Pubblicato nella '' Categoria

Unità in tutto

Il principio di amare il tuo prossimo come te stesso, sintetizza e include tutte gli altri . Noi stiamo adempiendo il principio del timore e il principio dell‘ amore attraverso l‘ unità, annullandoci davanti al gruppo, e attraverso la garanzia mutua, rilevando la Luce che riforma. La Luce ci sta portando questi stati di paura e amore.

L‘ insieme di tutto questo è chiamato “ l‘ adempiere dei 613 comandamenti“. Questo vuol dire parlare della correzione dei desideri. Ogni desiderio neutralizza il proprio egoismo e acquisisce uno schermo, l‘ intenzione della dazione.

Non riesco a vedere i gradini della scala prima del tempo. Li sto costruendo da me, attraverso l‘ auto rinuncia, che mi consente di aggrapparmi al gruppo sempre più forte. Questo è come si forma, dentro di me, il proprio kli, puntando verso l‘ unico Creatore. Questo richiama il principio “ il singolo corrisponde al singolo“.

Tutti i nostri sforzi e correzioni sono diretti a costruire quest‘ unità. Una persona discerne questo aspirando verso di esso e reprimendo tutto il resto. Con chi si dovrà unire ? Con il gruppo, che lo valuterà usando un solo criterio: lo scopo. Egli si unisce solamente a questo punto dello scopo che è presente nel gruppo e a nient’ altro che possa esistere dentro quelli intorno a sé. Egli si sta chinando davanti all ‘ unità, la sta focalizzando.

Allora, egli è singolo e si unisce al singolo gruppo, scartando qualunque altra cosa che desiderasse, per rivelare l‘ unico Creatore, che è Buono e fa Bene: la qualità della dazione. Quindi , attraverso l‘ amore per gli altri, una persona acquisisce l‘amore per il Creatore.
[25156]

(Dalla prima parte della Lezione quotidiana di Kabbalah del 28/10/2010 , “ Secondo quello che viene spiegato riguardo “Ama il tuo amico come te stesso“)

Vai nel flusso del Congresso nella giusta maniera

Domanda: 7.500 persone si uniranno al Congresso ed io voglio rivelare la connessione tra di noi. Come dovrei lavorare durante i tre giorni del Congresso?

Risposta: E’ molto semplice. Stiamo parlando di un posto che ha un grande potere nel senso spirituale. Quando arriverai lì, sentirai la grande forza della sua influenza su di te ed entrerai in questo flusso involontariamente. Non resterà niente fuori di te, perché tu sarai trascinato naturalmente all’interno dall’influenza di un così grande e potente ambiente.

Ogni persona che arriva al Congresso con una prospettiva positiva si dissolverà nell’aspirazione generale. Questa è la natura umana. Tuttavia, quanto deve lavorare una persona all’interno? Usa la mente ed i sentimenti non solo per restare aggrappato al flusso generale, che è veloce ed anche disorientante? Trae conclusioni e fa valutazioni? Aggiunge la sua ispirazione? “Rema” per conto suo oppure si abbandona del tutto al flusso?

Questo è molto importante ed al riguardo, tutto dipende dalla preparazione.
[23902]

Materiale correlato:

Laitman blog: L’Intenzione nel Congresso
Laitman blog: Preparare il tuo cuore per un dono spirituale
Laitman blog: Navigando sulle onde dei congressi

Torah, Porzione Settimanale – 29.10.2010

Il Libro dello Zohar, Porzione Settimanale “Chayei-sarah“, Brani selezionati
Video / Audio

I Kabbalisti sui Kabbalisti, Parte 27

Cari amici, per favore, fate le vostre domande su questi passaggi degli scritti dei grandi kabbalisti. I commenti tra parentesi sono miei.

Seguire le vie dei kabbalisti

La profondità dei segreti Divini, semplicemente, non può essere compresa dai discernimenti dell’intelletto umano, ma secondo la Kabbalah, attraverso le persone ammirevoli, le cui anime furono impregnate dalla Luce Divina. Quando studiamo i loro insegnamenti con la preparazione appropriata, nasce una percezione interiore che risolve le faccende del cuore, fino a che queste siano simili ai termini del semplice e naturale intelletto.

Dobbiamo combinare sempre la forza della verità della Kabbalah a questa scienza, poiché allora, le cose si illuminano e si rallegrano come quando furono date sul Monte Sinai ad ognuno secondo il suo grado.

-Rav Kook, Orot HaKodesh, pagina 102, Articolo 85


Materiale correlato:

Laitman blog: I Kabbalisti sui Kabbalisti, Parte 5
Laitman blog: I Kabbalisti sui Kabbalisti, Parte 8

Lezione quotidiana di Kabbalah – 29.10. 2010

Rabash, Dargot HaSulam, “Klalut adam”, Articolo 750, pag. 1986
Video / Audio

Il Libro dello Zohar – Selezioni, Capitolo “BeShalach (Quando il Faraone Mandò),” Articolo 212 , lezione 10
Video / Audio

Rav Yehuda Ashlag, “Prefazione alla Saggezza della Kabbalah”,
Video / Audio

Rav Yehuda Ashlag, “La libertà”
Video / Audio

Puoi cucinare un hamburger?

Il gruppo è un cuoco e tu sei un hamburger in una padella. Se ti metti nelle mani del gruppo, verrai portato allo stato necessario e non sarai bruciato. Il gruppo ti capovolge costantemente, mettendo i lati diversi di te sotto la luce e l’influenza della luce ti corregge costantemente, ogni volta che colpisce la parte necessaria nella direzione necessaria.

(Dalla lezione del 22 Ottobre 2010, Lettera 17 di Baal HaSulam)

Stiamo costruendo una nuova realtà

Lo Zohar, Capitolo “Va Yechi (E Giacobbe visse)” punto 26: “E chiamò suo figlio Giuseppe” Giacobbe interrogò i propri figli e gli disse “Io vedo molti grossi problemi venire a vostri figli. È necessario trovare una più grande Rachamim (misericordia).

Tutto quello che è descritto nella Torà, Lo Zohar, e tutti i “testi sacri” (libri scritti dai Kabbalisti, quelli che raggiunsero il Mondo Superiore basandosi nella loro sensazione di quel mondo) si sviluppa solamente dentro di noi. Non esiste niente fuori di noi!

La nostra attuale realtà, tutto quello che noi sentiamo adesso ci serve solamente per tenerci svegli per poter percepire una nuova realtà, o più precisamente, per crearla dentro di noi. Non esiste il tempo ne i cambiamenti esteriori. Ci stanno soltanto svegliando con l’aiuto di stati sgradevoli per poter cambiare e vedere la vera realtà, il Mondo dell’Infinito.

Materiale correlato:

Laitman blog: “Vieni e vedi” una nuova realtà
Laitman blog: La Kabbalah dà all’umanità l’opportunità di vivere in totale armonia