Pubblicato nella '' Categoria

Times Of Israel: “Il massacro alla sinagoga Tree of Life di Pittsburgh è una chiamata all’unione”

Il Times of Israel ha pubblicato il mio nuovo articolo
Il massacro alla sinagoga Tree of Life di Pittsburgh è una chiamata all’unione

“È un albero di vita per coloro che vi si aggrappano e tutti i suoi sostenitori sono felici. Le sue vie sono vie di piacevolezza e tutti i suoi sentieri sono pace”. (Proverbi 3:18)

Dopo l’orribile attentato alla sinagoga Tree of Life di Pittsburgh le bandiere americane hanno sventolato a mezz’asta per 3 giorni. L’uccisione di undici persone e il ferimento di altre sei da parte di un bandito che non voleva altro che sradicare tutti gli ebrei, richiama la nostra attenzione sul fatto che è tempo di unirsi al di sopra delle nostre differenze e che chiniamo le nostre teste non solo per le famiglie e gli amici delle vittime, ma per riflettere sul perché un così atroce crimine di odio antisemita abbia avuto luogo e cosa possiamo fare per prevenire ulteriori attacchi futuri.

La ADL (Anti-Defamation League – Lega Antidiffamazione, organizzazione non governativa internazionale ebraica con sede negli USA) ha definito la sparatoria come “probabilmente l’attacco più funesto alla comunità ebraica nella storia degli Stati Uniti”. Nel 2017 in generale i reati di odio sono stati registrati come i più alti dell’ultimo decennio, con un aumento del 12%. Inoltre, gli attacchi agli ebrei sono stati circa il 54% di quei crimini di odio, nonostante rappresentino solo il 2% della popolazione degli Stati Uniti. Pertanto, mentre ci uniamo e preghiamo per le famiglie e gli amici delle vittime, dobbiamo capire che stiamo reagendo al sintomo di un problema che va intensificandosi.

L’albero della vita è per coloro che vi si aggrappano…
Per risolvere il problema alla radice e non aspettare che ad unirci temporaneamente siano le uccisioni di massa e altre crisi, dobbiamo riconoscere l’unione del popolo ebraico come la forza in grado di risolvere l’antisemitismo. Quando il popolo ebraico si unisce al di sopra delle differenze, l’amore copre l’odio, la pace copre i conflitti, la felicità copre tutto il vuoto del mondo e, miracolosamente, nel profondo, le persone sentono un nuovo tipo di soddisfazione nelle loro vite. E quando le persone sono soddisfatte, nelle loro menti non compaiono più i pensieri su come eliminare un’intera razza. Come funziona tutto ciò?

In che modo l’unione del popolo ebraico è una soluzione all’antisemitismo?

Storicamente, gli ebrei sono una testimonianza vivente di resilienza. Nel corso della storia siamo stati perseguitati dai romani, dall’Inquisizione Spagnola, dall’Impero russo tra la fine del XIX secolo e l’inizio del XX e naturalmente da Hitler … eppure siamo sopravvissuti.
Le sfide dei nostri giorni non ci distruggeranno a meno che non resteremo seduti passivamente e non falliremo nell’usare questo evento di Pittsburgh come campanello d’allarme. Per rispondere alla chiamata e assicurarci che un tale massacro di ebrei non avvenga mai più, dobbiamo prima capire chi siamo, perché siamo qui e qual è il nostro ruolo e scopo su questo pianeta. Solo allora saremo in grado di comprendere il motivo per cui attraversiamo così tante tribolazioni e lotte, e solo allora potremo scoprire come cambiare verso un andamento positivo.

I padri della nostra nazione provenivano dalle diverse tribù di tutta la Babilonia e del Vicino Oriente. L’unica cosa che li teneva insieme era la loro convinzione che il principio di Abrahamo di misericordia e amore per gli altri fosse il modo giusto di vivere poiché trascendeva tutti gli altri valori e considerazioni, e così lo seguirono.

Siamo stati decretati la nazione ebraica ai piedi del Monte Sinai quando tutti i nostri membri si impegnarono ad unirsi “come un solo uomo con un solo cuore”. In seguito ci fu comandato di essere “una luce per le nazioni”, cioè di diffondere la luce dell’unione in tutto il mondo. Questo è ciò che ci rende unici. Poiché una volta sperimentammo l’amore fraterno, abbiamo la capacità di unirci ancora al di sopra delle differenze e di dare un esempio a chi ha così disperatamente bisogno di una tale guida.

Rav Kook ha riassunto il ruolo del popolo ebraico come segue:

“Lo scopo di Israele è quello di unire il mondo in una sola famiglia”.

Fino a quando manteniamo la nostra unione, prosperiamo e rimaniamo al sicuro. Quando la abbandoniamo il mondo ci considera un’influenza negativa e le manifestazioni antisemite riaffiorano con una vendetta, come evidenziato nell’attacco alla sinagoga Tree of Life.

Quando i nostri nemici colpiscono non ci chiedono a quale confessione apparteniamo, né quale sia la nostra origine, né se siamo di destra o di sinistra. Semplicemente ci colpiscono, convinti che i problemi del mondo saranno risolti cancellando gli ebrei dalla faccia del pianeta. Queste forze prepotenti dell’antisemitismo riemergono costantemente in modi diversi per costringerci ad unirci poiché ci allontaniamo sempre più dal realizzare il nostro ruolo di “una luce per le nazioni”.

Come possiamo capovolgere questa situazione

Invece di essere un esempio di unione, al resto del mondo irradiamo divisione. In uno stato del genere il mondo troverà sempre i motivi per odiarci e sentirsi giustificati nel cercare di distruggerci. Il punto da cui dipende la nostra prosperità è stato sinteticamente espresso da Samuel David Luzzatto:

“Il successo della nostra nazione dipende solo dal nostro amore fraterno, dal connetterci l’un l’altro come membri di un’unica famiglia”.

Io spero che useremo la scelta che abbiamo tra le mani per guidare il mondo dall’oscurità verso la luce, dal caos verso l’unione, elevandoci al di sopra delle nostre differenze. Non abbiamo bisogno di essere d’accordo su tutto, ma dobbiamo connettere i nostri cuori al di sopra di tutto ciò che ci separa.

Nello Shem MiShmuel è scritto:

“Quando Israele è ‘come un solo uomo con un solo cuore’, sono come un muro fortificato contro le forze del male”.

Unendoci saremo autorizzati a mettere delle radici come nazione, realizzando tra di noi e diffondendo agli altri la felicità, la piacevolezza e la pace contenute nelle parole: “È un albero di vita per coloro che vi si aggrappano e tutti i suoi sostenitori sono felici. Le sue vie sono vie di piacevolezza e tutti i suoi sentieri sono pace”. (Proverbi 3:18)
[230727]