non da qualche parte fuori. Tutta la nostra percezione che ancora si applica all’uomo osservando la realtà.

Domanda: Quali motivazioni abbiamo per uscire dalle sensazioni di oggi?

Risposta: La ragione è molto semplice. Viviamo all’interno delle nostre sensazioni. Se i nostri organi di senso smettessero di lavorare per qualche motivo, questo è chiamato morte. Cioè, morendo smettiamo di percepire la realtà.

Se invece di avvicinarci alla morte, sviluppiamo altri organi di senso, diventiamo immortali, perché sono al di fuori di noi. Così, ci trasformeremo in una persona che vive in eterno, senza costrizioni, in uno spazio infinito chiamato paradiso. Questa percezione è al di sopra dei nostri desideri egoistici.
[139204]

Da Kab.TV  “L’incontro dei Mondi” 20.06.2014

Materiale correlato:

C’è un modo per aggirare la morte
La percezione della realtà: Dai tempi antichi ai giorni nostri

Il vero scopo del cervello umano

Dr. Michael LaitmanNelle notizie (da Slon): “Il nostro cervello non riceve, non elabora e non capisce le informazioni. Il cervello non è una struttura rigida e omogenea, che gestisce ciascuna delle informazioni. Il nostro cervello non è un computer con blocchi separati.

“Il cervello è costituito da singole cellule – neuroni. I collegamenti delle informazioni in esso sono chimiche – in forma di entrata e di uscita degli ioni.

“Non potremmo capire senza il cervello, ma il cervello non potrebbe capire senza di noi.

“La nostra capacità di interagire con il mondo è il risultato delle attività di generazioni di creature viventi che cercano di stabilire un contatto con esso. Siamo un insieme di cellule viventi che hanno imparato questa interazione; siamo organizzati in gruppi e sistemi, che coordinano la nostra attività. L’argomento più importante della psicofisiologia è quello di esplorare il lavoro del cervello e dei suoi contenuti contemporaneamente.

“Il cervello è una struttura elettromeccanica; che non può capire nulla – la comprensione è dentro di noi.

“Non possiamo mettere una foto del mondo fisico nel nostro cervello – l’immagine “crollerebbe a pezzi” a livello della retina. Quindi, quest’immagine viene ricostruita di nuovo, e noi siamo gli artisti di ciò che vediamo.

“Il nostro cervello ha qualcosa di più della struttura del cervello stesso. Noi finiamo la costruzione dell’ambiente, in conformità con l’esperienza interiore. La nostra testa contiene più di semplici neuroni – che riproducono un modello del mondo esterno, che è dettagliato e dinamico.

“Cioè, il cervello può controllare qualcosa nell’ambiente esterno attraverso la sua attività e può entrare in contatto con il mondo esterno.”

Il mio commento: Non esiste alcun corpo. C’è solo desiderio e mente, e con l’essere umano il risultato della loro combinazione corretta. Quello che vediamo come mondo è etereo, irreale, e non esistente. L’immagine che vediamo nel cervello ci appare come l’unica cosa che esiste veramente.

L’immagine del mondo è dipinta dentro di noi, secondo la nostra somiglianza con la sola forza superiore. Vediamo la differenza tra le nostre proprietà e le proprietà della forza superiore. Questo è il linguaggio interno del cervello, che dopo lo disegna per noi in immagini.
[138637]

Materiale correlato:

Da un nuovo studio risulta che gli occhi vedono molto di più di quanto il nostro cervello riferisca alla nostra coscienza
Il mondo che vediamo è una foto che abbiamo dentro al nostro cervello

La crisi mondiale degli antibiotici

Dr. Michael LaitmanNotizia (tratta da “The Raw Story”): “L’umanità rischia realmente un futuro senza antibiotici, un mondo in cui crollerebbe l’aspettativa di vita, dove la gente morirebbe di malattie oggi facilmente curabili, dicono gli scienziati.

Gli esperti, che studiano l’aumento di resistenza ai farmaci, sostengono che anni di conquiste in campo medico potrebbero essere annullati da microbi mutanti, che rendono più difficile e costoso curare le malattie e provocano un maggior rischio di morte.

Alla base del problema vi è il fatto che vi sono medici che prescrivono antibiotici erroneamente o senza necessità e la facilità con cui le medicine possono essere ottenute senza prescrizione in molte parti del mondo, incluse Asia e Africa.

Fino al 70% degli antibiotici viene dato per trattare infezioni virali, contro le quali sono del tutto inefficaci, dicono gli esperti.

Senza gli antibiotici che affrontino i batteri opportunistici, particolarmente rischiosi per persone molto malate, gli interventi chirurgici più importanti, il trapianto di organi o la cura di cancro e leucemia, potrebbero diventare impossibili, essi spiegano.

‘In alcune parti del mondo non ci sono già più antibiotici’ ha detto Timothy Walsh, professore di microbiologia medica dell’Università di Cardiff.

La resistenza alle medicine è il risultato di cambiamenti nel codice genetico del batterio, che alterano quel bersaglio sulla sua superficie al quale gli antibiotici solitamente si legano, rendendo così il germe impenetrabile o facendo sì che esso distrugga o ‘sputi fuori’ l’antibiotico.

Gli antibiotici sbagliati, presi per troppo poco tempo, a dosaggi troppo bassi o sospesi troppo presto, non riusciranno ad uccidere i microbi alterati.

L’Organizzazione Mondiale della Sanità (WHO) sostiene che la resistenza alle medicine ‘minaccia un ritorno ai tempi in cui non vi erano antibiotici’.

‘Molte malattie infettive rischiano di diventare incurabili o incontrollabili’ afferma in una scheda informativa sulla resistenza antimicrobica.

Si stima che gli antibiotici abbiano salvato centinaia di milioni di vite sin da quando Alexander Fleming scoprì la penicillina nel 1928.

Ma persino gli stessi avvertimenti di Fleming, circa l’incombente resistenza ai medicinali, vennero ignorati ed ora gli scienziati dicono che la gente potrebbe iniziare a morire di infezioni tipo la meningite e la setticemia, che oggi sono assolutamente curabili.

‘Se continuiamo così la grande maggioranza di batteri patogeni umani saranno resistenti agli antibiotici’ ha detto Courvalin.”

Il mio commento: C’è un’unica soluzione per evitare la nostra rovina: sforzarci di somigliare alla natura così da essere simile ad essa tramite l’interconnessione e l’integrazione. In fin dei conti è la nostra differenza dalla sua crescente integralità a causare la nostra crisi a più livelli. Se cerchiamo altre soluzioni, invece di diventare simili alla natura, daremo vita a problemi ancora maggiori.
[137664]

Materiale correlato:

Gli antibiotici non funzionano più
La crescita delle malatie, non sensibile agli antibiotici
Perché i batteri stanno imparando a resistere agli antibiotici?

La lingua è un istinto biologico

Dr. Michael LaitmanNelle notizie (dal Daily Mail): “Molti animali possono comunicare efficacemente tra di loro, ma gli esseri umani sono gli unici nella loro capacità di acquisire il linguaggio.

“Gli scienziati si sono a lungo interrogati su come siamo in grado di farlo e ora un nuovo studio suggerisce che i modelli sonori di linguaggi umani sono il prodotto di un istinto biologico innato – tanto come il canto degli uccelli.

“La ricerca degli Stati Uniti dice che i bambini sono nati con la conoscenza basilare del linguaggio, che mette in luce se la natura o l’educazione è responsabile per il discorso negli esseri umani.

“‘I risultati suggeriscono che i modelli sonori di linguaggi umani sono il prodotto di un istinto biologico innato, molto simile al canto degli uccelli’, ha detto la professoressa Iris Berent della Northeastern University di Boston, che è co-autore dello studio con un gruppo di ricerca della Scuola Internazionale Superiore di Studi Avanzati in Italia.

“Per capire da dove questa conoscenza viene e se si tratta di un principio linguistico universale o la somma di alcune esperienze, il team ha esaminato attentamente come i neonati percepiscono diversi tipi di parole.

“Gli scienziati hanno visto che i neonati hanno reagito in modo differente a due tipi di parole in un modo simile agli adulti.

“I neonati che non hanno ancora imparato tutte le parole e non balbettano nemmeno, eppure condividono un senso di come le parole dovrebbero suonare con gli adulti.

“I ricercatori ritengono che questo risultato dimostra che siamo nati con le conoscenze fondamentali di base sul modello del suono e delle lingue umane.”

Il mio commento: Al centro della nostra natura di “essere umano parlante” c’è una sola lingua; il linguaggio dell’ anima collettiva da cui provengono tutte le lingue, comprese le lingue egoistiche che sono simili ai linguaggi informatici, i quali si basano su un principio fondamentale.

C’è un’indicazione nella Bibbia nel racconto di come l’umanità è stata dispersa dall’ antica Babilonia in poi. Mentre ci avviciniamo alla correzione della nostra natura egoistica e l’integrazione di ognuno in ogni altro, sentiremo il bisogno di tornare a questa base naturale unificata di comunicazione.
[137163]

Materiale correlato:

Il Linguaggio della Santità
Tra cuore e mente

Miti e realtà della Bibbia

Dr. Michael LaitmanNelle Notizie (da Comunisti del Capitale): “I grandi eventi descritti nelle Sacre Scritture non hanno mai avuto luogo. Questa conclusione è stata fatta da archeologi israeliani dopo molti anni di scavo archeologico. Così, le mura di Gerico, distrutte dai sacerdoti israeliani con le trombe, non esistevano; gli insediamenti Cananei non erano grandi e non avevano le pareti recintate che salivano fino al cielo.

“Sulla base dei risultati ottenuti, gli archeologi di studi biblici e della storia del popolo ebraico credono che gli eventi descritti nella Bibbia sono miti. Gli scavi hanno rivelato che gli israeliani non erano in Egitto, non passarono attraverso il deserto, non conquistarono la terra, in modo da passarla alle 12 tribù.

“Nessuna delle leggende bibliche è stata confermata da reperti archeologici. L’Esodo potrebbe riferirsi a diverse famiglie, e quindi la loro storia è stata estesa a tutta la nazione. Inoltre, il grande regno di Davide e Salomone, l’apogeo della forza politica, militare ed economica di Israele, che si estendeva dall’ Eufrate a Gaza non corrisponde alla realtà “.

Il mio commento: Nessuno ha mai affermato che tutte le descrizioni della Torà corrispondono alle realtà di questo mondo. La Torà parla del mondo superiore e non descrive il nostro mondo per niente! E’ tempo di rendersi conto che il nostro mondo è multiforme e che ha molti livelli, universi e dimensioni. Uno che vuole sapere e come passare da un livello all’altro viene a studiare la Kabbalah. Vedi il programma “L’ Incontro dei mondi” del 16.05.14.
[137006]

Materiale correlato:

Evoluzione della coscienza
Tutta l’Evoluzione è mirata a farci ottenere un livello superiore di conoscenza

La tecnologia del processo decisionale

Dr. Michael LaitmanOpinione (Vasily Klucharev, PhD, Preside della Facoltà di Psicologia della Scuola Superiore di Economia di Mosca): “Prendiamo decisioni solo per attivare (soddisfare) i neuroni delle aree cerebrali connesse con l’ottenimento del piacere.

“I biologi hanno scoperto che il piacere e il desiderio di ottenerlo sono collegati con le strutture del cervello, ricche di dopamina, i centri del piacere nel cervello.

“Gli scienziati hanno impiantato elettrodi in queste aree del cervello dei ratti e hanno scoperto che, premendo un pedale, l’animale era impegnato in auto-stimolazione per ore. Il ratto ha rifiutato cibo e stimolava il suo cervello ininterrottamente – e morì per la stanchezza. Un comportamento simile è stato osservato anche negli umani.

“Nella vita ordinaria, attiviamo le strutture cerebrali ricche di dopamina, visitando ristoranti, guadagnando soldi, innamorandoci.

“I nostri sensi inviano informazioni ai neuroni del cervello che si attivano in proporzione al piacere previsto e prendono la decisione di comprare o non comprare questo o quel altro prodotto – questo è il modo in cui comandano alle aree motorie del cervello come fare per scattare i nostri muscoli.

“La gente intorno a noi influenza il nostro parere, provocando un cambiamento nell’attività del centro del piacere. Se il nostro parere corrisponde al parere degli altri, si attiva il centro, e se non corrisponde, questo inibisce la sua attività. Sembra che ci piace avere un parere condiviso, e non ci piace essere diversi.

“Si scopre quindi che il gruppo con cui ci identifichiamo regola il funzionamento dei nostri centri del piacere, cambiando il nostro giudizio, sostenendo la somiglianza delle nostre opinioni con la norma sociale e sopprimendo il dissenso.

“Pensiamo che capiamo il motivo per cui prendiamo decisioni, ma in realtà, non siamo a conoscenza delle vere cause del nostro comportamento. Non possiamo immaginare i motivi della nostra condotta, rimanendo sotto l’illusione che controlliamo il nostro comportamento. Pertanto, è difficile per noi accettare l’idea che le nostre azioni sono solo un mezzo di attivazione dei gruppi neuronali del cervello. “

Il mio commento: Alle spalle del centro fisiologico del piacere, c’è la radice spirituale, che determina tutte le nostre azioni. Nel complesso, siamo arrivati alla Kabbalah attraverso la scienza.
[136331]

Materiale correlato:

La Forza di un Gruppo: L’altruismo sostenibile
Midwest Book Review sul libro, “L’interesse personale Vs l’altruismo nell’Era globale”

Quando i batteri innocui diventano mostri mangiatori di carne

Dr. Michael LaitmanNelle notizie (da The Conversation): “Le malattie batteriche causano milioni di morti ogni anno. La maggior parte di questi batteri erano benigne ad un certo punto del loro passato evolutivo, e noi non sempre capiamo cosa li ha trasformati in agenti patogeni che causano malattie. In un nuovo studio, i ricercatori hanno rintracciato il momento in cui è avvenuta questa trasformazione nei batteri mangia-carne.

“La data che deduciamo coincide con numerose menzioni di epidemie streptococco, afferma Musser. Dal 1983, ci sono stati diversi focolai di infezioni da streptococco in tutto il mondo. Ad esempio, nel Regno Unito, le infezioni da streptococco sono aumentate in numero e gravità tra il 1983 e il 1985.

“E’ la stessa storia per molti altri paesi, con la Svezia, la Norvegia, il Canada e l’Australia vittime di quello che ora è un’epidemia inter-continentale. I sintomi variavano da faringite a malattie mangia-carne, fascite necrotizzante .”

Il mio commento: Ogni parte del nostro corpo e dell’ambiente può trasformarsi in un mostro portatore di morte, come è scritto, i nemici dell’uomo popolano la sua casa. Ma la conversione in nemici dipende dal rapporto tra le persone come dei nemici.

Dopo tutto, siamo al massimo stadio di sviluppo dell’egoismo, e di conseguenza il nostro comportamento dovrebbe essere razionale e consapevole, questo richiede che i livelli inferiori della natura (inanimato, vegetale, animato) stabiliscano lo stesso rapporto tra loro rispetto a noi.

Se correggiamo i nostri rapporti per diventare amichevoli, noi diventeremo convinti della verità della Bibbia, in cui si afferma che in futuro il lupo vivrà con l’agnello, e un bambino giocherà con loro.
[132960]

Materiale correlato:

Perché i batteri stanno imparando a resistere agli antibiotici?
In crisi l’industria farmaceutica

“I neuroscienziati confermano che i nostri cari diventano come noi stessi”

Nelle notizie (dDr. Michael Laitmana Psychology Today): “Un nuovo studio ha confermato che la capacità del genere umano di amore e di amicizia ci distingue da tutte le altre specie. I ricercatori della University of Virginia hanno scoperto che gli esseri umani sono programmati per entrare in empatia con le persone vicine a loro a livello neurale.

“È interessante notare che la capacità di mettersi nei panni di un’altra persona dipende drasticamente se la persona è un estraneo o qualcuno che conosci.[...] Gli esseri umani si sono evoluti per avere la loro auto-identità che diventa una tappezzeria neurale con i loro cari.”

Il mio commento: Siamo in realtà collegati da legami molto più stretti, tanto che i nostri pensieri, sentimenti, azioni, di tutti e in ogni cosa, sono come un solo corpo, e solo il nostro egoismo ci mostra falsamente divisi in parti.
[134945]

Materiale correlato:

Il Multiverso
Sovrapporre il Cerchio dell’Infinito sul quadrato del Mondo Fisico

L’umanità sta lasciando il grembo

Dr. Michael LaitmanNotizie (tratte da RH Reality Check): “Concentrandosi sulla ricerca di modi per salvare i neonati prematuri, il professore giapponese Dr. Yoshinori Kuwabara della Juntendo University, sta gestendo con successo degli embrioni di capra in una macchina che contiene liquido amniotico in serbatoi. Dall’altra estremità abbiamo la Dott.ssa Helen Hung – Ching Liu, direttrice del Laboratorio di endocrinologia riproduttiva presso il Centro di Medicina della Riproduzione e Sterilità della Cornell University che si occupa di come aiutare le donne incapaci di concepire e della gestazione dei bambini. Nel 2013, lei e il suo team, sono tranquillamente riusciti, a far crescere un embrione di topo, quasi a termine, con l’aggiunta di tessuto endometriale progettato per una “impalcatura” extra uterina. Più recentemente, è stato sviluppato un embrione umano, per dieci giorni in un utero artificiale. Il suo lavoro viene limitato dalla normativa, che impone un limite di 14 giorni sul progetto di ricerca di questa natura. Anche se complicato, il suo obiettivo è un utero esterno funzionante”.

Il mio commento: Fino a quando non raggiungeremo l’intenzione di fare tutto per il bene dell’umanità, al di sopra del nostro egoismo, tutto ciò che faremo porterà ad una crisi più profonda e ad una sofferenza maggiore.
[133338]

Materiale correlato:

Un embrione si sviluppa da se stesso
Una dieta salutare per l’embrione