Pubblicato nella '' Categoria

Dibattito fra scienza e Kabbalah: I sogni riguardano il passato o il futuro?

laitman_2009-03_8183Nelle notizie (dal Telegraph): “Un giorno difficile davanti?”. Il professor Allan Hobson è un emergente psichiatra di Havard e, con il suo nuovo modello chiamato “protocoscienza”, sostiene che sognare non è un processo inconscio, ma conscio: non sarebbe un modo di lavorare con i nostri problemi ancora irrisolti, ma una preparazione alla giornata che si avvicina. I sogni, afferma, ci presentano il peggiore scenario possibile che serve, per praticare in maniera incolume, le tecniche richieste: una prova in costume che precede le sfide fisiche e mentali del mondo reale.

Il mio commento: la Kabbalah considera che i sogni siano un processo per risolvere i dati del giorno precedente, per dargli un senso e per “archiviare” i colpi degli avvenimenti.

materiale correlato:

laitman blog: Sogni: il significato spirituale
laitman blog: Il mondo che vediamo è una foto che abbiamo dentro al nostro cervello
kabbalah blog: Da dove provengono pensieri, idee e sogni?
kabbalah blog: Basta sognare ad occhi aperti!
kabbalah blog: I Sogni sono la Vita dell’Anima?
Kabbalah per tutti: Vivere nel mondo dei sogni spirituali
Kabbalah per tutti: L’interpretazione dei sogni

Che cos’ è l’ Anima ?

the20sourceHo ricevuto una domanda: Lei sostiene che le nostre anime determinano lo stato del mondo, il che fa supporre che abbiamo grande saggezza ed esperienza. Dall’altro canto ci dice che siamo degli animali e che non resta niente di noi dopo la nostra morte. Come si collega quest’ultima parte con le nostre sagge anime che determinano le nostre future reincarnazioni?

La mia risposta: L’anima è l’attributo di dazione. Se lei ha acquisito questo attributo durante la sua vita attraverso lo studio della Kabbalah, allora ha un’anima e sentirà la sua esistenza eterna tramite questa. Se lei non l’ acquisito, allora dovrà ritornare in questo mondo per realizzato.

materiale correlato:

se l’ego ha uno scopo come devo usarlo
a proposito della vita e della morte e dell’ anima
che cos’ è la morte e come posso smettere di temerla
il creatore è la radice di tutto nell’ esistenza
la kabbalah tratta solo dell’ effettivo conseguimento del creatore

La celebrazione mondiale del “Giorno dell’Indipendenza” dovrebbe essere sostituita da quella per il “Giorno della Dipendenza Globale”?

connect1Ho ricevuto una domanda: Israele ha festeggiato recentemente il suo giorno dell’indipendenza. Nel bel mezzo di tutto, all’improvviso ho pensato: da cosa siamo indipendenti? Siamo indipendenti dalla Cina e dalla Turchia, le cui mercanzie e vestiari riempiono i nostri negozi e mercati? Siamo indipendenti dagli Stati Uniti, dalla loro assistenza finanziaria e rifornimento di armi? Siamo indipendenti dalla tecnologia e dalle auto Europee e Giapponesi? Siamo indipendenti dal petrolio Arabo e dal gas Russo?
Non mi riferisco solamente ad Israele, ma a tutti i paesi del mondo. Sto parlando di tutti i paesi del mondo. E questa dipendenza mutua continua ad aumentare sempre di più.

Per tanto, quale tipo di indipendenza possiamo celebrare? Non ha senso! Forse, dovremmo celebrare il Giorno della Dipendenza. La nostra inter-dipendenza. Questo aiuterebbe a far sì che tutte la persone capiscano che, raggiungendo lo stato della globalizzazione, avremmo l’opportunità di svilupparci meglio. Lei e d’accordo che il giorno dell’indipendenza prossimamente sparirà dal nostro calendario?

La mia risposta: sono d’accordo e aspetto con entusiasmo il “Giorno Globale della Dipendenza!”.

materiale correlato:

laitman blog: La Natura ha stabilito nuove condizioni per il nostro benessere
laitman blog: L’economia. La continuazione della vita.
laitman blog: Dobbiamo rivelare la magnificenza del sistema del quale facciamo parte
Verso una nuova coscienza planetaria