Pubblicato nella 'Israele' Categoria

Il Segreto Essenziale degli Ebrei, Parte 23

Dal libro: Il Segreto Essenziale degli Ebrei, M. Brushtein.

“I Principi Fondamentali della Teoria Integrale”

L’Altruismo non è Egoismo

Sembra che siamo in un vicolo cieco. Da un lato, l’umanità, anche senza rendersene completamente conto, si sta unendo; d’all’altro, non è in grado di unirsi perché le manca l’altruismo necessario per questo scopo. Per coloro che ancora pensano che l’altruismo può essere insegnato, vi proponiamo di guardare questo:

“L’altruismo è una condizione sociale in cui l’individuo è completamente assorbito dal gruppo e non ha obiettivi diversi da quelli del gruppo; l’adempimento del dovere e il rispetto delle norme del gruppo sono considerati i valori più alti”. (Dizionari accademici ed enciclopedie).

Che cosa possiamo fare? Prima di tutto, non dovremmo essere sconvolti. Non sappiamo come affrontare l’altruismo? Niente paura. Guardiamolo da un’altra prospettiva. Cominciamo da qualcosa che è molto più vicino e più comprensibile per noi – l’egoismo, perché è il rovescio della medaglia dell’altruismo.

L’egoismo è una delle manifestazioni dell’individualismo; l’altruismo è l’opposto.

Prima di tutto, noi, ovviamente, siamo interessati alla natura dell’egoismo, alla sua essenza.

I filosofi dicono che stiamo parlando delle qualità morali insite nell’essere umano. Gli scienziati dicono che l’egoismo è un comportamento. Gli psicologi sostengono che i valori sono nascosti dietro di esso. Altri psicologi la chiamano una tendenza, e i sessuologi – uno stato psicologico. Inoltre, gli scienziati politici sono d’accordo con gli scienziati della cultura, gli scienziati sociali – con i primi, gli psicologi e gli insegnanti – con gli scienziati sociali. (Dizionari accademici ed enciclopedie)

In generale, ci sono tante opinioni quanti sono i dizionari. Allo stesso tempo, è stata sviluppata una certa attitudine a queste definizioni. Sulla base di queste, ne consegue che l’egoismo, naturalmente, è una cosa molto grave, ma – come dirlo in parole più semplici? – non fatale e non necessario affatto. Cioè, una persona può avere egoismo e può non averne.

Tuttavia, esiste una diversa e radicale opinione che appartiene a Richard Dawkins, biologo evoluzionista, l’autore de Il gene egoista:

“Noi siamo macchine di sopravvivenza. Robot ciecamente programmati per preservare le molecole egoistiche note come geni”

Inoltre, nello stesso libro, egli rende chiaro ciò che ha in mente.

Lui guarda i geni come le “unità fondamentali della selezione naturale”.

Non è niente di più, né niente di meno. Non si tratta di un comportamento o di uno stato mentale.

Eppure c’è un altro parere, e questo parere sembra essere non rivoluzionario.

“L’egoismo, definito come la forza del desiderio di ricevere, è l’essenza dell’uomo.” (Yehuda Ashlag “La Libertà”)

Questo speciale opinione appartiene a coloro che continuano l’opera di Abramo – i Kabbalisti. Questo è ciò di cui discuteremo nel prossimo capitolo.
[141207]

Adesso o mai più

Dr. Michael LaitmanQuando usciamo per disseminare, e più in generale, durante tutto il giorno, dobbiamo preoccuparci con tutto il cuore della forza della nostra unione. Questa è la sola cosa che determina la forza della Luce, che passa attraverso di noi alla nazione di Israele ed al mondo. E’ come se stessimo cercando di tener su qualcosa, spaventati di lasciarlo cadere e rompere. Dobbiamo sempre tenere l’unità perché la Luce si riverserà solo attraverso di essa. Questa è la garanzia mutua.

Altrimenti le nostre parole saranno solo dei suoni vuoti. Cosa significa unirsi? Sedersi ed abbracciarsi gli uni con gli altri? Significa parlarne? Ne abbiamo parlato per anni, ma è forse servito a qualcosa? Forse ciascuno di noi deve essere messo al muro, con una pistola puntata alla testa per sentire il bisogno di unirsi?

Per voi, “unirsi” significa sedersi e parlare di quanto questo sia importante. Ma a me non piace sedermi e non mi diverto a parlare di queste cose.

Domanda: Allora come possiamo superare questi millimetri finali tra di noi? Ci sentiamo indifferenti, scollegati e abbiamo repulsione gli uni per gli altri. Tutte le persone giacciono nel loro angolo, nella loro propria nicchia, con i loro pensieri ed i loro piani. Ma noi non vogliamo tornare indietro, allora cosa dovremmo fare?

Risposta:Avete bisogno di un lamento di una preghiera.

Dovete capire che non ci sarà perdono, non ci sarà un’altra opportunità. Se volete ottenere il successo, allora questo è il momento. E se non siete all’altezza allora è meglio che ve ne andiate secondo le vostre vie separate. Almeno lungo quel cammino sarete sicuri di essere sulla via sbagliata e di non star facendo nulla per la correzione della vostra anima.

In questi casi, le parole non servono. Quando una persona sente il vero amore, non ne parla. Le persone non mettono in mostra le cose più vicine al loro cuore – le tengono segrete. Ecco perché non posso andare in giro ad urlare riguardo all’unità. E’ diverso quando ne parli scientificamente, anche se l’emozione non può essere comunque espressa visto che essa giace in livelli molto più profondi.

Ad ogni modo, adesso avete un’occasione unica e tocca a voi realizzarla. Da parte mia, vi ho dato tutto quello che era possibile e non posso fare più nulla per voi. Il pallino è dalla vostra parte. Se vi ritirate ora, il futuro di Israele ed il vostro proprio futuro dipenderà dal verdetto del superiore…

Non ci sarà nessun altro momento. Avete sempre aspettato il momento per fare questo lavoro. Ma questo non giungeva. Baal HaSulam ha detto a questo proposito: Colui che rifiuta l’occasione di questo momento se ne accorgerà qualche anno più tardi. Proprio in questo momento siamo semplicemente obbligati a lavorare 24 ore al giorno 7 giorni su 7, sostenere l’unità ad ogni occasione. Non c’è altra scelta. Questo deve essere il nostro solo obbiettivo personale e comune.

Lasciatemi perdere. Avete già tutto quello di cui avete bisogno, e quindi agite, se questo è quello che volete. E se non lo fate, non ho più nulla da aggiungere. Ci sono delle cose che un padre non può fare per il proprio figlio. Adesso è il vostro turno. Tutto dipende da voi.

Quello che è importante non è il materiale che distribuiamo od i discorsi che facciamo riguardo alla necessità di unirsi. Questo deve essere trasmesso in modo sincero da cuore a cuore. Spero che accetterete questa cosa e che lo sentirete sinceramente nel profondo. Spero che voi otteniate la preghiera, un lamento ed il supporto reciproco. In bocca al lupo!
[140912]

Dal discorso  su “L’importanza della Disseminazione” 3.08.2014

Materiale correlato:

Nessun lavoro è più importante della divulgazione
Divulgazione: Da ciascuno secondo le capacità

Il Segreto Essenziale degli Ebrei, Parte 22

Dal libro: Il Segreto Essenziale degli Ebrei, M. Brushtein,

“I Principi Fondamentali della Teoria Integrale”

Ci dobbiamo correggere gli uni con gli altri, nonostante tutte le contraddizioni.

Le nostre interazioni possono essere utilizzate sia positivamente che negativamente.

Diversamente dagli animali, l’essere umano è in grado di portare consapevolmente sia il bene che il male al proprio ambiente.

Le leggi dell’ecologia, della società umana e, in generale, di tutta la natura sono interconnesse per mezzo di connessioni integrali globali.

L’umanità è diventata grande e forte. Allo stesso tempo, sembra un bambino piccolino che si è perso e non sa dove andare.
[141097]

Materiale correlato:

Il Segreto Essenziale degli Ebrei, Parte 21
Il Segreto Essenziale degli Ebrei, Parte 20
Il Segreto Essenziale degli Ebrei, Parte 19

Il Segreto Essenziale degli Ebrei, Parte 21

Dal libro: Il Segreto Essenziale degli Ebrei, M. Brushtein.

“I Principi Fondamentali della Teoria Integrale”

Si realizzerà il Socialismo?

Molto è stato detto sul fallimento del socialismo. Il Dizionario della Scienza Politica lo descrive nel modo seguente:

“La dominazione del sistema totalitaristico ha portato ad una crisi economica, politica e spirituale, determinando un arretramento rispetto ai paesi sviluppati, e un isolamento dal mondo della cultura”. (Dizionario Accademico).

Un altro dizionario aggiunge:

“L’incapacità delle autorità di controllare la situazione ha portato alla distruzione del socialismo e dell’Unione Sovietica, una caduta della produzione, e molte altre serie conseguenze.” (Dizionario Accademico).

Il problema di queste spiegazioni è che, in sostanza, parlano delle conseguenze e non delle cause. Queste spiegazioni non riescono a spiegare chiaramente la radice del problema. Inoltre, queste e altre simili interpretazioni apparvero dopo il collasso dell’Unione Sovietica. Come sapete, è facile essere saggi dopo che le cose sono accadute.

Tuttavia, non è chiaro. Se l’umanità si sta muovendo fermamente verso l’unificazione, perché questo sistema, che si basava sui valori del collettivismo, ha fallito?

Questa potrebbe essere la causa:

“Se una società non si è sviluppata nella giusta misura, il governo collettivo diventerà il regime peggiore possibile per questo genere di società”. (HaUma http://www.kabbalah.info/rus/content/view/frame/4573)

Potrebbe apparire vero perché questo è stato scritto quando la ex- URSS era al suo massimo – nel 1940. Però, forse all’autore non piaceva affatto il socialismo? Si dimostra che è proprio il contrario.

“L’idea socialista, che consiste in una giusta ed equa distribuzione, mi appare come la più vera possibile”(HaUma http://www.kabbalah.info/rus/content/view/frame/4573)

“… le difficoltà in Russia non hanno dimostrato che l’idea socialista è di per se stessa ingiusta…Ciò che li ha danneggiati non è niente altro che il loro inadeguato sviluppo e, di conseguenza, la loro impreparazione a questa idea”. (HaUma http://www.kabbalah.info/rus/content/view/frame/4573)

Se tutto è giusto, perché è andato così male?

Quindi gli uomini non erano pronti per questa idea? E allora? Gli uomini non erano pronti nemmeno per altre idee. Per esempio, le idee religiose. Beh, usando la carota ed il bastone, le religioni si sono diffuse con successo e hanno preso piede. Tuttavia, l’autore sottolinea cosa ha in mente.

“… Non hanno tenuto conto che alla fine avevano anche bisogno della logica del proletariato perché funzionasse; questa cosa era necessaria per creare la qualità dell’altruismo, che avrebbe permesso la realizzazione degli slogan. Ed è assolutamente impossibile.” (Yehuda Ashlag “La Soluzione,” http://www.kabbalah.info/rus/content/view/frame/3812)

Allora, è una strada senza uscita?
[141023]

Materiale correlato:

Il Segreto Essenziale degli Ebrei, Parte 20
Il Segreto Essenziale degli Ebrei, Parte 19
Il Segreto Essenziale degli Ebrei, Parte 18

Il Segreto Essenziale degli Ebrei, Parte 20

Dal libro: Il Segreto Essenziale degli Ebrei, M. Brushtein

I Postulati della Teoria Integrale

Quanto più avanziamo nel processo storico, la struttura della società diventa più complessa. Più interazioni si manifestano in essa.

Una mancanza di comprensione e la sensazione di sentire l’altro ha raggiunto un punto critico.

Il compito di formare dell’essere umano è davanti a noi.

Per gli ultimi duecento anni, siamo stati ad indulgere sul nostro egoismo crescente.

Solo la graduale educazione cambierà gli esseri umani e porterà cambiamenti positivi nelle strutture sociali e nazionali.
[140966]

Materiale correlato:

Il Segreto Essenziale degli Ebrei, Parte 19
Il Segreto Essenziale degli Ebrei, Parte 18
Il Segreto Essenziale degli Ebrei, Parte 17

Il Segreto Essenziale degli Ebrei, Parte 19

Dal libro: Il Segreto Essenziale degli Ebrei, M. Brushtein.

“I Principi fondamentali della Teoria Integrale”

Tornando al Socialismo

“Quando il popolo d’Israele era in piedi all’inizio del Monte Sinai, la prontezza (cioè l’abilità) e il potere a divulgare i valori spirituali già erano insiti nelle loro anime,” (Da’at Tevunot, Ramchal)

Non c’era Socialismo

Abbiamo scoperto che le persone sono esseri sociali dalla nascita. Vediamo anche che per tutta la storia, la gente fa solo una cosa – cercare di unirsi l’uno con l’altro. In più, consciamente o inconsciamente, apprezziamo quelli che contribuiscono all’unificazione, anche i conquistatori spietati.

Si pone una domanda ragionevole: “Perché non siamo ancora uniti?”

Ovviamente, c’è un motivo, e il motivo è serio. Forse, per questo motivo tutte le idee “unificanti” falliscono. Prima, era socialismo; oggi, l’Unione Europea è sull’orlo del collasso.

Veramente, perché il socialismo non è avvenuto? Dopo tutto, tante persone, non soltanto i bolscevichi, hanno capito e hanno accettato l’idea socialista.

“Se in Europa ci sono amici della giustizia, essi dovrebbero inchinarsi rispettosamente davanti a questa rivoluzione, la quale per la prima volta nella storia umana ha provato a stabilire il potere della gente. Nato in deprivazione, è aumentato fra la carestia e le guerre, il governo Sovietico non aveva ancora completato il disegno del suo vasto e non ancora compiuto regno di giustizia. Però lei, almeno, ha stabilito le sue fondamenta.” (Anatole France [1844-1924] – poeta Francese, giornalista e romanziere).

Qualunque cosa sia successa dopo la Rivoluzione, e non importa come le persone ad essa correlate, ma anche nel mezzo degli anni 80 dell’ultimo secolo, niente ha suggerito che il socialismo era condannato.

“Il socialismo sviluppato dall’URSS è caratterizzato da forze altamente produttive, fornendo un cambiamento rilevante nell’economia verso una soddisfazione completa delle esigenze materiali e culturali varie delle persone.

“Integrità organica e dinamismo del sistema sociale, il quale si basa sulla trasformazione dell’unione fra la classe operaia e il contadino, in un’unione di tutti gli operai di lavoro fisico e mentale, che stabiliscono una comunità sociale e internazionale nuova – il popolo Sovietico.” (Academic Dictionary)

Si vede che anche una comunità, sconosciuta fino ad allora, si era formata. E all’improvviso, come da un tocco di bacchetta magica, tutto era cambiato. Il dizionario, che recentemente aveva lodato il socialismo come un grande successo, ora lo denunciava con rabbia.

“Esso (il socialismo) era mostruoso anche alla sua nascita nella lotta per trasformare la proprietà privata in pubblica. Con la sua espropriazione di tutte le categorie di detentori di proprietà, artigiani, commercianti, liberi professionisti e lavoratori autonomi – che inclusero la maggioranza della popolazione.

“Dominio organizzato di una classe sopra tutte le altre, centralismo estremo, terrore, lavoro forzato, potere totale dello stato, il partito unico, disciplina di ferro, controllo del dissenso – non è delle liste complete degli strumenti che il socialismo ha adottato per raggiungere i suoi obiettivi.” (Academic Dictionary)

Non voglio dire nulla di filosofico, ma il fatto stesso che queste formulazioni diametralmente opposte ci fanno meraviglia. La domanda è: come possono essere attendibili?

È interessante notare che il socialismo, più che qualsiasi altro sistema, è correlato con gli ebrei. Il più delle volte, essi sono accusati di questo, e non importa che sia per l’istituzione di questo regime o per il suo collasso.

“Gli ebrei erano, sono, e saranno incolpati per tutto. E tutti loro sono da biasimare. Anche coloro che devono ancora nascere.

Gli ebrei sono da biasimare per stabilire il potere sovietico; essi sono anche responsabili per la rovina del regime sovietico. Gli ebrei che stanno lasciando il paese sono colpevoli per la loro partenza, quelli che rimangono – per la loro permanenza…”
[140919]

Materiale correlato:

Il Segreto Essenziale degli Ebrei, Parte 18
Il Segreto Essenziale degli Ebrei, Parte 17
Il Segreto Essenziale degli Ebrei, Parte 16

Che cosa ci sta succedendo?

Dr. Michael LaitmanOggi, la gente ha bisogno di sapere che cosa le sta accadendo, per quale motivo sta accadendo e in che modo possono cambiare la situazione.

Osserviamo giorno dopo giorno l’accelerazione degli eventi che ci avvicinano a nuovi stati più rapidamente. Possiamo solo rilevare questa sequenza in cui un imperativo punire è apparentemente inerente.

Dappertutto nel mondo stiamo osservando un crescente antisemitismo, lo scoppio di odio verso gli ebrei, gli attacchi contro lo Stato di Israele e varie dimostrazioni. I vari media stanno cercando di falsare i fatti, creando notizie e analisi quotidiane in uno spirito anti-Israele.

Vediamo come il mondo intero scopre in questo una forza comune, uno spirito che permea l’atmosfera di odio verso gli ebrei e Israele.

Quando la gente riconosce questa tendenza generale, che in un paio di settimane ha conquistato il mondo, si chiede naturalmente: come sia possibile – subito dappertutto una così potente reazione nei confronti di una così piccola guerra in confronto con le centinaia di migliaia di persone che vengono uccise in Siria, in Iraq, in Ucraina, in Africa , in Afghanistan, ecc?

Qui veramente si nasconde il destino supremo, e solo la saggezza segreta, la saggezza della Kabbalah è in grado di spiegarci che cosa ci sta accadendo e come comportarsi nella maniera giusta in questa situazione [...]
[141845]

Materiale correlato:

Antisemitismo: Di chi è la colpa e cosa si può fare?
Una valvola che blocca l’arteria principale

Il Segreto Essenziale degli Ebrei, Parte 18

Dal libro: Il Segreto Essenziale degli Ebrei, M. Brushtein.

“I Principi Fondamentali della Teoria Integrale”

La società umana non è diventata per caso sempre più “chiusa” e omogenea – questo è un processo naturale programmato. La gente ha perso la capacità di comunicare tra loro. Oggi abbiamo bisogno di una connessione interiore del cuore. L’umanità appare come una sola famiglia, ma questa famiglia è disfunzionale. Dipendiamo gli uni dagli altri perché viviamo sullo stesso pianeta.

È impossibile da realizzare senza capire il sistema globale di connessioni. Gli “Accordi di carta” per la pace e la cooperazione economica non aiutano.
[140849]

Materiale correlato:

Il Segreto Essenziale degli Ebrei, Parte 17
Il Segreto Essenziale degli Ebrei, Parte 16
Il Segreto Essenziale degli Ebrei, Parte 15

Il Segreto Essenziale degli Ebrei, Parte 17

Dal libro: Il Segreto Essenziale degli Ebrei, M. Brushtein.

“I Principi Fondamentali della Teoria Integrale”

Caro Gengis Khan,

Ti sei mai domandato come mai i più grandi conquistatori vengono chiamati grandi e anche i più grandi? Questo è il modo in cui vengono chiamati: Alessandro Magno, Gengis Khan e Stalin. Ma loro hanno catturato, schiavizzato e ucciso. Non è sorprendente che essi siano rispettati, non solo da coloro che li amano, ma anche da coloro a cui non piacciono?

Per chiarire, facciamo riferimento ad alcuni dati:

“Gengis Khan (Temujin – Temujin) (C. 1155-1227) è stato un fondatore e il Gran Khan dell’Impero Mongolo (1206 c.), l’organizzatore delle campagne di conquista contro i popoli dell’Asia e dell’Europa orientale. Le sue crociate sono state accompagnate da devastazione, distruzione di interi popoli, e ha portato alla costituzione del giogo Mongolo-tartaro nei paesi conquistati.”(Dizionario Enciclopedico, 2000)

Questa voce enciclopedica è ben illustrata dalla linea del poema di Lermontov: “I destrieri, gli uomini tutti smontati.” L’attività della stessa persona viene descritta in concetti quasi incompatibili. Da un lato: il fondatore e il grande. Dall’altro: la morte e il giogo.

L’articolo mostra ancora una volta quanto ambiguamente trattiamo la personalità dei conquistatori. Nonostante ciò, la stragrande maggioranza delle persone guarda gli invasori con venerazione.

Ci chiediamo ancora una volta: perché?

La nostra versione è la seguente: paradossalmente, sono valutati e premiati con l’epiteto di “geni”, anche se spesso se “del male”, a causa delle numerose conquiste.

Perché? Ricordiamo che è proprio a causa di grandi conquiste, o – se si vuole – di grandi vittorie (una “vittoria” è un sinonimo della parola “conquista”. Oxford Dictionaries) che clan familiari sparsi si trasformarono in grandi ducati, tribù selvagge in guerra istituirono stati prosperosi, e paesi sviluppati in conflitto e poveri sono stati trasformati in potenti imperi.

Così, il loro merito è che consapevolmente o inconsapevolmente hanno contribuito all’unione umana.

“Il desiderio palese o nascosto di alcuni paesi per l’egemonia mondiale è uno dei costituenti della tendenza verso l’unione dell’umanità.” (Zinoviev, AA, Verso Supersociety)

La domanda sorge spontanea: cosa sta succedendo oggi? Purtroppo, l’umanità ha inventato niente di più efficace di questo metodo di unificazione.

Oggi, le invasioni e le conquiste, anche se non necessariamente di natura militare, si sono impegnate sulla Terra. L’informazione e l’invasione economica sono spesso molto più efficaci.

La tendenza continua. Ogni nuova invasione porta a legami e relazioni non solo tra le singole nazioni vicine, ma tra interi continenti. Grazie alla conquista britannica, il pianeta ha una lingua internazionale di comunicazione, e grazie alla guerra con la Germania nazista, il popolo sovietico comune ha potuto vedere il mondo occidentale.

L’invasione funziona. Essa unisce. Ma è dolorosa e spiacevole. È possibile unirci in un altro modo? Non mutilando e uccidendosi a vicenda? Potrebbe essere possibile, ma non sappiamo ancora come farlo. Il fatto più rumoroso è il fallimento dell’Unione europea.

Secondo i sondaggi di Gallup, ora solo il 30% degli europei ha un atteggiamento positivo verso le istituzioni dell’Unione europea, anche se 20 anni fa il numero dei sostenitori dell’idea europea superava il 70%.

Anche in Germania, che è per tradizione il paese dell’Unione più filo-europea, il numero degli euro-scettici non è molto inferiore agli euro-ottimisti.

Forse, abbiamo preso un approccio sbagliato? Forse, abbiamo bisogno di conquistare non territori e risorse, ma la fiducia e la gentilezza gli uni verso gli altri?

È interessante che fu Abramo, il leader ideologico degli ebrei, a suggerire proprio questo paradigma, come mezzo di unificazione per l’impero babilonese, che stava in piedi sulla soglia del collasso
L’umanità onora e ricorda i risultati di molte persone, tra cui i successi di Abramo. Ma quello che ha fatto, in realtà, è difficile anche da immaginare. Pensate per un minuto! 3800 anni fa, Abramo offrì ai suoi connazionali – gli idolatri – di attuare il principio di “ama il prossimo tuo come te stesso” ????!

Ma non siamo pronti per questo neanche oggi!
[140778]

Materiale correlato:

Il Segreto Essenziale degli Ebrei, Parte 16
Il Segreto Essenziale degli Ebrei, Parte 15
Il Segreto Essenziale degli Ebrei, Parte 14

Il Premio Nobel – non è “Luce per le nazioni”

Dr. Michael LaitmanDomanda: Lei dice che il popolo di Israele non realizza la sua missione – di essere una “luce delle nazioni”. Ma non abbiamo cercato di portare la luce al mondo nel corso della storia?

Risposta: Come mai? Il loro successo negli affari o nelle arti? Il suo premio Nobel? Questa non è la luce che abbiamo dovuto portare alle nazioni.

Sì, hanno adottato molte delle nostre cose, anche week-end. Ma non abbiamo mai realmente realizzato questa alleanza – essere una “luce delle nazioni”.

Prima di tutto, dobbiamo capire, che tipo di Luce” è in questione qui. La qualità dellamore, uguaglianza, unitàche è “luce”. In generale – la forza del dare, suddivisa in una pluralità di effetti, a seconda di quali si applica, in che misura e a quale livello.

Ma non agiamo cosi. Anche tra di noi non abbiamo raggiunto questo, però, prima di tutto, noi stessi dobiamo diventare una fonte di luce, o almeno un collegamento di transizione a noi per le nazioni superato resistenza l’impatto della forza superiora, la forza dell’amore e della dazione, la forza complessiva della Natura.

Oggi, per la prima volta nella storia dobbiamo farlo. Finora non abbiamo nemmeno provato, e non abiamo dovuto, perché non eravamo degni, non eravamo pronti per questo. Solo adesso è arrivato il momento in cui dobbiamo farlo.

Domanda: Questa e la prova del moderno antisemitismo? Dopo tutto, infatti, egli c’era sempre.

Risposta: Antisemitismo per noi – uno dei segni che è tempo di agire. Sì, è esistito fin dai tempi antichi. La sua fondazione fu posta nell’antica Babilonia, tre e mezzo migliaia di anni fa.

L’umanità che era stata divis: una parte di essa seguì Abraham, che ha chiamato per l’unificazione e l’altra seguì Nimrod per dispersi in tutto il mondo. Da allora, nella natura di ogni persona, anche se non ha nulla con gli ebrei, a un fondato odio per loro.

Domanda:  Le Nazioni hanno adottato dagli ebrei filosofie, monoteismo, week-end, altre cose. Ma l’unità che non hanno preso…

Risposta: Non hanno preso, perché non abbiamo avuto esso. Non era in una forma che sarebbe adatta per il mondo. In quei giorni, eravamo molto lontani dalla gente. Tuttavia, gli antichi filosofi greci, che hanno studiato i nostri profeti, hanno raccolto alcuni frammenti di idee prese dalla Kabbalah e hanno fatto la loro interpretazione.

Ma, in qualche modo, l’antisemitismo – un fenomeno naturale. E invece di combattere con lui, “faccia a faccia”, abbiamo bisogno di unire tra di noi. Questa è l’unità, che le nazioni prendono da noi, anche se noi non lo diffondiamo agli altri. Comunque, la luce della vita viene al mondo attraverso di noi.

Domanda: Qual è l’immagine del buon vivere nella nostra nazione? Una tale vita, che tocca i popoli “per la loro debolezza” e li incoraggia a imparare l’unificazione da noi ?

Risposta: Non è necessario pensare a come attirarli dalla propria parte. Abbiamo solo bisogno di costruire la propria vita in conformità con gli obiettivi prescelti, con un determinato popolo.

Dobbiamo unirci “, come un uomo con un cuore”, e sempre più a sviluppare questa alleanza. Così, ci togliamo tutti i problemi, e questo porterà luce al mondo, che sarà anche calmarsi e andare verso la corretta via.
[141283]

Da Kab.TV “L’anti-semitismo“, 18.06.2014

Materiale correlato:

L’obbligo: Diventare una Luce per le Nazioni
Antisemitismo: Di chi è la colpa e cosa si può fare?