Pubblicato nella 'Globalizzazione' Categoria

L’orientamento del Marketing

Dr. Michael LaitmanOpinione (Erich Fromm, psicoanalista): “L’orientamento collettivo della società a partire dal 16 ° secolo, è passato gradualmente ad un orientamento del marketing in cui una persona si sente come una merce.

“Il successo dipende da come una persona vende la sua personalità, non è preoccupato per la vita e la sua felicità, ma solo di quanto è idoneo alla vendita. L’obiettivo dell’orientamento del marketing è quello di mantenere la richiesta per se stesso. La gente non ha una propria individualità perché sta cambiando tutto il tempo secondo il principio: “Io sono come avete bisogno che io sia.” Loro non sono interessati a domande come: “per cosa una persona vive?” Il loro ego sta cambiando tutto il tempo e sopprime questa sensazione. I membri della società diventano macchine senza volto, il loro senso di identità si basa sull’affiliazione attiva con le organizzazioni.

“Le persone con un orientamento al marketing non sanno come amare o odiare, perché le emozioni sono una perturbazione per la vendita e per il commercio, per l’avanzamento nella scala burocratica. Essi non provano un profondo affetto verso se stessi o altri, in modo che il pericolo di disastro nucleare o ecologico non li riguardi. Amano acquistare e consumare, ma non il valore di ciò che acquistano. La mancanza di comunicazione li rende indifferenti verso gli oggetti. Importante è solo il valore e il comfort offerto dagli oggetti e non gli oggetti stessi. Usano amici e amanti senza comunicazione profonda.

“L’obiettivo è quello di funzionare correttamente, causando una risposta razionale al mondo circostante. Il predominio del pensiero razionale è associato con la degenerazione della vita emotiva. I sentimenti sono considerati un disturbo al funzionamento ottimale e rimangono non sviluppati. Così le persone con un orientamento al marketing sono terribilmente ingenue per quanto riguarda il lato emozionale della vita. Questa è la ragione per cui così tanti truffatori hanno tanto successo nei settori spirituali della vita e dei politici che esprimono forti emozioni attirando persone. Abbiamo smesso di essere i padroni della tecnologia, siamo diventati i suoi schiavi, e la tecnologia si rivolge verso di noi con il volto della dea della distruzione. Noi aneliamo a sacrificare noi stessi e i nostri figli a lei. “

Il mio commento: La prossima fase del nostro sviluppo è la consapevolezza delle carenze nella fase attuale e il loro superamento, uno stato che sarà l’opposto dello stato precedente, una ricerca del vero sé e una vera realizzazione di unità con gli altri, il che significa al di fuori di sé, con gli altri, come semi nel terreno. In questo modo dobbiamo riconoscere che la piena realizzazione del proprio vero sé è possibile solo in unità con gli altri, “dentro” gli altri, e non individualmente, “al di fuori degli altri”.
[159393]

Materiale correlato:

Una definizione della nuova generazione
Un amaro cammino incompleto

Le persone ignoranti sono le risorse principali del capitalismo moderno

NDr. Michael Laitmanelle notizie (sdelanounih.ru): “La risorsa principale dell’economia moderna è l’imbecille. Gli si può vendere qualsiasi cosa. Negli anni ’60 del 20esimo secolo l’umanità ha raggiunto la cima del potere scientifico e tecnologico. C’era una grande domanda di ingegneri, fisici, e matematici, così queste occupazioni erano di moda, rispettate, e valutate. Era di moda essere intelligenti.

“Tuttavia la distensione a metà degli anni ‘70, ha cancellato, spazzato via il metodo della scienza e della conoscenza. Il razionalismo alla moda e l’approccio positivo verso la scienza hanno cominciato ad essere minati riconoscibilmente.

“Negli anni ‘60 le esigenze normali di base dei “Miliardi Dorati” erano soddisfatte. La gente ha cominciato a svegliarsi alla domanda del significato della vita per eliminarlo, il mondo delle imprese ha trovato un’altra domanda e risposta.

“Il capitalismo ha cominciato non a solo soddisfare le esigenze come prima, ma a creare bisogni nuovi e a soddisfarli.

“Il marketing è venuto alla ribalta—la dottrina di come fare qualcosa di inutile sembrava necessaria e acquisita. Questo è il ruolo della pubblicità.

“I professionisti di marketing creano le esigenze. Il capitalismo globale ha stabilito una missione più difficile, la manipolazione della coscienza umana, la sagomatura del consumatore ideale che completamente manca la capacità di pensare razionalmente e non ha alcuna conoscenza scientifica del mondo–qualcosa come un tubo attraverso il quale da un lato i prodotti sono pompati e dall’altra estremità volano in discarica.

“Il buffone allegramente all’oscuro di convivere con le emozioni elementari e la voglia di novità, afferrando un nuovo giocattolo, deve immediatamente buttare via il vecchio. I media non scendono al livello del lettore per elevarlo; tutto funziona per tirarlo giù.

“Lo scopo dell’educazione è anche quello di educare il consumatore colto. Non è necessario trattenere nulla nella testa; tutto può essere trovato tramite Google. Dopo tutto, se una persona non sa nulla, è possibile spingere tutto su di lui.

“Ignoranza e oscurità sono l’ultimo rifugio del capitalismo moderno e la sua parte più importante, senza ciò il mercato moderno non può esistere.”

Il mio commento: “Questi sovrani non otterranno nulla poiché agiscono contro la legge di evoluzione della natura. Questa legge li distruggerà e porterà l’umanità attraverso la via della sofferenza o la via della rieducazione in uno stato sviluppato ed elevato.

[137563]

Materiale correlato:

Perché la pubblicità funziona
Le pubblicità pop up falliscono nel capire l’ egoismo umano

Siamo dipendenti dal lavoro … e felici di questo

Dr. Michael LaitmanNelle notizie (Psychologies.ru): ” 70 anni fa l’inizio del 21° secolo sembrava felice: pensavamo che le macchine avrebbero fatto tutto il lavoro duro, mentre la gente avrebbe lavorato solo al fine di ricevere piacere realizzando i proprio talenti e avrebbe passato il resto del proprio tempo in vacanza e godendosi una buona vita felice.

“Allora, come mai siamo diventati dipendenti dal lavoro, lavorando di più rispetto ai nostri padri che sognavano il nostro tempo, e anche sembrando sinceramente contenti di questa circostanza? La settimana lavorativa nei paesi più sviluppati è di 35 ore e la vacanza non è più lunga di 4 settimane. Siamo orgogliosi di essere dediti al lavoro e non abbiamo tempo per incontrare nuovi amici, dormire bene, andare in vacanza, fare sesso e anche avere un bambino.

“Le persone inattive si sentono umiliate quando vedono coloro che sono occupati e diventano molto più felici quando hanno la possibilità di far parte di una certa attività, anche se è molto difficile. Il pensiero attuale a una vacanza o al riposo sembra sbagliato”.

Risposta: La natura ha fissato dei limiti per noi (che sono esterni) nel nostro sviluppo corporeo e dobbiamo inevitabilmente ridurre la produzione e il consumo. La Natura non sviluppa più nuovi desideri in noi e noi perdiamo il desiderio per il risparmio materiale.

La nuova generazione è un buon esempio in questo. Nulla è più minaccioso per la società che essere disoccupati; conduce al deterioramento della persona e della società. L’unica cosa in cui saremo in grado di impegnarci pienamente è la nostra rieducazione.

[134791]

L’Unione Europea è un impero

Dr. Michael LaitmanNelle notizie (pravda.ru): “Negli Stati membri dell’Unione Europea è in atto un cambio di potere. Gli elettori hanno preferito i candidati di ‘sinistra’. Dopo che i nuovi leader hanno ottenuto il controllo, si sono trovati sotto la pressione di tutti i tipi di creditori.

“Le banche tedesche hanno implementato dei meccanismi finanziari che costringono i governi nazionali ad essere rigidamente dipendenti da loro. Questa attività blocca tutti i paesi della regione meridionale dell’Unione Europea “‘in un gancio.’ L’Unione Europea è stata istituita come un’alleanza basata sulla democrazia, ma, in realtà, emerge come una creazione che è chiaramente il ricordo di un impero”.

Il mio commento: Penso che non può essere altrimenti, perché non c’era nessun pensiero di compiere un’unione, ma solo un’unità economica, e anche l’unità economica è solo limitata. Ma le condizioni per un mondo integrale non possono essere limitate a tali connessioni unilaterali.
[156952]

Materiale correlato:

In cerca di una nuova idea
Il mondo è stanco dalla democrazia

Allontanarsi dalla via della sofferenza

Dr. Michael LaitmanLa Torà, “Levitico” 26:36 – 26:37: A quelli che fra di voi saranno superstiti infonderò nel cuore costernazione, nel paese dei loro nemici: il fruscio di una foglia agitata li metterà in fuga; fuggiranno come si fugge di fronte alla spada e cadranno senza che alcuno li insegua. [37] Precipiteranno uno sopra l’altro come di fronte alla spada, senza che alcuno li insegua. Non potrete resistere dinanzi ai vostri nemici.

Se la nazione di Israele non sceglie di correggersi volontariamente, allora si viene a creare la necessità di una forza molto potente che sopprima l’ego e che lo forzi a comportarsi in modo adeguato. Questa è detta la via della sofferenza. Lungo questa via le persone realizzano quello che stavano facendo e come si sono allontanate dal loro obiettivo e che devono comprendere tutto questo in modo completo per poter tornare a fare il loro dovere. Ma per far questo, i loro occhi devono essere aperti in modo da diventare consapevoli delle due forze della natura e di come questo operino.

Puoi richiedere qualcosa a qualcuno solo nella misura del suo grado di sviluppo. Quad’è che un bimbo comincia a capire di essere in un certo sistema? Prima va all’asilo dove gli viene insegnato quello che è permesso e quello che è vietato. Questo continua a scuola. Solo a 14-15 anni diventa responsabile per le sue azioni e capisce che ci sono certe leggi del comportamento e che, se le infrange, può essere arrestato dalla polizia. Dopo l’età di 18 anni egli è un adulto, anche se non è ancora completamente maturo.

In ogni caso dobbiamo portare una persona a riconoscere quello che è necessario fare in modo che egli possa realizzare questo requisito. Solo allora potremo ritenerlo responsabile. Questo è il motivo per cui dobbiamo trascorrere un periodo di preparazione così lungo per migliaia di anni. Il problema oggi è che anche le sofferenze che subiamo non ci aiutano.

Il punto è capire se sono state abbastanza. Per esempio all’inizio del diciannovesimo secolo sono arrivati i primi coloni ad Israele. Erano pronti a vivere in condizioni difficili come un clima secco e molto caldo, paludi che avevano bisogno di essere drenate, e le sofferenze della Malaria, per poter costruire i Kibbuzim. In 10 o 20 anni le persone hanno iniziato a dimenticare tutto. La seconda Aliya (ondata di immigrazione) iniziò e poi la terza, ma queste erano persone diverse visto che l’ego continua a rinnovarsi. Una persona non crede che quello che le è successo ieri possa tornare a ripetersi oggi. Non è nemmeno colpa sua visto che tutto viene cancellato dalla sua memoria visto che è una nuova persona ogni giorno. Quindi, la cosa principale è l’educazione e l’insegnamento dei principi dell’unità nazionale e globale.
[158205]

Da Kab.TV “I Segreti del Libro Eterno” 10.12.2014

Materiale correlato:

Un Ego mutato che uccide se stesso
Come andare d’ accordo con le leggi della natura?

Gli Stati Uniti hanno perso il loro ruolo di assicuratore del sistema economico globale?

Dr. Michael LaitmanOpinione (Lawrence H. Summers, economista americano, presidente emerito, Charles W. Eliot Docente – Harvard University, l’ex segretario del Tesoro): “Il mese passato può essere ricordato come il momento in cui gli Stati Uniti hanno perso il ruolo di assicuratore del sistema economico globale. Questo fallimento strategico e tattico è avvenuto da molto tempo, e quindi dovrebbe portare a una revisione globale dell’approccio statunitense all’economia globale. Con la dimensione economica della Cina che fa concorrenza all’America e ai mercati emergenti che rappresentano almeno la metà della produzione mondiale, l’architettura economica globale ha bisogno di adeguamenti sostanziali. Le pressioni politiche provenienti da ogni parte degli Stati Uniti l’hanno resa sempre più disfunzionale.

“Con gli impegni statunitensi inattesi e le politiche spalleggiate dagli USA che bloccano i tipi di finanza di altri paesi che vogliono fornire o ricevere attraverso le istituzioni esistenti, in questo modo è stato dato il via libera alla Cina di creare un’ infrastruttura Asian Investment Bank. Qui c’è spazio per la discussione circa l’approccio tattico che avrebbe dovuto essere preso una volta che l’iniziativa è stata presentata. Ma la domanda più grande ora è sulla strategia. Qui ci sono tre precetti che i leader statunitensi dovrebbero tenere a mente.

“In primo luogo, la leadership americana deve avere un fondamento bipartisan all’interno, essere completamente priva di ipocrisia ed essere contenuta nel perseguimento del proprio interesse. Fintanto ché uno dei nostri principali partiti si oppone essenzialmente a tutti gli accordi commerciali, e l’altro è resistente a finanziare le organizzazioni internazionali, gli Stati Uniti non saranno in grado di plasmare il sistema economico globale.

“Altri paesi sono legittimamente frustrati quando i funzionari americani chiedono loro di adeguare le loro politiche – quindi insistono sul fatto che i regolatori statali americani, agenzie indipendenti e azioni di vasta portata giudiziaria sono fuori dal loro controllo. Questo è particolarmente vero quando molte aziende straniere affermano che le azioni degli Stati Uniti sono sollevate dalla vera regola dei problemi legali.

“La legittimità della leadership degli Stati Uniti dipende dalla nostra resistenza alla tentazione di abusarne nel perseguimento di interessi parrocchiali, anche quando tali interessi appaiono convincenti. Non possiamo aspettarci di mantenere il ruolo primario del dollaro nel sistema internazionale se siamo troppo aggressivi nel limitare il suo uso nel perseguimento di particolari obiettivi di sicurezza.

“In secondo luogo, nella politica globale come anche in quella nazionale, la classe media conta di più. A volte sembra che l’agenda globale combini prevalentemente preoccupazioni dell’elite su questioni quali la proprietà intellettuale, la protezione degli investimenti e l’armonizzazione della regolamentazione con le preoccupazioni morali circa la povertà globale e posterità, offrendo poco a quelli della classe media. Approcci che non servono alla classe operaia nei paesi industrializzati (e crescenti popolazioni urbane in quelli in via di sviluppo), essendo inutili per lavorare bene nel lungo periodo.”

Il mio commento: Non voglio essere come un osservatore politico nella sua poltrona, riflettendo su come sia meglio per gli ebrei, ma la verità è che il bene a lungo andare sarà solo per ciò che è coerente con il programma della creazione, che è di portare tutta l’umanità a un solo corpo.

Negli ultimi 20 anni, gli Stati Uniti hanno svolto una funzione diversa: divide et impera. Quindi, non solo gli Stati Uniti perderanno il ruolo di leader economico, ma anche il loro ruolo di essere un esempio per il mondo.
[158111]

Materiale correlato:

L’America crollerà se Obama volterà le spalle ad Israele
L’influenza americana è in declino

Una pace difficile che strapperà l’economia globale a pezzi

Dr. Michael LaitmanOpinione (Mark Leonard, direttore, consiglio europeo sulle relazioni con l’estero): “Nel 1914, l’ordine dell’economia mondiale è crollato perché le sue più potenti nazioni sono andate in guerra. Un secolo più tardi, le grandi potenze sono contrarie allo spargimento di sangue – e perversamente, dicono che potrebbe essere l’innesco per un disfacimento dell’economia globale.

“I governanti una volta mandavano la cavalleria quando volevano ridisegnare la mappa. Adesso, il campo di battaglia principale è economico. In tanti teatri, le sanzioni hanno preso il posto di attacchi militari. Regimi commerciali concorrenti diventano quasi importanti come le alleanze militari. Lo storico americano Edward Luttwak chiama questo una gara di geoeconomia, definita dalla ‘grammatica di commercio ma la logica di guerra.’

“I negoziati commerciali sono diventati anche un’arma economica. Con il dissolversi della speranza per un accordo globale, un labirinto di negoziati commerciali bilaterali e regionali è in atto. Però piuttosto che collegare i mondi in un sistema unico, i giocatori regionali forti stanno provando a creare mercati recintati con un accesso di favore per le proprie aziende a scapito degli stati più deboli.

“Una volta una teoria ottimistica ha dichiarato che le multinazionali farebbero nazioni un tempo ostili più dipendenti l’una dall’altra, e che questo le renderebbe una forza di pace. I governi, hanno avuto un interesse illuminato a garantire regole aperte, prevedibili che permetterebbero alle aziende di prosperare, senza impedimenti da confini politici.

“Però salendo fra i poteri maggiori delle tensioni stanno trasformando questi cavalieri del mondo aziendale a volte in pedine. Le istituzioni multilaterali che avrebbero dovuto essere sorveglianti benigni di una nuova era di cooperazione win-win [vincita di entrambi] stanno diventando un campo di battaglia per la competizione geopolitica.”

Il mio commento: Non può essere altrimenti poiché il mondo si sta sviluppando attraverso lo sviluppo dell’egoismo, così il male sta spingendo il mondo avanti. Così, essere ottimisti significa non conoscere la base per lo sviluppo del mondo. È scritto, “Ho creato l’egoismo e ho creato la Torà per la sua correzione,” e senza la sapienza della correzione dell’egoismo dalla forza opposta, abbiamo solo una forza negativa nel mondo, che lo controlla e lo spinge verso la distruzione.

[156398]

Materiale correlato:

La guerra finanziaria
La politica economica del nuovo globalismo

L’ozio del Parlamento Europeo

Dr. Michael LaitmanHo letto nell’articolo “la Germania russa,” che nel 2015, solo poche decine di leggi sono state trattate nel Parlamento europeo, che si compone di 751 rappresentanti.

Il mantenimento di questo esercito legislativo creativo costa al contribuente 1,7 miliardi di euro ogni anno. Secondo le prospettive di quest’anno, i rappresentanti sono pronti ad accettare questa diminuzione della loro attività e ad andarsene ad occuparsi dei propri affari e senza alcun senso che vi sia un problema.

Il mio commento: Credo che in questo modo la composizione (dell’UE) si stia gradualmente facendo obsoleta e irrilevante. Tuttavia, questo può essere molto utile, dal momento che molte persone hanno imparato da questo progetto, che è stato un fallimento fin dall’inizio. L’unico motivo per il suo fallimento è che non si era basato su una qualsiasi forma di integrazione, ma su semplici calcoli egoistici. Questo perché tutto si svolge in un’epoca di vera integrazione con la natura dove qualsiasi forma di integrazione artificiale è destinata a cadere a pezzi. Nel complesso, il progetto dovrà alla fine essere chiuso completamente.
[156880]

Materiale correlato:

Le basi instabili dell’Europa
Tempo di crisi stabile

Una pace precaria che strapperà l’Economia mondiale a pezzi

Dr. Michael LaitmanOpinione (Mark Leonard, direttore, Consiglio Europeo per le Relazioni Esterne): “Nel 1914, l’ordine economico mondiale è crollato a causa del fatto che le sue nazioni più potenti sono andate in guerra. Un secolo dopo, le grandi potenze sono contrarie allo spargimento di sangue – e perversamente, questo potrebbe essere l’innesco per il dipanarsi dell’economia globale.

“I sovrani di una volta mandavano la cavalleria quando volevano ridisegnare le mappe. Ora, il campo di battaglia principale è l’economia. In molti luoghi d’azione, le sanzioni hanno preso il posto degli attacchi militari. Le competizioni dei regimi commerciali diventando importanti quanto le alleanze militari. Lo storico americano Edward Luttwak chiama questo una competizione di geoeconomia, definita come ‘grammatica del commercio, ma con la logica della guerra’.

“I negoziati sul commercio, troppi, sono diventati un’arma economica. Con l’appassire delle speranze per un accordo globale, sono in atto un labirinto di negoziati commerciali bilaterali e regionali. Ma piuttosto che collegare il mondo in un unico sistema, forti attori regionali stanno cercando di creare porte di mercati con accesso preferenziale per le proprie aziende a scapito degli stati più deboli.

“Una teoria ottimistica una volta ha dichiarato che le aziende multinazionali avrebbero fatto nazioni un tempo ostili, più dipendenti l’una dall’altra e che questo le avrebbe rese una forza di pace. I governi, sono stati mantenuti, avendo illuminanti interessi nel garantire l’apertura, con regole prevedibili che consentano alle aziende di prosperare, senza impedimenti da confini politici.

“Ma crescenti tensioni tra le grandi potenze stanno trasformando questi cavalieri di un tempo del mondo aziendale in garanzie. Le istituzioni multilaterali che avrebbero dovuto essere i sorveglianti benigni di una nuova era vittoriosa e di cooperazione ora stanno diventando un campo di battaglia per la competizione geopolitica “.

Il mio commento: Non può essere diversamente dal momento che il mondo si sta sviluppando attraverso lo sviluppo dell’egoismo, quindi il male sta spingendo il mondo in avanti. Pertanto, essere ottimisti significa non conoscere la base per lo sviluppo del mondo. È scritto, “ho creato l’egoismo e ho creato la Torà per la sua correzione, “e senza la conoscenza per correggere l’egoismo con la sua forza opposta, abbiamo soltanto la forza negativa nel mondo, che lo controlla e lo spinge

Materiale correlato:

La guerra finanziaria
La politica economica del nuovo globalismo

C’è un limite alla pazienza natura

Dr. Michael LaitmanDomanda: С’è una causa comune a tutti i nostri problemi?

Risposta: Se noi abbiamo un conflitto con la moglie, con i bambini, con i vicini, al lavoro e anche con noi stessi, questo significa che su di noi governa l’egoismo. Si chiama faraone.

Domanda: Ma la schiavitù d’Egitto, della quale racconta la Torà, che esisteva nei tempi antichi, è finita tempo fa?

Risposta: Il Faraone governa su di noi sempre, anche ora. Eventi che sono descritti nella Torà non sono legati ad un momento specifico, non è un racconto storico. Ci troviamo ancora sotto il dominio dell’ego, la nostra natura egoistica, che non ci permette di vivere normalmente.

Oggi viviamo in un mondo speciale, in un’epoca speciale. Siamo tutti interconnessi in un’unica rete con il mondo integrale, l’economia integrale, e dipendiamo l’uno dall’altro. Se la comunità internazionale impone sanzioni contro un qualsiasi paese, taglia la connessione, come per esempio con l’Iran, allora quel paese cade. Perché tutto dipende da tutti.

Questo ci dimostra in quale mondo integrale ci troviamo, dove siamo tutti interconnessi. Se non ci comportiamo bene con gli altri facciamo danno a noi stessi.

Perciò, se non riusciamo a costruire i rapporti tra di noi: tutti i popoli, tutti gli stati, tutti partono dal paese, allora ci distruggeremo . Non ci aiuta più niente. Perché saremo in conflitto con la legge della natura.

Domanda: Di fatto non troviamo nessun accordo tra di noi, però viviamo lo stesso.

Risposta: C’è un limite a quello scontro: fino a quale dimensione può crescere, e fino a quando può continuare. La causa di questo scontro è la nostra natura, che ci obbliga a pensare a noi stessi.

Egli non capisce che il suo bene dipende da tutti. Il nostro stupido ego agisce in modo così primitivo. L’uomo non è in grado di capire che se si collega agli altri, solo tramite i buoni rapporti, vincerà.

Domanda: Sembrava il contrario, nelle società primitive antiche c’erano legami più forti tra gli uomini. Durante il nostro sviluppo ci siamo dissociati di più?

Risposta: Non pensare che le società antiche siano state più primitive. Loro capivano che dipendevano l’uno dall’altro, connessi e che senza questi legami non si può sopravvivere.

Il problema del mondo moderno è che attraverso lo sviluppo della tecnologia abbiamo raggiunto un tale livello che ci sembra di poter vivere in modo indipendente. Perciò ognuno si chiude nella la sua casa con il suo cellulare e il pc e non vuole vedere nessuno. È importante che non lo disturbino.

La mancanza di comunicazione tra noi, o i legami negativi si chiamano il Faraone, cioè il nostro egoismo. Noi non vogliamo prendere in considerazione gli altri e non capiamo che siamo interconnessi, siamo legati da una rete, soprattutto il popolo d’Israele. Ci dobbiamo considerare solo su questa scala: quanto siamo contro o per gli altri.

Tutta la Torà racconta solo dell’amore per il prossimo come per se stesso, è una grande regola della Torà. Questa regola include tutto. Non c’è altro, a parte rivelare la connessione corretta.

Dal Programma radiofonico 103FM. 15.03.2015

Materiale correlato:

Prepararsi ad incontrare la Luce
Il prossimo mondo per il faraone