Pubblicato nella 'Lavoro spirituale' Categoria

Sentire la vera creazione

Domanda: Le aspettative di un kabbalista vengono soddisfatte maggiormente rispetto a quelle di una persona comune?

Risposta: Queste due cose non possono essere paragonate. È come chiedere ad un bambino se vuole prendere il posto del suo saggio padre che studia, sta sveglio tutta la notte ed è costantemente alla ricerca di qualcosa. Un bambino non può capire queste cose.

Tutto quello che posso dire è che quando una persona si impegna seriamente nello studio della saggezza della Kabbalah, entra nel vero processo di lavoro e inizia a sentire la vera creazione.

[236379]

Dalla lezione di Kabbalah in lingua russa, 08/07/2018

Materiale correlato:
Il passaggio attraverso i Mondi
Raggiungere il mondo superiore dal nostro mondo
Dove viene rivelato il Mondo Superiore?

Cosa dobbiamo chiedere al Creatore?

Domanda: Se “Non esiste nulla tranne Lui”, perché il Creatore non riempie le mancanze? Per esempio, non aiuta le persone con una malattia incurabile…

Risposta: Perché è Lui che ha mandato la malattia! Ogni cosa viene dal Creatore.

Ogni giorno, dall’alba al tramonto, Lui ci manda vari problemi, e noi dobbiamo sforzarci per allontanarci da essi, in qualche modo.

Noi sappiamo che è impossibile scappare ma, nel frattempo, dobbiamo comunque rivolgerci a Lui e cercare di scoprire dove Lui si nasconde dietro a tutto questo. Questo è lo scopo di tutti i colpi che riceviamo. Lui ci manda i problemi per attirare la nostra attenzione.

Domanda: Questo significa che non ha alcun senso chiedere a Lui di cambiare tutto questo?

Risposta: Esatto. Noi dobbiamo chiedere solo una cosa: rivelare la Sua unicità al mondo.

[239241]

Dalla lezione di Kabbalah in lingua russa, 02/09/2018

Materiale correlato:
Come possiamo chiedere qualcosa al Creatore?
Che cosa è possibile chiedere al Misericordioso e Benevolo?
Quando c’è la mancanza per la spiritualità…

Da dove vengono i nostri pensieri?

Domanda: Perché il Creatore mi dà la sensazione che i miei pensieri siano i miei pensieri e che i miei desideri siano i miei desideri?

Risposta: Lo fa perché tu possa rivelare che Egli è la fonte di tutti i tuoi pensieri e desideri, sia di quelli cattivi che di quelli buoni; di tutte le tue azioni, di tutto ciò che accade a te, intorno a te e al di fuori di te.

Ogni volta che ti capita di provare pensieri nuovi, li consideri come tuoi, ma non sono tuoi.

Spesso l’uomo si sorprende quando si rende conto che ciò che gli passa per la testa non sono i suoi pensieri. Ma da dove vengono? Si sono librati da qualche parte tra le nuvole e ora sono atterrati nella sua testa? E poi si trova a dire: “No, non l’ho pensato. Non intendevo dire questo”.

In un certo senso cerca di “controllarsi” perchè si rende conto che qualcosa in lui non va. Questi sono i problemi della nostra individualità e del modo in cui ci posizioniamo rispetto alla realtà.

[238058]

Dalla lezione di Kabbalah in lingua russa, 02/09/2018

Materiale correlato:
Pensieri e sentimenti
Dove sono i tuoi pensieri …
La sintesi dei pensieri nello Shamati “Non esiste nulla tranne Lui”

Tutto si sistemerà nel livello del mondo superiore

Domanda: Se gli altri sono parte di me, allora cambiando gli altri sto cambiando le mie parti esteriori?

Risposta: Certamente. Però, pian piano, perderai la percezione di ciò che ti sta accadendo e non sentirai più chi stai cambiando, se loro oppure te stesso. Comincerai a connetterti con gli altri e poi tutto risulterà essere un insieme comune. Il Creatore connette tutti.

Domanda: Adesso siamo a lezione e ci sono ancora miliardi di persone là fuori nel mondo che fanno cose come lavorare, dormire, litigare, ecc. Ma noi non le sentiamo, allora come possiamo comportarci nei loro confronti?

Risposta: Avete bisogno di abituarvi a questo gradualmente ed allora la questione del tempo, dello spazio su molti livelli, e tutto quello che succede, scomparirà. Vedrete che questo non conta nulla e che tutto si sistemerà su un livello completamente differente.

[239551]

Dalla lezione di Kabbalah in lingua russa, 02/09/2018

Materiale correlato:
Il tempo, lo spazio e “l’io” sono plasmati nella nostra percezione da una Forza
Dove viene rivelato il Mondo Superiore?
La Torah: cambia te stesso per rivelare il Creatore

 

Quando c’è la mancanza per la spiritualità…

Rabash, “L’Agenda dell’Assemblea – 1″, Articolo 17, Parte 2, 1984: ‘E successivamente ognuno deve comportarsi come nelle ultime tre parti della “Preghiera Diciotto”. In altre parole, dopo aver supplicato davanti al Creatore, Lo Zohar dice che nelle ultime tre parti della “Preghiera Diciotto”, l’uomo deve pensare come se il Creatore avesse già esaudito la sua richiesta e se ne fosse andato’.

Domanda: Perché Rabash traccia un’analogia tra la preghiera e l’assemblea della società?

Risposta: La Torah e tutti i testi autentici non sono destinati alle persone religiose, ma al nostro lavoro spirituale pratico.

Domanda: La preghiera è il programma delle azioni della persona nel gruppo?

Risposta: Certo. Per cos’altro credete che sia stata scritta? La preghiera è la crescita del desiderio che rivolgete al Creatore in modo che Egli vi dia tutto ciò che è necessario per il vostro lavoro spirituale. Se una persona non arriva alla preghiera significa che non ha questa necessità (Hissaron), non c’è senso di mancanza, forza per andare avanti, desiderio e fame di spiritualità.

Domanda: Tutto ciò che Rabash scrive sull’ordine dell’assemblea della società si verifica nello stesso luogo e nello stesso tempo?

Risposta: Non contano né la geografia, né il tempo. Tutto può accadere in momenti diversi, tra amici diversi.

Domanda: Si tratta di stati cumulativi?

Risposta: Sì, ma in ognuno di noi si accumulano arbitrariamente, non necessariamente nello stesso luogo e allo stesso tempo. Nella spiritualità questa non è una funzione rigida.

[238656]

Dalla trasmissione di KabTV “L’ultima generazione”, 13/06/2018

Materiale correlato:
I principi del Lavoro Spirituale del 9 Settembre 2011
Che cos’è la necessità spirituale?
Preghiera per la Società

Segreti e angeli

Domanda: Adam HaRishon scrisse un libro intitolato L’Angelo Segreto. La saggezza della Kabbalah viene definita scienza, ma questo libro parla di segreti e angeli?

Risposta: “Segreto” significa nascosto e niente di più. Ogni cosa che mi viene tenuta nascosta è per me un segreto e diventa realtà solo quando mi viene rivelata.

L’“Angelo” è una forza. Tutte le forze della Natura sono chiamate angeli. Ad esempio la forza di gravità: se qualcosa cade sul pavimento indica che la Terra produce una forza che attrae a sé. Questa forza è chiamata l’angelo dell’attrazione. “Angelo”, in ebraico la parola “Malach“ ha origine dalla parola “Malchut.” Noi chiamiamo angeli tutte le particolari caratteristiche di Malchut.

Domanda: Qual è la forza nascosta che Adam conseguì, e che è diversa dalle onde elettromagnetiche e dalla forza di gravità?

Risposta: Adam rivelò la forza della natura che governa l’intero universo, l’intera creazione, il nostro mondo e il mondo superiore. La chiamò Creatore, “Boreh”, che significa “Creatore”. Ovvero comprese che questa forza crea. Boreh, inoltre, significa “Bo” e “Reh”: vieni, scopri, vedi, rivela. Adam sperimentò tutto questo e lo descrisse nel libro L’Angelo Segreto.

[239027]

Dalla lezione di Kabbalah in lingua russa, 16/09/2018

Materiale correlato:
L’Angelo Raziel
La storia del mondo alla luce della saggezza della Kabbalah – 2’ Parte
Gli Angeli sono forze

Un aiuto nel lavoro spirituale

Domanda: I mezzi virtuali di comunicazione al giorno d’oggi sono molto ben sviluppati. Ci sono stati rivelati in questo particolare momento storico perché l’ego è esploso così intensamente che non saremmo stati in grado di fare a meno di loro?

Risposta: Certamente. Attualmente abbiamo ogni tipo di dispositivi che ci permette di stare in costante comunicazione reciproca. Possiamo scriverci e-mail, inviare immagini, parlare; tutto ciò che vogliamo! Questo cancella le distanze.

Possiamo vedere i nostri amici, la nostra Decina, sul nostro telefono o sullo schermo del computer, e allo stesso tempo parlare con loro come se fossimo in una connessione fisica costante. In realtà, questa connessione è fisica perché la sentiamo come una connessione normale.

Pertanto, ora si presta molta attenzione alla qualità della comunicazione. La distanza non conta, tutto dipende da noi.

Certo, la cosa più importante è la comunicazione interiore, ma è insufficiente. Questa deve essere supportata dalla connessione fisica. Senza questo, non saremo in grado di produrre continuamente sforzi interiori.

Dobbiamo ascoltare, vedere e capire i nostri amici, ammirarli e invidiarli, e sentire tutto questo. Altrimenti, come possiamo accingerci a lavorare?

[239170]

Dalla trasmissione di KabTV “L’ultima generazione”, 27/06/2018

Materiale correlato:
I grandi kabbalisti sono anime speciali
Un’alleanza di anime connesse
New Life n.1070 – La connessione delle menti umane – 1’ Parte

Percepire l’universo come la manifestazione del Creatore

Domanda: Gli eventi materiali e spirituali sono orchestrati in anticipo e si presentano come se esistesse uno scenario prestabilito?

Risposta: Certamente. E’ così che si rivelano.. Siamo noi che li facciamo accadere? Il mondo ci appare nelle sue varie forme e noi dobbiamo imparare a comprenderle, a realizzarle, ad associarci ad esse ed in questo modo a progredire.

Ogni volta che ci affacciamo su una determinata visione del mondo, dobbiamo adattarci, comprenderla, connetterci ad essa e provare a renderla migliore. La modalità con cui percepiamo il mondo determina il nostro avanzamento.

In realtà, noi dovremmo sempre vedere il mondo come manifestazione del Creatore. Ci rendiamo conto di quanto siamo imperfetti ad immaginare il mondo intorno a noi denso di cose terribili, depressione e orrende tensioni?

Domanda: Mettiamo per esempio che qualcosa di nuovo ci venisse rivelato. Quale dovrebbe essere la nostra prima reazione? Dovremmo dire “Non esiste nulla tranne Lui”?

Risposta: Prima di tutto è necessario comprendere che il Creatore è la forza superiore che determina gli avvenimenti e che riempe qualsiasi cosa. Quello che questa forza ci mostra è la perfezione, ma noi distorciamo la realtà che vediamo senza “occhiali” a causa della nostra corruzione, attraverso le lenti del nostro egoismo.

Domanda: Quindi devo giustificare qualsiasi cosa?

Risposta: Non solo devi giustificare ma anche sentire e vedere la perfezione. Dobbiamo aderire al Creatore in maniera tale che ci uniamo a Lui attraverso la correzione, e possiamo passare da uno stato di correzione ad un livello di perfezione. Da una parte dello schermo ci siamo noi, dall’altra parte c’è Lui.

Domanda: E se vediamo che non riusciamo ad attribuire questa forza a “Non esiste nulla tranne Lui”, così che non riusciamo a giustificarla?

Risposta: Avete l’opportunità di pregare, di chiederGli di correggervi così che possiate percepire il mondo come perfetto.

Ma, se per sentirvi bene, preferite continuare a vivere così, non riceverete nulla. Se, invece, volete vedere il mondo come perfetto in maniera da non maledire il Creatore poiché vi crea dolore, allora si che riceverete. Perché allora starete domandando al Creatore di darvi la possibilità di vederLo così com’è: il bene che fa il bene.

[238853]

Dalla lezione di Kabbalah in lingua russa, 26/08/2018

Materiale correlato:
Vedere un mondo perfetto
Dove possiamo rivelare il Creatore?
La rivelazione del Creatore è nelle sensazioni

Se “Non esiste nulla tranne Lui”, allora io chi sono?

Domanda: Se non esiste nulla oltre al Creatore, allora io chi sono e dove mi trovo?

Risposta: Tu non esisti. Hai solo bisogno di raggiungere uno stato in cui non ci sarà più alcuna differenza fra te e il Creatore e non sentirai assolutamente più che esiste il tuo “io”. Ti fondi con Lui nei pensieri, nei desideri e nei gesti che compi.

Domanda: Anche il Creatore è privo del suo “Io”?

Risposta: Il Creatore non ha alcuna percezione del Suo “Io” dato che si tratta dell’unica forza esistente sin dall’inizio ed è eterna, al di là di tempo, spazio, e movimento. Non esiste quindi questa domanda a proposito del Creatore perché noi non possiamo immaginare in quali coordinate Egli esista.

[238171]

Dalla lezione di Kabbalah in lingua russa, 09/02/2018

Materiale correlato:
La sintesi dei pensieri nello Shamati “Non esiste nulla tranne Lui”
Lo scopo della creazione e lo sviluppo del desiderio
Non esiste nulla tranne Lui

Cosa significa cambiare il mondo?

Domanda: Cosa c’è di sbagliato nel voler “piegare” il mondo intero per adattarlo a me stesso, se il mondo è pieno di vizi e cattiverie?

Risposta: Capisco che vorresti cambiare il nostro mondo. Ma se lo fai con la forza, otterrai solo alcuni dei tuoi mondi più piccoli frammentati.

Devi cambiare te stesso e allora, invece del mondo di oggi, che ti appare nelle tue caratteristiche egoistiche, ne scoprirai un altro, migliore, un mondo altruistico. Cambiare il mondo significa cambiare le tue caratteristiche e così lo vedrai diversamente.

Devi capire che noi esistiamo solamente all’interno dei nostri desideri. Cambiando i nostri desideri dallo stato più basso allo stato di dazione completa e di amore, che è il mondo dell’Infinito, noi possiamo muoverci in avanti e indietro lungo la scala dei mondi spirituali. Tutto questo dipende dalle nostre caratteristiche.

[238814]

Dalla lezione di Kabbalah in lingua russa, 26/08/2018

Materiale correlato:
Come possiamo sentire la perfezione?
Porto tutto il mondo dentro di me
Tutti i cambiamenti sono dentro di me, non al di fuori