Pubblicato nella 'Libero Arbitrio' Categoria

Il nostro futuro è oggi

Il tempo che trascorriamo con noi stessi è di solito l’occasione per una profonda introspezione. Cosa pensiamo quando siamo soli è la questione che un nuovo studio ha cercato di indagare. Un recente lavoro approfondito su questo argomento ha scoperto che quando una persona è sola, pensa al passato o al futuro, mentre con un amico o anche con un gruppo di persone, si concentra sul presente.

Una nuova ricerca condotta dal Dipartimento di Psicologia della Bar-Ilan University in Israele ha scoperto che  quando siamo soli tendiamo a rifugiarci nel passato o a fantasticare sul futuro. La ragione è semplice: non abbiamo controllo sul nostro ambiente. Pertanto, possiamo viaggiare in qualsiasi momento e saltare avanti e indietro tra pensieri sul passato e fantasie sul futuro.

Invece, quando abbiamo delle persone intorno, ma anche se solamente avvertiamo la loro influenza, ci connettiamo immediatamente con il presente, con il qui ed ora. Anche senza dire una parola, le persone che ci stanno intorno sollevano in noi delle domande fondamentali.

Il momento presente porta con sé un importante potenziale di introspezione riguardo al sapore della vita. Devi confrontarti con te stesso sul momento, su cosa ti serve per cambiare la tua vita.  È il tempo in cui operiamo il libero arbitrio. È per questo che il tempo presente è il più complesso da affrontare e preferiamo piuttosto viaggiare nel passato o fare speculazioni sul futuro.

Vivere il presente e perseverare nella sua presenza è un problema complesso. Possiamo riuscirci se teniamo a mente lo scopo della creazione, che è quello di scoprire e aggrapparsi al datore della vita. Scoprire il Creatore, il potere supremo della natura, e assorbire le Sue qualità buone e benefiche.

Il presente si rinnova ogni istante. Abbiamo quindi bisogno di un ambiente capace di guidarci, che ci aiuti ad affinare le domande giuste riguardo all’esistenza e che non ci faccia perdere un minuto in digressioni nel regno del passato o evasioni in un ipotetico futuro.

Se scegliamo il giusto ambiente che sia consapevole dello scopo della Creazione, ci imbattiamo costantemente in domande come: Qual è lo scopo della nostra vita? Dove vogliamo andare? E come possiamo usare in un modo appropriato il momento presente?

Se rinunciamo a padroneggiare il momento presente, continueremo ad essere immersi in ciò che era e ciò che sarà. Ma se ci dedichiamo con ogni nostra forza, alla ricerca del vero significato della vita e se adoperiamo il libero arbitrio per aggrapparci alla Forza Superiore, useremo sia il passato che il futuro in modo saggio. Sapremo giustificare e legittimare le azioni della Forza della Natura in ogni esperienza passata, acquisendo fiducia nel futuro. Quindi perché dovremmo preoccuparci del domani se possiamo fare affidamento sulla Forza Superiore nel momento presente?

Quando sviluppiamo un punto di vista spirituale riguardo alla realtà, non percepiamo più la nostra vita come un fenomeno temporaneo di passaggio sulla terra ma ci innalziamo oltre il rumore del tempo; si è scoperto che il tempo esiste solo affinché noi possiamo sintonizzare correttamente le nostre manopole percettive.

Educazione. Abbiamo bisogno di ricostruire qualcosa di meglio

Gli ultimi due anni sono stati snervanti per i bambini, i genitori e l’intero sistema educativo. I ricorrenti isolamenti e chiusure non solo hanno influenzato le relazioni sociali dei bambini, ma hanno anche lasciato tutti incerti sul futuro. È chiaro che le cose non saranno come erano fino all’inizio del decennio, ma non è chiaro come saranno. In ogni caso, dato che siamo destinati a fare la spola tra connessioni fisiche e virtuali, tanto vale imparare a creare connessioni significative in entrambi gli ambiti.

La situazione attuale ci ha già spostato dalla nostra precedente visione delle connessioni, ma non ne ha ancora stabilite di nuove in noi. È ancora difficile vedere come sarà il nostro nuovo modo di connetterci, dato che non siamo macchine; ci vuole tempo per crescere in un nuovo modo di operare.

In ogni modo, la natura non guarda mai indietro, ma solo in avanti, quindi una cosa è chiara: ciò che era non tornerà mai più.

Qualsiasi forma assumeremo,  saremo non solo connessi in nuovi modi, ma anche in maniera più positiva di prima.  L’evoluzione della natura avanza sempre verso l’aumento della complessità e dell’integrazione.  Tutto sta diventando più interdipendente, non meno,  questo è vero anche per l’intera umanità.

Eppure, mentre ogni altra specie accetta ciò che la natura detta, senza porsi domande, gli umani sono disconnessi dalla natura e hanno il loro libero arbitrio. La natura ci costringe ancora ad andare per la sua strada, ma ci ha anche dato la nostra volontà, che cresce nella direzione opposta: mentre la natura ci spinge all’incorporazione, noi cerchiamo la separazione. È per questo che gli animali accettano ciò che la natura dà loro e si adattano, mentre noi soffriamo e resistiamo, ma senza successo.

La sofferenza che proviamo è un chiaro svantaggio rispetto al resto del mondo animale, ma gli esseri umani hanno un vantaggio che nessun altro essere vivente ha: invece di essere costretti alla connessione, possiamo pensarci, confrontarla con la separazione e infine sceglierla.  Anche se non abbiamo scelta se non quella di scegliere, alla fine, la connessione, poiché questo è il corso di tutta la creazione, sceglierlo di nostra volontà significa che comprendiamo la logica che c’è dietro, il “pensiero della creazione”, se volete.

Non c’è paragone tra il piacere e la profondità che proviamo quando scegliamo di fare qualcosa rispetto al farlo istintivamente. Questo è il nostro unico vantaggio, il privilegio degli esseri umani sopra ogni altro essere. 

Tutti i colpi che abbiamo subito dall’inizio dei tempi ci hanno portato ad evolverci da cacciatori-raccoglitori a clan, città, paesi, imperi e infine a un villaggio globale. La crescente incorporazione avviene sempre contro la nostra volontà e al costo di innumerevoli vite e sofferenze indescrivibili, ma non è necessario che sia così.  Se capiamo dove stiamo andando e cosa siamo destinati ad acquisire alla fine della strada, possiamo andarci di nostra volontà e aiutarci a vicenda a trascendere la nostra individualità per formare un’umanità consapevole e unita.

I nostri sistemi educativi dovrebbero concentrarsi sull’instillare in noi questa consapevolezza. Questa educazione dovrebbe essere rivolta a tutte le età, nazioni e culture. Se la nostra priorità diventa l’unione, inizieremo a vedere le differenze tra noi come diversità ben accette e le nostre diverse prospettive come un arricchimento della nostra conoscenza. Se non vogliamo più soffrire, ma goderci la strada che stiamo percorrendo, dobbiamo ricostruire il nostro sistema educativo in sincronia con l’intera natura. verso la connessione, la coesione e l’integrazione. 

Governati dalla Natura

Nel nostro mondo, le persone sono animali, nel senso che, proprio come gli animali, non hanno il libero arbitrio.

La forza superiore (la natura) ci controlla proprio come controlla tutto il mondo animale, quindi non siamo diversi da essi. Ora lo scopriamo sempre di più, esaminando i nostri geni, ormoni e psicologia.

Per esempio, vediamo quanto sia simile il destino di gemelli cresciuti lontani l’uno dall’altro, il loro habitat, figli e famiglia, anche se non sono fisicamente vicini.  Il fatto è che una persona è determinata dall’interno, e le condizioni esterne non la cambiano particolarmente.  Tutto è dentro di noi. La natura ci governa e ci guida nella vita.

A noi sembra, come ai bambini, di essere liberi. Ma i bambini sono costantemente sotto la cura degli adulti, li seguiamo ovunque, ma a loro sembra di essere liberi.  La stessa cosa succede anche a noi, pensiamo di essere liberi perché siamo ciechi.

Domanda: allora da dove arriva il desiderio umano per la musica, la poesia, o altre cose sublime?

Risposta: nello stesso modo, gli animali cantano, ballano e giocano insieme.  Solo che negli umani è più sviluppato.

Non dico che una persona non sia diversa dal livello animale.  E’ diversa.  Ha un’immaginazione e altre qualità aggiuntive.  Ma questo non corrisponde al concetto di umano nel senso che presuppone la Kabbalah.

 

[290585]

From KabTV’s “Close-Up. Centaurs” 1/15/10

Materiale correlato:
Il fondamento della natura umana
Senti l’impulso interiore della natura
La natura umana e le buone azioni

Stato di libertà

Domanda: Nella storia dell’umanità, ci sono milioni di detti e numerose caratteristiche qualitative di cosa sia la libertà, così come un milione di aspirazioni di persone a trovarla e milioni di illusioni di averla raggiunta. Voltaire ha scritto: “ E’ difficile liberare sciocchi dalle catene che venerano.”

Potrebbe descrivere alcune caratteristiche dello stato di libertà?

Risposta: La libertà dall’egoismo è libertà nel senso più generale del termine. Questa è libertà da me stesso quando niente in me detta cosa dovrei essere.

Quando questo si realizza nelle sensazioni di una persona, inizia a sentirsi libero, cioè, distaccato da qualsiasi limitazione in cui esisteva precedentemente. Nei suoi pensieri, comincia a capire cosa significa non agire egoisticamente, al di sopra dell’egoismo.

Domanda: Possiamo dire che la morte è un limite per una persona?

Risposta: Non direi che succede qualcosa nella morte. Abbiamo molta paura della morte e pensiamo che questa sia la pietra angolare del nostro sviluppo, dopodichè tutto sarà diverso o qualcos’altro. Non credo che dovremmo esserne particolarmente colpiti da questo. Il fatto di passare attraverso la morte non da nulla.

Domanda: Non c’è interdipendenza tra la libertà e la morte?

Risposta: No. C’è un’altra morte in mente, la morte dell’egoismo, non la morte del corpo animale.

Domanda: E’ possibile che l’egoismo muoia, non esista?

Risposta: L’egoismo non muore. Una persona deve elevarsi al di sopra, dominarla, e solo poi, neutralizzando l’egoismo, sarà possibile raggiungere  la comprensione di cosa sia la morte.

Domanda: Cosa dà questo a una persona e a tutto il popolo?

Risposta: Libertà dall’egoismo.

Domanda: Avranno tutti un sentimento comune?

Risposta: Si. Al di sopra dell’egoismo.

Domanda: Allora ci sarà qualche nuovo lavoro, un nuovo movimento, un nuovo sviluppo?

Risposta: Elevarsi al di sopra dell’egoismo.

 

[284123]

Dalle trasmissione di KabTV “Kabbalah Express” 6/13/21

Materiale correlato:
La vera libertà
Libertà da se stessi
Come diventare padroni del proprio destino?

Che cos’è il libero arbitrio?

Domanda: Se una persone raggiunge la spiritualità, sceglierà di nascere in una situazione di più successo nella vita successiva, o no?

Risposta: Non sceglie nulla. Tutto il suo cammino è predeterminato. Il fatto è che quando egli avanza, può scegliere soltanto se muoversi da solo, con le sue richieste, preghiere e collaborazione con gli altri o se aspettare di essere spinto da dietro.
Perché studiamo la saggezza della Kabbalah? Soltanto per sapere come collaborare in modo da avanzare velocemente e correttamente.
[250830]

Da “Fondamenti della Kabbalah” di KabTV 16/06/19

Materiale correlato:
La velocità dello sviluppo spirituale e della reincarnazione
La libertà è una via d’uscita dall’egoismo
Raggiungere la libertà al di sopra della nostra natura

Chi ci governa?

Domanda: È possibile, lottando per il piacere e scappando dalla sofferenza, prevedere il prossimo passo?

Risposta: Non puoi prevederlo perché non sai esattamente quali desideri si risveglieranno in te e cosa sarà necessario per realizzarli. Ma in base ai desideri che ti sorgono rifletterai sempre più su come realizzarli al meglio: dare il meno possibile e ricevere il massimo in tutte le tue azioni.

Guarda come ti siedi, il più comodamente possibile nella condizione presente, come parli, come ti comporti, inconsciamente o coscientemente, non importa.

Domanda: Cosa c’è di sbagliato in questo comportamento? Cosa non funziona?

Risposta: In linea di principio, questo stesso modello potrebbe essere corretto. Ha lo scopo di garantire che ci realizziamo con il massimo profitto e manteniamo in ogni momento maggiore fiducia, sicurezza, realizzazione e progresso.

Ma il fatto è che sono comandato dai valori che ricevo dalla società. E mi impone cose di cui non ho affatto bisogno.

Ognuno di noi porta alla società le proprie aspirazioni di ricchezza, fama e potere. E si scopre che voglio usare la società per fare soldi, per imporle valori di cui non ha bisogno, questo è ciò che voglio  ottenere da essa. Invento ogni sorta di cose per vendere e quindi acquisire  conoscenza, potere, fama e denaro.

Di conseguenza, impongo i miei valori agli altri, e poiché questa diventa un’eredità dell’intera società, si impone a tutti gli altri sotto forma di pubblicità e tutto il resto. Ci facciamo pubblicità a vicenda di cose assolutamente inutili, su cui ognuno di noi vuole guadagnare qualcosa, la fama, il potere o il denaro. Quindi, ci vendiamo cose di cui non abbiamo bisogno.

Domanda: Ma perché siamo sicuri di averne bisogno?

Risposta: Perché la società ce lo fa credere. Se la società dice che questo è un bene, sforzandomi di ottenere riconoscimento e rispetto ai suoi occhi, faccio ciò che mi impone.

Ad esempio, ora sono seduto e indosso un vestito. Per me sarebbe più comodo indossare un pigiama. Perché non lo sto facendo? Perché la società mi costringe a vestirmi così, e voglio ottenere la sua approvazione  in modo che mi ascoltino e mi rispettino. Pertanto, ci comportiamo in questo modo, che lo comprendiamo o no.

La società mi costringe a compiere azioni che in linea di principio sono opposte ai miei desideri ed impulsi naturali. In effetti, non vorrei questo, vorrei solo esistere in pace. La società si sviluppa costantemente nei suoi desideri e mi costringe a desiderare ciò di cui non ho assolutamente bisogno. Ma è così che facciamo.

[280983]

Dalla trasmissione di KabTV  “Close-up”, 09/08/2019

Materiale correlato:
Perché veniamo così facilmente influenzati dalla società?
I desideri sono determinati dall’ambiente
La soluzione si trova nell’ambiente corretto

Ogni libertà è relativa

Domanda: Va bene quando c’è la libertà di parola negli stati. Viviamo in un paese dove posso scrivere tutto quello che voglio. Prima vivevo in un altro paese, in un’epoca in cui si poteva essere imprigionati per queste cose. Quindi, la libertà di parola è una cosa buona o cattiva?

Risposta: Tutta la libertà è relativa. Deve chiaramente corrispondere allo sviluppo della società. Educazione, restrizione, tutto ciò che esiste, deve arrivare a un sistema in cui una persona, si possa sentire, da un lato, confortata, dall’altro, libera, e da un terzo lato, al sicuro. Queste sono tutte condizioni contraddittorie.

In generale, la rete che deve essere creata nella società deve essere molto flessibile. Ma questo fino ad oggi è sempre stato un problema.

Vediamo che tutte le società stanno combattendo per il pluralismo, per la presunta libertà di opinione, perché la propria opinione domini, e così via. Cioè, la libertà, in generale, implica una lotta costante.
[277712]

Dalla trasmissione di KabTV “Spiritual States”, 29/04/2019

Materiale correlato:
La differenza tra libertà ed anarchia
La vera libertà
Libertà immaginaria

Raggiungere la libertà al di sopra della nostra natura

Domanda: Sappiamo che viviamo in un sistema integrale di connessione reciproca, ma così ognuno determina il destino dell’altro?

Risposta: Non si tratta di un sistema che creiamo noi. E’ il sistema della natura che ci tiene uniti.

Domanda: In questo sistema in cui viviamo, abbiamo la libertà di determinare il destino di ognuno per merito della nostra interconnessione?

Risposta: Non scegliamo la nostra natura, noi esistiamo in essa. Non c’è nulla che possiamo fare a riguardo. Dobbiamo considerarlo come un dato di fatto.

Oggi, ci stiamo avvicinando ad uno stato che ci dimostra che non siamo affatto liberi poiché ci sviluppiamo al di fuori di questi sistemi, leggi, contratti sociali che esistevano prima, quando ci sembrava di essere liberi.

Attualmente, vogliamo un genere diverso di libertà: una libertà spirituale. Tuttavia, l’umanità sta cominciando ora una nuova tappa di questo sviluppo al di sopra dell’ego. E iniziamo a sentire che esso è il nostro schiavo-padrone.

La libertà dal punto di vista della Kabbalah è realizzare che non abbiamo libertà e che vogliamo acquisire qualche qualità nuova, vale a dire, conquistare la libertà nel senso assoluto della parola: libertà al di sopra della nostra natura.
[277900]

Dalla trasmissione di KabTV “Spiritual States”, 29/04/2019

Materiale correlato:
Esaminando le leggi della natura
Lo sviluppo dell’egoismo è una legge della natura
La vera libertà

Nel dominio delle forze dell’ego

L’umanità ha combattuto per diversi tipi di libertà e per centinaia di anni, ma, alla fine, ci accorgiamo di non averla ancora conquistata. L’uomo comincia a realizzare che non è  nato libero e che morirà nello stesso  modo. Nasciamo, viviamo e moriamo contro la nostra volontà.

Il concetto di libertà è abbastanza relativo. Io posso andare, “come se mi muovessi”, verso destra o verso sinistra, vivendo ogni momento in base alle mie inclinazioni. Questa, però, non  è libertà perché non posso immaginare  come sono intrappolato in una rete di forze e di controllo.

Ognuno di noi è influenzato dai propri geni, dalla società, dall’educazione e dalla generazione nella quale nasce. Di conseguenza, un individuo ha solo l’illusione della libertà. Dentro il sistema di questa illusione noi esistiamo e combattiamo per essa.

Ad offrire all’essere umano l’opportunità di essere dentro questa illusione, in genere,  è la preoccupazione verso ogni tipo di rimedio e disposizione, finalizzati a viziarlo in modo tale che egli si senta soddisfatto, ma, attualmente, è completamente controllato.   Questo vale sia per la gente che per i leader.

 

[277666]

Dalla trasmissione di KabTV “Spiritual States”, 29/04/2019

Materiale correlato:
L’illusione del libero arbitrio
Nella gabbia del tuo egoismo
Come sentirsi liberi

La libertà è restrizione

Domanda: Il commercio libero, il mercato libero… è positivo o negativo?

Risposta: Vediamo bene che non è libero. Fino a che il nostro mondo è governato da rigide leggi egoistiche nulla sarà libero.

Dobbiamo regolamentare queste leggi così da non ucciderci gli uni con gli altri dietro l’angolo. Quindi dobbiamo forzatamente portarci in qualche tipo di rete di relazioni reciproche, restrizioni, contratti.

La questione è che tutte le condizioni contrattuali che esistono nella società di oggi arrivano a noi dal tempo dell’Antica Roma e anche da periodi precedenti. Ci affidiamo a loro. Le nostre leggi sono basate sulle leggi romane, greche, sui motti della rivoluzione francese, ecc. Tutto questo esiste ad oggi e porta un fattore limitante.

La libertà significa restrizione ma all’interno dell’ambito di queste restrizioni, una persona si sente libera. Da cosa? Dal fatto che nessuno la attaccherà, non le accadrà nulla di male. Cioè la libertà è praticamente un insieme di leggi che ci aiuta a non ammazzarci a vicenda e a coesistere pacificamente dentro queste leggi.

 

 

[277759]

Dalla trasmissione di KabTV “Spiritual States”, 29/4/2019

Materiale correlato:
La vera libertà
Libertà da se stessi
L’illusione del libero arbitrio