La crisi finanziaria – un’analisi

Domande che ho ricevuto sulla crisi finanziaria globale:

laitman_2002_usa_154_wpDomanda: tutti stanno dicendo che la crisi finanziaria è stata causata dagli Stati Uniti, ma tu dici che è sistematico e sta accadendo perché siamo in un sistema di interconnessione globale. Chi ha ragione?

La mia risposta: entrambe le opinioni sono corrette, poiché l’America – la nazione più sviluppata nel mondo – è stata la prima a scoprire la crisi finanziaria, che è globale e non è solo localizzata negli USA. Se non ha ancora raggiunto alcuni paesi – come Israele, per esempio – li raggiungerà più avanti.

Quindi, le persone non devono rimproverare l’America. Infatti, Europa, Cina, Giappone, Emirati Arabi, e persino la Russia, stanno tutti prosperando grazie all’economia americana, perché l’America compra di tutto da loro.

Ma adesso non sta comprando più, e tutti capiranno che cosa buona era! Tu sarai in grado di trovare risposta a molte delle tue domande se accetti il fatto che la crisi finanziaria e tutto il resto stanno accadendo in realtà in un unico, singolo organismo.

Domanda: perché la crisi finanziaria è iniziata con le banche?

La mia risposta: perché le banche sono le fondamenta dell’intero sistema americano; sono un esempio di libero mercato. Ma adesso il governo le sta comprando. La libertà di mercato sarà limitata come lo è in Europa.

Comunque, precisamente soldi e benessere sono gli equivalenti dei riempimenti corporei. “Connettono” le persone, aiutandoci a realizzare più velocemente le basi della crisi – l’attitudine egoistica delle persone, come anche il fatto che è necessario trasformare queste attitudini, per il bene della sopravvivenza, dove uno si prende cura dell’altro.

Domanda: ma il prendersi cura degli altri non sarà per sé stessi ed egoistico, proprio come i datori di lavoro si “prendono cura” della salute dei propri dipendenti?

La mia risposta: il sistema di assoluta interconnessione tra tutti in questo mondo, sia fra le persone che nel mondo degli affari, si sta rivelando così velocemente che presto ciascuno di noi sentirà letteralmente le vibrazioni delle nostre attitudini verso l’uno l’altro – prima quelle nazionali, e poi anche quelle personali. Questa analisi di come la nostra fortuna e soddisfazione dipendono dalle nostre attitudini (interne, non all’esterno di uno – cosa sentiamo nei nostri cuori), ci forzerà a cercare i mezzi per correggere l’odio e trasformarlo in amore.

Domanda: chi sta avendo una vita più facile attraverso questi tempi di crisi finanziaria?

La mia risposta: coloro che sono meno connessi con il resto del mondo. La crisi lavora proprio come un organismo: quando una gamba, lo stomaco, o un braccio ti dolgono, il dolore viene sentito nella testa. Quindi, i paesi proveranno ad allontanarsi dalla globalizzazione. Comunque, questo non li aiuterà, poiché essi smetteranno di svilupparsi. Senza completa comunicazione e scambio, smetteranno di svilupparsi e regrediranno al feudalesimo! Chiunque istintivamente proverà a ritornare al passato, ma facendo così non solo rallenteranno il processo ma riceveranno persino colpi più grandi del destino. È come pensare di curare una malattia nascondendola sotto al tappeto come fosse polvere, trattandola in maniera scorretta invece che curarla. Dopo tutto, la società umana è un organismo vivente!

Domanda: che tipo di valuta rimarrà?

La mia risposta: il mondo post-crisi sarà completamente nuovo. Nondimeno, gli USA hanno accumulato un così grande potenziale scientifico e tecnologico, e una così eccezionale base industriale, che rimarrà il leader del mondo – la più grande economia del mondo. Anche se cadrà più di qualsiasi altro paese, quando si arriverà ai numeri, le persone ne avranno ancora a sufficienza per vivere (a paragone con gli altri).

Tutto crollerà, con l’eccezione delle industrie high-tech americane. Gli USA cominceranno la vera produzione; ritornerà loro dall’estero, dalla Cina. Questo causerà la “caduta” degli stati stranieri e della Cina.

Domanda: perché tutti sono così spaventati dalla crisi finanziaria? Personalmente non mi sento spaventato.

La mia risposta: tutte le crisi finanziarie precedenti erano differenti – incomprensibili e non generali; sta accadendo in tutto il mondo e non è uguale a nessuna crisi finanziaria precedente. Non ci sono rimedi conosciuti per eliminarla. Le persone stanno provando a fare le stesse cose che fecero nelle precedenti crisi finanziarie – per aiutare le banche, ma niente li aiuterà. La situazione li forzerà a rivelare la vera causa della crisi finanziaria: e cioè che le attitudini egoistiche delle parti di un sistema chiuso porterà alla distruzione del sistema.

Senza riguardo dei nostri tentativi di spiegare le vere cause della crisi finanziaria sono ricevute, non dobbiamo disperare e continuare a riempire i nostri doveri. Noi possiamo solo accelerare la comprensione del mondo della causa della crisi finanziaria ed il metodo della correzione. Ci vuole pazienza, ma la sofferenza, i tentativi, ed i fallimenti insegneranno alle persone, forzandole a tenere conto di quello che noi dicevamo.

2 Commenti

  1. […] latiman blog: la crisi finanziaria , un analisi laitman blog: I politici, gli scienziati e gli analisti sono preoccupati […]

  2. […] laitmn blog:la crisi finanziaria – un analisi laitman blog:è giunto il momento di eseguire un aggiornamento su di noi laitman blog:la crisi continuerà finchè non grideremo: ” Basta con l’ Egoismo! “ […]

Discussioni | Condividi commenti | Fai una domanda




Laitman.it commenti RSS Feed