Pubblicato nella '' Categoria

Egoismo: Un’ opera da mezzo centesimo

Dr. Michael LaitmanRabash, Dargot HaSulam, articolo 798, “Il valore di quello piccolo”. Quando l’uomo riceve tutto ciò che è dato, il Creatore diventa suo debitore.

Esempio: Un padre ha dato al suo piccolo figlio un centesimo ogni giorno. Poi l’amore per il figlio si risveglia nel padre, e lui gli da cinque centesimi.

Come il piccolo figlio vede che oggi ha ricevuto un regalo più grande dal padre, lui si ispira per ringraziare suo padre per questo. Però più tardi, quando il padre torna a dargli un centesimo come di solito, il figlio diventa pieno di rabbia verso il padre, a causa della perdita subita.

Si scopre che invece di portare il figlio più vicino al padre, l’addizione che ieri ha ricevuto lo spinge via. Questo perché ora il padre è il suo debitore, e il piccolo figlio vuole che il padre continui ad aggiungere ogni giorno. E se il padre non lo fa, poi tutti i suoi doni non valgono nulla.

L’uomo muore quando riceve, senza aver raggiunto neanche la metà di quanto desidera.

Non è facile combinare giustamente il desiderio per il piacere e l’intenzione di dare. Da questo esempio vediamo che non capiamo il Creatore. L’egoismo non tollera le aggiunte di una volta. Egli percepisce ogni addizione come una nuova norma, e diventa adirato quando non continua a riceverla.

Non capiamo che quando il Creatore sottrae, Lui ci da di più, non di meno! Non è per il desiderio a ricevere piacere, ma per noi ad acquisire l’intenzione di dare. Tuttavia, l’egoismo vede la perdita: un centesimo invece di cinque che aveva ieri.

Il figlio non ha capito che lui stesso deve completare i quattro centesimi rimanenti con la sua fede,l’intenzione, e la consapevolezza della grandezza del Donatore. Poi, invece di una perdita, egli acquisirà un guadagno meraviglioso: la somiglianza con il Creatore.

L’iniziale, desiderio base era creato dal Creatore nella forma di un punto nero in mezzo alla Luce Superiore. E rimarrà un punto nero. Svolgiamo tutto il resto, includendo il grado più alto dell’infinito, da soli attraverso l’uso di un solo metodo: elevando il Donatore ai suoi occhi.

Il punto nel mio cuore non cresce da solo. Potrà solo crescere quando è connesso a un amico, solo attraverso la dazione, con la quale riesco a permeare il mio punto. Non ha nient’altro su cui poter crescere.

La Luce Superiore continua a influenzarci più forte, ma non capiamo ancora che lo sviluppo non è limitato con il compimento del desiderio. Ci sviluppiamo in una Luce che si incrementa man mano che ritorniamo attraverso le fasi di HaVaYaH.

In questo viaggio, gradualmente gli stadi si sostituiscono l’un l’altro. Comunque, dobbiamo solo continuare ad aspettare per le nuove porzioni di Luce senza capire che è già arrivato il tempo di sostituire la ricezione con la dazione. E anche se la Luce aumenta, la percepiamo come una cosa negativa, come buio.

La Luce in realtà è buona, però in modo da riceverla come buona, abbiamo bisogno di diventare un vaso come essa. Alla fine essa fa pressioni su di noi, finché almeno in qualche modo siamo in accordo con l’ordine del giorno e prendiamo un altro passo verso la dazione.

Questo è il motivo per cui, invece di lavorare direttamente con il desiderio, abbiamo bisogno di cambiare la nostra attitudine verso il Donatore. Lo sviluppo non è un processo quantitativo, ma qualitativo. Andiamo avanti più velocemente se ricordiamo questo.
[28580]

Da una lezione del 03.12.2010, Gli scritti di Rabash

Materiale correlato:

Il Creatore è la fine, il principio, il mezzo, e lo scopo
L’equilibrio che causa lo sviluppo

I parassiti o le vittime della Società?

Notizie (da DailyLife): “Se ultimamente avete fatto attenzione ai magnati dell’Australia, a chi cerca una casa in affitto e ai dirigenti della bolla economica, potreste aver incominciato ad avvertire un crescente senso di panico.

“Il mercato del lavoro dell’Australia è inondato da una nuova generazione di lavoratori improduttivi[…]

“‘ I lavoratori della generazione Y hanno un proprio diploma, secondo 300 boss della finanza australiana sondati dall’agente di collocamento Robert Half. Si dice che i lavoratori sotto i 30 anni hanno un’ingigantita e spesso disillusa percezione del valore che possono aggiungere ad una organizzazione’.[…]

“La generazione Y è un incubo sul mercato del lavoro – sembra che non facciano mai quello che vuoi, hanno sempre un piede fuori dalla porta, sono intriganti ed ambizioni invece che sostenitori dai colletti bianchi delle società che hanno fatto funzionare le economie dell’occidente – e adesso sempre più di frequente – le economie dell’oriente”.

Il mio commento: Questa è una conseguenza della crisi dell‘egoismo che in passato desiderava il successo e che oggi è “stanco”. Ed è percepita nei gruppi di ogni età. Non c’è alcuna motivazione; gli uomini hanno bisogno di una nuova motivazione per vivere. La si può imparare dalla natura: è percepita solamente nelle relazioni correttamente connesse.

Competizione, paura, pressione, ecc non possono più dare energia da un uomo. Solo le emozioni positive della connessione, della dazione, e dell’amore possono dare energia. Per il momento, non è visibile, ma presto sarà scoperta come la sola sorgente di vita.
[117276]

Materiale corrrelato:

La fine della generazione di schiavi
Una definizione della nuova generazione