Pubblicato nella '' Categoria

Kabbalah per Principianti “La forza del pensiero” – 21.10.2010

Kabbalah TV Canale 66, Kabbalah per Principianti, “La forza del pensiero”
Video / Audio

Il sistema delle dodici tribù

Lo Zohar, Capitolo “VeYechi (E Giacobbe Visse)”, Articolo 694: “È felice colui che si impegna nella Torà correttamente, egli è felice in questo mondo ed egli è felice nel mondo a venire. Sin qui, il governo di Giuda, un seme che fu incluso in tutto. Le tre linee, dalla forza di tutti i lati – sud, nord, est, che significa che le tre linee combaciano nel braccio, Giuda, Issachar e Zebulun insieme, sono come bandiere. Giuda è l’illuminazione della linea di destra, Issachar è la linea di sinistra e Zebulun è la linea di mezzo, così Giuda preverrà sull’intera Sitra Achra”.

Mentre leggiamo Lo Zohar, vogliamo vedere attraverso queste parole quale connessione particolare tra di noi esse descrivano. Le 12 tribù sono la struttura comune della connessione tra tutte le anime. Tutte le anime che entrano in connessione reciproca, ascendono alla connessione tra le 12 tribù o parti di Malchut, l’anima collettiva. Sempre più anime non corrette dalle “nazioni del mondo” o “i malvagi” raggiungono questa connessione, si correggono nella loro intenzione, e raggiungono il sistema delle 12 tribù.

Quindi, mentre leggiamo Lo Zohar, abbiamo bisogno di vedere in che maniera anche noi “ci inseriamo” in questo canale di comunicazione. Noi desideriamo essere in questa connessione e rivelare in essa la maniera in cui il Creatore interagisce con noi. Noi desideriamo ricevere un’impressione da questa, dall’energia vitale e dalla forza della dazione, e rivelare tutte queste azioni “faccia a faccia”.

Questo è chiamato che noi vogliamo scoprire tutto quello che stiamo leggendo sullo Zohar.
[23074]

(Dalla seconda parte della lezione quotidiana di Kabbalah del 10/10/2010, Lo Zohar)

Materiale correlato:

Laitman blog: L’amore e l’odio “600.000 anime”
Laitman blog: Il sistema di Rashbi ravviva l’anima comune

I Kabbalisti sui Kabbalisti, Parte 21

Cari amici, per favore fate le vostre domande su questi passaggi degli scritti dei grandi kabbalisti. I commenti tra parentesi sono miei.

Principali Fonti kabbalistiche: Commenti del Baal HaSulam sui lavori dell’ARI e sul Libro dello Zohar

Devi sapere che dopo il tempo dell’ARI fino ad oggi non c’è stato nessuno (nessun kabbalista) che avesse compreso (realizzato completamente) il metodo dell’ARI con tutta la profondità delle sue radici (originali spirituali), poiché è più semplice comprenderlo attraverso un intelletto doppio a quello dell’ARI, che seguire il suo metodo (di raggiungere il Superiore). (Ciò si deve al fatto che) il suo metodo è passato attraverso tante mani, dal primo che lo descrisse fino all’ultimo che lo raccolse (che lo aveva descritto) senza aver realizzato questi fatti completamente, fino alle sue radici Superiori e di conseguenza, ognuno di loro contribuì a cambiare e confondere il suo contenuto. (Il livello di realizzazione spirituale del ricercatore non dipende dall’intelletto, ma piuttosto dal tipo della sua anima).

Mi trovo qui, una reincarnazione dell’anima dell’ARI, non per le mie buone opere, ma in accordo alla volontà Superiore, che mi è nascosta, sul perché sono stato scelto per rappresentare questa anima miracolosa che nessun altro uomo a parte me ha meritato dal giorno della sua morte fino al giorno d’oggi. Tuttavia, non posso parlare molto di questo tema perché va contro le mie regole parlare dei miracoli.

-Baal HaSulam, Igrot (Lettere), Lettera 39

Materiale correlato:

Laitman blog: Prima dell’ARI Le Porte della Saggezza erano chiuse per noi
Laitman blog: I Kabbalisti sull’Essenza della Saggezza della Kabbalah, Parte 23
Laitman blog: I Kabbalisti sull’Essenza della Saggezza della Kabbalah, Parte 21

Lezione quotidiana di Kabbalah – 21.10.2010

Scritti di Rabash, Shlavei ha Sulam, Articolo 14
Video / Audio

Dal Libro dello Zohar: Capitolo “BeShalach” (Quando Faraone mandò), Lez. 3
Video / Audio

Rav Yehuda Ashlag: Beit Shaar Ha-Kavanot, Punto 16, Lezione 4
Video / Audio

Articolo: “La Saggezza di Israele in confronto alla “Scienza”, Lezione 1
Video / Audio

Agente segreto del creatore a scuola

Domanda: Come dovrebbe essere adeguato l’ambiente ad un bambino?

Risposta: Un bambino crescerà sempre come il suo ambiente. Per questa ragione, la salvaguardia dell’ambiente è la stessa cosa con prendersi cura del bambino.

Pensare ai modi per influenzare il suo ambiente è come controllarlo indirettamente, dandoli giochi, libri e video che contengono le informazioni che hai scelto per lui, ma che gli vengono presentate in un modo interessante. Insegnare ai bambini a proteggersi dalla maligna influenza esterna e mostrare loro come opporsi da soli; dare loro il potere di sostenere i loro principi. Dopo tutto, il sistema di valori è costruito sull’opposizione del bene e del male.

Non c’è nessun problema nel costruire un buon ambiente per i bambini, se i genitori sono disposti a farlo. È facile corrompere un bambino con giochi e dolci e, gradualmente, connetterlo all’ambiente necessario. Quindi, a sua volta questo inizierà ad influenzarlo.

Inoltre, l’insegnante deve avere la possibilità di scendere al livello del bambino, in modo che il bambino non senta che l’insegnante è più grande. Egli dovrebbe sedersi con i bambini, giocare con loro e parlare come loro. Egli deve invadere il loro ambiente come un agente segreto e lavorare con loro. Quindi, sarà in grado di passare il suo spirito su di loro e farli salire gradualmente. Tuttavia, se l’insegnante supera loro, i bambini lo percepiranno come un mobile. I bambini vengono tra le gambe degli adulti e li spingono in modo che gli adulti si fermano a preoccuparsi di loro. Essi hanno il loro mondo.

In altre parole, tutto deve essere organizzato per il raggiungimento di uno scopo: per sviluppare l’amore per gli altri bambini al fine di raggiungere l’amore per il creatore attraverso di essi. Questa è l’intenzione che un bambino deve avere dall’inizio della sua vita e al fine di ogni azione. È specificatamente a questa età giovane che è possibile e relativamente facile. Se si instillasse l’amore per gli altri nel bambino sin dalla tenera età, si andrebbe a garantire il massimo grado di sicurezza e di successo per lui nella vita.
[23106]

Materiale correlato:

Laitman blog: La società deve favorire una maggiore connessione tra genitori e figli
Laitman blog: Il Mondo di Oggi è come un Bambino che ha bisogno di essere educato