Pubblicato nella 'Internet' Categoria

Benvenuto al riconoscimento del male

Dr. Micahel LaitmanNelle notizie (da Vzglyad): “L’internet come strumento e ambiente crea un tipo speciale di persona moderna e incide sul suo atteggiamento. L’internet come mezzo ha una matrice intrinseca di valori. La gente non lo sa, ma entrando in questa matrice, cominciano automaticamente ad agire di conseguenza ai suoi principi.

“Il motore del cambiamento è la sfera d’informazione, i media e le varie forme di connessioni sociali. Alcuni di loro sono legati alle istituzioni di supervisione transnazionali che utilizzano la rete come giocatori professionisti. Una massa di partecipanti ordinari è coinvolta nel processo altruistico e proattivo.

“Le classi predominanti e la popolazione, che sono coinvolti nel vortice del cambiamento alla globalizzazione, non hanno ancora capito che questo paradigma mondiale sta portando disastri al mondo.

Le operazioni Cyber e le aggressioni con informazioni psicologiche sono soltanto alcuni elementi del confronto ideologico, in cui gli obiettivi non sono solo i paesi, ma anche le civiltà.

“Il predominio della formula dell’unica verità’ crea un effetto di ‘massa critica di menzogne nello spazio’ che indebolisce la capacità di distinguere tra ‘il vostro’ e quello di ‘qualcun altro’.

“Inoltre, il ‘dogma universale’ è solo parzialmente riconosciuto come un’invasione nel proprio mondo (per esempio, l’idea del matrimonio gay nei paesi ortodossi e musulmani), mentre gli altri elementi dello stesso dogma incontrano una risposta positiva perché essi corrispondono ai propri valori (libertà di espressione, eguaglianza, salute, comfort).

“La cosa più importante è che l’internetizazione e le reti cambiano non solo gli stereotipi dei consumatori, ma anche lo stesso corso di formazione e di sviluppo delle persone.

“Le strutture di rete dovrebbero sostituire i grandi stati nazionali perchè uniscono le persone da grandi propositi – le persone dovrebbero essere suddivise in un numero massimo di piccoli gruppi secondo una serie di criteri.

“E’ necessario che le persone si definiscono non come parti di un tutto più grande, ma come un residente del suo distretto – a cui viene dato il senso di una piccola comunità. Allo stesso tempo, egli può sentire un po’ l’appartenenza a qualcosa di planetario, sia che si parli dell’ecologia o della lotta per i diritti umani. Ma questo schema non ha posto per l’auto-determinazione in uno stato nazionale.

“E’ difficile trovare l’autodeterminazione in un impero; richiede ampiamente, non l’universale’, ma un unico significato della civiltà. Un piccolo gruppo si può unire sulla base di almeno alcuni interessi a breve termine”.

Il mio commento: Come in tutte le azioni umane, le reti funzionano a scapito dell’essere umano, ma con questo loro rivelano il nostro egoismo, la nostra natura come il male assoluto, da cui è necessario sbarazzarci. Pertanto, la Kabbalah accoglie tutto ciò che accelera il processo di riconoscimento del male e ci porta alla correzione del male in bene. Questa azione può essere eseguita solo utilizzando la scienza della Kabbalah.
[138620]

Materiale correlato:

Metodi di educazione di massa al posto dei mezzi di informazione
“Otto nuove malattie mentali da Internet presenti nell’elenco”

Immunità per Facebook

Nelle notizie (da Marketwatch): “Facebook potrebbe finire versando una grande fetta dei suoi utenti 1.2 miliardi in tre anni, ha detto uno studio dell’Università di Princeton che ha citato ‘dinamiche simili alla malattia’ castigo imminente della rete sociale.

“Lo studio, di due candidati Ph.D. a Princeton Joshua Spechler e John Cannarella, ha creato scalpore speculando che la rete più grande nel mondo potrebbe perdere un 80% della sua base di utenti, il picco fra il 2015 e il 2017. […]

“Suggeriscono che Facebook è un’idea, una mania che, come una malattia, può diffondersi – e poi alla fine svanire. Hanno citato l’ascesa e la caduta di MySpace.

Scrivono: “Le idee, come le malattie, hanno dimostrato di diffondersi contagiosamente fra le persone prima eventualmente di morire” […]

“Se il modello di malattia tiene, suggeriscono che Facebook avrà bisogno di evolvere/mutare in modo da cominciare un’altra curva o morirà. Deve sopravvivere al ciclo di immunizzazione.”

Il mio commento: Nel suo piano la natura ci spinge fino all’obiettivo finale, alla forma di unità, alla somiglianza ad esso. Soltanto in questo modo, mediante i mezzi integrali futuri di comunicazione si potrà sopravvivere e prosperare.
[126668]

Materiale correlato:

Facebook non è più così forte
“Otto nuove malattie mentali da Internet presenti nell’elenco”

“Otto nuove malattie mentali da Internet presenti nell’elenco”

Nelle notizie (da TechHive): “Da quando l’internet si è evoluto in una parte onnipresente della vita moderna, stiamo assistendo ad un aumento del numero di differenti disturbi mentali, direttamente legati al nostro uso della tecnologia digitale. Queste afflizioni, che vanno da benigni a distruttivi, non sono stati riconosciuti dalla comunità medica fino a poco tempo fa, e non esistevano prima dell’amministrazione Clinton.

“La sindrome Ringing Phantom (Fantasma che squilla): Si presenta quando il vostro cervello vi spinge continuamente a pensare che il telefono squilla in tasca.

“Avete mai avuto la sensazione che il telefono vibra in tasca per poi rendervi conto che era in silenzio tutto il tempo, oppure più strano ancora, non era nemmeno in tasca? Forse potreste sentirvi un po’ delusi, ma non siete gli unici. [...]

“Nomofobia: L’ansia che nasce dal non avere accesso al proprio dispositivo mobile. Il termine ‘Nomofobia’ è l’abbreviazione di ‘no-mobile fobia.’ [...]

“Cybersickness: Il disorientamento e le vertigini che sentono alcune persone quando interagiscono con determinati ambienti digitali. [...]

“La depressione Facebook: Depressione causata da interazioni sociali, o la loro mancanza, su Facebook.[...] Una possibile ragione è che le persone tendono a pubblicare solo le buone notizie di se stessi su Facebook: vacanze, promozioni, foto di party, ecc. Quindi, è molto facile cadere sotto la falsa convinzione che tutti gli altri stanno conducendo una vita molto più felice e di successo della tua (quando questo non può essere il caso di tutti). [...]

“Dipendenza disordinata da Internet: Un bisogno costante e malsano di accedere a Internet. [...] Internet Addiction Disorder (a volte indicata come uso problematico di Internet) è l’uso eccessivo dell’Internet che interferisce con la vita quotidiana.

“La dipendenza del Gioco Online: Un bisogno malsano di accedere a giochi multiplayer online. [...]

“Cybercondria: La tendenza a credere di avere delle malattie leggendo i sintomi di queste online. Questo è il tipo di pensiero che gira nella testa di Cybercondriaci – una spirale di fattori medici legati insieme per giungere alle conclusioni peggiori possibili. Ed è tutt’altro che raro. Uno studio del 2008 ha rilevato che il motore di ricerca-soccorso e auto-diagnosi di Microsoft in genere ha portato i ricercatori tormentati a concludere il peggior risultato possibile. [...]

“L’Effetto Google: La tendenza della mente umana di conservare meno informazioni perché sa che tutte le risposte si trovano solo con pochi clic. Grazie ad Internet, un singolo individuo può accedere facilmente a quasi tutte le informazioni che l’intera civiltà ha accumulato dall’inizio dei tempi. E a quanto pare, questa capacità può alterare il vero modo in cui funzionano i nostri cervelli “.

Il mio commento: Il nostro egoismo è in continua evoluzione e alla ricerca di nuove fonti di appagamento, che corrispondono al suo sviluppo. Pertanto, tutte queste attrazioni temporanei dell’Internet passeranno e saranno sostituite da nuove aspirazioni: la rivelazione del segreto della nostra esistenza.
[118708]

Materiale correlato:

La depressione nella vita moderna
I comportamenti imitativi colpiscono il tuo giudizio online

I comportamenti imitativi colpiscono il tuo giudizio online

Notizie (tratte da ScienceDaily): Un nuovo studio co-scritto da un professore del MIT suggerisce che molte persone, infatti, sono fortemente influenziate dalle opinione positive che altre persone esprimono online – ma sono molto meno influenzate da opinioni negative pubblicate negli stessi siti. Certi argomenti, tra cui la politica, vede molto di più questo effetto “imitativo” degli altri[…]

Questo comportamento imitativo accade sistematicamente sui segnali positivi di qualità e di valutazioni,” afferma Sinan Aral, professore associato presso il MIT Sloan School of Management, e uno dei tre autori dello studio.

” ‘Le persone sono più scettiche dell’ influenza sociale negativa’, afferma Aral. ‘Sono più propense a “correggere” un voto negativo.”

“Mentre questo fenomeno di positività sociale suona abbastanza piacevole sulla superficie, Aral avverte che in esso ci sono insidie, come ad esempio la manipolazione di valutazioni online da parte di alcuni operatori politici, venditori, o qualcuno che sta per trarre profitto con la creazione di un aspetto esagerato di popolarità. […]

“A sua volta, Aral suggerisce, che dovremmo essere il più analitici possibile quando si tratta di sfruttare le decisioni collettive.

“Dobbiamo essere attenti riguardo la progettazione e l’analisi di sistemi che cercano di aggregare la saggezza delle Masse”

Il mio commento: Quindi, anche se la saggezza delle Masse è più vicina alla verità, ma in uno spazio egoistico, nessuno può essere sicuro che questa opzione non venga utilizzata da individualisti egoisti, e non dovremmo fidarci di questo indicatore su Internet fino a quando correggiamo l’egoismo e ci sbarazziamo dei truffatori.
[115307]

Materiale correlato:

“Il capitalismo e la democrazia non sono compatibili in Internet”
L’arte di raggiungere le masse

“Funzionario ONU: La guerra cibernetica è una realtà che il mondo deve combattere”

Nelle notizie (da Raw Story): “‘C’è in corso una guerra cibernetica,’ ha detto Hamadoun Toure, il segretario generale dell’ Unione delle Telecomunicazioni Internazionali, nel corso di un dibattito sulla sicurezza informatica presso il Club della Stampa di Ginevra.

“‘Proprio come in una guerra convenzionale, non ci sono vincitori, ma solo distruzione’, ha avvertito il pubblico di giornalisti, diplomatici ed esperti di tecnologia.

Mentre Toure ha rifiutato di dare la colpa ai singoli paesi, tali attacchi sono diventati moneta comune. [...]

“In un mondo sempre più connesso e internet-dipendente, attacchi informatici da parte dei governi e bande criminali allo stesso modo, hanno il potenziale di causare il caos in tutto, dal settore finanziario ai servizi pubblici fondamentali, ha detto Toure.

“‘Nessuna singola entità può farcela da sola. Dobbiamo cambiare la mentalità. Siamo mentalmente pronti a lavorare l’uno con un altro? ‘ ha chiesto.

“‘In questo campo, non c’è alcuna cosa come una superpotenza, ha detto, dato che è a buon mercato creare virus e attacchi di lancio.

“‘E’ il cervello umano che sta guidando questo. Quindi siamo tutti uguali in questo, e abbiamo bisogno di andare insieme. Questo è il nuovo ordine. Non è un paese. Non è come una potenza nucleare, dove la tecnologia, le conoscenze di base e le infrastrutture e il finanziamento sono richiesti per questo. ‘

“‘Dobbiamo trattare il cyberspazio come trattiamo il mondo reale’, ha aggiunto. Quello che è vero nel mondo reale è vero anche nel cyberspazio. Alcune persone dicono che siamo in un nuovo ambiente dove le regole sono completamente diverse. Noi non lo siamo. Perché gli esseri umani sono al centro di tutto questo. ‘”

Il mio commento: Come la Natura rivela se stessa come un tutto interconnesso, la nostra connessione e interdipendenza saranno costantemente rivelati in scala crescente e in profondità. Agenti come Snowden (non traditori) e residenti sono tenuti a far sapere al mondo che “le mani di tutti sono in tutti gli altri.” Quindi il processo di liberazione da confini si accorcia soltanto. Ciò richiede una rivoluzione psicologica nelle persone attraverso il metodo dell’educazione integrale, ma questo è possibile solo nel sistema analogico integrato in cui troviamo la natura e noi stessi.
[112554]

Materiale correlato:

Internet è l’unico mezzo per connetterci
Come si comportano internet e la stampa durante la crisi

Mezzi di comunicazione – Per la consapevolezza sul significato della Vita

Domanda: Negli anni 2008-2009, Internet business non ha visto alcun declino. Al contrario, è cresciuto del 10 al 12%. Oggi, questo business continua a crescere. Questo diventerà il “domani” di tutte le attività umane?

Risposta: In linea di principio, siamo già passati attraverso questa fase. Le generazioni delle tecnologie del vapore, energia elettrica, gas si sono già concluse. Anche la generazione della produzione di tutti i tipi di tecnologie di mezzi di comunicazione sta raggiungendo la sua fine. Ora, noi non aspiriamo più alla conoscenza e alle reti di comunicazione. L’idea di comunicazione tra le persone è scomparsa. Lo vediamo molto bene con l’internet, quanto rapidamente ci sta aiutando a sviluppare e filtrare tutto ciò che è già stato in un certo livello e ha completato il suo lavoro, e quindi li eliminiamo.

La fase successiva è una fase significativa, caratterizzata da un desiderio di raggiungere il senso della vita. Oggi, ci troviamo su questa soglia. Questa non è solo una generazione di energia, materiali e informazioni, ma al di là di questo, è una generazione alla ricerca di una risposta alla domanda sul senso dell’esistenza. Senza questa domanda acuta e la sua risposta, l’umanità non può progredire ulteriormente. Entrerà in depressione, suicidio, terrorismo, e la confusione assoluta, dicendo: “Io non so cosa fare!”

Oggi, il mondo vive secondo il principio: “guadagno-smaltisco”, “rubo-alimento.” In uno stato come questo, non vi è alcun obiettivo. Pertanto, l’umanità ha bisogno di trovarlo, e dovrebbe scoprirlo in particolare nella collettività integrale, se saremo in grado di presentare questo esempio al mondo in modo rapido. Il problema è che l’umanità ha bisogno di sentirlo da sé. Non siamo in grado di mettere le persone in uno stato come questo artificialmente.

Se la gente può raggiungere questo obiettivo, allora tutto potrà essere cambiato, e se no, potrebbe essere che staremo in questo stato per un lungo periodo di tempo. Tuttavia, questo sarà un male per noi. Noi brameremo la guerra e in questa penseremo solo a come tagliare le complesse connessioni e risolvere i problemi.
[109254]

(Da Kab.TV “Attraverso il tempo” 20.03.2013)

Materiale correlato:

Nuovi orizzonti per l’integralità
La nuova realtà non è un’utopia, ma la Legge della Natura

“Il capitalismo e la democrazia non sono compatibili in Internet”

Opinione (Robert McChesney, professore di comunicazione, autore di Digital Disconnect: How Capitalism is Turning the Internet Against Democracy): “‘Quando viene menzionato il capitalismo, lo si fa solitamente nel senso di ‘libero mercato’, il che è preso come un’indicazione gentile, quasi un sinonimo di democrazia’ scrive McChesney. Tuttavia ‘il vero capitalismo esistente non combacia con la ‘dottrina’ del libero mercato o con la democrazia, scrive, ‘la crisi dei nostri tempi sta nel fatto che il capitalismo indebolisce la democrazia.’

“Internet è stato trasformato da uno spazio pubblico e non-commerciale che molti sognavano nei suoi primi giorni in uno spazio che ‘è stato commercializzato, legalmente protetto, autorizzato, privatizzato, con controlli informativi, e monopolizzato’, scrive McChesney.

“Come parte di questo processo, la pubblicità nella rete è stata trasformata in un modo che elimina le precedenti nozioni di riservatezza, ed i governi hanno dei poteri di sorveglianza che una volta erano inimmaginabili. Grandissime corporazioni nel campo delle telecomunicazioni e dell’intrattenimento che una volta sembravano essere vulnerabili, grazie ad internet hanno prosperato attraverso la loro influenza sul processo ‘corrotto’ di elaborazione delle dinamiche politiche.

“I giganti di Internet che sono cresciuti nel corso degli ultimi vent’anni non sono la forza progressiva che alcuni pensano essere, e hanno prosperato in conseguenza dei privilegi dei monopoli, dello sfruttamento del lavoro, delle politiche e dei sussidi dei governi, dice lui…

“Questo libro arriva adesso, scrive McChesney, perché vede Internet come se si fosse cristallizzato ad un livello significativo. ‘Siamo in una posizione, per certi aspetti per la prima volta, che ci permette di dare un senso all’esperienza di Internet e di mettere in luce le questioni del momento che pone alla società’ scrive.

“Siamo anche in una posizione migliore per comprendere quali decisioni prendere che potrebbero determinare il futuro di Internet e la sua influenza nel dare forma alla società, dice nel suo libro.

“Tra le sue indicazioni: accessi gratuiti alla banda larga per tutti come diritto basilare, severo regolamento della pubblicità e una precisa riduzione o eliminazione della voce deducibile della pubblicità come costo d’impresa, stretta regolazione dei “monopoli naturali” digitali o la conversione degli stessi in servizi non-profit, ampi investimenti pubblici nel giornalismo, neutralità della rete, severa regolamentazione della privacy che renda le attività on-line private come la corrispondenza postale, e delle forti barriere legali contro la militarizzazione di Internet e l’uso dello stesso per una sorveglianza senza garanzie”.

Il mio commento: Internet è lo specchio della società moderna, e tutti i nostri vizi vi appaiono in una forma esagerata poiché l’accesso è libero, la reazione è istantanea, e la distribuzione è illimitata. Fintanto che non inizieremo a cambiare noi stessi, il nostro Internet non cambierà. Quindi, tutti i tentativi saranno vani.
[103346]

Il potenziale della consapevolezza collettiva

Nelle notizie (da Nextgov): “Il dipartimento della difesa vuole dei nuovi strumenti computerizzati che analizzino un mucchio di testi non strutturati, blogs e tweets nel complesso di una spinta coordinata che aiuti gli analisti militare a predire il futuro ed a prendere più velocemente le decisioni necessarie.

“Il fine è quello di costruire un sistema – open source – che possa unire diversi tipi di strumenti che raccolgono, dirigono e trovano relazioni tra insiemi di dati.

La Difesa sta cercando il modo di predire il futuro tenendo sotto controllo Twitter i blog e le news e rilevando la “frequenza di contatti tra nodi o conglomerati.” I ricercatori trovano sempre maggior difficoltà nel tener sotto controllo il comportamento dei gruppi mano a mano che le reti diventano sempre più grandi e complesse. L’ONR (l’ufficio della ricerca navale) desiderano trovare delle reti che potrebbero essere nascoste in altre reti, e come le informazioni ed il denaro scorre entro una comunità.”

Il mio commento: Come risultato dello studio dell’intelligenza universale, il mondo riconoscerà il bisogno della cooperazione completa di tutta la gente in un unico sistema e rileverà questo sistema della nostra connessione; allora, per capire questo sistema della connessione, avranno bisogno della Kabbalah, la scienza delle reti generali e della gestione della natura. Queste rete di gestione è il sistema dei mondi superiori ovvero, le forze della connessione che studiamo nella scienza della Kabbalah.
[99333]

Materiale correlato:

Laitman blog: Bruce Lipton: «Noi siamo una cosa sola» intervista
Laitman blog: L’ Umanità e’ un Sistema chiuso

Per la mia visita in Cile: Un nuovo sito internet

I nostri amici del Cile e della Colombia hanno creato insieme un nuovo sito internet dedicato alla mia attuale visita in questi paesi.

[76551]

 

 

 

Materiale correlato:

Laitman blog: Psicologi: perchè la gente è infelice
Laitman blog: Vuoi essere felice – sii felice!

Non nasconderti dietro lo schermo di un computer

Domanda: Dopo l’unione che abbiamo sentito durante il congresso, l’uomo che studia con noi virtualmente dovrebbe cercarsi un gruppo nel quale inserirsi?

Risposta: Andare a cercare un gruppo non è più come succedeva duecento anni fa, quando l’uomo doveva lasciare la propria casa per andare alla ricerca. Oggigiorno entra in internet e si trova già insieme a noi, nel gruppo comune. Ha già assistito ad un congresso e sa di cosa si tratta.

Dovrebbe cercare un gruppo fisico? Non so se ne ha l’opportunità. Il gruppo più vicino potrebbe trovarsi diverse ore di strada lontano da lui.

Dovrebbe tuttavia cercare di mantenersi in collegamento con gli altri. Alcune volte devi sentire quanto tu non voglia questa connessione. Può darsi che collegandoti virtualmente idealizzi la situazione, pensando di essere già unito a loro completamente, mentre in realtà ti nascondi dietro lo schermo del computer. E allora, smetti di stare dietro il computer e collegati veramente agli altri. Vedi se è possibile.

Ovviamente adesso, dopo l’unificazione avvenuta durante il congresso, iniziamo a sentire confusione, repulsione e separazione, tutti quegli stati che sono opposti all’unità, uno contro l’altro. Questo avviene perché. per poter crescere, dobbiamo avanzare con le due gambe, quindi non sorprenderti se ci troviamo da un momento all’altro in stati opposti. Dobbiamo abituarci al fatto che devono alternarsi e susseguirsi uno con l’altro.

Perciò, se l’uomo non ha una connessione vicina con un gruppo, non attraversa questi stati drammaticamente, in modo veloce e intenso. Tutto questo viene fuori per lui in modo “macchiato”, ciò nonostante deve avere qualche tipo di connessione fisica con gli altri, perché siamo in questo mondo e non possiamo annullarlo completamente, non possiamo trasformarlo in un mondo virtuale. Siamo qui nei nostri corpi e con ogni tipo di connessione tra di noi perché è importante. Acceleriamo il tempo con le connessioni fisiche tra di noi.

[62923]

(Dalla lezione quotidiana di Kabbalah del 12.12.2011 Gli scritti di Rabash)

Materiale correlato:

Laitman blog: Il Gruppo: Virtuale o fisico?
Laitman blog: Nascere e crescere in un gruppo