Pubblicato nella 'Educazione' Categoria

Unirsi per il bene dell’unione

Domanda: C’è una legge secondo la quale una persona in mezzo alla folla cade sotto la sua influenza. Comincia a perdere il controllo di se stessa e può facilmente perdere il proprio “io”. Ma perché, quando sono in un gruppo di persone che vogliono unirsi e raggiungere un nuovo livello di realizzazione, questa legge non sembra essere applicabile?

Risposta: Poiché l’egoismo non ti spinge a unirti, devi agire contro di esso! Entri nella folla con il tuo egoismo e te ne accorgi come tutti gli altri. È molto semplice, molto facile.

Ogni persona che si unisce a una folla diventa simile ad essa. Trova una giustificazione per il suo egoismo, si sente grande, grande  come la folla. È molto difficile, quasi impossibile, stare in mezzo alla folla e non obbedirle.

Commento: Ma passo molto tempo tra persone che vogliono unirsi per amore dell’unità. E non mi influenzano.

La mia risposta: Questa non è una folla! La folla è una marmaglia egoista che decide di combinare i propri impulsi egoistici individuali per un guadagno ancora maggiore. E così va, rompe, colpisce e si scatena. Colpisce il tuo egoismo e tu inizi a comportarti come loro. La folla ti trascina.

E quando vuoi unirti per il bene dell’unità, è una questione completamente diversa! Fai parte di un gruppo che lavora per elevarsi al di sopra del proprio ego, per annullarlo, per negare la sua natura animale. C’è molto lavoro da fare qui. Un estraneo non saprà nemmeno cosa stai facendo.

[274179]

Dalla trasmissione di KabTV “Communication Skills”, 25/09/2020

 

Materiale correlato:
Tutti devono unirsi al movimento verso il Creatore
La connessione è fonte di decisioni corrette
Durante il workshop ascoltiamo tutti

Libertà da se stessi

Domanda: Esiste qualcosa come la libertà da se stessi?

Risposta: Sì. Se accetti la legge della natura, la legge dello sviluppo integrale della società, ti disconnetti da te stesso, ti alzi al di sopra di te stesso e costruisci un altro sé.

Commento: Lei ha detto che la natura dà all’uomo la libertà di agire, ma se non la si usa, si attiva qualche altra legge, che conduce l’uomo alla stessa meta della creazione ma attraverso sofferenze e colpi.

Risposta: Naturalmente. Applichiamo questo sia all’educazione dei bambini che alla società. Cioè, ogni volta che i buoni incentivi falliscono, la punizione entra in gioco. In ogni caso, l’obiettivo deve essere raggiunto.

Domanda: Se improvvisamente questa legge, che ci guida a colpi, viene attivata, allora non c’è libera scelta?

Risposta: Solitamente questa legge viene attivata senza ricorso. Dobbiamo cercare di assecondarla il più rapidamente possibile.

 

[273827]

Dalla trasmissione di KabTV “Communication Skills”, 12/11/2020

Materiale correlato:

Come diventare padroni del proprio destino?
Cambiare il proprio destino
Il piacere del congresso e la domanda sul senso della vita

La responsabilità prima di tutto

Domanda: Ci sono modi per influenzare un dipendente prezioso ma irresponsabile…per motivarlo?

Risposta: Non vedo come un dipendente possa essere prezioso se è irresponsabile.

Nota: Prezioso significa che ha una buona conoscenza.

Risposta: Ma non saremo in grado di usare la sua conoscenza se egli è un irresponsabile. Per prima cosa, la responsabilità è necessaria quando una persona risponde correttamente, intenzionalmente e chiaramente ai compiti che le vengono assegnati.

 

[273824]

Dalla trasmissione di KabTV “Management Skills”, 28/08/2020

Materiale correlato:
La responsabilità di una persona
La responsabilità reciproca nella società integrale
Uomini e donne: responsabilità e possibilità

La natura detesta l’anarchia

Domanda: Una persona nata nel nostro mondo, in base alla propria natura, usa sempre gli altri. Naturalmente, l’educazione e i geni giocano un ruolo importante, ma alla prima occasione, senza esitazione, preferirà il guadagno personale al bene pubblico. Significa che non ha scelta?

Risposta: Naturalmente, tutte le nostre azioni sono rigorosamente predeterminate. L’unica scelta è quella di andare sempre avanti e aumentare gradualmente il livello di libertà: fino a che punto posso preferire il collettivo all’individuo.

Domanda: Qual è la differenza tra libertà e anarchia?

Risposta: Non c’è anarchia in natura. Il fatto è che le persone agiscono al livello del nostro mondo senza conoscere le vere leggi della natura. Non c’è anarchia nemmeno nel comportamento umano: tutto è predeterminato, tutto è noto.

L’unica cosa che possiamo fare è attirare su di noi la luce circostante. Tuttavia, questo accade anche sotto l’influenza della forza superiore, e qui non c’è anarchia.

L’anarchia è un sistema specifico. Ma la natura non lo tollera. La natura è una legge molto seria, rigorosa e assoluta.

 

[273779]

Dalla trasmissione di KabTV “Communication Skills”, 11/09/2020

Materiale correlato:
La natura separa gli egoisti
Qual è la libertà di scelta delle persone?
Comprendere le forze nascoste della Natura

Perché abbiamo bisogno del metodo per la connessione?

Domanda: In tempo di guerra, c’è sempre cooperazione perché c’è un obiettivo comune di sopravvivere e porre fine alla guerra. Quale obiettivo comune può esserci tra tutti i settori della società in tempo di pace?

Risposta: Non vedo molta differenza tra tempo di guerra e tempo di pace perché oggi siamo in guerra tra di noi e con la natura, il che è peggio di una guerra nucleare.

Non vediamo come liberarci dalle contraddizioni o dall’odio reciproco. Queste contraddizioni sono presenti ovunque, dai livelli più alti della nostra società e dei governi alle famiglie e agli individui.

Il nostro egoismo ci domina a tutti i livelli e raggiunge uno stato in cui siamo incapaci di ascoltarci a vicenda. Pertanto, abbiamo bisogno di un metodo per la connessione.

Domanda: Un obiettivo comune può essere quello di conquistare la natura, che ci mette costantemente sotto pressione?

Risposta: È possibile che questo obiettivo ci organizzi e ci guidi correttamente l’uno verso l’altro. Inizieremo a fare i passi giusti per unirci in modo di evitare di morire nei cataclismi che la natura sta preparando per noi.

 

[273517]

Dalla trasmissione di KabTV “Communication Skills”, 25/09/2020

Materiale correlato:
La connessione è fonte di decisioni corrette
In unione e connessione
Richiedere la connessione con il Creatore

Il principio di un sistema olistico

Domanda: Il principio fondamentale di un sistema olistico è che le proprietà del tutto a volte non sono ridotte a una semplice somma delle proprietà delle parti. Una squadra ha potenzialmente una propria intelligenza. Se prendi dieci persone, poi unite, ottengono molto più potere di ciascuna di loro. Cosa viene aggiunto con una tale connessione?

Risposta: Si somma il loro egoismo; quello con cui prima si rifiutavano a vicenda e ora sono obbligate ad attrarsi per connettersi fra loro. Pertanto, qui sia le proprietà positive che quelle negative funzionano per un vantaggio comune. Dopotutto, ci eleviamo al di sopra del rifiuto, iniziamo a usarlo per metterci d’accordo gli uni con gli altri e, quindi, il risultato è maggiore.

Domanda: Diciamo che io ho due chilogrammi di egoismo, e lei ne ha tre. Quando ci uniamo non abbiamo cinque chilogrammi, ma di più. Perché?

Risposta: Perché, avendo deciso di unirci, ognuno di noi supera il proprio egoismo individuale. In una semplice quantità si tratta di cinque chilogrammi di egoismo, e tuttavia se superiamo il nostro ego, ne viene prodotta una quantità molto maggiore, una grande forza complessiva. Quindi, ci stiamo sforzando in modo che le nostre riserve superino noi stessi!

In altre parole, riceviamo ulteriore energia dall’alto ed enormi forze aggiuntive vengono sommate al nostro egoismo totale per superare i nostri cinque chilogrammi e unirci. Quindi invece di cinque chilogrammi, ne ricava cinquecento.

Domanda: Una tale fusione tra di noi ci porta a un livello superiore?

Risposta: A un livello completamente diverso, qualitativamente nuovo!

Se le persone sono unite sensorialmente, si manifesta in esse un potere speciale di comunità, reciprocità, connessione, che prima non esisteva fra loro. Invece della precedente separazione, acquisiscono il potere dell’unità. E questa nuova proprietà le guida.

Da esso iniziano a sentire una natura completamente diversa, vedono che è integrale. E prima non lo sapevano. Credevano che la natura fosse costruita sull’individualità, sull’egoismo. Ma la natura non è assolutamente egoista.

 

[273721]

Dalla trasmissione di KabTV “Communication Skills”, 25/09/2020

 

Materiale correlato:
L’umanità è un singolo organismo
Perché dovremmo unirci?
Interconnessione assoluta

La libertà è una via d’uscita dall’egoismo

Domanda: Nel corso della storia, le persone hanno combattuto per la libertà. La Dichiarazione universale dei diritti umani afferma che “Nell’esercizio dei suoi diritti e delle sue libertà, ognuno sarà soggetto solo alle limitazioni stabilite dalla legge al solo scopo di garantire il dovuto riconoscimento e rispetto dei diritti e delle libertà di altri e di soddisfare i giusti requisiti di moralità, ordine pubblico e benessere generale in una società democratica”. Che in sostanza significa che la libertà consiste nella capacità di fare tutto ciò che non nuoce a un altro.

Lei è d’accordo con quanto detto?

Risposta: In parte. Questo non è il pieno significato di libertà, ma almeno il primo e principale punto.

Domanda: Se consideriamo il concetto di libertà in termini di comunicazione tra le persone, quanto siamo liberi nel nostro comportamento? Comprendiamo che i nostri geni e l’ambiente modellano quasi completamente il nostro comportamento. Qual è, allora, la nostra libertà?

Risposta: E’ mettersi al servizio della connessione reciproca, che porta tutti allo stato più bello: all’unità. Questa è l’unica cosa che dobbiamo realizzare, come la possibilità di movimento libero tra di noi.

Domanda: Dal punto di vista della natura, una persona dovrebbe essere libera?

Risposta: Dal punto di vista della natura, questo non è affatto scontato. La libertà non esiste in nessun organismo biologico, inclusi gli esseri umani. Ma elevandosi al di sopra della propria natura egoistica, uscendo da se stessa, una persona può raggiungere una nuova natura altruistica e lì trovare la libertà sotto forma di dazione e amore per gli altri.

La libertà è una via d’uscita dall’egoismo.

 

[273714]

Dalla trasmissione di KabTV “Communication Skills”, 11/09/2020

Materiale correlato:
Qual è la libertà di scelta delle persone?
Nella schiavitù dell’egoismo
Qual è il punto libero dall’influenza del Creatore?

Una motivazione ultraterrena

Domanda: Quanto è appropriato il principio della carota e del bastone in un approccio integrale alla motivazione?

Risposta: Vediamo che la natura usa costantemente questo principio. Non ci chiede, ci spinge e basta.

Domanda: Lei pensa che il metodo della carota e del bastone sia accettabile sul lavoro, nella società?

Risposta: Sì. In ogni caso, intendiamo solo la carota o il bastone. La natura e la società non possono influenzarci in nessun altro modo perché percepiamo chiaramente solo ricompensa e punizione. La differenza sta nella loro forma.

Domanda: Quali sono le caratteristiche della motivazione kabbalistica?

Risposta: Questo è un livello completamente diverso, quando ci eleviamo al di sopra della ricompensa e della punizione, cioè al di sopra della conoscenza, e andiamo avanti solo per il potere della dazione, dell’amore e senza alcun motivo egoistico. Questo apre spazi completamente diversi, circostanze diverse. Questa si chiama fede al di sopra della ragione.

Domanda: Da dove trae energia una persona se non ci sono motivazioni egoistiche?

Risposta: Dall’alto. La nostra natura ha una fonte di energia molto interessante, direi unica, che può fornire a una persona una motivazione ultraterrena e altruistica, e la persona farà il lavoro.

La scienza della Kabbalah ha un metodo per ottenere l’energia e la motivazione che non possiamo sentire con i nostri sensi.

Domanda: Lei pensa che sia più facile motivare i bambini rispetto agli adulti?

Risposta: Naturalmente, perché i bambini sono attratti da determinati articoli…oggetti e ricompense. Quindi sono facili da manipolare. Gli adulti sono molto più difficili. E la cosa più difficile è addestrare un adulto a manipolare se stesso.

 

[273710]

Dalla trasmissione di KabTV “Management Skills”, 28/08/2020

 

Materiale correlato:
L’unica motivazione
Cosa dovrei chiedere quando soffro?
In che modo l’anima insegna all’uomo?

Per scopi illusori

Domanda: In che modo l’influenza del gruppo nella società umana è diversa dagli istinti del gregge negli animali?

Risposta: Gli animali si comportano come la natura impone loro di comportarsi. Non commettono errori perché, guidati dalla natura, agiscono secondo un programma, imponendo quando scappare, quando avvicinarsi, procreare in quello e poi in quell’altro periodo dell’anno, dormire in quello e in quell’altro momento dell’anno, ecc. Ma gli umani non sono così. Siamo al di sopra della natura, al di sopra del livello animato. E questo è il nostro problema.

Domanda: Noi umani non siamo guidati dall’istinto?

Risposta: Il fatto è che siamo governati dall’egoismo, ed è così grande che siamo pronti ad agire anche a nostro danno, assecondando il nostro ego. Una persona fa molto male a se stessa solo per elevarsi al di sopra degli altri. Dì a un animale che deve elevarsi al di sopra degli altri e soffrire a causa di questo…non sarà d’accordo.

Domanda: Quindi una persona è pronta a soffrire e persino a farsi del male in modo che in seguito, in futuro, si divertirà un po’?

Risposta: Sì, per scopi illusori.

 

[273601]

Dalla trasmissione di KabTV “Communication Skills”, 25/09/2020

Materiale correlato:
Illusione E Realtà Secondo La Kabbalah
In che cosa l’egoismo della natura è diverso dall’egoismo dell’uomo?
Il rapporto dell’uomo con la natura e con se stesso

Vantaggi della comunicazione virtuale

Domanda: La connessione virtuale è vicina alla connessione spirituale?

Risposta: La comunicazione virtuale può essere vicina in qualche modo. Sicuramente ci muove a comunicare e impegnarci nel pensiero globale, ma dobbiamo imparare come farlo correttamente. Senza dubbio questa connessione ci sta portando più vicino al traguardo finale del nostro sviluppo.

Domanda: Il mondo virtuale è più sicuro per le persone rispetto al mondo fisico?

Risposta: Finché esisterà il mondo fisico saremo in grado di distruggerci l’un l’altro. Mentre nel mondo virtuale, tutto dipenderà da come esso si porrà nei confronti del mondo fisico: se per servirlo o per servirsene…

 

[274661]

Dalla trasmissione di KabTV “Communication Skills”, 07/10/2020

Materiale correlato:
Nuovi modi per comunicare
Il linguaggio è il senso per la corretta comunicazione
La comunicazione nella famiglia