Pubblicato nella 'Lavoro spirituale' Categoria

Ricompensa e punizione sono entrambe a mio favore

Dr. Michael LaitmanDalla Torah (Deuteronomio, “Eikev”, 7:14-15): “Tu sarai benedetto sopra tutti i popoli; ei non vi sarà nel mezzo di te, e del tuo bestiame, né maschio, né femmina sterile. E il Signore rimuoverà da te ogni malattia; e non ti metterà addosso alcuna di quelle funeste infermità di Egitto, delle quali tu hai avuto conoscenza; anzi le getterà addosso a tutti i tuoi nemici.

Tutto ciò che vi sembra cattivo nella vostra vita sono delle percosse dirette all’egoismo e non a voi. Supponiamo che ora mi connetta al mio egoismo e lavori per lui. In seguito comincerò ad allontanarmene gradualmente, e quindi tutte le botte che arriveranno  attraverseranno l’egoismo e non me. Sono contento che il mio egoismo prenda le botte, perché questo mi aiuta ad allontanarmene maggiormente. Pertanto le botte e le punizioni di cui parla la Torah mi aiutano ad avanzare più velocemente.

Esse vengono avvertite da me non sotto forma di punizioni, ma come qualità egoistiche che appaiono dentro di me e che mostrano quanto l’egoismo mi danneggia, quanto dolore sento, le sofferenze e i problemi al suo interno, e quanto lo odio. Attraverso queste punizioni io posso allontanarmi dall’egoismo sempre di più, fino a raggiungere lo stato chiamato “la terra di Israele”. Perciò è scritto: “quelle funeste infermità di Egitto, delle quali tu hai avuto conoscenza; anzi le getterà addosso a tutti i tuoi nemici”, ovvero sul mio egoismo, e io mi allontanerò sempre di più dall’Egitto verso la terra di Israele.

Ne consegue che entrambi i premi e le punizioni siano a mio vantaggio. Se io osservo tutto correttamente, il più e il meno sono entrambi inclusi nel risultato.

La cosa più importante è ciò che enfatizzo con il mio egoismo, il mio “io”, o con quel punto nel cuore che mi conduce alla spiritualità. Abbiamo solo bisogno di mantenere il punto nel cuore che vuole essere al di sopra dell’egoismo e di valutare correttamente i nostri stati. E allora non abbiamo bisogno d’altro.

Anche se l’uomo si indebolisce e improvvisamente si concede alcune cose, lasciatelo fare, però sotto controllo “E adesso mi permetto di rilassarmi per mezz’ora”. Non importa quello che fa, ma lui sa di aver deliberatamente barrato questa mezz’ora dalla sua vita, nel senso che non scompare da sola.

In altre parole, se egli ha un desiderio fastidioso, è meglio arrendersi ad esso per mezz’ora al giorno, in modo da non rovinare le restanti 23 ore e mezza. Tra l’altro gli psicologi consigliano la stessa cosa per sbarazzarsi di un desiderio ossessivo. È la stessa cosa per l’uomo quando è obbligato a mangiare, il corpo lo richiede!

[191022]

Dalla trasmissione di KabTV “I Segreti del Libro Eterno” 13/04/16

Materiale correlato:
Ricompensa invece di punizione
Vedere il mondo attraverso un punto nel cuore
Le difficoltà vengono date solo ai forti

La demolizione dell’altare

Dr. Micahel LaitmanDalla Torah (Deuteronomio, 7:05-06):Anzi fate loro così: Disfate i loro altari, e spezzate le loro statue, e tagliate i loro boschi, e bruciate col fuoco le loro sculture. Perciocchè tu sei un popolo santo al Signore Iddio tuo; il Signore Iddio tuo ti ha scelto, acciocché tu gli sii un popolo peculiare d’infra tutti i popoli che sono sopra la faccia della terra”.

Deve essere distrutto tutto ciò che riguarda l’intenzione per me stesso e che è un rituale per l’egoismo. Pertanto per bruciare, distruggere, ecc., ci si riferisce ai quattro modi per uccidere l’egoismo che dobbiamo perseguire fino a farlo scomparire.

Non stiamo parlando del desiderio in sé, ma dell’intenzione dietro esso. Il desiderio rimane nella sua forma originale. Solo l’intenzione per me viene distrutta e sostituita con l’intenzione per gli altri e per il Creatore.

L’altare è ciò che faccio per il riempimento egoistico. Tuttavia, ho bisogno di sbarazzarmi di quest’azione, di questa qualità e di questo metodo di riempire l’egoismo. E come posso allontanarmi dall’egoismo? Solo rompendo il metodo per riempirlo. Questa è la demolizione dell’altare. Non può essere trasformato, può essere solo distrutto, nel senso di spargere le pietre, rompere il cuore e ripartire da zero.
[190548]

Dalla trasmissione di KabTV “I Segreti del Libro Eterno” 06/04/16

Materiale correlato:
Un Dio geloso
Fuoco e Acqua
Riforgiare l’egoismo in dazione

Ci troviamo tutti dentro una rete di forze

Dr. Michael LaitmanDomanda: Se il mondo intorno a noi diventa ogni giorno più violento e intimidatorio, come dobbiamo connetterci con le persone sul posto di lavoro, quando usiamo i mezzi pubblici e in altri luoghi nei quali incontriamo persone il cui punto nel cuore non si è ancora rivelato?

Risposta: Ti consiglio di approfondire maggiormente te stesso e di stare meno in contatto col mondo esterno, visto che non sarai capace di correggerlo. La cosa migliore che puoi fare è allontanarti dal mondo e concentrarti sui cambiamenti interiori.

Nel momento in cui la forza superiore si rivela gradualmente dentro di te, il mondo comincerà a splendere davanti a te in maniera differente.

Vedrai in che misura le persone che ti circondano sono lontane da te, e comprenderai che sono manovrate dall’alto e che non hanno niente di proprio, sono senza libero arbitrio, senza qualità, ecc., ma che questo è semplicemente il modo in cui giocano dall’alto con loro.

Il sistema completo ti sarà rivelato e vedrai sette miliardi di persone correre da una parte all’altra come delle formiche. Ci troviamo tutti dentro ad una rete di forze che manovra tutte le persone e tutte le creature di questo pianeta, e non devi relazionarti con le persone come se qualcuna avesse libero arbitrio.

Ti diventerà più chiaro come attrarre in te la forza positiva della rete di forze nella quale ti troviamo, per ascendere attraverso questa forza sopra il destino comune, e acquisire un nuovo destino speciale. Questo sarà in tuo potere.
[191149]

Dalla lezione di Kabbalah in russo 17/04/16

Materiale correlato:
Nuova Vita 508 – Tutta la verità sulla Forza Superiore
Connettersi con gli altri per la correzione del mondo
La Kabbalah è la scienza della correzione del mondo

Come trascendiamo il Machsom?

Dr. Michael LaitmanDomanda: L’uomo trascende il Machsom (Barriera) attirando la giusta quantità di Luce Circostante (Ohr Makif)? Egli lo trascende dopo aver attirato una quantità sufficiente di Luce Circostante, oppure ha bisogno di qualcos’altro oltre alla Luce Circostante per superare il Machsom?

Risposta: La Luce Circostante fa tutto.

Domanda: Come può l’uomo capire se ha superato il Machsom o no? Qualcosa gli si apre davanti nelle proprie sensazioni? In lui si sviluppa il sesto senso tramite il quale comincia a sentire la presenza del Creatore?

Risposta: Sì!
[191055]

Materiale correlato:
Il Machsom è una barriera psicologica
Un invito ad attraversare la barriera-Machsom
Penetrare il nuovo mondo attraverso la cruna di un ago

Non perdete la connessione con il Creatore

Dr. Michael LaitmanDalla Torah (Deuteronomio 7:02-04): “Non farai con esse (le altre nazioni) alleanza né farai loro grazia. Non ti imparenterai con loro, non darai le tue figlie ai loro figli e non prenderai le loro figlie per i tuoi figli, perché allontanerebbero i tuoi figli dal seguire Me, per farli servire a dèi stranieri, e l’ira del Signore si accenderebbe contro di voi e ben presto vi distruggerebbe”.

L’uomo non deve fare nessuna concessione all’egoismo, nessun collegamento e nessuna soluziona parziale. Egli deve uccidere completamente l’egoismo, elevarsi al di sopra di esso, smettere di usarlo nella sua forma naturale e usarlo solo dopo la prima restrizione con lo schermo, con la Luce che Ritorna, per la dazione e l’amore.

Domanda: Cosa significa “e non prenderai le loro figlie per i tuoi figli”?

Risposta: Non lasciare nulla di origine egoistica che alla fine si manifesterà in voi come una vostra qualità corrotta. Allora perderete la connessione con il Creatore e non sarete in grado di continuare a combattere per la purezza della vostra correzione e per elevarvi spiritualmente.
Far sposare un figlio ad una figlia di qualche popolo straniero, significa permettere qualche contatto con l’egoismo in futuro. Non ci può essere il Creatore in questa azione, perciò è detto che questo “allontanerebbero i tuoi figli dal seguire Me, per farli servire a dèi stranieri”.
[190544]

Dalla trasmissione di KabTV “I Segreti del Libro Eterno” 06/04/16

Materiale correlato:
Lavorare con il Creatore
Dal deserto alla Terra d’Israele
Dall’Egitto alla Terra di Israele

Il Creatore è rivelato nell’amore

Dr. Michael LaitmanLa Torah (Deuteronomio 6:25)  “… e sara’ per il nostro merito che continueremo ad osservare tutti questi comandamenti davanti al Signore, nostro Dio, come Lui ci ha comandato …”

Abbiamo bisogno di correggere tutti i nostri desideri dall’uso egoista all’uso altruista, verso la connessione mutua l’uno con l’altro.

Abbiamo bisogno di chiedere al Creatore che ci dia l’ abilita’ di connetterci, di arrivare ad essere come un uomo con un solo cuore, e nell’amore mutuo, dare a Lui l’ opportunita’ di essere rivelato tra di noi.

La stretta osservanza dei comandamenti , significa osservarli non per te stesso, ma solo per dare in assoluto agli altri, quando fai la revisione di tutti i tuoi desideri fino in fondo e non sei d’ accordo in nessuna parte con l’ egoismo .

Il Creatore ci comando’ “Ama il tuo prossimo come te stesso” in ogni desiderio, in tutte le circostanze che lui ci presenta davanti .

Per questo motivo , abbiamo bisogno di convertire questo kli (vaso ) egoista che tiriamo fuori dall’ Egitto verso la connessione mutua nella quale e’ rivelato l’ amore, e nell’amore il Creatore è rivelato.
[190470]

Da Kab tv  “I Segreti del libro eterno” 06/04/2016

Materiale correlato:
Un laboratorio per correggere l’ego umano
Annullare i nostri desideri egoistici
Due desideri impegnati con il pensiero della Creazione

Come posso soddisfare i desideri?

Dr. Michael LaitmanDomanda: Come posso riconoscere il desiderio del mio amico? Cosa significa donare nella spiritualità e soddisfare i desideri dei miei amici?

Risposta: Il desiderio del tuo amico è rivelare il Creatore. Tuttavia, egli può farlo solo se ha la stessa caratteristica di dazione del Creatore, almeno ad livello minimo.

Tu puoi aiutare il tuo amico nell’ottenere la caratteristica del Creatore lavorando insieme alla spiritualità. Allora ci sarà un’azione tra di voi e lui verrà attratto dalla Luce che Riforma.

La Luce è la caratteristica della dazione e dell’amore. Diventando più vicini l’un con l’altro, diventerete più simili alla caratteristica della Luce e accumulerete la caratteristica della dazione e dell’amore tra voi ed i vostri amici. La Luce inizierà a manifestarsi tra di voi e la percepirete come la rivelazione del Creatore. Ecco come dovrete lavorare con i vostri Amici.
[189947]

Dal Congresso di Mosca, Giorno 2, 03/05/16 Lezione 5

Materiale correlato:
La scienza di nascere dentro la Luce
I Kabbalisti sul lavoro spirituale nel gruppo, Parte 13
La caratteristica della dazione: la Forza che ravviva tutto

Contrariamente alla Legge di Murphy

Dr. Michael LaitmanDomanda: Ho la sensazione che qualcuno sia con me tutto il tempo. Per esempio, prima di giungere in farmacia, lui si assicura che abbiano finito le scorte della medicina di cui ho bisogno. E così succede in ogni ambito. Come mi devo comportare quando la vita mi fa lo sgambetto in questo modo?

Risposta: Tutto proviene dal Creatore. Non vi è alcun motivo di allarmarsi più di tanto per questo. Devi solo capire che questo è il modo in cui veniamo educati.

Commento: Ma esiste la legge di Murphy in base alla quale una fetta di pane imburrato cade sempre a terra dalla parte imburrata.

Riposta: Questo non influenza il mondo spirituale, poiché nel mondo spirituale vi è un’unica legge: il volere del Creatore. Tutto procede in base al Suo volere, sempre, ed io lo accetto come un dato di fatto. Quindi non mi importa se Lui mi “prepara” la stessa situazione 200.000 volte. Io accetto sempre ogni situazione in quanto proviene da Lui, allo scopo di farmi evolvere.

Domanda: Quindi lei non tenta di capire perché ciò avviene ma dà per assodato che tutto provenga da Lui?

Riposta: Io non conosco il motivo. Posso scoprire in parte ciò che Lui mi ha dato solo quando affronto la situazione e mi elevo al di sopra di essa fino ad un certo livello.
[190257]

Dalla lezione di Kabbalah in russo 10/04/16

Materiale correlato:
Lavorare con i disturbi
Una soluzione semplice per i problemi economici
Anticipare l’egoismo

Che cosa ci dà speranza?

Dr. Michael LaitmanDomanda: Che cosa ci dà speranza?

Risposta: Ciò che fa la Luce che Riforma (Ohr Makif), la quale splende da lontano e ci dà la speranza e le previsioni di futuri buoni eventi.

Se volete sperimentare il suo effetto, è necessario essere circondati da persone che hanno già questa Luce nel presente piuttosto che nel futuro. Allora inizierete a ricevere da loro il suo splendore.
[189795]

Dal Congresso di Mosca, secondo giorno, lezione 5, 03/05/16

Materiale correlato:
Tutta la verità sulla Luce Circostante
La vita nel flusso della luce infinita
Ho faticato a ritrovati

Cosa affermano le leggi della Torah

Dr. Michael LaitmanDomanda: Perché il semplice apprendere le leggi pratiche dal libro Shulchan Aruch non è sufficiente per adempiere la Torah e le Mitzvot (Precetti)?

Risposta: Perché dobbiamo essere “Come un solo uomo con un solo cuore” non solo per eseguire tali operazioni, ma anche per ricevere la Torah. Come possiamo affermare oggi di portare a compimento le leggi della Torah?! Per prima cosa dobbiamo anelare a raggiungere le condizioni per la loro attuazione, o per lo meno anelare all’unificazione. E allora scopriremo che tutte le leggi della Torah parlano di come raggiungere l’unità.

Ricevere la Torah è solo l’inizio del suo compimento. Dopo averla ricevuta, l’egoismo comincia a rivelarsi sempre di più e dobbiamo aumentare l’unione tra di noi. In questo modo cresce il nostro cuore comune, fino a quando non includerà tutti al suo interno.
[190718]

Materiale correlato:
Diventare la versione aggiornata del Creatore
Quando il Libro ti legge
Le interpretazioni interiori ed esteriori della Torah