Pubblicato nella 'Percezione' Categoria

Sull’oceano della saggezza

Dr. Michael LaitmanArchiviazione nel cloud?

Domanda: Si parla sempre di più sul come comunicare con potenze superiori, con il campo dell’informazione dell’universo.

Uno degli approcci moderni che promettono tale canale di comunicazione si chiama “canalizzazione”. Basato, per definizione, sul concetto di una realtà superiore con la quale stabiliamo un contatto.

Per analogia, possiamo riferirci all’esempio di archiviazione di dati nel cloud con accesso remoto al suo contenuto.

Questo apre un campo ricco per l’immaginazione, una vera “terra vergine”, la quale è coltivata di fronte a noi.

Dozzine di libri sono stati scritti su questo soggetto ed hanno attirato notevole interesse. C’è un fondo di verità in questo? Ci sono “nuvole” di ordine superiore? Posso inserire la password ed entrare in un sistema di sapienza globale?

Risposta: Il posto dove esistiamo, certo, contiene una vasta quantità di conoscenza. Mentre ci stiamo sviluppando, ci connettiamo a questo “archivio,” che è alimentato da essa e ci fa andare avanti nella vita.

Allo stesso tempo, scopriamo qualcosa di nuovo per noi stessi, quello che non sapevamo prima. Però, dal punto di vista oggettivo, questi fenomeni non sono nuovi. Essi sono esistiti in natura dalla formazione dell’universo o nella fase successiva del suo sviluppo. Non inventiamo novità, ma percepiamo ciò che esiste.

È per questo che lo stesso Newton si paragona a un bambino che sta giocando sulle rive del mare, “…mi sembra di essere stato solo come un ragazzo che giocando in riva al mare, mi sto divertendo ora e dopo a trovare un ciottolo più liscio o una conchiglia più bella del solito, mentre il mare grande della verità giace tutto da scoprire davanti a me.” Tale è la misura della nostra conoscenza dell’universo. Tutta la nostra scienza sono piccoli tentativi di comunicare con l’oceano di saggezza.

Visione del tunnel della nostra natura

Infatti, non conosciamo quasi nulla di noi stessi; non sappiamo il meccanismo della nostra percezione della realtà. Capiamo solo che l’immagine che appare davanti ai nostri occhi è veramente limitata dai nostri sensi.

Questa gamma è così ristretta che anche noi non possiamo immaginare qualitativamente diverse sensazioni. Vorremmo ampliare gli orizzonti, ma, per la nostra natura, non abbiamo bisogno solo di “integratori”, come un cane non ha bisogno della quinta gamba.

La vista, l’udito, il gusto, l’olfatto e il tatto mi limitano, per la loro autosufficienza apparente. Il risultato, è che vedo un piccolo frammento del magnifico dipinto intriso di frequenze infinite e informazioni infinite. Numerose “tende” distorcono anche questo pezzo prima che sia visualizzato nella mia sensazione.

Infatti, non si tratta di realtà esterna. Quando vedo un albero davanti ai miei occhi, i miei occhi non lo percepiranno neanche, ma le onde, i dati nei quali passa dentro di me attraverso i “convertitori,” elettrici e chimici, fino che ne delineano la forma che è chiamata “albero”. Non ho idea di ciò che c’è fuori di me, al di fuori di me, e se non c’è affatto qualcosa o se quell’ “albero” è una parte di me.

Il tema della comunicazione con certe forze o fenomeni è piena di domande senza risposta. Il problema è che non vi è nulla per indagare, nulla da discutere, perché non siamo capaci di essere fuori dai nostri organi di senso.

Tuttavia, la “canalizzazione” è quello che viene chiamato una “zona selvaggia,” dove tutti possono dichiarare quello che vogliono e nessuna correttezza ne è dimostrabile “per definizione”.

Ci sono state molte persone alla ricerca di canali di comunicazione con le forze superiori. Rispetto ai precedenti periodi di prosperità, oggi questa sfera sembra modesta, ma comunque porta entrate.

[153489]

Da Kab.TV “Una Nuova Vita” 29.01.2015

Materiale correlato:

La Kabbalah è la saggezza della realtà superiore
La percezione della realtà all’interno di una luce semplice

La Luna esiste solo quando la si guarda!

Dr. Michael LaitmanNelle notizie (da Lenta.ru): “La funzione d’onda è una realtà oggettiva.

“La funzione d’onda descrive lo stato delle micro particelle. Connesso con essa sono la maggior parte delle manifestazioni della teoria quantistca, distinguendola dalla fisica classica.

“Il modulo al quadrato della psi-funzione determina la probabilità di una particella di prendere questo o quello stato. Esso può essere rappresentato come una somma di stati, e il processo di misurazione si riduce ad estrarre uno dei possibili stati.

“Gli scienziati sostengono uno dei due pareri riguardo alla funzione d’onda:

1. La psi-funzione è reale, ad esempio, è parte di una realtà oggettiva. L’oggettività significa che questa proprietà della funzione d’onda non ha nulla a che fare con l’essere umano e le sue idee sulla natura. La funzione d’onda è indifferente a ciò che una persona “pensa” su di essa.

2. “La funzione d’onda è un oggetto matematico, introdotto a causa della mancanza di conoscenza del mondo quantistico. Questo è ciò che pensava Einstein: ‘La Luna esiste solo quando la si guarda’ ? – Ha detto. Questo concetto significa che la funzione d’onda è solo uno strumento di conoscenza e non ha alcuna relazione con la realtà oggettiva.

“L’interpretazione secondo la quale il futuro può influenzare il passato non contraddice gli esperimenti degli scienziati.”

Il mio commento: La Kabbalah dice che NON ESISTE NULLA tranne due cose: il Creatore e la Creazione. Il Creatore è il desiderio di dare, riempire, amare, dalla luce eterna e costante, che riempie la creazione, il desiderio di ricevere: Godere.

Ne consegue che l’intera imagine del mondo che “vediamo” non è altro che le nostre proprietà interne che vediamo (sentiamo) di fronte a noi su uno sfondo di luce bianca. In altre parole, il mondo percepito è il nostro “interno”, “rovesciato”, così che noi possiamo vederlo meglio e correggerlo.
[153821]

Materiale correlato:

Dove è l’immortalità?
La percezione della realtà all’interno di una luce semplice

Quando il sogno diventa realtà

Dr. Michael LaitmanDomanda: La gente ama avere fantasie di una vita migliore. Alcuni indulgono in questi sogni dolci per tutto il tempo, scappando dalla realtà e vivendo in un sogno.

Una persona può sviluppare la capacità di rimanere nella linea di mezzo e connettersi correttamente con le forze positive e negative della natura, come Giacobbe e Giuseppe, di cui parla la Torà? Avrà l’opportunità di immaginare l’immagine desiderata della futura realtà ed effettivamente realizzarla?

Risposta: Questo è possibile se una persona sviluppa un desiderio molto forte per qualche scopo, definendolo come l’obiettivo della sua vita. E’ solo necessario trovare da dove ha preso all’improvviso tale desiderio forte. Forse lui vive in questo mondo con una missione speciale.

Lo scopo di una persona è di diventare un grande medico, per un’altra – un primo ministro, per la terza – raggiungere un alto sviluppo spirituale. Tale aspirazione proviene dal nostro punto radice, chiamato il punto nel cuore. Risveglia in ogni persona il suo rispettivo desiderio di diventare qualcuno.

Possiamo anche avere queste aspirazioni dall’ambiente, come se fosse un caso, avendo trovato noi stessi sotto un’influenza particolare. Ci sono tante persone intorno a noi; comunque, tutte sono impressionate da qualcosa di proprio. Tutti questi dati si ottengono dal programma generale della natura.

Domanda: Se c’è un programma superiore che determina il mio destino, come posso cambiarlo in modo che il futuro sarà come voglio io? Come posso rendere i miei sogni realtà? Come posso cambiare il programma nascosto?

Risposta: Tutto ciò che è scritto in questo programma succederà comunque, sia che tu lo sai o no. Il programma generale deve essere realizzato. Come vengono i pensieri a te ogni secondo, come appaiano le persone con le quali vieni in contatto, come succedono le cose? Tutto succede secondo il programma generale. Operiamo al suo interno, come marionette ubbidienti.

Però se vogliamo innalzarci al di sopra di questo programma, dobbiamo raggiungere il livello sul quale agiscono le forze che controllano questo mondo. Oggi, la scienza della Kabbalah ci permette di fare questo, ma richiede un desiderio molto forte.
[152835]

Da Kab.TV “Una NuovaVita” 11.01.2015

Materiale correlato:

L’origine dei sogni
Segula è l’accesso al sistema spirituale

La forza del bene e la forza del male, Parte 4

NDr. Michael Laitmanel mondo non esiste il male

Domanda: Una persona si può proteggere da ogni male?

Risposta: Una persona potrebbe proteggersi dal male se imparasse dagli errori del passato, dagli errori dei suoi genitori, dei suoi insegnanti, e se la società glielo insegnasse fin dall’inizio.

Tramandiamo questa educazione di generazione in generazione: come vivere in modo che la persona non compia nessun errore. Essa deve sapere che non esistono forze buone e cattive, piuttosto esistono due forze opposte: la ricezione e la dazione. Essa deve conoscere il modo in cui bilanciarle.

Non esiste alcun male nel mondo; esistono piuttosto sempre delle possibili alternative di fare del bene e mantenere l’equilibrio. Se fossimo delle fonti di equilibrio in tutto il mondo e percepissimo quest’ultimo come un unico sistema, noi non vedremmo alcun male. Solo a causa del nostro punto di vista, il nostro approccio errato, vediamo il mondo danneggiato e cattivo.

Tuttavia, noi stessi lo abbiamo danneggiato con il fatto di non creare equilibrio da nessuna parte, soprattutto nella società umana! E così ci sembra che questo mondo sia crudele, e quindi tutto ciò che ne fa parte è cattivo. A noi sembra che ci sia stato dato questo piccolo pianeta come un giocattolo da poter rompere e buttare via. Le persone su questa terra si comportano come bambini sciocchi.

Ma è giunto il momento di cominciare a comportarsi in modo logico e comprendere il giusto approccio verso la natura, che in essa non esiste male o bene, ma solo due forze opposte: il più e il meno, gli elettroni e i protoni. Dobbiamo organizzare la nostra vita tra queste due forze. Quindi cerchiamo di organizzarla! La vita potrebbe essere meravigliosa se fluisse armoniosamente tra queste due forze!

Il bene non si trova in una singola parte; si trova piuttosto nel mezzo, in uno stato di equilibrio. E le due forze opposte operano semplicemente lateralmente. La forza positiva si chiama così, non perché sia buona, ma semplicemente perché emette, dona, e si muove verso l’esterno. La seconda forza è chiamata negativa perché riceve, e attira a sé.

Si tratta semplicemente di due forze opposte, e se noi le bilanciamo correttamente, possiamo creare una connessione tra loro che si chiama vita.
[150832]

Da Kab.TV  “Una Nuova Vita” 03.06.2014

Materiale correlato:

La forza del bene e la forza del male, Parte 3
La forza del bene e la forza del male, Parte 2
La forza del bene e la forza del male, Parte 1

La magia in vendita

Dr. Michael LaitmanL’arma spirituale

Domanda: C’è una cosa come la magia? Abbiamo la possibilità di usare la forza sovrannaturale allo scopo di cambiare la nostra realtà?

Risposta: Il concetto attuale di “sovrannaturale” deve essere ripristinato. Se stiamo parlando di quello che si trova sopra il nostro essere, allora possiamo correlare l’intero fenomeno naturale a questo regno.

Non possiamo influenzare il movimento della terra e altri corpi celesti. Tuttavia, possiamo calcolarli. Così tante cose sono passate dalla mistica al regno scientifico.

Invece, ci sono tanti fattori a noi che sono sconosciuti, le radici dei quali scivolano via dalla nostra percezione. In questo campo siamo ancora deboli; stiamo ancora in piedi di fronte alla natura, che non riusciamo a capire in anticipo. Intanto, una persona anela alla sicurezza; lui ha bisogno di una “Politica di Garanzia” contro tutte le minacce.

Questo è da dove la magia viene. In primo luogo, la magia ci fornisce una sicurezza contro le minacce inclusi i nemici, che adesso una persona può affrontare armata con un’arma spirituale. Secondo, è un’opportunità per iniziare l’attacco, e stabilire la superiorità di sé, per ripulire l’area di malfattori che si trova su di un percorso.

Sovrannaturale in vendita

È qui, dove tante persone fanno le promesse dichiarando che sanno come fare la magia e si assisterà solo se i loro servizi sono pagati.

C’è la magia nera e la magia bianca. Se la prima è di far male, poi la seconda, a sua volta, promette di aiutare. Tale divisione, comunque, è puramente arbitraria, proprio come i bambini quando giocano ad essere persone cattive o buone. Una persona si sente debole davanti alle forze che determinano la propria vita. Una persona vorrebbe controllare il suo destino e, tuttavia, viene a vedere le persone “che sanno”.

Oltre a tutto questo, la morte dei nostri corpi davvero ci spaventa, così come l’ignoto davanti a noi. Che succederà con la mia anima? Dove va a finire? Posso evitare l’inferno e mi assicuro di finire in cielo? Anche questo causa una preoccupazione enorme su coloro che possono guadagnare bene.

Domanda: Significa che non c’è la magia?

Risposta: No, comunque, il problema è che tutto ciò che chiamiamo il mondo interiore di un uomo è associato con la nostra psicologia. Il risultato, è che una persona può essere influenzata in tale modo che a qualcuno può sembrare di essere magia. A tale proposito, questo accade a molti credenti.

Non c’è nulla che si possa fare al riguardo perché tali sono le proprietà della nostra psicologia. In ultima analisi, tutto viene dall’ignoranza.
[152352]

Da Kab.TV “Una Vita Nuova” 18.01.2015

Materiale correlato:

Una superstizione comune
Rimuovere il maleficio della stregoneria dalla nostra vita

L’origine dei sogni

Dr. Michael LaitmanDomanda: Cosa sono i sogni? Ci sono molti miti e fiabe intorno ai sogni e questo fenomeno ha interessato l’umanità per tutta la sua storia. Gli antichi romani e greci hanno cercato di decifrare i sogni. Ma fino ad ora, questo fenomeno rimane un mistero.

Una persona trascorre un terzo della sua vita dormendo e ha sogni durante tutto questo tempo, ma non si ricorda più di loro. In questo modo, il nostro cervello processa e organizza tutte le informazioni ricevute durante il giorno.

Ma ci sono i sogni che sembrano trasmetterci un messaggio speciale, per rivelare il futuro. Da dove vengono i sogni?

Risposta: Anche la Torà parla dei sogni: il sogno di Giacobbe ed i sogni del faraone e dei suoi ministri. Il sonno è un fenomeno naturale, ma a volte percepiamo i sogni come qualcosa di non serio, come fantasie.

La saggezza della Kabbalah dice che durante il sonno, il cervello riassume tutte le informazioni ricevute durante il giorno e questo è ciò che noi percepiamo come sogni. Questi dati e alcuni fluidi che sorgono nel cervello, senza alcun collegamento con la materia vera, assumono forme particolari, e come risultato, vediamo immagini insolite di persone, animali e strani eventi.

Tutto ciò è dovuto al fatto che il sonno, rispetto alla realtà, non ha alcuna base materiale. Ecco perché tutto sembra come se fosse nell’aria e senza riguardare i nostri desideri specifici. Inoltre, un sogno può rivelare quei desideri che vorremmo realizzare, ma non siamo in grado di farlo, paure che ci tormentano e da cui non si può sfuggire, tutti i tipi di fantasie e di esperienze piacevoli e spiacevoli che abbiamo vissuto.

Tra questi, ci sono quelli che avremmo preferito dimenticare. Forse, nella vita reale siamo riusciti a gestirli, ma vivono ancora in noi inconsciamente. Pertanto, mentre dormiamo e ci distacchiamo dal mondo reale e dall’ambiente che non ci pregiudica, tutte queste paure e sentimenti si risvegliano in noi e prendono vita in un sogno.

I sogni possono dire molto di una persona, come il suo stato interiore, desideri, pensieri, tutti i tipi di progetti, paure e ostacoli. Quando è sotto ipnosi, è possibile studiare e imparare una moltitudine di informazioni. In questo stato, una persona perde il controllo su se stesso e si apre allo studio.
[152253]

Da Kab.TV “Una Nuova Vita” 11.01.2015

Materiale correlato:

La percezione della vita: un sogno o una realtà?
Svegliati nel mondo spirituale

La macchina da scrivere del Creatore

Dr. Michael LaitmanContinuazione del post “Il mondo che non ha un luogo”

L’intera matteria – l’inanimato, il vegetale, la natura animata, e le persone, vogliono godere. Consciamente o inconsciamente, tutti vogliono solo una cosa: sentirsi bene in ogni momento. Questo è il desiderio naturale di tutti.

Domanda: Ora mi sforzo di stare bene. Come si relaziona questo alle lettere?

Risposta: Le lettere scendono nella tua materia, il desiderio di ricevere e stampano le loro impressioni in esso. Le lettere vengono da noi in ogni momento. Come i tasti di una macchina da scrivere, continuano a colpire la materia, il desiderio di godere, e tu stai costantemente ricevendo diverse impressioni, desideri e pensieri da queste. Ognuno è così.

Domanda: Ma come fanno le lettere a colpirmi? In cosa?

Risposta: Ora siamo in uno studio televisivo; l’equipe lavora intorno a noi, e altri eventi si svolgono dietro le mura. Le lettere stampano tutto questo sulla materia inanimata, vegetale, animata ed umana in modo che tutto ciò esistesse e si sviluppasse in una certa direzione.

Siamo tutti attivati con l’aiuto di chi in qualche modo dall’alto colpisce i tasti della sua macchina da scrivere, a stampando il testo, e in base a questo testo agiamo. E’ come il codice di un programma per computer.

Domanda: Questo codice mi attiva?

Risposta: Sì. Esso definisce tutto ciò che tu vorrai, quello che penserai, ciò che deciderai, ciò che farai, e ciò che ci sarà. Tutto avviene all’interno di questo codice. Tutto! Pertanto, tutti vogliono conoscere le lettere, ma non sanno cosa sono.
[151292]

Da Kab.TV “Una Nuova Vita” 21.12.2014

Materiale correlato:

Lettere nere su fondo bianco
Lo sforzo di scrivere le lettere del lavoro

Il mondo che non ha un luogo

Dr. Michael LaitmanNel mondo spirituale non ci sono linee, forme, corpi, niente. Il mondo spirituale è un mondo di due forze: ricezione e dazione, e non c’è nulla tranne loro. Non ci sono distanze nel mondo spirituale; non richiede un volume in contrasto con il nostro mondo, il nostro universo.

Dopo tutto, prima del Big Bang, a causa del quale si è formato il nostro universo, queste due forze hanno dovuto creare uno spazio, in cui una scintilla di energia più elevata ha sfondato, e una nuova creazione – forze, pianeti, galassie, – hanno cominciato ad emergere.

Pertanto, il mondo materiale richiede uno spazio e un luogo. Non possiamo immaginare che cosa c’è fuori dallo spazio; viviamo in esso. Inoltre, il nostro spazio è tridimensionale, e non siamo in grado di navigare senza questi tre assi.

Il nostro problema è che esistiamo in un mondo comprensibile, molto chiaro, in cui tutto è visibilmente definito; ogni cosa ha il suo posto, e sappiamo cosa ci vuole.

Questo non esiste nel mondo spirituale. Il mondo spirituale è il mondo delle forze, il mondo delle proprietà: ricezione e dazione, e solo queste due forze agiscono in esso.

Domanda: Ma dove è questo mondo spirituale?

Risposta: Non esiste una questione del genere come “Dov’è?” Dopo tutto, al fine di rispondere a dov’è, abbiamo bisogno di indicare un luogo, ma questo non esiste.

[151266]

Da Kab.TV di “Una Nuova Vita” 21.12.2014

Materiale correlato:

Il mondo spirituale – Il mondo delle qualità
L’unione quantistica del mondo

Manipolazione delle masse attraverso i media

Dr. Michael LaitmanOpinione (Noam Chomsky, linguista americano, filosofo, scienziato cognitivo, logico, commentatore politico e attivista anarco-sindacalista):

“Sulla base del lavoro del linguista americano Noam Chomsky, ecco qui un elenco di “10 strategie della manipolazione” da parte dei media:

1. UNA STRATEGIA DI DISTRAZIONE.

L’elemento chiave di controllo sociale è la strategia della distrazione che consiste nel distogliere l’attenzione del pubblico dai problemi importanti e dai cambiamenti decisi dalle élite, politici ed economici, tramite la tecnica del diluvio o inondazioni di continue distrazioni e informazioni insignificanti. ‘Portare l’attenzione del pubblico lontano dai veri problemi sociali e affascinarlo da questioni di nessuna importanza. Tenere il pubblico occupato, occupatissimo, senza il tempo di pensare, torna alla fattoria con gli altri animali (citando il testo “”Armi silenziose per guerre tranquille”).’

2 – CREARE PROBLEMI E DOPO L’OFFERTA DI SOLUZIONE.

Questo metodo si chiama anche ‘il problema-reazione-soluzione.’ Questo crea, una ‘situazione’ che causa qualche reazione nel pubblico, in modo che sia la misura principale che vorranno accettare. Per esempio: lasciar sviluppare o intensificare la violenza urbana, o organizzare attentati sanguinosi, in modo che il pubblico si concentri sui principi di sicurezza, le leggi e le politiche a discapito della libertà. O anche creare una crisi economica per accettare il male necessario della recessione, la perdita dei diritti sociali e lo smantellamento dei servizi pubblici.

3 – STRATEGIA DI GRADAZIONE.

Per far accettare un limite inaccettabile, semplicemente applicarlo gradualmente, una goccia alla volta, negli anni consecutivamente. Questo è il modo in cui nuove condizioni socio-economiche radicali (neoliberismo) furono imposte durante il 1980 e il 1990: lo stato minimo, privatizzazione, la precarietà, flessibilità, disoccupazione di massa, inabilità a pagare uno stipendio decente, e tanti altri cambiamenti che causano una rivoluzione non devono essere implementati tutti in un colpo.

4 – LA STRATEGIA DI RINVIARE.

Un altro modo di applicare una decisione sgradevole accettabile è quella di presentarla come ‘dolorosa e necessaria’ per ottenere immediata accettazione pubblica per una futura applicazione. È più facile accettare un sacrificio futuro che un sacrificio immediato.

5 – RIVOLGENDOSI AL PUBBLICO COME A BAMBINI PIÙ PICCOLI

La maggior parte della pubblicità diretta al pubblico in generale usa discorso, argomenti, personaggi e soprattutto l’intonazione dei bambini, spesso siamo vicini alle loro debolezze, come se lo spettatore fosse un bambino molto piccolo o mentalmente compromesso. Più induce in errore lo spettatore, più la pubblicità tende ad adottare un tono infantile.

6 – USANDO L’ASPETTO EMOZIONALE PIU DELLA PONDERAZIONE.

Fare uso dell’aspetto emotivo è una tecnica classica per provocare un corto circuito su un’analisi razionale, e finalmente al senso critico degli individui. Inoltre, l’uso del registro emotivo ti permette di aprire la porta all’inconscio, di distribuire o trapiantare idee, desideri, paure e timori, compulsioni, o indurre comportamenti…

7 – TENENDO IL PUBBLICO NELL’ IGNORANZA E MEDIOCRITÀ

Rendere il pubblico incapace di capire le tecnologie e i metodi allo scopo di tenerli controllati e in schiavitù. ‘La qualità dell’educazione data alle classi sociali inferiori deve essere la più povera e mediocre possibile in modo che il divario di ignoranza che si trova tra le classi inferiori e le classi sociali superiori è, e rimane, fuori dalla portata delle classi inferiori.’

8 – STIMOLARE IL PUBBLICO AD ESSERE COMPIACIUTO DELLA MEDIOCRITÀ.

Promuovere il pubblico a pensare che la moda è l’atto di essere stupidi, volgari e ignoranti.

9 – RAFFORZARE LA RIVOLTA CON SENSO DI COLPA.

Far sì che l’individuo creda che solo lui ha colpa per la propria disgrazia a causa del fallimento della propria intelligenza, capacità, o sforzi. Così, invece di ribellarsi contro il sistema economico, gli individui stessi sono impotenti e la colpa se stessi, che porta ad uno stato depressivo, con i suoi effetti è di inibire la sua azione.

Il mio commento: Uno può vedere quanto grande è il ruolo di Internet nella manipolazione della gente. Tuttavia questo accelera solo l’uscita dal potere del faraone o dell’egoismo, perché i nostri desideri e pensieri si sviluppano non dai media, ma dalle leggi di sviluppo, che portano necessariamente all’obiettivo della creazione.
[151215]

Materiale correlato:

La crisi riassume i risultati della globalizzazione
Metodi di educazione di massa al posto dei mezzi di informazione

Re e giullari

Dr. Michael LaitmanDomanda: Nell’ambiente che mi circonda, per creare un’atmosfera rilassante, c’è l’usanza di raccontare delle barzellette. Ma cosa devo fare se per mia natura, non mi piacciono?

Risposta: Le barzellette promuovono l’inclusione reciproca l’uno nell’altro. Solo che deve trattarsi di battute intelligenti, intrise di un umorismo sottile. Ad esempio, alla corte di un re c’era sempre un giullare.

Gli veniva permesso di fare ciò che voleva. Anche schernire il re. A qualsiasi altro sarebbe stata tagliata la testa per questo, ma non ad un giullare. Tutti sanno che i re erano persone molto serie e risolute, ma comunque tenevano vicino a sé i buffoni. Perché avevano bisogno di questo?

Il fatto è che nella loro posizione, le teste coronate erano al di sopra di chi le circondava. Chi avrebbe potuto influenzarle? In quei giorni i giullari potevano sollevare l’umore di un re e quindi sbarazzarlo da molti problemi.

Capita un qualunque problema? Arriva il giullare, e inizia ad intrattenere il re, il quale si calma e riconsidera di nuovo ciò che sta accadendo. Queste sono cose molto profonde ed importanti.
[151817]

Dalla conversazione n°87 di “Una Nuova Vita” del 21.10.2012

Materiale correlato:

L’umorismo, la difesa contro le preoccupazioni
L’evoluzione biologica dell’amore