Pubblicato nella 'Lezione quotidiana di Kabbalah' Categoria

Per il bene dell’intero corpo

Israele è chiamato “Sono la testa” (Li Rosh) e quindi, correggendo se stessa, corregge l’intero corpo dell’anima comune che sono tutte le altre nazioni. La correzione del corpo è l’obiettivo principale. Non può correggersi da sé, ma solo mediante la correzione di Israele, la testa. Il corpo spirituale di Israele esiste solo per la connessione con le nazioni del mondo. Ovviamente non stiamo parlando di corpi materiali.1

Se una persona decide troppo velocemente, il suo corpo soffre, anche se la decisione è presa dalla testa. Il corpo non capisce perché dovrebbe soffrire, esso non decide nulla, per cui è perplesso. Questo spiega come le nazioni del mondo soffrono di tutti i tipi di problemi, delle anomalie climatiche ed altre avversità e non capiscono perché si meritino tutto questo. Dopo tutto esse non hanno deciso nulla e non possono influenzare questi fenomeni.

Ma istintivamente esse sentono che c’è una testa responsabile per queste decisioni, chiamata Israele. Il corpo soffre a causa del comportamento scorretto e corrotto di questa testa. Anche la testa stessa soffre, ma non tanto quanto il corpo. Ci sono miliardi di persone nel mondo che soffrono, muoiono di fame, si ammalano di ogni tipo di malattia e di chi è la colpa? In verità è colpa di Israele. Perciò la reazione naturale da parte del corpo è l’odio istintivo.

È come un corpo che è stato forzato allo sciopero della fame per uno scopo che non conosce e sul quale non concorda. La testa ha deciso che ora doveva morire di fame e il corpo soffre. Il corpo non prende decisioni, non ha una testa, ha solo uno stomaco che ha bisogno di essere riempito. Il corpo ha bisogno di riempire il suo vaso, ma sente che non gli è permesso farlo e lo stomaco è vuoto. Quindi il corpo odia la testa senza capire il perché questo avvenga.

Il corpo non può capire, non può decidere e non può accettare la restrizione perché ha bisogno di riempimento. La testa non provvede al riempimento, per cui il corpo maledice la testa. Qui c’è solo una soluzione: la testa deve comportarsi correttamente e attaccare il corpo a se stessa. Quando diventeranno uno, il corpo capirà che questo sciopero della fame e tutte le altre azioni sono per il bene dell’intero corpo, per il bene del Creatore.

Prima di tutto è la testa che deve essere riparata in modo che ci sia unione in essa: i pensieri corretti e le giuste decisioni. Poi la testa agirà con il corpo secondo il desiderio superiore, cioè il Creatore: attaccherà il corpo a se stessa e agirà insieme con esso come un intero organismo in tutta la sua altezza.

Israele deve unirsi con l’intenzione di condurre alla connessione la forza superiore con il corpo, le nazioni del mondo, per mezzo della sua correzione. È per questo scopo che esistiamo. Siamo solo un adattatore, un canale di collegamento tra il Creatore e le nazioni del mondo.

Tutto il male del mondo è la conseguenza del fatto che la testa non è correttamente organizzata. Tutto il bene che già esiste nel mondo ci arriva dal Creatore come un anticipo. Israele è una testa corrotta tra il Creatore e le nazioni del mondo. Per cui riceviamo colpi sia dal Creatore che dalle nazioni del mondo. Le nazioni del mondo devono conoscere la missione del popolo di Israele per spingerci intenzionalmente.

Devono capire da cosa dipende la connessione e perché odiano Israele. Baal HaSulam spiega che la divulgazione di questa conoscenza tra le nazioni del mondo deve precedere la correzione, come il Faraone che conosceva il destino del popolo di Israele e gli permise di andarsene. Dopodiché la pressione delle nazioni del mondo diventerà costruttiva e lavoreremo insieme.2

Dalla seconda parte della lezione quotidiana di Kabbalah del 12/09/2019, Il Kli (vaso) che detiene una benedizione per Israele
1 Minuto 5:55
2 Minuto 7:59

Materiale correlato:
Un vaso che distribuisce l’abbondanza
Che cos’è il vaso spirituale (il desiderio)?
Il vaso dell’intenzione

L’appagamento costante nel desiderio

Una persona non riceve soddisfazione dall’amore in sé, ma dalla brama di amore, dal desiderio di chi ama. È felice di provare questo sentimento senza ricevere un appagamento egoistico.

Pertanto l’azione spirituale è compiuta attraverso la fede al di sopra della ragione, nell’interesse della dazione. Questo è un altro genere di Kli. È il desiderio che appaga una persona ed è la cosa più importante, per cui è necessario coltivarlo.

La stessa regola si applica al nostro mondo: fintanto che desideriamo l’obiettivo, questo ci appaga molto più che la realizzazione del nostro sogno, che poi si rivela non essere ciò che ci immaginavamo. Ma perché succede questo?

Il motivo è che, nei fatti, la natura dei desideri e dell’appagamento non funziona in questo modo. La volontà di ricevere non è stata creata per essere colmata ma piuttosto per sviluppare il desiderio di amore e dazione al di sopra di essa.

Dalla prima parta della lezione quotidiana di Kabbalah del 03/07/2019, “La mancanza per la grandezza del Creatore”

1 Minuto 16:55

Materiale correlato:
La condizione della libertà assoluta
La Kabbalah è la scienza dell’ amore
Crescere da zero

Pensare al Creatore

Domanda: Esistono molti metodi di avanzamento spirituale che apparentemente parlano della stessa cosa ma non concordano sui metodi per la realizzazione del Creatore. Ogni nazione dovrebbe avere il suo personale metodo per raggiungere la forza superiore?

Risposta: Esatto, perché raggiungere il Creatore è possibile solo attraverso l’annullamento e l’eliminazione dell’egoismo che separa una persona dal Creatore. Questo lavoro dipende proprio dalla natura di una persona. La completa abolizione del proprio egoismo si chiama il metodo di Israele, quello che ricevette Abrahamo. Ci sono metodi che egli diede come dono alle venti nazioni del mondo che vissero a quell’epoca nell’antica Babilonia.

E il principio è lo stesso: si dovrebbe annullare l’egoismo. Con questo annullamento una persona comincia a sentire la forza superiore. Ogni nazione ha il suo personale tipo di egoismo per cui i metodi del suo annullamento differiscono. Comunque ogni persona può usare il metodo della Kabbalah come il principale metodo che aiuta tutti. La scienza della Kabbalah è un percorso ampio e affidabile, pronto per tutti. Altre nazioni possono usare il loro metodo, ma c’è differenza nel tipo di realizzazione spirituale che possono ottenere in questo modo.

Non è necessario che tutti studino il metodo della saggezza della Kabbalah perché noi studiamo non per conoscere ma per attrarre la luce che riforma. L’annullamento dell’ego è possibile in modi differenti. Per esempio conosco un caso in cui, a causa dell’enorme sofferenza, una persona annullò così tanto il suo ego che ricevette una certa percezione del Creatore. Il metodo della Kabbalah è come l’autostrada principale. Ma ci sono tutti i tipi di percorsi attorno ad essa designati per differenti tipi di anime. 1

Se non penso a me stesso, allora sarò in grado di pensare al Creatore. Non ci possono essere due padroni nel mondo: o sono io oppure il Creatore. Non dovrei preoccuparmi di me stesso ma di come non disconnettermi dal pensiero che il Creatore mi modella in ogni momento, implementando il pensiero della creazione.

Vado al lavoro, mi prendo cura della famiglia, penso a come attraversare la strada in sicurezza, ma allo stesso tempo voglio sentire come ogni momento ed ogni situazione è organizzata per me dal Creatore. Questo significa non pensare a te stesso perché pensi che tutto sia fatto dal Creatore e non che organizzi tutto tu2.

Dalla seconda parte della lezione quotidiana di Kabbalah del 24/08/2019 “Domande e risposte con il Dott. Michael Laitman”.
1 Minuto 00:00
2 Minuto 16:20

Materiale correlato:
Pensare al Creatore
Facciamo pratica dell’amore per il Creatore
Vedere l’unicità del Creatore

Mi ritengo responsabile

La nazione di Israele è un gruppo insolito, perché la nostra connessione non è ad un livello corporeo, quindi è molto instabile.
Apparentemente ci connette in alto, ma non sentiamo connessione tra di noi.
Tutto questo perché il nostro grande ego ci separa gli uni dagli altri. Non c’è una connessione naturale, corporea, mondana, c’è soltanto quella spirituale che esula dai nostri cinque sensi.

Baal HaSulam scrive che soltanto i problemi in comune ci uniscono, come fratelli nella disgrazia. Così sembriamo un mucchio di noci in un sacco, uniti soltanto dall’involucro, che non ci fa disperdere.
Pertanto, la nostra unica speranza è un’educazione pubblica, un movimento verso l’unità nazionale capace di accendere l’amore verso la nazione dentro le persone, così da sentirci un solo corpo tra di noi.

Non dobbiamo sentirci come fratelli nella disgrazia, come facciamo oggi, ma dobbiamo sentire la connessione naturale, eterna che esiste dentro ognuno di noi e da cui non possiamo nasconderci. È la luce superiore che ci mantiene uniti. Altre nazioni sono connesse istintivamente dalla natura stessa, sentono un senso di appartenenza per la loro nazione.
Ma per il popolo di Israele questa connessione richiede la nostra partecipazione e questo dobbiamo prenderlo dall’alto da soli.

Questo amore esisteva tra di noi sin dai tempi di Abrahamo, il fondatore della nazione di Israele. Ma dopo la distruzione del Tempio, e nel corso degli anni, ha cominciato a dissolversi e si è persa completamente durante l’esilio. Dobbiamo costruire quest‘amore adesso, in modo che sia naturale e spirituale. Dopo tutto non c’è amore fisico tra di noi e non vogliamo che la connessione fra di noi sia come quella delle altre nazioni. Non è rimasto più niente dell’amore dopo duemila anni di esilio!1

Io devo fare di tutto per risvegliare il gruppo. Indipendentemente dalla loro risposta, devo continuare a fare di tutto per la loro unione: pregando serenamente per i miei amici, facendo azioni diverse che loro possono vedere, facendo loro da esempio. Comportandomi in questo modo, non dipendo da nessuno a parte il Creatore, quindi chiedo a Lui di darmi la forza e il desiderio. Poi, mi volto verso i miei amici e cerco di ispirarli, e mi ritengo responsabile: “Se io non sono per me, chi sarà per me”?2

Dalla seconda parte della lezione quotidiana di Kabbalah del 17/07/2019 “Gli Scritti di Baal HaSulam, dal Giornale ‘La Nazione’”

1 Minuto 1:00 – 1:19
2 Minuto 12:00

Materiale correlato:
Dal Times of Israel: “La nazione di Israele è l’unica nazione senza origini biologiche”
Esiste un futuro per Israele?
Dall’Egitto alla Terra di Israele

L’evoluzione: dalla democrazia sino al metodo della connessione

Possiamo comprendere cosa sta accadendo all’egoismo osservando i recenti eventi in Israele.
L’egoismo è fondato sulla materia della creazione: il desiderio di ricevere. Se il desiderio agisce per fini personali, si chiama “egoismo“, inclinazione al male. Vediamo processi simili negli Stati Uniti, in Europa e in Israele, dove piccoli gruppi, perseguendo i propri interessi e sfruttando il fatto che viviamo in una società democratica, si alzano in piedi e chiedono a gran voce ciò a cui pensano di avere diritto.

Tuttavia, le loro sono richieste ingiustificate, se giudicate obiettivamente, in proporzione all’effettivo contributo che questi gruppi danno alla società. E quindi essi approfittano del fatto che ognuno ha libertà di parola. Ne consegue che più disordine c’è, maggiore è l’attenzione che attirano verso se stessi. Le leggi esistenti lo consentono. Questo sta accadendo in molte parti del mondo con tutti i tipi di gruppi, indipendentemente dal colore della pelle, dalla tendenza politica, dalla filosofia o dagli obiettivi che le persone perseguono.

Essi sfruttano l’egoismo crescente, sia il loro che quello della società. Ciò gli consente di manipolare forze più potenti, spingendole a sollevarsi l’una contro l’altra, e traendo beneficio da questo confronto.

Ne consegue che la democrazia sta andando in mille pezzi lasciando che piccoli gruppi manipolino grandi formazioni come le forze di destra e di sinistra, democratici e repubblicani, e così via. In ogni paese sono chiamati con nomi diversi, ma l’essenza è la stessa perché l’egoismo è lo stesso ovunque, motivo per cui si manifestano tali eventi negli Stati Uniti, in Israele e in qualsiasi altro luogo del mondo.

Vediamo che la democrazia sta volgendo al termine e le prospettive non sono affatto chiare. Piccoli gruppi con interessi ristretti acquistano forza e approfittano del fatto che ci sono due grandi campi che si oppongono l’uno all’altro, manipolandoli. Di conseguenza, grandi formazioni iniziano a seguire un piccolo gruppo che le usa a proprio vantaggio.

Non c’è ancora una soluzione per tutto questo che, ovviamente continuerà fino a quando non inizieremo a correggere l’egoismo spiegando che la differenza di opinioni, tra i punti di vista di destra e di sinistra, dovrebbe contribuire al rafforzamento della società e non alla distruzione reciproca. Entrambe sono necessarie e dobbiamo trovare uno spazio in cui le opinioni opposte si completino a vicenda, allora ci saranno progressi.

Una salita completa una discesa e una discesa completa una salita. Non c’è luce senza oscurità e non c’è oscurità senza luce, nessun desiderio di ricevere senza il desiderio di dare. Ci devono essere due opposti per costruire una linea di mezzo, che non significa scendere a compromessi. Invece, agisce come “l’amore che copre tutti i crimini”, cioè si innalza al di sopra di entrambi.

I compromessi in cui le parti opposte fanno piccoli passi l’uno verso l’altro non funzionano perché esistono fino a un certo punto e poi tutto esplode.

Ovviamente, nella sua forma attuale, la società umana ha raggiunto il suo limite. La democrazia, lo sviluppo libero e la libertà di parola per tutti si sono trasformati in una forza distruttiva della società. Ciò è evidente dalla crisi dei rifugiati in Europa e dal conflitto tra partiti di destra e di sinistra in America e in Israele. Ogni piccolo gruppo cerca di approfittare di questa situazione e di aggrapparsi dove gli fa più comodo, di concludere l’affare più redditizio per se stesso, trasformandosi in una Klipa, perché invece di diventare una forza utile, diventa dannosa.

Devono esistere due grandi gruppi e tutti gli altri in mezzo stanno solo cercando a quale parte unirsi, cambiando le loro credenze verso gli opposti ogni giorno a seconda del guadagno. Questo è tutto un prodotto logico della nostra democrazia e delle leggi liberali. La situazione sta diventando evidente oggi e ciò significa la fine della democrazia, delle elezioni democratiche e della società umana. Pertanto, il nostro dovere è quello di rivelare al popolo di Israele, e quindi al mondo intero, il metodo della connessione, il metodo dell’educazione umana.

Dalla terza parte della lezione quotidiana di Kabbalah del 04/07/2019, “Costruire la società futura”

Materiale correlato:

La linea di mezzo è al di sopra dell’amore e dell’odio
Qual è la differenza tra il desiderio di ricevere e l’egoismo?
Cosa c’è da correggere?

Una discesa è davvero un’ascesa

Devo essere connesso alla decina come una madre al suo bambino, in modo che non un solo pensiero di lasciarla attraversi mai la mia mente ed io diventi sempre più connesso ad essa ogni giorno che passa.1

Sento la discesa e l’oscurità non a causa del cattivo stato in cui sono caduto, ma perché non posso superarlo e continuare sulla mia strada. Cioè, voglio seguire la via della verità, ma non posso superare la discesa, poi ottengo aiuto, come è scritto: “Colui che viene per essere purificato è aiutato”.

L’avanzamento è misurato precisamente nella discesa perché durante l’ascesa tutto è pieno di luce e di una tale euforia che nulla può essere valutato. Nelle tenebre, mentre si chiarisce la propria attitudine verso se stessi, verso il gruppo, verso il Creatore, si può comprendere il proprio stato.

Questo mi consente di fare una scelta su cosa considerare come avanzamento – non una sensazione piacevole, ma il lottare per raggiungere la meta. L’appagamento che chiedo è di darmi la forza di avanzare, la mancanza della grandezza del Creatore.

Una nuova ascesa inizia solo dopo che una persona ha raggiunto l’ultima profondità di discesa e sente l’oscurità, la disperazione e l’impotenza, ma resiste.2

La discesa è uno strumento per l’ascesa. Se dopo la discesa non lavoriamo con gli strumenti acquisiti, con l’oscurità, l’amarezza, l’incapacità e la confusione che ci vengono rivelate, se non le usiamo correttamente, allora scompare invano. È come una ruota che gira; la metà che si sposta indietro deve poi andare avanti. Se non valutiamo correttamente lo stato che è passato, perdiamo tempo inutilmente perché la discesa non porterà ad un’ascesa. Tutte le ascese sono il risultato dello studio delle discese. Dopo tutto, nella discesa vengono rivelati nuovi desideri (Kelim) e, grazie a loro, avanziamo. La discesa è in realtà un’ascesa.3

Non c’è nulla da nascondere ai nostri amici nella decina; togliamo tutte le maschere e non c’è nulla di cui vergognarsi. Passiamo attraverso tali stati, che poi non rimane nulla in ognuno di noi se non una scintilla. E tutto il resto è la connessione delle scintille insieme al Creatore che si rivela tra loro.4
Dalla 1° parte della lezione quotidiana di Kabbalah del 19/06/2019, “Mantenere l’obiettivo sopra le ascese e le discese”.

1. Minuto 25:00
2. Minuto 29:30
3. Minuto 1:25:10
4. Minuto 1:34:15

Materiale correlato:
Portare beneficio alla società fino all’ultimo respiro
La separazione porta una discesa e l’unità un’ascesa
Perché il cammino verso la rivelazione spirituale è così lungo?

Il Creatore raffigura la tua immagine del mondo

La mia influenza sull’ambiente determina ciò che ricevo da esso, quale sarà il mio gruppo, quale sarà il mio mondo e quale sarò io. Devo capire che l’ambiente è ciò che il Creatore raffigura per me e non è qualcosa di fisso. Ognuno di noi ha la propria immagine e noi non possiamo combinare, aggiungere, assemblare, confrontare e abbinare queste immagini perché sono completamente individuali. Pertanto, influenzando l’ambiente, io influenzo me stesso.

Ogni persona dovrebbe dire “Il mondo intero è stato creato solo per me”, il che significa che devo capire e preoccuparmi costantemente della correzione del mondo, soddisfare le sue esigenze e pregare per esso. Il mondo intero è il mio desiderio in cui io vedo specificamente il mio stato…quello è il mio mondo. Se cambio i miei desideri e le mie qualità, anche il mondo che immagino cambierà.

Tuttavia, per cambiare correttamente e selettivamente i miei desideri, attraverso la mia scelta, devo trovarmi in un gruppo che mi aiuterà a cambiare i miei desideri in quelli sempre più elevati.
Allora io mi sentirò sempre più in basso e quindi desidererò ardentemente di innalzarmi sempre più in alto per crescere e vedere mondi sempre più elevati. Ogni immagine che vedo si chiama “un mondo”.

La capacità di vedere un’ascensione costante, cioè i mondi superiori, si ottiene mediante l’inclusione nel gruppo e ricevendo da esso desideri superiori ai miei desideri individuali ed egoistici. Tutto il mio lavoro per l’ambiente è, in effetti, un lavoro per me stesso. In questo modo, mi innalzo e cresco.

Quindi quando una persona dice “Il mondo intero è stato creato solo per me”, è davvero così. Tuttavia, questo non avviene per ricevere il mondo intero, ma per correggersi ed elevare il mondo che lui o lei percepisce al livello più alto, verso il mondo in cui c’è solo il Creatore. Ognuno sentirà questo mondo nel gruppo, nella decina, giungendo così ad una percezione assolutamente chiara del mondo come HaVaYaH: la decina, dieci Sefirot, in cui il Creatore si rivela in tutto il suo potere. 1

Colui che desidera raggiungere l’equivalenza della forma con il Creatore non deve pensare se ne ha il controllo. Non dovrebbero esserci domande del genere all’orizzonte; dopo tutto, il Creatore non pensa a questo. Non c’è maggiore disuguaglianza di forma rispetto a quando una persona si preoccupa della sua influenza sul mondo, sul gruppo. Dovrebbe staccarsi da tali preoccupazioni e dare tutto questo al Creatore. Pertanto, chiunque pensi al proprio controllo su se stesso e sul gruppo è senza dubbio separato dal Creatore e non raggiungerà mai l’equivalenza della forma con Lui.

Tutte le azioni di una persona dovrebbero essere dirette all’adesione al Creatore, il che significa dare e beneficiare gli altri, che è la condizione per una completa adesione al Creatore. Ognuno dovrebbe cercare di disconnettere il proprio io da qualsiasi interferenza con se stesso e con il mondo e spostarsi solo verso la dazione al fine di aiutare, di dare, di influenzare in modo positivo, di portare forza positiva e nient’altro. Allora ci avvicineremo al Creatore, sentendoLo sempre più come nostro partner. 2

Dal Congresso in Moldavia “Primo giorno” 06/09/2019, “Come posso influenzare la società”, Lezione 3

1 minuto 0
2 minuto 4:45

Materiale correlato:
Percepire l’universo come la manifestazione del Creatore
Il linguaggio segreto del Creatore
Il mondo che vediamo è una foto che abbiamo dentro al nostro cervello

Rapportarsi al governo perfetto del Creatore

Nella realtà, nulla dovrebbe essere corretto se non il nostro atteggiamento verso di essa. Lasciamo che il mondo si sviluppi a modo suo, non abbiamo nulla da aggiungere. Dopotutto noi lo vediamo in base alle nostre caratteristiche. Dobbiamo correggere il nostro modo di vedere la creazione perché la creazione che appare davanti a noi è in assoluta perfezione. La pace nel mondo è la perfezione che dobbiamo raggiungere.

Intorno a me vedo solo me stesso, i miei stessi difetti. Se vedo che tutte le parti della realtà sono imperfette e anche la connessione tra esse è difettosa, ciò mostra l’entità della mia corruzione. Da una parte, vediamo che tutta la realtà è perfetta e solo le persone hanno bisogno di correzione ma, per far sì che le persone siano corrette, deve essere corretto l’ambiente in modo che possa influenzare tutte le persone. 1

Il Creatore influenza le persone attraverso il mondo così come attraverso la natura umana interiore. Così, ci troviamo tra due fuochi, tutto al fine di portarci allo stato corretto, alla comprensione che dobbiamo accettare la guida del Creatore come perfetta e adattarci ad essa. Questo lavoro va contro il nostro desiderio egoistico interiore finché bilanciamo la nostra forza egoistica interiore con la forza esterna del mondo, relazionandole entrambe alla perfetta governance del Creatore.

Chi desidera correggere la forza esterna è detto riformatore del mondo e chi desidera correggere se stesso è detto servo del Creatore.

Il Creatore cambia costantemente in me tutti i desideri, le qualità e le attitudini, governando sulla mia natura interiore. Attorno a me vedo, apparentemente, un mondo esterno che è quello che mi manda anche il Creatore. Ne consegue che sono sotto la doppia influenza del Creatore: interiore ed esteriore. Tutto ciò che devo fare è bilanciarle, mettendo il Creatore come sovrano di entrambe.2

Tutto il mondo grida che non è il Creatore a governare il mondo, tranne me. Questo è il modo in cui riveliamo che è il Creatore a governare su tutti. Non esiste nulla tranne Lui.3

Esiste un risultato auspicabile ed esiste la realtà. È auspicabile vedere il mondo corretto, cioè, sotto il governo della forza unica del Creatore oltre la quale non esiste nulla. Quindi io sono connesso a questa forza unica e vedo che solo il Creatore riempie tutta la realtà.

Ma se non sono ancora corretto, giudico secondo le mie imperfezioni e vedo guerre e turbolenze invece dello stato corretto. Tutto accade solo in relazione a chi consegue e tutte le guerre e i disastri che vediamo stanno avvenendo dentro di noi, dentro la nostra natura. Se non sono corretto, non posso ancora attribuire tutto a me stesso e mi sembra che la guerra stia accadendo al di fuori di me. Non ho ancora raggiunto l’adesione al Creatore e, pertanto, la realtà per me è divisa in due: me stesso e Lui, invece di sentire “noi” come una sola cosa.4

Dalla prima parte della lezione quotidiana di Kabbalah del 10/07/2019, Gli Scritti di Baal HaSulam, “La Pace nel mondo”
1 minuto 4:05
2 minuto 12:20
3 minuto 19:00
4 minuto 19:50

Materiale correlato:

Due canali per percepire la realtà
Tutto sulla rivelazione dell’Amore
Un messaggero con un pacchetto per il Creatore

Il vero successo è portare al mondo la consapevolezza del Creatore

Il popolo di Israele ha fatto ritorno nella terra di Israele, ma se restiamo ancora sopraffatti dai pensieri sul piacere materiale come cibo, sesso, famiglia, denaro, potere e conoscenza, che assorbono tutta la nostra attenzione e oscurano la nostra visione, allora ci ritroveremo ancora una volta in esilio. La vittoria di Israele nella Guerra dei Sei Giorni del 1967 ci assestò un duro colpo perché inaspettatamente acquisimmo territorio e popolazione aggiuntiva per i quali non eravamo preparati e che non sapevamo come trattare.

Questo ha portato ad un grande ristagnamento del nostro sviluppo tecnologico, poiché abbiamo acquisito molta forza lavoro a basso costo e non qualificata e non abbiamo avuto bisogno di sviluppare nuove tecnologie nel settore edile e in altri settori. Questo ci ha davvero rallentato. Ci è voluto molto tempo per superare questo colpo e iniziare a sviluppare nuove tecnologie e un nuovo stile di vita in queste nuove condizioni.

La Guerra dei Sei Giorni è stato un duro colpo per Israele perché eravamo troppo orgogliosi del nostro successo e della nostra forza. Avremmo dovuto raggiungere la rivelazione del male, ma questo deve ancora accadere. Tutta la storia dello Stato di Israele dimostra come il Creatore ci insegna di volta in volta che tutti i nostri successi, risultati, ricchezza e intelligenza non ci aiutano. Di conseguenza, ci troviamo ancora come pecore circondate da lupi che non sanno dove nascondersi.

Questo è ciò che tutta la nostra storia ci insegna e presto sentiremo di nuovo che il mondo intero è armato contro di noi. Oggi ci sentiamo al top grazie al nostro potere tecnologico. Ma questo serve solo per farci salire fino ad una certa altezza, come in una corsa sulle montagne russe e poi spingerci verso il basso. E si tratterà di un’arma a doppio taglio, perché il mondo intero precipiterà nelle tenebre e perderà il proprio equilibrio in questa discesa. Non ci sono sistemi tampone per gli enormi sbalzi della finanza, delle relazioni internazionali, ecc. Questo succede sullo sfondo della completa interdipendenza globale di ognuno su tutti. La situazione è molto allarmante.

Secondo la connessione tra la radice ed il ramo, non c’è posto migliore per la correzione della Terra di Israele. Pertanto, noi siamo obbligati a lavorare qui. Gerusalemme, Safed e Tiberiade sono tutte zone di speciale influenza spirituale. Pertanto, non vi è dubbio che sia più semplice applicare la correzione nella Terra di Israele. 1

Baal HaSulam scrisse della divisione nel popolo di Israele che ha portato al crollo del Secondo Tempio: le dispute ideologiche tra i Farisei e i Sadducei riguardo alla necessità di lavorare per il Creatore. Ma al giorno d’oggi, non c’è altra lotta se non quella per un posto nella leadership, per il potere, il denaro e basta. Da generazioni, siamo alla fine del processo di discesa. Pertanto, nella nostra generazione non c’è più una lotta ideologica, ma semplicemente tutti combattono per la loro posizione, per la loro influenza sugli elettori. Questo non ha nulla a che fare con l’ideologia e i kabbalisti non vi prendono parte.

Oggi abbiamo raggiunto l’ultimo punto nella discesa delle generazioni. Non c’è posto più basso dove andare, resta sono solo la guerra mondiale e la crisi globale. Non c’è nessuna via d’uscita; ora dobbiamo trovare un modo per uscirne. L’unica cosa che dobbiamo capire è da dove viene questa crisi, cioè, quale ne è lo scopo, dove ci condurrà e cosa dovrebbe essere fatto per usare tutto ciò che accade a beneficio del popolo di Israele (perché se si tratta davvero di Israele, significa che aspira al Creatore).

Questo ci porterà alla realizzazione del male da cui capiremo quale dovrebbe esserne l’opposto, lo stato buono e come raggiungere questo bene proprio dall’interno del male. Siamo consapevoli della necessità della nostra connessione e della realizzazione del dono che abbiamo ricevuto: la Torah, la scienza della saggezza della Kabbalah, il metodo dell’unione. Non c’è niente di più grande dell’unione fra noi. Tutti gli slogan su “Ama il tuo prossimo come te stesso” dovrebbero praticamente incarnarsi in noi oggi.

Il nostro egoismo è l’unico nemico che ci impedisce di raggiungere una buona vita corporea e ci ruba la vita eterna e spirituale. A causa dell’egoismo, nasciamo come animali e viviamo e moriamo come animali. Il nostro corpo muore e si decompone senza aver sviluppato un’anima, e scopriamo che le nostre vite sono state vissute invano.

La vita ci viene data per sviluppare un’anima durante la nostra esistenza in questo mondo terreno. L’anima è parte della Divinità dall’alto, e quindi è eterna. Il desiderio di dare al prossimo, che è fuori dei miei interessi personali, è di diventare come il Creatore, e quindi è eterno. Dobbiamo sviluppare questo desiderio il più possibile.

Dobbiamo capire che stiamo scendendo giù dalle montagne russe, nella discesa più ripida e con un muro all’estremità contro il quale ci schianteremo. Quindi vale la pena pensare a come fuggire da questo Olocausto globale, quando tutte le nazioni del mondo si rivolteranno contro Israele.

La salvezza è solo nell’unione del popolo di Israele, nella sua disponibilità ad unirsi per poter dare l’unione a tutta l’umanità. Dobbiamo essere il più vicino possibile alla dazione, almeno nel mondo corporeo. Ciò implica assistenza reciproca, equa distribuzione dei mezzi e tutte le condizioni della società futura, anche se per ragioni egoistiche. Se non lo facciamo, ne scaturirà una situazione peggiore per noi. Non vogliamo portare il mondo ad una tale sofferenza fisica: sarebbe meglio se questa decisione venisse presa in seguito alla realizzazione del male prima che arrivino i colpi. 2

La crisi all’interno del popolo di Israele risiede principalmente nel fatto che nessuno sente di essere in esilio. Al contrario, tutti la considerano come libertà perché Israele è un paese forte e prospero. Tutto è fantastico e abbiamo qualcosa di cui essere orgogliosi. Non capiscono che questi non sono dei parametri con cui Israele potrebbe essere misurato. Non si tratta del successo materiale. Lo stato in cui Israele esiste ora si chiama “distruzione”.

Sembra che tutto vada bene e che Israele sia la patria delle tecnologie più avanzate. Ma noi esistiamo nella natura, in cui tutto è chiuso ed è globale. La natura è il Creatore e noi agiamo contro di Lui sia in senso spirituale che materiale. Dal punto di vista della spiritualità, siamo completamente opposti al Creatore perché ci comportiamo nel modo più egoistico, il peggiore di tutti.

Il nostro desiderio di ricevere è così sviluppato che riusciamo a manipolare il mondo intero. Ma in realtà, ci è stato dato il potere di avere successo esattamente nel modo opposto: per servire il mondo intero, per dare, per insegnare e diventare un canale di collegamento tra il Creatore e gli esseri creati. Invece noi usiamo il nostro egoismo per sviluppare l’hi-tech e far così guadagnare quanti più soldi possibili ai capitalisti e ai produttori di armamenti. Nel frattempo i bambini vengono trascurati e le famiglie ne escono distrutte. Questo è un approccio completamente sbagliato perché stiamo andando contro il programma generale della natura.

Giorno dopo giorno, ci allontaniamo sempre dalla natura comune, e così facendo perderemo sotto tutti i punti di vista. Prima di tutto, questo riguarda la natura in generale, cioè l’ecologia e l’atteggiamento delle nazioni del mondo verso Israele. Sentiamo che l’antisemitismo sta crescendo ogni giorno, sta attraversando tutti i confini e stiamo diventando sempre più “persone dal collo rigido”, che in realtà vivono non nella Terra di Israele ma in Egitto, ridotti in schiavitù dal Faraone.

Abbiamo avuto molto successo nello sviluppo di tutti i valori corporei del mondo: nell’hi-tech, negli armamenti e nell’economia, usando le nostre qualità egoistiche ed enfatizzandole a tal punto che siamo diventati i primi nell’uso dell’egoismo. Ne consegue che abbiamo raggiunto il livello del Faraone. La sofferenza arriverà inevitabilmente presto perché noi abbiamo costruito un mondo del genere. Tuttavia, possiamo trasformare questo incombente tsunami in un’onda gentile e benigna. E allora non sarà l’onda di uno tsunami che lava via tutto il mondo e annega tutti, ma un’onda positiva, per esempio, di cioccolatini e fiori.

Cominciamo con la realizzazione del male e smettiamo di idealizzarci solo come esseri umani tagliati per il successo….perché è per questo motivo che ci ritroviamo in un buco profondo. Israele deve dare al mondo il metodo della correzione, la consapevolezza del Creatore e portare tutti allo stato finale della correzione. 3

Dalla terza parte della lezione quotidiana di Kabbalah del 30/06/2019, Gli Scritti di Baal HaSulam, “L’esilio e la redenzione”
1 minuto 8:20
2 minuto 36:00
3 minuto 1:04:20

Materiale correlato:

Lavorare nella terra di Israele
Unire gli opposti va oltre la velocità della luce
Dall’Egitto alla Terra di Israele

Tutto da un pensiero, e viceversa

Non esiste nient’altro che un pensiero: il pensiero della creazione, che include tutto. Solo noi, gli esseri creati, ancora non lo capiamo e non lo sentiamo, ma esistiamo all’interno di questo pensiero e ne siamo governati. Tutto il nostro lavoro si svolge al suo interno. Questo pensiero è l’intera creazione, il suo piano, e non c’è nient’altro.

Tutto è risolto nel pensiero e tutto è creato dal pensiero. Non importa; tutta la realtà è inclusa nel pensiero. È interessante che gli scienziati moderni, essendo materialisti assoluti, affermino che l’universo sia un pensiero. I ricercatori del cervello umano sostengono che tutti i nostri pensieri, desideri e decisioni sono al di fuori di una persona e che il cervello è solo un dispositivo che cattura questo pensiero e lo trasferisce a noi.

Pertanto, la scienza si sta gradualmente uniformando a ciò che i kabbalisti hanno scoperto molto tempo fa: non c’è nulla nell’universo tranne il pensiero della creazione, e tutti noi esistiamo al suo interno. Sebbene dividiamo la realtà in forze, materia, sentimenti e ragione, in sostanza, tutto accade solo in base al pensiero del Creatore, all’interno del quale esistiamo.

Dobbiamo raggiungere questo pensiero del Creatore in relazione all’essere creato e allora Lo raggiungeremo – non Lui Stesso, ma la Sua attitudine verso gli esseri creati. Questo è l’unico pensiero che esiste. Tutte le varie proprietà opposte che sentiamo sono destinate a rivelare la profondità e l’unicità di questo pensiero.

Non esiste nulla tranne Lui, ma noi realizzeremo questo dall’ opposto, dalle numerose azioni e manifestazioni del Creatore in relazione a noi, che sono molto diverse e contraddittorie. Questi paradossi e discrepanze ci impediscono di renderci conto di ciò che sta accadendo, di essere d’accordo, e ci spingono a uno sviluppo tale che unendo tutte le contraddizioni al di sopra della ragione, raggiungiamo il Creatore. È impossibile raggiungerLo se non dai due opposti che si uniscono e si completano a vicenda1.

Da parte del Creatore, l’azione potenziale, chiamata pensiero, è sufficiente. Per il Creatore, la fine dell’azione è nel pensiero iniziale, ovvero lo stato non corretto e corretto dell’essere creato esistono insieme creando un punto nero chiamato essere creato. Il resto è lo sviluppo di questo punto e della sua autocoscienza, e dalla sua autocoscienza alla consapevolezza del Creatore per capire da dove proviene, chi l’ha creato e chi lo sta sviluppando.

È come un film che ruota attorno a questo punto. Tutti noi, l’intero universo e tutti i mondi ci sono dentro. L’atteggiamento del Creatore, la luce superiore, è chiamato “il pensiero della creazione”.
Esiste, pertanto, un solo pensiero da cui è emerso l’intero universo: il pensiero della creazione, che definisce già tutte le nostre ricompense, i nostri sforzi e tutto ciò che abbiamo vissuto lungo il nostro cammino.

Da parte del Creatore non c’è niente di più grande di questo pensiero. Ma noi, gli esseri creati, siamo in grado di raggiungerLo solo quando ci separiamo da Lui e iniziamo ad agire in modo indipendente. All’interno di questo pensiero compaiono altri pensieri aggiuntivi: le quattro Bechinot (fasi), i Partzufim, i mondi. Noi studiamo ciò che in pratica viene fuori dal punto nero, che potenzialmente include l’intero pensiero del Creatore, l’intero processo inizialmente investito lì2.

Dalla prima parte della lezione quotidiana di Kabbalah del 20/08/2019, “Non esiste nulla tranne Lui”

1 minuto 3:39
2 minuto 12:40

Materiale correlato:
Come possiamo sentire la perfezione?
Fede al di sopra della ragione
Non esiste nulla tranne Lui