Pubblicato nella '' Categoria

A quel punto non vorremo più distruggere niente

Domanda: L’Unesco ha condotto un sondaggio sui problemi che preoccupano di più gli abitanti del pianeta. Sono state intervistate 15 mila persone in tutto il mondo, il 57% erano giovani al di sotto dei 35 anni.
E’ emerso che il primo problema che affligge l’umanità è il surriscaldamento globale con la conseguente scomparsa di certe specie della fauna e flora terrestri.
Questo è stato dichiarato da circa il 60% degli intervistati.
Il secondo sono i conflitti e la violenza.
Il terzo la discriminazione e la disparità.
Il quarto la mancanza di acqua, cibo e abitazioni.
Secondo il suo parere, qual è il problema principale che l’umanità dovrebbe risolvere?

Risposta: Come coesistere in un’atmosfera affabile, buona, favorevole e rassicurante per noi e i nostri figli.E’ fondamentale capire come possiamo gestire la natura o, perlomeno, noi stessi per avvicinarci di più alla natura.

Domanda: A quel punto io, i miei vicini e i miei cari staremo tutti bene?

Risposta: Certo. La cosa più importante è scoprire la causa degli innumerevoli conflitti che ci sono fra di noi e fra noi e la natura. La causa! E allora diverremo consapevoli di cosa rappresenti per noi il maggiore pericolo e di come comportarci.

Domanda: E qual è la vera causa?

Risposta: L’enorme incongruenza fra noi, il nostro immenso egoismo, che ci divide, ci respinge e ci pone l’uno contro l’altro non permettendoci di unirci e in tal modo di portare noi stessi e tutto il mondo circostante all’equilibrio, ad uno stato buono.

Non esiste nient’altro. L’unica forza che danneggia tutto nel mondo è l’egoismo umano. Cerchiamo di capire in che modo possiamo manovrarlo.

Come potete osservare, quando l’essere umano abbandona un luogo, come ad esempio Chernobyl, tutto immediatamente si calma, non ci sono più problemi, la natura fiorisce.

Ma se riuscissimo a rimuovere l’egoismo dall’uomo, di quest’ultimo non rimarrebbe altro che lo zero assoluto! Quindi non dobbiamo pensare a come eliminarlo, ma a come correggerlo, in modo tale che diventi una forza positiva e non negativa.

Questo è evidente da come la madre si prende cura del suo bambino. Voglio dire che le persone sono capaci di farlo, se provano amore l’una per l’altra, nonostante siano egoiste. Quindi abbiamo solo bisogno di implementare l’amore per il prossimo. Tutto qui.

Non dobbiamo sconfiggere nulla ma, al contrario, dobbiamo aumentare l’amore per il prossimo. Così tutto si aggiusterà. Non avremo nessun desiderio di distruggere nulla.

 

[282752]

Dalla trasmissione di KabTV “News with Michael Laitman”, 12/04/2021

Materiale correlato:
Perché tutto il male del mondo non può essere distrutto?
Poco a poco il Creatore ci correggerà
Il cammino verso la correzione finale