Come reagisce alla sofferenza un kabbalista?

Domanda: In che misura un kabbalista riesce a reagire ai sentimenti come la sofferenza, il vuoto e la delusione?

Risposta: Il kabbalista è sensibile alla sofferenza fisica. Come tutti coloro che esistono in un corpo fisico, rimane di fatto un animale e continua a percepire tutto. In questo, non c’è differenza tra lui e le altre persone.
Il suo atteggiamento nei confronti della fonte della sofferenza è un’altra cosa.

Egli giustifica completamente il Creatore perché comprende che questa sofferenza lo aiuterà a separarsi dall’egoismo. Pertanto, il kabbalista si relaziona alla malattia e alle altre avversità in un modo molto diverso.

[218791]

Dalla lezione di Kabbalah in lingua russa del 3/09/2017

Materiale correlato:
L’uscita dal labirinto della sofferenza
Come evitare la sofferenza
Allontanarsi dalla via della sofferenza

Discussioni | Condividi commenti | Fai una domanda




Laitman.it commenti RSS Feed