Pubblicato nella 'Maestro Spirituale' Categoria

Il Coronavirus sta ripulendo l’umanità

Domanda: Il Coronavirus è una forma di governo individuale o generale del Creatore?

Risposta: Il Coronavirus è la manifestazione del governo generale del Creatore perché siamo entrati in uno stadio di sviluppo chiamato “l’ultima generazione”. Voglio che questo sia ben chiaro, e la chiamo l’ultima generazione egoistica perché deve salire dal livello egoistico dello sviluppo a quello altruistico.

Domanda: Si dice che tutto nel mondo vada a vantaggio dell’uomo. Tu senti che il virus è arrivato per il tuo bene?

Risposta: Io sento che il virus è una benedizione che sta ripulendo l’intera umanità. Il nostro mondo era come l’inferno, e ora stiamo passando attraverso il purgatorio. Il prossimo livello è il paradiso quando saremo completamente uniti l’uno con l’altro attraverso connessioni gentili, che saranno la forma finale dell’esistenza umana.

Domanda: Che cambiamenti interni ha portato il virus nella tua vita?

Risposta: Mi ha condotto alla ristrutturazione della comunicazione con i miei studenti. E vedo che questo va per il meglio. Ora sono connesso con loro in una maniera più equa.

Prima avevo dai 300 ai 400 studenti che venivano a lezione qui nella nostra sede, mentre il resto erano studenti virtuali. Il virus ha reso tutti i miei studenti virtuali. Ti sto parlando ora dal mio ufficio, e sono felice di continuare a condurre le mie lezioni in questo modo per altro tempo. Lasciamo che i miei studenti, milioni in tutto il mondo, mi ascoltino attraverso Internet.

[263740]

Dalla trasmissione di KabTV “Il Coronavirus sta cambiando la realtà”, 26/03/2020

Materiale correlato:
Il Coronavirus è solo l’inizio?
Il virus addolcisce i nostri cuori
Coronavirus: il boomerang della natura

L’amore senza odio è possibile?

Domanda: Sono sicuro che centinaia di migliaia di studenti in tutto il mondo provano amore per te, dissociato dall’odio.

È un’eccezione alla regola quando gli studenti adorano il loro insegnante? Esiste nel sufismo una tale forma in cui gli studenti amano gli insegnanti senza odio.

Risposta: Un amore senza odio è impossibile. Se tu senti solo amore, significa che non hai ancora realizzato che all’interno di questo amore esiste un odio non rivelato. Entrambi i sentimenti devono esistere insieme.

Proprio come, diciamo, non esiste in natura una particella positiva senza una negativa; esiste sempre una particella opposta, e di conseguenza esse sono connesse. La stessa cosa succede con noi. L’odio deve essere rivelato insieme all’amore. Costruiamo l’amore sopra l’odio.

Inoltre, non dovremo avere paura di questo odio perché diventerà un indicatore della nostra ricorrente lontananza e vicinanza. Pertanto saremo in una reciproca vicinanza dinamica.

Commento: Ma è un sacrilegio persino pensare che possa esserci un odio per l’insegnante.

La mia risposta: Ti assicuro che esiste. Sai quando apparirà? Man mano che avanzerai, sentirai presto di avere richieste da parte dell’insegnante, di non essere d’accordo con lui, di essere pronto persino a scuoterlo per ottenere ciò che pensi di aver bisogno e che lui non ti dà. Succederà.

[259711]

Dalla trasmissione di KabTV “Concetti di base della saggezza della Kabbalah”, 29/12/2019

Materiale correlato:
L’odio è l’inizio dell’Amore
L’amore vince sempre sull’odio
Il legame fra insegnante e studente

Legati strettamente alla fonte

La saggezza della Kabbalah differisce da tutte le altre scienze per il fatto che questa conoscenza e questa realizzazione sono trasmesse di generazione in generazione, da kabbalista a kabbalista, dalla catena continua che è partita da Adam HaRishon. Adamo è chiamato il primo uomo perché è stato il primo a ricevere la rivelazione del Creatore. Dopo di lui, questa conoscenza è passata attraverso tutte le generazioni: venti generazioni da Adamo ad Abrahamo e da Abrahamo in poi. In ciascuna di queste fasi: Adam HaRishon, Noè, Abrahamo e così via, questa saggezza è stata tramandata e sviluppata.

La Kabbalah è speciale perché lo studente non riceve conoscenza ma una connessione con la fonte. Lo studente deve connettersi all’insegnante e ricevere tutto attraverso di lui. Non ha altro modo perché l’insegnante è davanti a lui nella catena che si collega alla fonte di questa saggezza che si estende da Adam HaRishon e oltre, al mondo dell’infinito.

Il trasferimento delle conoscenze kabbalistiche dipende dalla connessione tra lo studente e l’insegnante. Il mezzo di trasporto principale e più elevato è “da bocca a bocca” (“Peh el Peh“), cioè attraverso gli schermi reciproci che lavorano fra loro. Tuttavia, dovrebbe esserci almeno il passaggio “dalla bocca all’orecchio” (“Peh el Awzen“) – la prima fase dell’allenamento.

“Kabbalah” significa ricezione della luce che riforma e quindi della luce interiore. L’apertura del percorso per la luce è possibile solo attraverso uno schermo reciproco, attraverso gli sforzi reciproci dello studente e dell’insegnante. Tuttavia, studiando questa saggezza da solo, uno studente può ricevere solo conoscenze astratte. Comunque, se parliamo della vera saggezza della Kabbalah, cioè della trasmissione della saggezza spirituale, allora è possibile solo attraverso il trasferimento da insegnante a studente o gruppi di studenti. Qui è necessario formare un vaso speciale (Kli), uno strumento per ricevere il messaggio spirituale passato da una fonte superiore a una inferiore.

Ciò non significa che uno studente debba trovarsi più in basso rispetto all’insegnante nella sua realizzazione spirituale. Un esempio di questo è l’Ari, che si è elevato al di sopra di tutti i kabbalisti che lo hanno preceduto. Non è necessario che ogni elemento successivo in questa catena sia inferiore ai precedenti. Questo si riferisce solo alla trasmissione di questa conoscenza, ma la sua rivelazione in ogni kabbalista corrisponde alla radice della propria anima e agli sforzi che ha compiuto.

Questo filo conduttore della trasmissione della saggezza della Kabbalah si estende da Adam HaRishon attraverso altri kabbalisti, e tutti coloro che vogliono diventare kabbalisti, cioè ricevere la realizzazione, devono connettersi con l’insegnante. Non si può valutare quanto sia alta la realizzazione dell’insegnante, e non importa. Se questo filo è sceso in modo tale e gli è stato rivelato, lo studente deve legarsi il più strettamente possibile alla fonte, all’insegnante e provare a ricevere la saggezza della Kabbalah da questa fonte.

La cosa più importante nella Kabbalah è: da chi hai imparato? Questa è la prima domanda: chi è il tuo insegnante? La principale preoccupazione dello studente è di chiarire se sta imparando ciò che gli viene insegnato. Cioè, deve essere il più vicino possibile al messaggio che l’insegnante vuole trasmettere a lui per connettersi con l’insegnante e attraverso di lui a tutta la catena che si estende fino ad Adam HaRishon.1

Dalla prima parte della lezione quotidiana di Kabbalah del 20/11/2019, Fede nel Rav

Materiale correlato:

Puzzle “Adam HaRishon”
Il legame fra insegnante e studente
La connessione fra insegnante e studente

Il legame fra insegnante e studente

Domanda: Supponiamo che io scelga un insegnante ma che dopo due o tre anni mi renda conto che non ho nulla da imparare da lui, e che ne so addirittura più di lui. Queste cose accadono nel nostro mondo……nell’ambito della musica, dello sport, ecc. Succede anche nella Kabbalah?

Risposta: Sì, la stessa cosa può accadere anche qui. E’ abbastanza probabile che valga la pena cambiare insegnante. Qui, però, hai bisogno di comprendere chi stai cambiando. Può essere che tu cambi il tuo maestro perché non vuoi fare più sforzi o perché ne hai urgente bisogno poiché con il vecchio insegnante non puoi più avanzare.

Domanda: C’è una particolare connessione fra insegnante e studente?

Risposta: L’insegnante è il conduttore di un’energia superiore, di una luce più alta e di una conoscenza più elevata rispetto allo studente. Tuttavia, è importante per noi che lo studente sia connesso al suo insegnante perché questa connessione non svanisca.

Osservazione: Un tempo i gruppi erano molto piccoli e, perciò, una relazione più ravvicinata tra l’insegnante e lo studente esisteva realmente. Oggi, hai milioni di studenti e conosci, naturalmente, solo una piccola parte di loro.

Il mio commento: Non importa chi di loro io conosca. E’ importante che ognuno di essi si consideri mio studente, è fondamentale l’atteggiamento verso di me. In questa misura, lo studente fluisce con il suo movimento interiore verso di me e, attraverso me, riceve il contatto con un potere più elevato.

[257398]

Dalla trasmissione di KabTV “Concetti di base della saggezza della Kabbalah”, 4/03/2019

Materiale correlato:
La connessione fra insegnante e studente
Il passaggio di informazioni dal kabbalista allo studente
Uno studente può essere amico del maestro?

Come può l’insegnante soddisfare i desideri di ogni studente?

Domanda: Come può l’insegnante soddisfare i desideri di uno studente e viceversa?

Risposta: L’insegnante assorbe i desideri dello studente come fossero una sua componente; in questo modo si include in lui e compie tutto il lavoro necessario, lasciandogli solo la parte che dovrebbe completare con il proprio libero arbitrio.

Questo rappresenta un punto di contatto molto importante. È come se l’insegnante si trovasse dentro allo studente e “aggiustasse” ogni genere di caratteristica presente in lui.

Questo è ciò che il superiore dovrebbe fare basandosi su Galgalta e Eynaim. In seguito lo studente dovrebbe completare la sua parte di lavoro.

Se tu sei connesso con me e con tutti, sentirai che noi lavoriamo insieme.

Domanda: Ci sono esami per gli studenti di Kabbalah?

Risposta: Non ci sono esami speciali perché l’intero percorso è un continuo, costante esame.

Nella spiritualità questo non esiste, non devi superare un test per trovare te stesso nel sistema spirituale. L’esame ha luogo in ogni momento.

[240804]

Dalla lezione di Kabbalah in lingua russa, 02/12/2018

Materiale correlato:
La connessione fra insegnante e studente
La comunicazione fra kabbalisti
Il passaggio di informazioni dal kabbalista allo studente

Il desiderio di un insegnante di Kabbalah

Domanda: Un kabbalista che ha raggiunto un certo risultato ha il desiderio che i suoi studenti raggiungano anch’essi il suo livello spirituale? Cerca di farli salire al suo livello? O lo fa per ascendere egli stesso?

Risposta: Insegnando ai miei studenti, mi elevo di conseguenza perché io sto diffondendo questa saggezza. E ogni potenziale piccola anima che si unisce allo sviluppo comune si connette al flusso generale della correzione e influenza tutti.

In altre parole, io influisco sull’anima comune di Adam includendo tutti dentro di me. Quindi, ho un impatto sull’intero universo.

Domanda: Quindi, sei chiaramente interessato al loro avanzamento?

Risposta: Ovviamente sono interessato all’avanzameno di tutti i miei studenti. Tuttavia, questo interesse non è né opportunistico e neppure egoistico perché io voglio davvero che l’intero sistema raggiunga l’adesione con il Creatore. Lì, l’ego svanisce completamente. La tua domanda, in pratica, non ha senso, perché nella Kabbalah il singolo e la collettività sono in completa equivalenza.

[241104]

Dalla lezione di Kabbalah in lingua russa, 11/11/2018

Materiale correlato:
Il passaggio di informazioni dal kabbalista allo studente
Ricevere la Luce attraverso il maestro
Superare il maestro

Cosa dovrei chiedere quando soffro?

Domanda: Cosa dovrei chiedere quando provo una forte sofferenza fisica?

Risposta: Quando sei soggetto ad un grande dolore fisico, rivolgiti al Creatore chiedendogli: “Qual è la ragione per questa sofferenza?”

La ragione è l’egoismo, l’opposizione alla Luce. Non c’è nient’altro.

Puoi chiedere la tua stessa correzione in modo da trasformare il dolore in gioia, in salute, e così via, perché gli stati di sofferenza ci portano ad allontanarci dal Creatore.

[240247]

Dalla lezione di Kabbalah in lingua russa, 04/11/2018

Materiale correlato:
Che cos’è una preghiera nella Kabbalah?
Da cosa inizia la preghiera?
La preghiera delle diciotto Sefirot

A chi sono rivolti gli articoli di Rabash?

Rabash, Shlavey Ha Sulam, “Lo scopo della Società” (art.1 – part.1): ‘Ci siamo riuniti qui per fondare una società per tutti coloro che desiderano seguire il percorso ed il metodo di Baal HaSulam, la via attraverso la quale salire i livelli dell’uomo e non rimanere come una bestia…’

Rabash scrisse il primo articolo sul lavoro del gruppo, sull’involucro di alcuni sigari, mentre era seduto con me su una panchina al parco. In seguito gli comprammo una macchina da scrivere e per tutto il giorno si sentiva il suono dei tasti provenire dalla sua abitazione. Questa era la sua vita. Continuò a pensare alla maniera più appropriata per esprimere i suoi pensieri. Nel momento in cui scriveva i suoi articoli era una persona completamente diversa.

Non possiamo neppure immaginare la profondità del suo lavoro. Anche ora io stesso comprendo solo la parte più superficiale dei suoi scritti.

Domanda: Anche di un articolo che abbiamo studiato 200 volte?

Risposta: Non importa. Nella Kabbalah le informazioni non sono divise fra principianti e kabbalisti avanzati, perché la profondità del testo dipende solo dal livello di comprensione del lettore. Rabash nei suoi articoli ha esposto quasi tutto. Sono pensati per coloro che desiderano elevarsi dal livello dello sviluppo animale al livello umano (Adamo).

[228229]

Dalla trasmissione di KabTV “L’ultima generazione”, 26/12/2017

Materiale correlato:
Gli Scritti Sociali di Rabash
La musa di un Kabbalista è la “Luce”
“Nutriti” dagli insegnamenti di Baal HaSulam e Rabash

La mia strada

Domanda: E’ difficile essere Michael Laitman?

Risposta: Non lo so. Non mi sono mai posto questa domanda, quindi non ho mai sentito la necessità di trovare una risposta. Ho un impegno e devo portarlo a termine.

Nota: Ma le persone ti conoscono, ti criticano, ti amano … comunque …

Il mio commento: Per quanto riguarda se mi amino di più o mi odino di più, trovo difficile dirlo. E lavorare per i posteri solo per il piacere di essere apprezzato in seguito non fa parte della mia natura.

Ti dirò solo una cosa. All’età di trentacinque anni, ero un uomo abbastanza ricco che poteva permettersi di non lavorare e di vivere pacificamente da qualche parte su un’isola o in Canada. Qualcuno potrebbe preferire questo tipo di vita, ma io non potevo permettermelo.

Ho scelto un percorso con molti errori, dubbi e tormenti. Ma questa è la mia via.

[225509]

Dalla lezione di Kabbalah in lingua russa del 31/12/2017

Materiale correlato:
L’amore trasforma la ricezione in dazione
Fissare lo sguardo verso la meta
Il Gruppo è la mia candela

La comunicazione fra kabbalisti

Domanda: In che modo comunichi con il tuo insegnante e come impari dai tuoi studenti?

Risposta: Io comunico con il mio insegnante al livello spirituale. Non per il fatto che lui non ha un corpo mentre io ancora ce l’ho, è perché la nostra comunicazione avviene al livello dell’equivalenza dello spirito, non nella forma corporea. E avviene esattamente lo stesso quando sono in contatto con i miei studenti. Che ne siano consapevoli o no, esiste un contatto interiore fra noi.

Commento: Si dice che un insegnante impari dai suoi studenti.

Il mio commento: Naturalmente. Avviene praticamente tutti i giorni. I miei studenti in tutto il mondo comunicano costantemente tra loro e formano vari gruppi virtuali e le singole anime si fondono in un’unica anima comune. Ciascuno studente possiede una qualità particolare, una sfumatura nel kli (vaso) spirituale. Percependoli, attraverso loro io scopro nuove opportunità. Essi sono come i miei occhi e le mie braccia.

Domanda: Allora qui non si parla di qualche azione da cui si può osservare un comportamento e imparare qualcosa?

Risposta: No, questa è solo una percezione interiore.

Domanda: Quanto spesso accade?

Risposta: In ogni lezione, in ogni conversazione, sempre. E specialmente quando riescono a formare una particolare unione tra loro. Allora la loro unione suona come un’armonia perfetta, come un pianoforte ben accordato.

[224775]

Dalla lezione di Kabbalah in lingua russa del 31/12/2017

Materiale correlato:
La connessione fra insegnante e studente
Un kabbalista e i suoi studenti
Ricevere la Luce attraverso il maestro