Pubblicato nella 'Crisi' Categoria

Quali professioni scompariranno?

Domanda: Lei sa quali professioni scompariranno in futuro?

Risposta: Molte, praticamente tutte.

Domanda: I giornalisti scrivono che ci saranno taxi senza conduttori, che gli hotel si prenoteranno solo on line e che anche gli editori e gli scrittori scompariranno, perché un robot informatico ha già vinto un concorso letterario.

È stato stabilito che la precisione di un avvocato informatico è del 90% mentre quella dell’essere umano, del 70%; il dispositivo IBM Watson diagnostica il cancro quattro volte meglio di qualunque medico. Nel futuro l’energia solare sarà talmente economica e così ampiamente utilizzata che tutta l’industria del carbone scomparirà, ecc …

Lo scrittore israeliano Yuval Noah Harari, nel suo popolare libro “Homo Deus: Breve storia del domani”, avverte che, un domani, l’umanità potrebbe dividersi in due sottospecie: la prima che verrebbe chiamata dei pagani, la padrona dell’intelligenza artificiale e quella dei super specialisti, la seconda, comprenderà tutto il resto; ed il resto può significare paesi e continenti interi. Lei pensa veramente che l’umanità si dividerà in queste due sottospecie?

Risposta: Nel processo per arrivare a questo livello, entrambi i gruppi, certamente, saranno molto differenti l’uno dall’altro: uno si dedicherà a programmare ed inventare tutte queste macchine e l’altro consumerà passivamente perché non ne avrà davvero bisogno.

Sarà solo una massa di proteine che si alimenterà anche con sostanze speciali che diminuiranno il suo desiderio di riprodursi e tutti i suoi desideri in generale. Diventeranno “vegetali”, non persone. E coloro che creeranno le tecnologie li governeranno; ma questa non è la fine del problema, non è come un film di Hollywood, perché esistono anche il governo superiore e lo scopo.

L’umanità non esiste di per sé, e non è neppure isolata da tutto. Lo vediamo nella natura ed in tutte le sue parti: lo scopo finale è già determinato e governa tutte le fasi ed i passi dello sviluppo. Pertanto, niente si fermerà come lo ha concepito quest’uomo intelligente.

Tutto sarà differente. La gente sperimenterà importanti cambiamenti interiori; capirà che si sta uccidendo in questo modo. E non è la stessa cosa che se ci uccidiamo in questo mondo, volendo disfarcene il più rapidamente possibile.

Di fatto, gradualmente, la gente scoprirà la forma più elevata dell’esistenza alla quale può passare assolutamente senza problemi direttamente da questa vita terrena. Ascenderà semplicemente al successivo livello, che è eterno, perfetto ed infinito. Questo si rivelerà gradualmente alla gente che così farà i cambiamenti necessari per adattarsi al nuovo livello dell’esistenza.

Domanda: A chi crede che sarà rivelato per primo: ai capi o al resto della gente?

Risposta: Credo che i capi non lo riveleranno perché di fatto, sono persone di mente molto stretta. Loro conoscono la tecnologia. Sono solo interessati a creare macchine subordinate a loro.

La gente, che dipende da loro, è quella che soffre e comincerà a sentire tutto. È impossibile schiacciare questo sentimento! È naturale! E non importa quanta droga le daranno, né che usino altri mezzi per calmarli o addormentarli, non sarà di nessun aiuto!

Pian piano, prenderà vita una rivoluzione interna molto interessante nella gente che, da questo punto, passerà al livello successivo.

[218748]

Dalla trasmissione di KabTV “Le Notizie con Michael Laitman”, 9/11/2017

Materiale correlato:
I robot toglieranno il lavoro alle persone
I robot ci portano via il nostro lavoro?”
La metà dei lavori sparirà nel 2030

Le condizioni sociali miglioreranno?

Domanda: Noi vediamo migliorare le condizioni sociali delle persone di anno in anno. Le condizioni di lavoro delle persone di 100 anni fa e quelle di oggi, non possono nemmeno essere paragonate. Le condizioni sociali continueranno a migliorare ulteriormente?

Risposta: Il fatto è che non possiamo confrontare le condizioni attuali con ciò che esisteva 100 anni fa, specialmente nei paesi in via di sviluppo. Oggi gli abitanti di quei paesi guardano con entusiasmo all’Europa e pretendono anche loro di avere uno standard di vita come quello europeo. Non puoi andare da loro e dire: “Come potete pretendere questo?! I vostri antenati vivevano nelle capanne con le loro capre e non chiedevano di meglio.”

Tutto cambia, e dei cambiamenti sono necessari. Le persone ora sono completamente diverse. Sentono l’umanità globale e le loro richieste sono già su un livello diverso. Pertanto, suggerirgli di “vivere come i loro avi” è impossibile.

[219151]

Dalla lezione di Kabbalah in lingua russa del 24/12/2017

Materiale correlato:
Come possiamo essere uguali se siamo così diversi?
Il piano per uscire dalla crisi – Seconda parte –
Si tratta di qualcosa di più dell’economia?

“Lamentatevi con Colui che ci ha creati”

Il mondo sta realizzando di aver raggiunto un punto morto. Ne consegue che non ci sono più né democrazia né liberalismo. A che cosa siamo arrivati permettendo ai mass media e all’oligarchia di fare liberamente quel che vogliono?

Fra 10 anni, essi si riuniranno ancora a Davos e proclameranno: “Adesso il 99% del capitale totale è posseduto dall’1% della popolazione mondiale e ben presto l’intero 100% sarà nelle nostre mani. Il resto delle persone può pure morire di fame. Noi ovviamente siamo molto dispiaciuti per loro ma non c’è nulla che possiamo farci. Questo è un percorso di sviluppo egoistico. Se non vi piace, lamentatevi con il Creatore.”

I ricchi stessi diranno: “Voi volete cambiare ma il cambiamento non è nelle vostre mani. Noi non abbiamo alcuna colpa; siamo egoisti come chiunque altro. Voi avreste fatto lo stesso al posto nostro. Tutto il denaro si è accumulato nelle nostre mani perché il desiderio di provare piacere ci ha forzato ad agire in questo modo. Lamentatevi con Colui che ci ha creati.” Forse allora, quegli sfortunati ai quali non è rimasta neppure una briciola di pane, capiranno di aver bisogno di rivolgersi al Creatore.

[221013]

Dalla terza parte della Lezione quotidiana di Kabbalah del 25/01/2018, Gli Scritti del Baal HaSulam, “Introduzione a Il Libro dello Zohar,” Paragrafo 60

Materiale correlato:
La rivoluzione del 21° secolo: Ricchi e poveri
Perché abbiamo bisogno del Denaro?
La chiave di volta per risolvere i problemi

Il mondo ad un bivio – 3’ Parte

Domanda: Perché adesso i nazisti stanno improvvisamente tornando attivi?

Risposta: La società umana ha raggiunto uno stato del proprio sviluppo nel quale ci sono due strade davanti ad essa. Una strada è quella dell’unione sulla base dell’egoismo e dell’odio, che si esprime nel Nazional-Socialismo e nel Fascismo. E quindi l’intera società è divisa in classi: quelli che stanno più in alto e quelli che si trovano più in basso. In questo modo l’egoismo riordina tutta l’umanità.

Ed il popolo ebraico, quale portatore del metodo di Abrahamo, è polarmente opposto al Fascismo perché il suo metodo è basato sul percorso della correzione, non sul percorso naturale dell’egoismo. E’ per questo che gli ebrei odiano in modo speciale proprio il Fascismo.

Il percorso dello sviluppo naturale porta all’unificazione sulla base del Nazismo fino al momento in cui tutte le sue terribili conseguenze vengono rivelate. Oppure possiamo anche unirci con l’aiuto della Luce al di sopra dell’egoismo, attraverso il metodo di Abrahamo.

Il mondo diventa integrale e “circolare”. E l’umanità ha due modi per raggiungere questa forma circolare. Un modo è all’interno della conoscenza, ovvero, dentro l’egoismo e questa forma è chiamata Nazismo. L’altro modo è al di sopra della conoscenza, al di sopra dell’egoismo, in base al metodo della Kabbalah, ovvero “tramite il percorso della Luce.”

Il Fascismo è rivelato con lo scopo di far capire ad ognuno la catastrofe alla quale conduce questo percorso, così che cominciamo ad unirci al di sopra dell’egoismo prima o poi.

La storia si ripete sino a che non la correggiamo. Hitler e i nazisti in Germania avevano delle grandi speranze per l’America, aspettandosi che il Nazismo potesse continuare a vivere su quel suolo. Dopo tutto, ci furono molti tedeschi tra i fondatori degli Stati Uniti. Ci fu anche una discussione su quale dovesse essere la lingua ufficiale negli USA: tedesco o inglese. Alla fine venne scelto l’inglese ma entrambe le lingue avevano quasi le stesse possibilità.

Domanda: Qual è la differenza tra lo stato attuale e quello degli anni 30-40 del secolo scorso? Siamo diventati più intelligenti?

Risposta: Non sembra che siamo diventati più intelligenti. L’umanità non impara affatto dai propri errori, poiché l’egoismo stesso lavora dentro alla persona. Ma oggi abbiamo la possibilità di diffondere la saggezza della Kabbalah e di spiegarla, perché già tantissime persone seguono la Kabbalah nel mondo.

Quindi, è probabile che saremo capaci di spiegare che il mondo si trova davanti ad un pericoloso bivio e che cosa possiamo fare per salvarci dalla distruzione. Altrimenti, il mondo si sta condannando a terribili sofferenze e ad una guerra mondiale. E sarà davvero mondiale, non localizzata come nel secolo scorso.

[212382]

Dalla prima parte della Lezione quotidiana di Kabbalah del 21/8/2017, Lezione sull’argomento: “L’Europa ad un bivio”

Materiale correlato:

Il mondo ad un bivio – 1’ Parte
Il mondo ad un bivio – 2’ Parte
La situazione in Europa è la reminiscenza dei giorni di Hitler

Cosa impedisce la felicità?

Commento: Gli scienziati sono giunti alla conclusione che entro il 2050 il mondo dovrà affrontare dieci questioni importanti: la mutazione genetica umana, l’aumento della popolazione anziana, la desertificazione delle città, l’evoluzione delle reti sociali, nuove tensioni geopolitiche, la sicurezza dei trasporti, la riduzione delle risorse naturali, la colonizzazione di altri pianeti, l’espansione delle capacità intellettive e l’aumento dell’influenza dell’intelligenza artificiale. (BBC “10 Grand Challenges We’ll Face by 2050″ – Le 10 grandi sfide che affronteremo entro il 2050).

Risposta: Nulla di questo avverrà. L’evoluzione attuale ci sta portando ad un binario morto. Sembra che possiamo gestire tanti problemi, popolare altri pianeti e sviluppare deserti, qualsiasi cosa. Possiamo costruire, distruggere e illuderci a qualunque costo. Ma il nostro egoismo non ce lo permetterà.

Ci renderà la vita insopportabile e ci porterà a continue liti fra noi: nelle famiglie, tra figli, genitori, abitanti della stessa città, vicinato; non importa con chi e dove. Non saremo in grado di andare d’accordo l’uno con l’altro. E sarà una vita tremenda. L’egoismo ci condurrà in questo stato.

Nessuna invenzione ci aiuterà. Non ci offriranno nulla. Prima di tutto le useremo solo per sottomettere gli altri, per guadagnare un profitto e fare pressione su tutti. Già vediamo come si sviluppa la tecnologia e per cosa viene usata.

Allora vediamo cosa ci impedisce di essere felici!

La felicità non sta nello stabilirsi su altri pianeti, su quei corpi celesti inanimati, e non sta nei veicoli elettrici senza conducente, o nel vivere fino all’età di 200 anni. E’ già abbastanza duro vivere settanta o ottanta anni. Non c’è bisogno di vivere di più. Non è una questione di quanto uno debba vivere, ma di come uno viva! E comunque non possiamo sfuggire alla morte. Cercare di respingere la morte è un perseguimento umano senza senso.

Noi dobbiamo fare in modo di percepirci eterni, esistenti all’infinito mentre siamo ancora in vita in questo mondo. Questa è la soluzione alla questione. E non dovremmo cercare soluzioni ai problemi quotidiani con il nostro egoismo. L’egoismo rovinerà tutto comunque.

Non possiamo dire che oggi siamo più felici di quelli che vissero 50 anni fa. Essi non avevano gli aggeggi tecnologici con cui giochiamo oggi, ma non erano per questo più infelici.

Io vedo che secondo le statistiche attuali le persone sono meno felici, l’umanità è in una profonda depressione. Oggi tutti pensano a come e dove consumare marijuana o altre sostanze per “vedere che succede”. Perché uno dovrebbe vivere fino a 200 anni? Solo per spenderne 100 nell’illusione delle droghe?!

Noi dobbiamo creare una vita bella. E la si può raggiungere facilmente, attraverso delle buone relazioni tra noi. Altrimenti, ci aspetta l’Armageddon.

Sapete cos’è l’ Armageddon? In Israele c’è una piccola montagna (Har), chiamata Megido. Ci furono delle schermaglie circa duemila anni fa. Da questo deriva l’espressione figurativa “Armageddon”, la fine del mondo.

Infatti, non abbiamo bisogno di aspettare la fine del mondo. E’ possibile arrampicarci sulla vetta ora e guardare in basso. Non è una vetta alta, è una specie di monticello di circa 700, 800 metri. Facciamo in modo che la nostra vita sia tranquilla, bella e felice oggi, non tra 50 anni.

E, cosa più importante, con l’aiuto della scienza della Kabbalah possiamo iniziare a percepire la prossima vita, il mondo superiore, la transizione tra uno stato e l’altro, da una reincarnazione all’altra. Tutto questo è in nostro potere.

Vi auguro di scoprire lo stato eterno di crescita e soddisfazione.

[216081]

Dalla trasmissione di KabTV “Le Notizie con Michael Laitman”, 2/10/2017

Materiale correlato:
Il segreto della felicità
La formula universale della felicità
Dinamiche dello sviluppo dell’umanità

Ieri Harvey, oggi Irma, e domani?

Domanda: Alluvioni in Nepal, ondate di incendi forestali in California, di recente l’uragano Harvey si è abbattuto sul Texas e adesso Irma, l’uragano della categoria più alta mai registrata, ha colpito la Florida. Cosa sta succedendo?

Risposta: Il mondo è fuori equilibrio nel livello inanimato, perché l’uomo compie crimini ed errori e fa azioni negative nel livello spirituale. L’umanità si è già sviluppata in un certo livello spirituale ed è obbligata a correggersi. Non è per caso che la nostra generazione si chiami l’ultima generazione.

E’ come un bambino che cresce, deve andare a scuola e protesta “Non voglio studiare!”. Però gli viene risposto: “Caro, sei cresciuto e devi andare a scuola, che tu lo voglia o meno.”

L’ultima generazione significa che siamo arrivati ad un nuovo stato, anche se ancora non lo sappiamo. I kabbalisti ci avvertono: “Attento, già sei nel primo livello. Che tu lo voglia o meno, ti stanno giudicando e la natura ti tratterà in base ai tuoi voti. Se torni a casa con l’insufficienza verrai punito.”

Però l’umanità non ascolta gli avvertimenti e continua divertendosi irresponsabilmente, come fanno i bambini durante la ricreazione. Per questo si verificano un disastro naturale dietro l’altro.

Fino ad ora, abbiamo commesso delle piccole trasgressioni nella nostra società, perché non ci viene richiesto tanto, solo la minima consapevolezza di dove e cosa siamo.

Però se continuiamo con queste attività inutili, allora i nostri piccoli errori, a man mano che diverranno sempre più chiari per noi, cominceranno a crescere gradualmente man mano che attraversiamo tutti i livelli: umano, animale, vegetale e inanimato, dove si convertiranno in disastri naturali.

Così funziona il sistema integrale unito, e se non seguiamo le sue leggi, potrebbero esserci conseguenze catastrofiche. La cosa più pericolosa che potrebbe capitarci non sono un uragano e neppure un incendio, bensì, che da un momento all’altro potremmo rimanere senza cibo né riserve, che fare allora? Dipendiamo totalmente dal livello inanimato della natura.

Dobbiamo iniziare il lavoro della correzione immediatamente, perché non c’è ora nessuno la cui vita sia piacevole. Siamo sull’orlo di grandi crisi: nel sistema finanziario, nell’ecologia, in una nuova ondata di terrorismo, senza tener conto della minaccia nucleare.

L’umanità sta preparando sorprese terribili per se stessa, vale quindi la pena di sbrigarci. Uragani, incendi ed eruzioni vulcaniche non finiranno, perché la natura è fuori equilibrio.

[213209]

Dalla terza parte della Lezione quotidiana di Kabbalah del 6/09/17, “Gli Scritti di Baal HaSulam – La Pace nel Mondo”

Materiale correlato:
Ci avviciniamo verso una catastrofe climatica?
La Terra sta cominciando a liberarsi dell’umanità
Lezione introduttiva: “Equilibrio con la Natura” – 07.12.2010

Quando le opportunità non coincidono con i desideri

Baal HaSulam, “Gli Scritti dell’Ultima Generazione”: ‘In definitiva, la classe diligente metterà a morte tutti gli anziani e handicappati che mangiano e non lavorano, o anche se mangiano più di quanto possano lavorare, in quanto è dannoso per la società, come è noto che non hanno sentimenti.’

Questo è assolutamente vero! Quando una persona vive sino ad una certa età o non può più apportare un reale beneficio, viene trattata come se nessuno avesse bisogno di lei, per non parlare dei malati.

Questo sarebbe lo sviluppo naturale del capitalismo se continuasse. Ma in linea di principio, è possibile che possiamo arrivare a questo. Allora avremmo una società spartana: resterebbero solo persone giovani, sane e robuste, coloro che potrebbero portare beneficio all’élite. E se anche loro non fossero necessarie, verrebbero distrutte, lasciando, diciamo, un miliardo di persone su otto miliardi.

Nota: Secondo le statistiche, il numero di persone anziane per occupato aumenterà in Europa entro il 2030. Se oggi ci sono 1,5 persone impiegate per ogni pensionato, nel 2030 saranno la metà. Pertanto, il tenore di vita scenderà dal 30% al 50%.

Il mio commento: Non necessariamente. Penso che la robotica e l’automazione ci aiuteranno. Ma il fatto è che non ci sarà nessuno per nutrire i pensionati perché il desiderio di dar loro da mangiare scomparirà anche se ci sarebbe la possibilità di farlo.

Le nostre opportunità non coincideranno con i nostri desideri. Pertanto, la società li preparerà lentamente allo smaltimento attraverso il sistema sanitario.

Nota: E’ difficile credere che potremmo arrivare a questo. Al contrario, oggi la stampa lamenta il fatto che gli anziani e i disabili non ricevano benefici sufficienti.

Il mio commento: I media lo fanno solo perché ricevono degli ordini, il che significa che qualcuno lo fa per ottenere voti e vincere un’elezione.

Domanda: L’opinione pubblica non supporta i pensionati?

Risposta: Non esiste un’opinione pubblica. C’è solo l’opinione delle élite che governano l’opinione pubblica. Tutto il resto sono notizie false.

[216267]

Dalla trasmissione di KabTV “L’Ultima Generazione” 7/08/2017

Materiale correlato:

Nella Società futura gli obiettivi personali rimarranno?
L’attuale produzione alimentare minaccia di causare carenze di cibo in futuro
Il Precariato – la base della società futura

È possibile cambiare il corso della storia?

Domanda: Che impatto ha, nella storia mondiale, l’ignoranza sul piano della creazione ed il rifiuto a conoscerlo?

Risposta: La storia è ciò che è scritto nelle nostre ossa. Pertanto, se vogliamo essere partecipi della storia mondiale, allora dobbiamo capire come interpretarla e come cambiarla.

Noi siamo quelli che scrivono la storia attuale. Ho un’opportunità per attrarre la Luce superiore con l’aiuto del gruppo. Questo può elevarmi al di sopra dell’egoismo e allora comincerò a sentire ciò che è chiamato il mondo superiore. Questa sarà la mia storia.

Solo io posso fare questo con me stesso e nessuno può fermarmi, ma il gruppo può aiutarmi. La decina o il gruppo esistono per questo motivo.

Domanda: Possono i kabbalisti interferire con il corso della storia o cambiarlo?

Risposta: Posso influire sulla storia solo diffondendo il metodo kabbalistico e, se le persone si interessano ad esso, anche loro miglioreranno il nostro stato. In altro modo non possiamo influire su niente. Nella saggezza della Kabbalah è impossibile manipolare le forze della natura. Esistono solo due forze della natura e puoi manipolarle solo dentro di te.

Puoi agire in una sola direzione: diventare più simile al Creatore. In questo modo la Luce superiore passerà attraverso di te fino a Malchut, nella quale c’è tutta l’umanità.

Domanda: Possiamo dire che la storia è il piano della creazione: il suo programma?

Risposta: Si. È un programma di rivelazione del piano della creazione alle creature.

Domanda: E tutto è predeterminato, cioè nulla può essere cambiato, eccetto il futuro? Ovvero, posso agire solo nel presente in relazione al futuro?

Risposta: Puoi agire nel presente per cambiarlo.

È questo quello che dicono i kabbalisti. Questo è l’unico scopo della saggezza della Kabbalah. Ci insegna come attraversare il periodo che va dal nostro tempo fino alla fine della correzione di tutta la creazione, in maniera rapida e piacevole.

[216256]

Dalla lezione di Kabbalah in lingua russa del 16/07/2017

Materiale correlato:
Il “popolo del Libro” con il programma della creazione
La corona della creazione
Il Punto Centrale nella mappa mondiale

Chi controlla il mondo?

Domanda da Facebook: Cosa ne pensi degli Stati Uniti? Molti pensano che meritino le catastrofi, e che tutto sia necessario perché prima il paese “si purifica” meglio è per tutti.

Risposta: Non concordo con questo perché tutto quello che accade in questo mondo proviene da una sola ed unica forza: il Creatore. Lui controlla tutto. Lui innalza e abbassa nazioni diverse, diverse persone e parti del mondo, manda uragani e terremoti, fa esplodere reattori nucleari, ecc.

Questo è il modo in cui funziona il controllo del superiore, vuole scuoterci e portare ordine così che noi possiamo svegliarci e smetterla di essere costantemente sommersi nella nostra stessa pazzia.

Quindi nessuno ha la colpa, non gli Stati Uniti, non la Russia, nessuno. Tutto è controllato dal Creatore. E’ scritto nelle fonti kabbalistiche che il cuore di quelli che controllano il mondo è nelle mani del Creatore. Ecco perché io non ho un’opinione a riguardo, né di critica e neppure di approvazione, né verso un sistema, né verso una forma particolare di governo.

Penso che tutti noi assieme, come i bambini piccoli, dobbiamo metterci a sedere e cominciare a studiare il sistema della gestione superiore e sopratutto capire quanto veramente abbiamo bisogno di farlo il prima possibile.

E i primi a sedersi e a studiare questa scienza in realtà dovrebbero essere proprio coloro che governano il mondo, perché possono canalizzare l’azione del Creatore verso tutti noi. Spero che ascolteranno questo consiglio e che, comprendendolo e in conformità con il controllo del superiore, il mondo arriverà ad uno stato di calma.

[216133]

Dalla trasmissione di KabTV “Le Notizie con Michael Laitman”, 2/10/2017

Materiale correlato:
Tango con il Creatore
Una discussione tra due desideri
Quando il sole non lascia lo Zenith

Il mondo ad un bivio – 2’ Parte

A partire dalla vera e propria prima frammentazione, il cosiddetto peccato di Adamo “il primo uomo”, che era stata pianificata in anticipo, l’umanità cominciò gradualmente a realizzare che la ragione di tutti i propri guai era causata dalla separazione provocata dall’egoismo umano.

Benché l’egoismo fosse relativamente piccolo a quei tempi, ci volle ancora molto tempo prima dell’arrivo di Abrahamo, prima che le persone cominciassero ad unirsi per superare la crisi che ebbe luogo nell’Antica Babilonia.

L’ego frammentato che aveva diviso le persone, mostrò loro quanto distruttiva fosse la separazione e che non ci fosse altra soluzione che unirsi.

Dopo che Abrahamo ebbe rivelato a tutti che l’unione è il percorso della correzione ed ebbe cominciato a spiegarlo a chi voleva ascoltarlo, quelli che lo capirono formarono un gruppo, che fu successivamente chiamato il popolo di Israele, che significa “Diretti al Creatore”, o Yashar El. Questo gruppo si attenne all’unione come unico mezzo per raggiungere la salvezza per l’intero genere umano e, in generale, per tutta la creazione.

Ci volle molto tempo, dal primo uomo Adamo sino ad Abrahamo, prima che l’umanità fosse pronta per imparare che l’unione è la sola salvezza. All’inizio, la connessione era naturale e tutte le persone vivano insieme come una sola cosa. Ma successivamente la separazione cominciò ad espandersi ed essi cominciarono a sentire quanto fosse distruttiva.

Furono capaci di paragonare quanto fosse meglio vivere con la connessione naturale che esisteva fra loro, mentre l’egoismo era ancora relativamente piccolo, piuttosto che sotto l’influenza di un grande livello di egoismo che portò a tanti problemi come la separazione ed i litigi. Finì tutto in rovina. Quindi, si accordarono per lavorare per l’unione dato che “L’amore copre tutti i crimini”.

Tuttavia, occorre fare chiarezza sul fatto che i crimini che venivano commessi erano piccoli e pure l’egoismo era piccolo, così per loro non era difficile unirsi come lo è oggi. Ma a quel tempo, già compresero che ci sono due strade verso l’unione finale che l’umanità deve alla fine raggiungere.

Dopo tutto, questo è lo scopo della creazione, prestabilito nel progetto originale. Ma puoi arrivarci in due modi: tramite la Luce o tramite la sofferenza. Erano riusciti a capirlo già allora e cominciarono a sviluppare il metodo di Abrahamo.

E’ chiaro a tutti che l’egoismo rovina le nostre vite e che dobbiamo fare qualcosa per porvi rimedio. Ogni nazione ha il proprio metodo. Ci sono metodi per ridurre l’egoismo attraverso un’educazione speciale così come tutti i tipi di pratiche orientali come il Confucianesimo e le tradizioni basate sulla moralità. Anche le religioni spingono l’uomo ad essere umile e calmo e cercano di domare l’egoismo promettendogli paradiso o inferno.

Tutti questi metodi funzionarono per un po’ però, alla fine, le persone iniziarono ad abbandonare la religione. L’egoismo cresce così velocemente che la moralità e la religione non sono più capaci di contenerlo. E il metodo di Abrahamo è un metodo generale per correggere l’egoismo, diretto non alla sua distruzione ma al suo corretto uso. Questo metodo appartiene a tutti, come disse Abrahamo “Chi è per il Creatore, venga da me!”

Ovvero, dobbiamo unirci e, dentro a questa connessione, riveleremo la forza superiore che ci sosterrà e ci guiderà avanti, riportandoci allo scopo della creazione ed ai suoi fondamenti. Questo è un metodo molto speciale che può essere realizzato solo se le persone sono pronte. E, alla fine del nostro sviluppo, tutti saranno pronti per questo.

[212341]

Dalla prima parte della Lezione quotidiana di Kabbalah del 21/8/2017, Lezione sull’argomento: “L’Europa ad un bivio”

Materiale correlato:
Il mondo ad un bivio – 1’ Parte
Globalizzazione: Siamo tutti nello stesso cerchio
La Società Perfetta di Abramo, Parte 1