Pubblicato nella 'Kabbalah e altre scienze' Categoria

L’ evoluzione biologica dell’amore

Opinione (Markov, prof. RAS): Da dov’è apparsa nell`uomo la capacità sostenibile dell’amore romantico a lungo termine con la formazione di coppie permanenti?

Negli esseri umani e negli animali funzionano gli stessi sistemi di regolazione di queste forme di comportamento, le reti neuronali della gestione del comportamento sessuale e sociale.

Gli studi neurobiologici confermano che l’amore è qualcosa di più che un’emozione di base. Essa è collegata con funzioni cognitive superiori. L’amore romantico comprende l’attività della corteccia cerebrale, responsabile della conoscenza sociale (operazioni con informazioni su altre persone) e la percezione (immagine) di se stesso. Conclusione: l’amore è basato su un desiderio di estendere l’immagine interiore di se stessi tramite l’inclusione dell’altra persona in quest’immagine.

Il mio commento: Tutto è stato creato solo per l’espansione delle sensazioni e per l’inclusione di essi tra tutti gli esseri del mondo. Nell’uomo, l’amore è necessario come mezzo di comunicazione e dell’inclusione reciproca, che porta ad una maggiore interazione sia positiva che negativa e in seguito di capire la necessità dell’ unione completa per lo scopo della creazione.
[127372]

Materiale correlato:

Un territorio comune nel quale dimora l’amore
L’amore dei fiori come esempio per la gente

L’uomo non discende dalla scimmia – Lo è ancora

Opinione (А. Markov, dottore in scienze biologiche, paleontologo): L’interesse delle persone verso sé stessi ha una radice evolutiva molto profonda. Questo interesse è stato utile ai nostri antenati, perché la comprensione di sé stessi aiuta a capire anche gli altri, e la comprensione degli altri è un vantaggio per il successo nella società dei primati. Ma questo interesse ha delle conseguenze non positive: l’ inclinazione verso un eccessivo auto apprezzamento, all’allontanamento dagli altri, e quindi alla differenziazione dell’uomo dagli animali (non pensanti, primitivi, pelosi).

Si possono sapere tante cose sull’uomo, quando si riferisce a “noi” alla base dei nostri atteggiamenti stanno non la logica ma le emozioni. “Noi animali” suona offensivo, “Noi scimmie” incita alla sfida.

Probabilmente l’uomo proviene dalla scimmia, perché dal punto di vista della classificazione biologica l’uomo, come era una scimmia, cosi è rimasto!

L’evoluzione ha portato solo in un caso, quello dell’uomo, l’apparizione di una specie con il cervello grande. Dopotutto, questo organo va a costare caro agli animali: utilizza molte calorie, quindi necessita più cibo, un grande cervello appesantisce il parto (i nostri antenati avevano una grande mortalità durante i parti, in cui morivano sia i bambini che le madri). Si può benissimo vivere senza un grande cervello, come tutta la natura intorno a noi.

Il mio commento: Perché la natura ha dovuto sviluppare una certa specie con un ingiustificato cervello grande, che questa specie utilizza per il suo stesso male? A questa domanda dobbiamo dare una risposta proprio nei nostri tempi – noi abbiamo bisogno di un grande cervello per poter assimilare il livello superiore della natura. Dopotutto, per la nostra esistenza quotidiana noi utilizziamo soltanto alcune percentuali della sua potenza, l’altra parte è per il suo utilizzo futuro!
[75035]

Materiale correlato:

Laitman blog: Il nuovo paradigma dell’Universo
Laitman blog: La molla continua a contrarsi

La forza c’è, il cervello non serve!

Opinione (G. Ivanitskij, direttore dell’istituto di biofisica dell’Accademia Russa di Scienze): Non riusciremo mai a trovare una lingua comune con la natura viva. Adesso noi abbiamo nelle mani un’arma potentissima , minacciosa ed imprevedibile che è l’ingegneria genetica. I fisici non possono fare una cosa del genere, loro non sono capaci di creare nuovi mondi fisici.

E se nella fisica è accettata l’esistenza di un qualche osservatore astratto, allora nella biologia questo osservatore è reale, pronto a giocare il ruolo del creatore del nuovo mondo. Ma noi non abbiamo assimilato i principi della biologia, e nemmeno abbiamo capito l’essenza di tanti fenomeni esistenti, per noi è troppo presto parlare della leadership della natura. Noi siamo una parte della biosfera e dobbiamo corrisponderle.

Il mio commento: Se non ci fosse il controllo generale della natura su di noi, allora certamente noi avremmo distrutto il nostro mondo. Ma esiste uno scopo che siamo obbligati a raggiungere e qualunque nostro tentativo di allontanarci dal cammino verso esso, ci porta soltanto a delle sofferenze ancora maggiori, ed involontariamente ci porterà allo scopo.
[72722]

L’elettrone è inesauribile!

Opinione (P. Davies, articolo “Superforce”): E’ stata scoperta la frammentazione del protone, cosa che fino a tempi recenti si presentava difficoltosa, però proprio questo dato di fatto dimostra che tutto lo spazio circostante, includendo il vacuum e la materia, è in grado di cambiare e prendere altre forme. Tutto è pieno di virtualità, ogni particella della materia è attaccata alle simmetrie, all’energia, con un anello solido di iterazioni, particelle inquiete, le azioni delle quali sono molto complicate da valutare fino alla fine.

Per entrare nel protone stesso, nella sua struttura, sono necessari degli strumenti paragonabili alle dimensioni delle galassie, e quindi esclude definitivamente le possibilità ai fisici di arrivare fino alle proprietà dove è possibile dire: “Abbiamo conosciuto il mondo!”

Il mio commento: Tutta la materia si manifesterà come un insieme di forze, e poi come un’unica forza. Si manifesterà così “rispetto all’osservatore”, cioè il fisico-osservatore riconosce che le sue conclusioni dipendono dalle sue stesse qualità. Riconoscerà che la conoscenza non si consegue solo analizzando la materia, dividendola in particelle, ma la si consegue in sintesi, in generalizzazione, conoscendo l’unica forza di controllo. Ma per questo lui dovrà fare degli esperimenti su di sé, cambiando non la materia al di fuori di sé stesso , ma le sue caratteristiche interiori.
[68101]

Materiale correlato:

Laitman blog: Il premio Nobel alla scoperta dell’energia oscura
Laitman blog: Per la prima volta gli scienziati sono stati premiati per la scoperta di qualcosa di sconosciuto

La Sinergetica è la scienza delle leggi del caos

Opinione: La specificità dello sviluppo delle scienze moderne è la tendenza verso l’integrazione, verso l’unione di metodi di varie scienze e verso l’impostazione di metodi comuni di leggi. L’ordine in ogni sistema può essere equilibrato o disequilibrato. Con l’ordine equilibrato i parametri dei sistemi sono uguali all’ambiente circostante, con l’ordine disequilibrato i parametri sono diversi. I sistemi economici e sociali vengono ugualmente descritti attraverso dei parametri.

L’ordine equilibrato è più o meno stabile, nella sua natura è inclusa la resistenza alle varie perturbazioni. La possibilità di ritornare alla situazione iniziale è una qualità dei sistemi autoregolanti.

L’ordine disequilibrato ha una provenienza artificiale ed esiste solo grazie alla ricezione dell’energia dall’esterno. Dopotutto il disequilibrio del sistema e dell’ambiente richiama flussi di sostanze e di energie, per il sostegno dell’ordine si necessita della compensazione delle perdite dall’esterno. Se il nutrimento del sistema con l’energia venisse ad interrompersi, allora andrebbe in equilibrio.

La tendenza verso l’equilibrio è conosciuto nella fisica come il principio dell’azione minore, in biologia come la legge della sopravivenza, in economia come la legge della domanda e dell’offerta. L’essenza di questo consiste nel fatto che il sistema tende verso il cambiamento in maniera tale per ridurre al minimo i disturbi esterni, uscire dal cambiamento con minori perdite ottimali. Tutti i principi che si muovono vengono regolati dalla stabilità dei fenomeni e vengono considerati come organizzati.

I processi dell’auto organizzazione si studiano in “sinergetica” che è la teoria delle azioni comuni. Se la cibernetica studia la stabilità dell’utilizzo della connessione opposta negativa, la teoria generale dei sistemi invece studia i principi della loro organizzazione (la riservatezza, la gerarchia, ecc.), allora la sinergetica studia il loro disequilibrio, instabilità come stati evidenti, i loro innumerevoli non unidirezionali cammini di sviluppo.

La sinegetica studia il mondo disequilibrato nel suo sviluppo non prestabilito e senza alternative e il caos dello sviluppo, dove appare l’ordine futuro. Dallo stato presente del sistema (punti di biforcazione) ci sono tanti vie di sviluppo. Tutte loro concordano poi nel prossimo stato stabile (punto attrattore).

Nella sinergetica si studia la qualità di divergenza e convergenza, di biforcazione e degli attrattori, le leggi dello sviluppo dei sistemi aperti auto organizzati, passaggi dal caos all’ordine e dall’ordine al caos.
[65107]

Materiale correlato:

Laitman blog: Crisi: Connessione attraverso un’esplosione
Laitman blog: La crisi riassume i risultati della globalizzazione