Pubblicato nella 'clima' Categoria

La cattiva volontà sta bruciando la Terra. Letteralmente

L’attuale ondata di caldo in Europa sta bruciando il terreno e uccidendo i suoi abitanti. Finora, secondo ABC News e altre fonti, “ci sono stati più di 1.000 decessi legati al caldo solo in Spagna e Portogallo”, senza contare il bilancio delle vittime in Francia e Italia, e altri sono in arrivo man mano che l’ondata di calore si sposta verso il Regno Unito. Peggio ancora, siamo solo a metà estate: c’è ancora molto tempo per altre ondate di calore. Secondo gli scienziati, se non freniamo le emissioni di gas serra, le ondate di calore diventeranno ancora più calde e frequenti. Potrebbero, o non potrebbero, ma in ogni caso siamo noi a determinare cosa accadrà.

Dobbiamo capire che essere in cima alla piramide della creazione significa che tutto ciò che facciamo si riversa nella struttura, dall’alto verso il basso. Quando raggiunge il fondo, il livello inanimato della realtà, da cui tutto cresce, lo cambia. Se trasudiamo cattiveria, si creano cambiamenti negativi in tutto il sistema, che si manifestano in eventi climatici e geologici sempre più intensi.

In altre parole, quando le relazioni umane si sbilanciano, tutto si sbilancia. Quando le nostre relazioni diventano estreme, tutto diventa estremo; quando diventiamo violenti, tutto diventa violento. Ogni estate, le ramificazioni del legame tra le nostre relazioni e il nostro mondo diventano più intense, finché non riconosceremo che tutto ciò che esiste, esiste in un sistema gerarchico collegato e che chi è al vertice determina lo stato del resto del sistema.

Non è che prima fossimo persone migliori di oggi. È semplicemente che c’erano meno persone, quindi meno elementi che ostentavano cattiveria.

Inoltre, le relazioni tra le persone in passato erano meno tossiche di oggi. Sebbene oggi ci siano meno guerre che mai, i livelli di diffidenza e isolamento tra le persone sono alle stelle, al punto che non ci si può più fidare dei propri familiari. Di conseguenza, le guerre tra paesi sono più rare che mai, ma i tassi di divorzio, la violenza domestica e la violenza nella comunità sono ai massimi storici.

Persino Internet, che abbiamo inventato apparentemente per mettere in contatto le persone, viene usato per maltrattare, ingannare e sfruttare le persone. La rete mondiale dimostra che tutto ciò che creiamo lo usiamo contro gli altri. Quando c’è un elemento così negativo in un sistema, e questo elemento è al vertice del sistema stesso, come può l’intero sistema non andare a rotoli?

Pertanto, se vogliamo che il clima si raffreddi, che il livello del mare si abbassi e che le tempeste si plachino, dobbiamo raffreddare il fuoco e calmare le tempeste tra di noi. L’interesse e la responsabilità reciproci, o almeno la consapevolezza di dipendere l’uno dall’altro, sono necessari per ristabilire l’equilibrio nel nostro mondo a tutti i livelli, dal suolo su cui camminiamo all’odio nei nostri cuori.

Didascalia della foto:
Fiamme dell’incendio boschivo di Ponto de Vilomara, il 17 luglio 2022, riprese da Sant Fruitós del Bages, Barcellona, Catalogna, Spagna.

Ridefinire il consumo eccessivo

L’ultimo Gruppo intergovernativo di esperti sul cambiamento climatico (IPCC) ha dichiarato che l’ambiente è quasi al punto di non ritorno. Avverte che se non freniamo la nostra insaziabile fame di potere e ricchezza, ci distruggeremo da soli. A mio avviso, il problema non è che stiamo consumando l’ambiente, ma che ci stiamo “consumando” a vicenda.

Secondo il rapporto IPCC, “è inequivocabile che il cambiamento climatico ha già sconvolto i sistemi umani e naturali”. Inoltre, il rapporto conclude che “Le prove scientifiche cumulative sono inequivocabili: Il cambiamento climatico è una minaccia per il benessere umano e la salute del pianeta. Ogni ulteriore ritardo nell’azione globale anticipata e concertata sull’adattamento e la mitigazione perderà una breve e rapida finestra di opportunità per assicurare un futuro vivibile [sic] e sostenibile per tutti”. Per mitigare il pericolo, l’IPCC suggerisce diversi passi, tra i quali il più importante è la “governance inclusiva”, che inibirà l’atteggiamento “shop ‘til you drop” (acquista fino all’ultima goccia), che ha fatto progredire le economie fino ad oggi, e le renderà più eque e giuste.

A mio avviso, il cuore del problema è il fatto che ci stiamo “consumando” a vicenda, sfruttando e abusando insaziabilmente di altre persone, nazioni e Paesi. La “governance inclusiva” non cambierà il nostro atteggiamento, ma piuttosto un processo approfondito e intenzionale di auto-educazione che ci farà passare dalla cultura “Io! Io! Io!” a un atteggiamento più rispettoso, e quindi sostenibile, nei confronti degli altri. Se riusciremo a raggiungere questo obiettivo, tutto il resto seguirà.

Il consumismo, o il consumo eccessivo per far progredire l’economia, è solo un aspetto del nostro atteggiamento abusivo nei confronti di tutto ciò che non è noi. In altre parole, il nostro problema non è che compriamo troppo o mangiamo troppo o facciamo troppo. Il problema è piuttosto che non ci preoccupiamo della natura, dell’ambiente e, prima di tutto, dell’altro. Questo atteggiamento ci permette di concepire approcci di tale consumismo che si manifestano non solo nel consumo eccessivo, ma nello sfruttamento in tutte le sue sfaccettature.

Pensate alle lotte di potere che i Paesi conducono tra loro, alle guerre che combattono e alla decimazione dei loro nemici percepiti. Pensate a come le persone vengono usate per la schiavitù e gli abusi di ogni tipo possibile, compresi i bambini. Pensate a come impoveriamo liberamente le risorse della natura per arricchirci di più delle persone più ricche.

Facciamo tutto questo non per provvedere a noi stessi e per mantenere uno stile di vita sostenibile e ragionevole. Lo facciamo per diventare più ricchi, più forti e più potenti degli altri. Lo facciamo per sconfiggere gli altri, senza badare a spese. In un certo senso, la nostra aspirazione a “consumarci” l’un l’altro, ad annientare la concorrenza, cioè chiunque non sia io, è il nostro problema.

Se la sradichiamo da noi stessi, risolveremo tutti i nostri problemi. Non consumeremo troppo perché produciamo già il doppio del fabbisogno mondiale. Potremo dimezzare la produzione e lasciare il mondo intero soddisfatto. Non avremo bisogno di lavorare così duramente, non avremo bisogno di manodopera schiavizzata e non avremo inflazione perché non cercheremo di ottenere profitti eccessivi.

Di conseguenza, non avremo bisogno di forze militari così ingenti, poiché non saremo impegnati a sopraffare gli altri o a proteggerci dai tentativi degli altri di sopraffarci. Le risorse che si libereranno una volta che saremo in grado di eliminare virtualmente i bilanci della difesa ci permetteranno di aumentare ulteriormente il nostro standard di vita, di ridurre enormemente le spese e di liberare risorse per migliorare le condizioni di vita delle persone.

Inoltre, lo stile di vita senza stress e l’ambiente ringiovanito miglioreranno enormemente la nostra salute. Questo non solo migliorerà la nostra vita a livello fisico, ma anche le spese sanitarie non dovranno essere così proibitive.

In conclusione, se l’ICPP vuole prevenire le catastrofi climatiche, la comunità internazionale deve avviare un processo educativo mondiale che ci liberi dal narcisismo abusivo che sta distruggendo la nostra psiche, le nostre società e il nostro pianeta. Qualsiasi cosa meno ambiziosa di un tale processo inclusivo (a loro piace questa parola) non raggiungerà i suoi obiettivi.

 

Didascalia della foto:
Migliaia di studenti hanno partecipato allo sciopero delle scuole per il clima il 25 marzo 2022 a New York. Gli studenti hanno tenuto una manifestazione al Brooklyn Borough Hall e hanno marciato sul ponte di Brooklyn fino a Foley Square per richiamare l’attenzione sull’inazione dei funzionari della città e dello Stato nell’affrontare l’attuale emergenza climatica. (Foto di Erik McGregor/Sipa USA)