Pubblicato nella '' Categoria

L’egoismo è arrivato al suo culmine

laitman_2009-05-28_0059_w1Tutti i desideri che gli uomini hanno nel mondo hanno completato il loro sviluppo. Dunque, niente si svilupperà ancora. Il nostro mondo ha raggiunto un punto fermo. Tutti i nostri desideri corporali (come il cibo, il sesso e la famiglia) così come i nostri desideri sociali ( il benessere, la fama, il potere e la conoscenza) sono in crisi perché hanno oltrepassato l’ultimo livello di sviluppo e si sono tramutati in una forma perversa.

Perciò, l’egoismo non può più svilupparsi nel nostro mondo. Piuttosto, sta cominciando a collegarci, facendoci sentire completamente interdipendenti. D’ ora in poi, cominceremo a percepire questa connessione sempre di più, anche se gli uomini e le nazioni proveranno ad isolarsi tra di loro. Alla fine raggiungeremo la sensazione di una totale e completa connessione, che ci obbligherà ad amare gli altri come noi stessi.

Allora scopriremo che questa è la soluzione a tutti i nostri problemi.

Materiale correlato:

Lezione 2
Video / Audio

Come assaporare veramente il Creatore

questions-on-soulLa domanda che ho ricevuto: In una delle tute lezioni hai fatto l’esempio di un bambino che si mette tutto in bocca, percependo così il mondo attraverso il gusto. Mi ricordo la frase. “ Assapora e vedi come è buono il Creatore.” Ma come posso assaporarLo?

La mia risposta: Assaporare o assaggiare qualcosa non significa che la si prova per poi dire che non piace. La frase parla del fatto che è solo assaggiando o assaporando il Creatore che puoi essere sicuro che Lui (la qualità della dazione) è buono e meritevole. Lo saprai “assagiandoLo” cioè, percependoLo dentro di te. Questo è ciò che i Kabbalisti intendono quando dicono che per prima cosa devi provare, come quando si va in cerca di un’occasione e poi si rifiuta di comperare.

Tuttavia, nella spiritualità, prima si deve fare l’acquisto, e poi, una volta che si è comperato qualcosa e si è messo questo qualcosa sotto i denti, si saprà cosa c’è veramente dentro. Questo perché si sarà allora d’accordo a dare invece che ricevere, e si scoprirà che niente può essere meglio di questo!

La formula per il Livello Superiore sei “Tu+1″

michael-laitman_24Domanda: nel nostro mondo, se desidero ottenere qualche informazione necessaria per compiere un’azione, posso scegliere tra una varietà di canali televisivi, stazioni radio e libri. Perché allora non posso ricevere informazioni dal mondo spirituale, per sapere come devo agire? Dopotutto, sono completamente controllato dall’Alto.

Risposta: il problema esiste solamente dalla tua prospettiva e non da quella del Livello Superiore. Tutto il problema radica nel fatto che tu non senti come ti dirigono dall’Alto. Non percepisci i fili che ti tirano come una marionetta.

È impossibile sentire il Livello Superiore ed il Suo governo, fino a che non sviluppi l’organo appropriato con il quale tu possa percepirlo. Il Livello Superiore si trova dentro di te ed è per questo che non lo senti. Devi cercare di unirti con l’ambiente esterno come se fosse te stesso. Per questo ci troviamo in uno stato nel quale abbiamo la sensazione che le altre persone ci siano estranee, affinché cerchiamo di connetterci ad esse come se fossero parte di noi.

Se utilizzi l’ambiente corretto (il gruppo, consultare l’articolo di Baal HaSulam, La Libertà) per creare la qualità interiore che ti permetta di percepire il prossimo come te stesso (cioè, qualcuno che ti è vicino perché ha la stesso scopo da raggiungere, il Creatore), allora attraverso questa stessa qualità, percepirai il Mondo Superiore, il Creatore ed il Suo governo su di te e sul mondo intero. Potrai sentire i fili che ti mettono in movimento.

Il Livello Superiore non si trova in nessuna parte al di sopra di te. Il Livello Superiore è il tuo successivo livello (“Io+1”). Oggi per me, questo livello è il Creatore, domani questo sarò io, ed il Creatore sarà un livello più elevato.

Tutto è predeterminato, tranne le nostre aspirazioni

lifeHo ricevuto due domande sul destino:

Domanda: Da una prospettiva più ampia, lei pensa che sia possibile che le cose abbiano lo stesso risultato, sia che uno scelga un tipo di vita oppure un altro? La percezione dell’uomo su un cammino oppure un altro, cioè, la sua decisione e le sue conseguenze possono essere differenti, ma esiste qualcosa come il destino che illumini il cammino della vita?

La mia risposta: Tutto è predeterminato eccetto la sua aspirazione: per lei o per il Creatore. In questa aspirazione lei sentirà la differenza del suo destino.

Domanda: Posto che la Kabbalah afferma che tutto è programmato o predeterminato, anche l’ora della morte del nostro corpo che adesso usiamo è predeterminata?

La mia risposta: Indubitabilmente lo è, però quale sarebbe lo scopo di conoscerla?

Materiale correlato:

laitman blog:Incontrate il regista del teatro della vita
laitman blog:Come controllare il proprio destino